Sfrigi


Ogni volta che passo per 'ste scale
guardo stu muro tutu scortigato
dai sfrigi sopro el scialpo e la copale.
Ogni sfrigio  un ricordo ch'ha lasciato
'na m brechina opure un core puro
de fiolo spenzierato.

Sar trent'ani e pi che me diverto
a lge in te 'stu muro
come davanti a un grande foio aperto,
in do' tuti ci scrito qualcoseta;
c' chi ci fato un pupu, un nome, un segno,
chi qualche parolina un p sporcheta
e chi qualche disegno
una muchia pi zozo e che... nun sta.
Dala parte de qua
c' un core ch' infilzato da 'na frecia,
d letere intreciate... un zole... un fiore...
"Roseta  sciema e pecia"...
"Eviva Binda" ... "Ppe fa a la more
cun Teresina" ... "Fesso
chi lge" ...  tutu un grand'intrecio
de tondi, righe, zighe zaghe, sfrigi,
fati c'un chiodo o un brecio,
cul'abise o cul gesso
o un pezo de garb,
e dala fantasia
de nun so quante pi generazi
de fioli spenzierati...
De tuti quanti i fioli ch' passati
sfrigiando per 'ste scale in su e in gi,
qualcuno ci da gi i capeli grigi,
qualchidun'altro invece  andato via
e n' tornato pi,
lasciando el muro e el pezo de garb
a 'n'altro muciol.

Guasi ogni sfrigio ci un significato;
in te qul muru tuti ci fissato
un buc de caratere, 'na storia,
un desiderio, un batito de core,
'na passioncela, un segno de dulore,
'na maldicenza, un grido de prutesta,
un capricio passato per la testa.
Li so tuti a memoria
'sti sfrigi su prel muro, uno per uno,
e tuti me ricordene qualcosa
e tuti me ricordene qualcuno:
"Roseta sciema"...  la signora Rosa
e ha fato fesso un arcimiglionario;
quelo che disegnava le porcate
ha fato tuti i studi in seminario
e m'hane dito che s' fato frate;
queli dele d letere intreciate
s' legati segondo el desiderio
ma tutu el giorno... certe scagnarate!!
Quelo d'"Eviva Binda"  un omo serio
cun tanto de panzeta
che marcia in utumobile e ce l'ha
cun queli che spedala in bicicleta
che, dice, nun te fane camin.
Qul'altro che scriveva "Eviva" e "Abasso"
perch sentiva d'esse 'n'idealista,
de prufess 'na fede,
un giorno un zompo, un altro giorno un passo,
a forza de fa' strada s' stracato
e finalmente ha meso el coso a sde
al parlamento come... deputato.
"Fesso chi lge", da signore campa,
facendo el giornalista;
ad frega la gente cu' la stampa.
Le fesserie che scrive!! E l'hai da vede
i fessi che le lge e che ce crede!
Ppe e Teresa nun fa' pi a l'amore;
questo  un ricordo brutu e doloroso
che me fa strenge el core:
Ppe el primo novembre su a San Pietro...
'na bomba... e adio! Teresa j  'ndata dietro
.   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .  
Nasce altri fioli, nasce, e se rinova
ogni ano, piano piano,
la storia dela casa in te 'stu muro;
la padrona voleva fa' la prova
de daj 'n'aspeto un p pi decuroso,
de daj 'na ripulita, 'na raschiata,
'na bela vernigiata.
- Ne penzi 'n'altra, j ho dito, e staga zita;
a la canaia manco j pare el vero!
Un muro novo j fa da calamita!
E cus' s' smatita? O de sciguro
j pzene i baiochi;
cusa pitura a fa', cusa scancela!! -
La padrona de casa
pare che sia rimasa persuasa
ma pr... el discorso mio n'era sincero,
era tutu un ingano
per cunvinge a cula
a nun fame spar davanti aj ochi
el quadro vivo del'et pi bela,
tuti qj sfrigi che sar 'n'urore,
ma me parlene al core,
sar' 'na purcara,
ma  el pi bel quadro dela vita mia.

Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"