El MudŔlo Efe Ventiquatro

Terza classificata per la Prosa - Festival del Dialetto di Varano 2003


 

Avevo sempre penzato de esse 'n cuntribuente mudelo, 'n citadý de queli bravi, che fane el duvere de loro perchÚ ntÚle vene oltro che el zzangue jÚ ce score el zenzo civico, 'nzoma uno de qui ciamboti che pagane tute le tasse fino al'ultima lira, anzi pard˛, ogi bisogna dý fino al'ultimo euro.

Proprio pe' stu mutivo ciavevo sempre avuto s˛ni tranquili, e nun avevu mai inzugnato l'agente dele tasse che me vieniva a bussÓ ala porta de casa cu' la cartela esaturiale intÚle mÓ e cul zuriso diabolico ntÚi labri mentre che me diceva: - Lei Ŕ 'n evasore fiscale e qui c'Ŕ da pagÓ na bela multa!!! -

FigurÚve vuialtri la facia ch'ho fato quanto me so visto 'rivÓ a casa miga l'esatore in carne e ossi, ma na bela racumandata intestata al "Zervizio Riscussiˇ Tributi" cu' scrito in stampatelo, belo cicio: "Aviso de nutificaziˇ mediante depositu".

Ci˛ avuto u' scumpenzu de core e u' sbalzo de pressiˇ furminante che per˛, per furtuna, visto che 'ncora so 'bastanza rubusto, Ŕ passato subito, ma apena me so ripreso ho incumincito a sbacilÓ su cusa cachio vuleva da me i messi cumunali e sopratuto cusa ce pudeva esse scrito ntÚ qula cartela esaturiale; e po' proprio a me, che avevu pagato sempre tute le tasse fino al'ultimo baioco (anzi, qualche volta me sa he n'ho pagate pure de pi¨!)

E cuscý, cule pulzaziˇ a centusetanta e la pressiˇ che avrÓ passato sciguro i docento ho uperto la busta e me so messo a lŔge:

"Ai senzi e pe' j efeti dej articuli 1-2-3-4-5 e 'ncora d'i articuli dopo, del DiPiEre numero icse del'ano ipesilon, el sutuscrito Messu Nutificatore VincŔ de Perzighý, cumunica che el giorno de ogi, ale ore 'n po' prima de pranzo, so' passato a casa tua e te nun c'eri! E alora:

- tenutu conto dela cuntinua assenza da casa (se vÚde che ciÓi i bufi!);

- vistu che nun Ŕ stato pussibile fÓ sta nutifica impurtante (perchÚ stai a fuge come 'n'anguila);

- cunziderato che voi fÓ el furbo (ma cun me nun ce tachi na peza perchÚ queli cume te io li cunoscio bŔ);

adŔ te lascio ntÚla casseta dela posta stu:

"Avisu d'intimaziˇ"

numero zeru-zeru-tre-cinque-oto-quatro-quatro-sete-dˇ-zeru-sete-nove, che adŔ 'pena torno in uficio vago a tacÓlo su al'Albu Pretoriu del Cumune d'Ancona, perchÚ tuti quanti hane da sapÚ che invece de fa el bravo ancunetano e pagÓ le tasse, cerchi de fuge ai duveri che te speta cume citadino de sta citÓ, de sta regiˇ e de sta naziˇ.

E per de pi¨ te digo che se entro tre giorni da ogi nun vieni a ritirÓ la Cartela, te nun te fai manco 'n idea de cusa te p˛le sucede!!!

              Firmatu: el Messu Nutificatore

Stu messagio cuscý minatorio e cativo m'ha lasciato senza parole, senza fiato, senza spirito de reaziˇ; nun zapevo propio cusa pudevo avÚ cumbinato.

E po', stu "messagio de sventure", come sucede sempre quanto ricevi na posta impurtante, era 'rivato de sabito, quanto io nun ero a casa; e cuscý el pustý aveva lasciato la cartulina minaciosa, el "presagiu de sventure", drento la casseta dela posta, e io so rimaso a slanguýme ntÚl dubio per tuto el uich-end, che vurýa dý tuto el sabito e tuta la dumenica, noti cumprese!

Nun c'Ŕ bisogno che ve raconto che per dˇ giorni nun ho cumbinato gnente, sperzo tra le carte dele dichiaraziˇ dele tasse dei ani passati, che so 'ndato a ripiÓ in zufita, cul cervelo che cercava de ricurdasse che sbajo pudevo avÚ fato, cula calculatrice che piava fogo per rifÓ tuti i conti.

E cuscý tra 'n incubo e 'n zugnacio el uich-end Ŕ passato e, rivato el lunedý matina, al'ora precisa de apertura del'uficio me so fato truvÓ davanti ala porta, cunvinto che finalmente avrýa puduto chiarý tuto, magari che s'era tratato de u' sbajo de perzona, o qualcosa del genere, o che adiritura m'avrýane 'ncora dumandato scusa.

Sci... alˇ!... Me presento a' spurtelo cu' la "cartulina-preceto", la cunzegno al'impiegato de turno; lu, cuj uchialini sula ponta del naso, la lŔge, po' se gira e cumincia a scartabelÓ ntÚ na casseta piena de centinara de qule famose cartele esaturiali (Madona mia del Domo! ho penzato, ma cusa sÚmo... tuti quanti evasori?)

Io, che cume 'n ciamboto penzavo che quelo che ciavevo davanti pudeva 'ncora esse el culpevule de tuta sta facenda che me stava a capitÓ, o che perlumeno era al curente del perchÚ 'ncora io ero finito ntÚla "lista dei cuscriti", ntÚ qul fratempo cercavo de faje qualche dumanda: - Ma sta roba cusa sarýa?... Ma io cus'ho cumbinato?... Ma ce sarÓ da pagÓ 'n bel po'?... Ma sÚ proprio sciguri che nun ve sÚ sbajati?... - e cuscý via discurendo.

Ma l¨, pureto, nun c'entrava proprio gnente cu' la disgrazia mia, e cercava de sta calmo per nun tirame qualche timbro ntÚl naso; e po' quanto ho penzato che aveva cuminciato a lavurÓ solo da cinque minuti e prima dele dˇ chissÓ quanti jÚ ne sarýa capitati de burciosi cume me, me so zitito subito e nun ho fiatato pi¨! E ho 'spetato cun pazienza che truvasse la busta mia in mezo al muchio, po' l'ho presa intÚ le ma e l'ho aperta strapando a pezetini tuta la busta per fa presto e mete fine a st'angoscia.

Me s'Ŕ presentato davanti aj ochi 'n fojo guasi elegante, cu' na striscia azura a traverzo e 'n antra per longo, e in cima c'era scrito a carateri giganti "NUTIFICA", po' tre quatro righe scrite fine cu' 'n paro de timbri e soto, sempre scrito tipo gigantugrafia "CARTELA DE PAGAMENTO"!

E po' de seguito, dopo stu titulo minacioso, stÚ parole:

"Gentile cuntribuente (gentile a me? te fago vÚde io cume so gentile quanto qualcuno me stuziga!) le cumunicamo de seguito i quadrini che risulta che lei ha fato finta de scurdasse de pagÓ:

- soma da pagÓ:  euri 34,25;

- causale:  UNICO;

- ente che avanza i quadrini:  Ministeru del'Ecunumia e dele Finanze.

Dopo sta prima parte (che m'aveva 'n tantinŔlo tranquilizato, visto che in fondo la cifra nun era tantu alta) seguivane cinque, sei pagine de spiegaziˇ, piene de numeri e de codici, ndˇ venivane date tute le spiegaziˇ, ma proprio tute tute, meno che quela pi¨ impurtante, che avrýa puduto chiarý subito tuto el mistero: cus'Ŕ che nun avevu pagato?

Ho studiato 'n po' qule cartace, e ala fine ho truvato na riga ndˇ c'era scrito fino fino: "Adiziunale Regiunale al'Irpefe - Umesso o carente verzamentu, pi¨ tasse, sopratasse, multe, more, interessi, spese de nutifica e diriti de segreteria: pi¨ o meno 34 euri".

- Ma che te piasse 'n colpo - ho penzato - ho passato giorni e noti, a maggio de ogni ano, per fa le dichiaraziˇ precise, ho riguardato sempre cento volte i conti, ho pagato sempre tuto fino al'ultimo scudo, e adŔ te me dighi "Umesso o carente verzamentu". A chi dai del'umesso? Bruto sciabigoto d'un slapazuco che nun zei altru, umesso sarÓi te, brutu ciambotu 'nfraidato, e guarda che a me carente nu' me l'ha deto mai nisciuno, capito, brutu vampiru parassita che nun zei altru?!? -

Me pareva che stÚ robe le penzavu dentro de me, invece senza 'c˛rgeme avevo parlato forte, e l'impiegato de' spurtelo, quelo che pogo prima m'aveva dato la busta, lý per lý avÚa sgranato j ochi dala supresa, ma adŔ se stava a rimbucÓ le maniche e vuleva vený de qua dal bancˇ per regulÓ i conti cun quatro cazoti, visto che le parole ch'aveva sentito penzava che l'avevo dete a l¨.

Quanto ho capito l'antifuna j ho spiegato de corza che nun ce l'avevo cun l¨, ma cun queli dele tasse, e questo per furtuna j Ŕ bastato per calmasse 'n tantinelo e arturnÓ dietro al banco, 'ncora perchÚ la coda era longa e queli che spetavane se incuminciava a spazientý, visto che 'ncora loro erane lý a spetÓ la sentenza dele multe da pagÓ.

Lascio perde de racuntave el resto d'i pelegrinagi pr'i ufici, perchÚ queste Ŕ robe che tuti quanti avemo pruvato diretamente sopro la pŔle nostra.

Per˛ ve vojo racuntÓ la fine dela storia, perchÚ se dice tanto che la burucrazia nun Ŕ pi¨ quela de na volta, che dopo le legi che qul poro Bassanini ciÓ sudato setecento camige per fale apruvÓ, ancora c'Ŕ trope robe che fÓ sentý i citadini imputenti, in balýa de chi deve aplicÓ certi regulamenti che pare che queli che li scrive ciÓ 'n livelo d'inteligenza de 'n urniturinco tonto (perchÚ 'n urniturinco nurmale capisce de sciguro de pi¨!).

'Nzoma, era sucesso che qualche ano fa, dopo fati tuti i conti, da na parte avanzavo 'n po' de Irpefe, e da qul'altra duvevo pagÓ qualc˛ de Adiziunale Regiunale; e alora avevu cumpenzato quel che duvevo pagÓ cun qualche soldo levato da queli che avanzavo; e fino a qui tuto regulare.

Ma m'eru scurdato el MudŔlo Efe Ventiquatro!!!! Che pratigamente sarýa 'n fojo de carta ndˇ ce devi riscrive paro paro quelo che giÓ avevi scrito ntÚl mudŔlo Unico (opure el 730), e ciuŔ i soldi da pagÓ o da riscote; solo che stu fojo, dato che io nun duvevo pagÓ gnente per via dela cumpenzaziˇ, el cassiere nun me l'aveva vuluto, anzi m'aveva preso pe' scemo e ce s'era pure messo a ride quanto aveva visto che l'importo da pagÓ, scrito da piedi al MudŔlo Efe Ventiquatro, era de zeru lire. E m'aveva rimandato via cul mudelo ntÚle mÓ, dicendome che quelo el duvevo tenÚ io per ricordo!

La storia, sta specie de barzeleta, per furtuna Ŕ fenita bŔ, perchÚ l'impiegato che era de turno qul giorno era svejo, ha capito subito la facenda, Ŕ 'ndato dal capuficio e inzieme hane anulato la cartela esaturiale. Sti dˇ impiegati qui scý ch'hane capito bŔ la lÚge Bassanini!

Ma te penza quanti pureti, magari pe' la paura de duvÚ pagÓ 'n antra po' de multe, hane pagato de corza e zziti, senza manco andÓsse a riguardÓ i conti se era sbajati per davero!

Murale de sta favula:

"Fidasse Ŕ bŔ,

ma Ŕ mejo nun fidasse,

cuntrola sempre bŔ

la cartela dele tasse!!!"


Sauro Marini - da "16░ Premio Varano - Poesia e prosa in vernacolo anconitano"