I curagiosi


'Na famijola
de sorci campagnoli
turmentata
da 'n gato caciatore
che st cercandu de f
'na gran cucagna
e papsseli tuti in poghe ore.
El capo alora,
riunisce la famija
pr'elimin l'udioso incunvegnente
da tut'i sorci vle la parola
che ugnunu diga quel che se po' fa.
Tut'i rimedi viene numinati:
chi vle stride
per f paura al gato,
chi j dara un canestr de pesce
finch se fsse
del tutu b saziato,
chi prupone de pudlo f inciamp
in t'una corda stesa gi per tera.
E chi vura truv 'na muchia d'arme
per amaz qul gato, cu' la guera.
El zorcio neru
pi capisci del brancu,
cun un'idea davero assai gegnale
dice de mete
un campanelo al gato
intela coda, senza faje male.
Cusc' se ariva
'gni sorcio gi avisato.
E pe' st'idea se cumplimenta tuti
certi che urmai
fenita la paura,
Cu' sta truvata pi che mai scigura
el pericolu viene scampulato.
Ma da gi in fondu
se sente la vuceta
d'un zurcet, che f st ziti a tuti:
- Quantu s bravi
e che curagio avete!
Ma 'l campanelo al gato
chi 'l v a mete?? -


Leda Marazzotti Marini - da "Robe in agro-dolce"