La machina da scrive
A ricordo di mio Padre


Babo 'sta vechia machina da scrive
ch'ha lavurato per te,
ch'ha sempre scrito
centinara de foj per tant'ani,
ogi non bate pi¨,
s'Ŕ fermata con te, e sopra 'l rulo
Ŕ restato avilito un fojo bianco
senza manco un penziero, 'na parola.
Sopra la scrivania, piena zepa
de carte e de lavoro,
abandono la testa fra le ma'
penzando a te, a te che ciai lasciato...
Tut'in t'un boto
sento vicino un batito legero,
el passo dela machina da scrive,
come se fosse mossa da 'na mÓ;
guzo le rechie: Ŕ certo n'ilusiˇ
de risentý mi' padre al suo lavoro...
Alzo la testa, tuto adolorato,
fago per toje qula carta bianca
restata li 'ntel rulo,
m'acorgio, cun surpresa, che qualcosa
Ŕ stato scrito, ma da chi?...
forse dala ma' giusta del Signore:
"Fu bravo, onesto e generoso Padre,
vivrÓ per tutti in questo buon ricordo".


Elio Giantomassi - da " 'Na sfuriata de mare "