'J anconetani


 
L'anconetano  rozo,  matrale,
ma s'esagera a di' ch' na razacia.
 cagnarolo, sc: urla, minacia,
ma al dunque j sa fadiga a fa' del male.
 
Questo sc,  malcontento;  una linguacia:
per minchiona' non c' n' un altro uguale.
Ma ci de belo questo, ch' liale,
e quel che penza el dice su la facia.
 
In politiga v le baricate;
in religi  pel libero penziero;
ma a tuto preferisce le magnate.
 
Ho dito rozo, non ci modi boni.
Ma apena sa che un tale  forestiero,
se spaca in d; se tira gi i calzoni.
 

Palermo Giangiacomi - da "Opere scelte"