A mama mia


T'aricordi stelina qula volta
che el core mio ha tremato inzieme a te?
Mama nun c'era e te dicevo: źAscolta:
dime in d'Ŕ 'ndata Mama; el zai in dˇ Ŕ?
Forse nun la cunosci a Mama mia?
Sai? Richeta se chiama ... Ŕ tanta bona,
fiorente, bela come la Madona;
Pare propio 'na stela ancora lia!
Te che stai in alto e vedi tutu quanto,
perchÚ gnente nun ciai che te ripara
se la vedi a mi' madre, a Mama cara,
dij che la 'speto, che la 'speto tanto;
dij che senza de lia nun posso sta'╗
E te, stelina, ch'eri tanta bona:
źNun piagne, picený, che tornarÓ╗
m'avevi scigurato. 'Na canzona
m'ero sentito a nasce drento, lenta,
p˛ cun qul canto me ce s˛ indormito,
el core in pace e l'anima cuntenta ...
S'era averato quel ch'avevi dito.
.  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .  .
AdŔ rivieno, lagrima del Celo,
dopo tant'ani da qul'altra volta,
col core sfranto e giacio come el gelo,
a dite: źStela, dame mente, ascolta:
'n d'Ŕ 'ndata Mama, Mama mia in dˇ Ŕ?
╚ venuta per gnente su da te?
Se vedi a Mama ... dij ... no, n'j di' gnente,
n'j di' che piagno ... nun la disturbÓ;
lascia che dorma in pace eternamente
ch'io intanto el z˛ che nun ritornarÓ.╗

Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"