Ovi de Pasqua


 

Pasqua; giorni de sole e de fiori,

d'ovi penti de tuti i culori,

de ramete d'ulivo e campane.

Le memorie sbiavite, luntane,

rismugina qui drento ala testa....

Te ricordi, ale Grazie, che festa?

Fra scachini in fiocheto e paieta

se giogava cu'j ovi a coceta

e la banda sonava sonava

e i crestiani beveva e magnava

e i amichi cantavane i cori

e parevene mazi de fiori,

a braceto, le bele d'Ancona

che, a vardle: "Oh, jeso, Madona!"

I zizoni faceva el sord,

i vechieti scialava col v;

tra i carili de fave e sumente,

face alegre, beate, cuntente.

Pasque mosce, robete, sciapate

che, a penzce, ce fai le risate,

dice ogi che i tempi gambiati.

El progresso ce porta difati

ovi grandi, infiocati in vetrina;

miga queli che fa la galina!?

Ovi dolci ch'ne opere d'arte;

l'ovo fresco ogi meso da parte

ch' cresciute un bel po' le pretese

e se guarda de pi le surprese

e se cerca qualcosa de novo.

La speranza sta tuta in qul'ovo

che de drento nun zai cusa c'.

Finch speri e t'iludi va b

ma per belo e prezioso che trovi

quando sbreghi la scorza a qj ovi,

el suriso te dura un mumento

p se smorcia e aritorni scuntento

perch, vedi, ce manca qualcosa

culorito de bianco e de rosa,

quel che c'era in t'i tempi passati,

sciapi sci, ma tranquili, beati,

che... la Pace, me pare ch'j diga,

una roba che usava al'antga,

quando alegr in fiocheto e paieta

se giogava cu'j ovi a coceta.

 

28 marzo 1950


Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"