Alvaro Belli

i pueti de AnconaNostra

l'angulo del nuvizio

 


 

E bda a camin, segnte a l'AVIS
(Culoquio tra 'n donatore e 'n amico un p scetigo)
 

- Giov (el dunatore) - Sai caro Ant, me sento b un bel p, propio stamatina me s cavato el sangue, ne tanti ani che s segnato a l'AVIS; semo un branco, qualcuno ha fto cento donazi, che bleza, basta cusc pgo p sentitte utile a chi c'ha pi bisogno de te!

- Ant (l'amigo) - Ah, io c'ho paura de le punture, pensa che a la visita del suldato, quando m'hane cavato el sangue, s cascato per tra come un papagnoco; te pare che me ne posso f lev un butigli ogni tanto? Epure me piacera per cla pra gente che sfre in t'i ospedali, ma nun ce la fago propio!

- Giov - Guarda, io te ce porto, vedrai cum' facile; te cuntrolane la pressi, tuti i valori e p te fnne sdrai int'una letga, cume fi a casc per tra?

- Ant - Va b, m'hai cunvinto, ma se p sto male te cro dietro finch nun te meno!!

- Giov - Ad chiamo el respunsabile amigo mio e te fago d come hai da f.

 

Dopo un meseto

 

- Ant - Giov, porca preta, si cel sapvo prima era un pzo che m'ero segnato, stago propio b; prima de tuto penso che el sangue mio ple av salvato un pro disgraziato che stava male e p me s fato cuntrul per b che nun m'arcurdavo el tempo che nun vedevo un dutre!

- Giov - Hai visto o ciambto, cosa te credevi, che te dicevo le sciapte? Se vi f n'altra opera bna, porta ancora te un amigo a segnasse a l'AVIS, l'impurtante cuminci; pi pure prende la medaia e vedessi el giorno de la Festa che magnata che ce fmo!!!

 


torna all'indice del poeta

torna all'indice generale dei poeti