Nando Di Gregorio

i pueti de AnconaNostra


punto elenco

Ricordo
Inedita


 

Le radio private c'hane avuto la particolaritÓ, non da pogo, de da' voce a chi fino a qul mumento pudeva solo ascultÓ'. Avute le frequenze, bastava u' scantinato, 'na stanza presa in afito, u' bugo, de soldi ce n'erane poghi ma tanta volontÓ e passiˇ'.

Trasmetevane tanta musica a richiesta, i quiz, i premi veniva oferti da la publicitÓ, l'uroscopo,qualche nutiziola sciapa e tuto faceva brodo e le trasmissiˇ' erane a la b˛na, semplici ma cu la pretesa de migliorÓ'.

E cuscý giorno per giorno, j ascultatori s'ene avicinati, hane preso cunfidenza cu' 'sta novitÓ che j dava l' ocasiˇ de fasse sentý, pudŔ' parlÓ' in direta telefonica, salutÓ j amichi e parenti, bastava u' nun zz˛ che ,'na sciapata pur de sta' tacato al qul telefono per qualche minuto. Ene incuminciate le richieste, i saluti, abraci e bagi e le frasi erane pi¨ o meno sempre le stesse:

- Saluto a Mimo che ogi Ŕ 'l cumpleano suo.

- Ogi a Carlo j fago i mosciuli a la tarantina.

- A PÚpe mio j piace solo a roste.

- Mi' fiolo Rumuleto Ŕ cascato dal muturý e s'Ŕ slamato tuti i genochi.

Nun faceva tempo a chiude che 'l telefono risunava e se ripiava da capo cu 'n'altro ascoltatore.

Adesso 'ste radio private ene diventate tute prufessionali, Ŕ rimasto el cuntato cu'l publico, le trasmissiˇ' ene pi¨ cumplete, radiogiornali, internet per esse sempre al'avanguardia in tuti i senzi, ma pr˛, manca qul nun zz˛ che, qul qualcosa che je dice "l'anima" de quel che era.

Sopratuto bisogna da' ato a quele radio che ciane ciavuto el gran merito d'inserý' 'ntý programi, 'na trasmissiˇ' de vernacolo.

E' stata un' iniziativa culturale, 'na spinta esenziale per fa' cunosce el dialeto anconitano a 'na gran massa de gente e nun zz˛lo in Ancona, u' modo de ritovasse per mezzo de la radio che ha dato modo e spazio a chi ha vuluto partecipÓ'.

Io devo ringraziÓ' un carissimo amico, che m'ha dato sempre l'occasiˇ' de partecipÓ' 'nte la trasmissi˛' sua, Ŕ stato 'n'inzegnamento e m'ha inzerito 'ntel vernacolo che per trent' Óni m'ha dato grende sodisfaziĹ'.

"Nazare", Ernesto Marini, Ŕ stato un gran poveta e un trascinatore, senza levÓ' merito a chi, come Lui, ha condoto trasmissiˇ' uguali in altre emitenti, 'ndˇ ogn'uno Ŕ stato libero de gestila a suo piacimento. Ma Nazare Ŕ stato, e se pole di' a gran voce, el portabandiera, co' garbo e sinceritÓ, ciai fato conosce e amÓ Ancona nostra. Resterai per sempre fra i grandi del nostro vernacolo, sarai sempre ricordato da chi t'ha voluto bŔ.

So' sciguro che se c'Ŕ 'l Paradiso, inzegnerai el vernacolo ancora ai Santi.

 


INDICE POETA - INDICE GENERALE POETI