El Guasco intigo e belo


Gira e rigira me rivedi a qui,
rivieno a cuculate bela mia,
e nun z come sia,
nel z cus'ho da d.
Fo com'el piruleto inamurato
che svola intorno al fiore,
e brila e svolta, e tut'indafarato
ritorna l a runz
in cerca del'amore.
Io so fato cusc, vedi carina,
un po' per giorno, el zai,
te giro tuta tuta, via per via,
o me rampigno al Pincio o sul Gardeto
pre gode na bucata d'aria bona,
o a zigu zaghe calo gi al Passeto,
passando pe' strapiombo de Galina,
quanto al lev del zole, ala matina,
sta costa che te cuna e t'incurona...
come te l'ho da d ch' na maga,
l'ho dito mile volte, fa incant,
o Ancona mia!
Ma gira e brila ricume, so a qui,
al Guasco intigo e belo.
Quanto rivie' la sera,
quanto punente  roscio e cala el zole,
me god'el core in mezo a stu splendore.
Chi t'ha sculpito ha fato un gran giuielo,
chi  che t'ha piturato  un gran pitore,
per chi te vole b te sai 'n amore!

Ernesto Marini - Nazar - da "El cicer del Porto"