La vedova


"Poro marito mio, marito mio,
no, non resisto;  tropo 'stu dulore!
Che strazio al core! Ges mio, Signore,
come posso pi vive ? Oh, Dio, mio Dio!
Ancor'io vo' muri; sci, pure io!
Era un bel po', 'na muchia era l'amore
che ce volemi; me se speza el core
a penz che m' morto;  morto Pio!
Era mato per me: io sola, io sola
c'ero per l; vivevo in Paradiso!
Sci, in Paradiso :  giusta la parola!
Ora tuto  finito. Ah, disgraziata
finito  tuto! Ho da mur; ho deciso!..."
(D mesi dopo s' rimaritata!)

Palermo Giangiacomi - da "Opere scelte"