Alvaro Belli

i pueti de AnconaNostra

l'angulo del nuvizio

 


 

Amore de nonno

 

Che gioia, che goduria, quanto s˛ cuntento,

se diventi nonno te torna el sentimento!

'Na cosa speciale, ridiventi fi˛lo,

la vita te risb˛cia, te senti meno solo.

╚ nata mý nipote, bŔla cume l'aurora,

me guarda, me ride, el c˛re m'esce f˛ra!!

Sumiglia a la madre, no, Ŕ tuta el padre,

ma ve piÓsse sono, vedŔ che Ŕ spigigata al nonno.

Drento la caruzŔla la porto a passegiÓ,

la fago vede a tuti, l'hanne da rimirÓ.

Cun quela bochetina, do ochi de diamante,

quanto te v˛jo bŔ, me fulmini a l'istante!

E penso a quando cresce, el tempo c¨re in freta,

je cumprer˛ el triciclo, e p˛ la bicicleta.

Quando c'avrÓ el ragazo e p˛ se sposerÓ,

chissÓ se el p˛ro nonno in vita pi¨ sara?

Ma nun c¨remo tr˛po, se n˛ perdemo el s˛nno,

intanto ce gudemo l'amore mio de nonno!!

 

torna all'indice del poeta

torna all'indice generale dei poeti