TuinTauer  (Twin Towers)

11 setembre 2002


      U' strazio d'aciaio e cimento,

ruvine che speza e che maza,

macerie che tutu sutera,

grestali squarciati, squajati,

machiati cul zangue inucente.

    Un ano passato, de gi,

ma nun ze scancla el cervelo,

nun vole scurdasse qul clo

de sole e d'azuro

tajato da falchi d'aciaro

che spandene morte e ruvine.

    Nd ple ariv sta fula

guidata da nun ze sa chi

a cumbate nun ze sa cosa?

    Io alora vura d na roba:

guardmoce 'n po' drent'u' spechio...

cuperti de bei vestitini,

prufumi, giuieli, urechini,

giugatuli a stufo pr'i fioli,

fiaminghe ben b rifurnite,

'tumobile b lucidate.

    Guardamoce drento, gi 'n fondo:

davero ce piace stu mondo?...

cui fioli che more de fame,

cul mondo struzato dai gasse,

brugiato dal caldo, senz'aqua,

cul rico che penza a 'richisse

e l el disperato che schiata.

    Davero ce piace stu mondo?

Pudemo sper ntla Pace?

Ma si proprio vero ch' tondo

fa presto a fa 'n ruzuloto

e quelo ch' sopra va soto!

    Se riesci a vedle ste robe...

cui ochi vedrai 'n po' pi chiaro

cusc parer meno strani

qui falchi d'aciaro...

 


Sauro Marini - Inedita