El negozio d'argentara


- Bongiorno a tuti, qui l'argenteria
nd se sparagna 'n zaco de quadrini
quanto che se vle f i rigali
a queli c'ha da divent spusini ?

- Certo signora, vero quel che dice,
propio el negozio che lei vle,
a qu c' roba bela a prezi bassi,
nun stamo miga a vende le paple !

Cusa desiderava de preciso ?
Ci qualche idea de quelo che i piace ?
Ciavmo tanta roba, e tuta bela,
qui spnde pogo ... se mete el core in pace.

- Me faci 'n po' ved quelo che ci
che io nun ci n'idea drento sta testa,
devo f el rigalo per d sposi,
se nun el trovo ... nun posso and ala festa !

- Guardi sto servizieto, da t,
ne oto pezi, de modelo inglese,
guardi che classe, guardi che figura,
questo un rigalo pre chi nun bada a spese.

- Ostia l' belo, eh quanto me piace,
lei ci propio ragi, na scichera,
da come parla deve cust na muchia,
quanto ce vle pre purtalo via ?

- Setemiglioni e trecentomilalire ...
cus' i pare tropo, nun me diga !
- Me pare tropo sc, io miga posso
pre f 'n rigalo and a d via la ... riga !

- Guardi alora stu servizio de pusate,
setantasete pezi, e p massici,
viene quatromiglioni e cinquecento.
- E' na madona i soldi, miga spici !

I ho dito che nun voio spende tanto,
miga ci i soldi da but 'ntel pozo,
nun posso spende tuti sti quadrini,
me manca el fiato, 'n antro po' me strozo !

- Alora guardi qua, che bel'idea,
ci na roba fata propio per lei,
na roba che nun costa tanti soldi,
se vle se ne compra solo sei,

e tuti inzieme costa trentamila.
- Oh ... finalmente m'ha capito b,
cusa sara sta roba che me dice,
alora, me la vle f ved ?

- Sara sei cuchiarini da caf,
beli e costa solo trentamila,
guardi quant' carini, guardi b ...
e p se li fichi de dietro ... tut'in fila !


Sauro Marini - Inedita