Natale


Non so perche ma 'l giorno de Natale
 un giorno che comove e che se sente.
Non credo a gnente, non so' clericale,
ma per quel giorno cedo e so' credente.
Sento qualcosa che m'arf inocente;
che me soleva come un paro d'ale...
Me pare de vede' rico e pezente
braciasse, e fa' la pace universale!
Fori, in ti vetri, scrosciola la piova.
Lascia pure che neviga, o che piova:
io godo intorno al fogo e 'l tizo su.
E penso a quel'et ch'ero fioleto;
al presepio, a le fole, al discorseto:
penso a chi c'era e adesso non c' pi!...

Palermo Giangiacomi - da "Opere scelte"