Porta Capedemonte


Te vedu su da cima a la salita,
cara al ricordo de l'etÓ passata!
Porta Capedemonte sei fenita!
U' spiazzu, u' slargu, attornu n'imbreciata,
qualcosa, ch'asumiglia a 'na ferita!
Chi 'l zza che un giornu non sarÓ rifata,
'sta porta che culoro ha demulita?
... Nun c'Ŕ pi¨ manco el zzegno! 'Na spianata
indˇ te pia de pŔtu e inghiote el vento!
... Campetu, Citadela, Sangiuvani,
te parla el core! Drentu ci˛ un turmento,
qualcosa che me fa' rimpiange j ani
de giuvent¨ passati in t'un mumento,
che nu' artorna pi¨! Nun ciÓ dumani!

Francesco Mario Chirco  - Te ce ritrovi drentu e' cose tue - Tipografia Sita Ancona - 1965