El nome


E dopo dice, s'uno fa un sfragelo,
stroza al padre a la madre a la mamana,
ch' 'n assassino!!... Eh gi, te pare belo
che a un pro c j se daga 'na cundana
quando 'stu disgraziato
 stato assassinato apena nato
propio da queli che l'ha batezato
c'un nome che p in pratiga disdice...
come Le, Sanso', come Felice,
Libero, Primo, Altero, Furtunato,
quando efetivamente:
Le magna el pancoto ch' sdentato,
Sanso' sta in piedi per cumbinazi,
quanto a Felice n'j suride gnente,
Libero ogni tre mesi va in pregi
e Primo, che magari fa el ciclista,
ariva sempre in pista
dopo d ore ch'el cancelo  chiuso.
Altero  gobo, timido, cunfuso,
diventa roscio e in quanto a Furtunato
n'j ne va drita una, cus' una?
Pare che la bisciola j ha mocigato!?
Bufi, disgrazie.... Che campacio nero.
J v pi un colpo solo de... furtuna!?

Tutu a rota de colo! Tant' vero
che per vendeta firma le gambiale
giontando un "esse" al nome pr'iniziale.

Dopo c' i nomi storichi: c' Clio
ch' el fiolo maschio de n'amico mio
(se chiama invece Enea la feminina)
e p c' pure el nome che cumbina
cul cognome per fa' la simetria,
pr'esempio: Zefirini Zefirino;
queli a sfondo pulitigo-sociale:
Mao, Benito, Ideale;
queli che v unor la giografia:
Adua, Svezia, Parigi e c' perfino
i nomi a dopio pto,
a dime el primo che qul'altro aspeto:
Francesc...ant, Giovan...bartolomeo;
i nomi rari: Andromaca, Maceo...
Cunoscio 'na ragaza che, purina,
tre ce n'avea de nomi, adiritura:
Inucente, Culomba, Imaculata,
'na fiola casta e pura...
che ad nun basta pi la varechina
che Ppe vende in tuta la giornata
per daj 'na smachiatina a la cuscenza.
 tuta conseguenza
d'un nome tropo chiaro e delicato
che i genitori peci j aveva dato
cusc, senza penz...
che facilmente se podea sporc.

Ppe, Giovani, Ant, Lisa, Maria,
questi ne nomi! Un p antigheti, sc,
un p sbiaviti e senza fantasia
ma che nun stona, nun fa' scumpar
e, se el destino nun camina tanto
per drito, te ciai almeno sempre un santo
da podce fa' i conti; esse sincero:
 vero o nun  vero?!
Benediscio a mi' padre che m'ha dato
un nome fato in casa; in d che vago
s sempre riverito e scapelato;
me basta opr la boca e di': ... Ceriago!
9-10 giugno 1953

Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"