Preghiera a bassa voce


O Padre nostro Santo e Onipotente,
te fagu 'sta preghiera a bassa voce.
Stame a sent, nun f fenta de gnente,
guarda ... me fagu el zegno dela Croce.

Cel z che te sai misericordioso,
che sai 'l padr de tutu l'univerzo,
ma ad, te prego, n'esse permaloso
e 'sta preghiera n la pi a traverzo!

Te n'hai fate 'nbel p de robe bele,
ma t' venutu un mondo fatu a scale:
c' chi se ciucia el zuchero e chi el fiele,
chi sciala e nun fa gnente e chi sta male!

Ma, Padre nostro Spirtu Santo e Fiolo,
nun eri ala catena de montagio!...
In poghi giorno a f tutu da solo
ciai 'vutu tropa prescia e un bel curagio!

C Adamo e Eva hai vistu che pastrocho?
Cun qul zerpente che li pruvucava
duvei cap che si i vultavi l'ochio
l, qula mela l ... se la papava!

Paradiso pr'j ebrei vol d delizia,
defati era 'na mela tanta bona
e p per l era propio 'na primizia
cusc ha fregatu a qula brava dona.

Caino e Abele hai vistu cus'ha fato?
Queli s'ene scanati fra frateli!
Cusc tuti i cristiani ane imparato
a f cagnara per d giugareli!

Cume che fane ogi i rosci, i bianchi ...
p ce se mete pure i neri, i giali;
ogi la gente s' spartita a branchi.
Ma quand' che saremu tuti uguali?

E adessu vedo ch'era propio vero
ch'eri stizato e che ciavevi el chiopo
si uno t' venutu tutu nero
perch l'avevi fatu coce tropo!

Va b ch'hai fatu el zole, el mare, i fiori
e roba tanta bela da nun crede,
ma 'ste sete beleze ... 'sti culori
chi nasce cego ... miga nun le vede!

Te che ce guardi dal Regno dei celi
dime pr'esempiu si te pare giusto
d'av datu el petroglio solu a queli
e a gnialtri mancu un gocio, mancu un fusto!

Ane alzatu la gresta 'sti beduini,
e questu Te cel zai perch li vedi ...
Queli se fane un zacu de quadrini
e i altri stane al fresco o vane a piedi!

Per forza dopu semu penitenti,
c 'stu mundacio qu, cume se fa?
Per forza de 'sti bei cumandamenti
n'emu scurdati pi de la mit!

Me sa ch'arturnaremu un po' al'antiga
ch'arturneremu ai tempi de m nona
che cul petroglio ce faceva a ciga
pure per 'cende el lume ala Madona!

Guarda che nun miga tanta bela
si la facenda la guardamu a fondo,
perch c' in giro certa gentarela
ch'ha voia de sfasciatelo 'stu mondo!

Io digo de ch'j quatro scelerati
che de Te se ne frghene, Signore ...
queli l ciane i razi cumandati
che p distruge el mondo in t'un par d'ore!

Cun queli urmai nun te ce possi mete,
queli nun ci nisciun timor di Dio ...
pure si i mandi fulmini e saete
plene f quel che t'ho dito io.

Pregamu che 'ste robe nun sucede
e che al mondo aritorni pace e amore.
questa la preghiera de chi crede
e de queli che ci un tant de core!

O Signore, te prego a bassa voce,
falo per chi te crede e chi t'ascolta,
falo pel fiolo tua ch' morto in croce:
si duvessi f el mondo n'antra volta

mtece pure el tempo che ce vole,
nisciunu te dir da tir via ...
ma falo che per tuti splenda el zole ...
f un mondo bono e giusto. E cos sia!


Leonardo Mazzanti - Inedita