1.  Un bel viagio


 

Ogni tanto, cusc, nun so el perch,

cuj ochi guasi chiusi e un suriseto

amaro a mza boca, fago un viagio

   a marcia indietro, tutu da per me,

   senza spende un baioco pel biglieto,

   senza fa un passo, steso longo a giagio

sul canap scalercio e sganganato,

testimogno del tempo ch passato.
 

Chi camina l penziero; in tun menuto

cusa digo un menuto, in guasi gnente

zompa namuchia dani e me riporta

   l vicino a din d che s venuto.

   L, quelo che se vede e che se sente,

   na musiga dolce che cunforta

tutu quanto culorito in rosa;

el penziero sincanta, c qualcosa,
 

un passageto, na stazi fiorita

chj traversa la strada; c un chiarore

che latira, na voce chel richiama.

   Ene i primi ricordi dela vita,

   la fiama eterna del pi grande amore,

   del primo amore che se chiama ... Mama;

ne i giorni pi beli, pi felici,

fati de cuntenteze e de caprici.
 

1953


Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi - Un viagio a parte dietro"