l'angulo del nuvizio

 

Paola Gambelli


Che bela la vita!

St faciata dala finestra de 'nd fadigo,

e sento el vento che smove le fronde dei alberi,

i uceleti che fane festa, corene e se rincorene p sto cielo limpido,

l'aria calda che toje el fiato,

el zole st a fa le ombre 'ntel palazo de fronte,

se sente a sventate l'udore del mare,

che bela l'estate...

chiudo i ochi 'n atimo e li vedo:

..................................

tuti i culori dell'arcobaleno,

i giardineti pieni de vechiareli che pijane un po' de fresco

e i fioli che curene, schiamazene, parene smatiti!

Che bela l'estate,

coi rumuri de'note de motorini schiasosi,

de giuvani che ridene e che se volene b,

dei gelati che tira via se no te sgociolane,

dele serate sempre pi longhe,

del prufumo dei gerani del balc de casa,

e p ariva el mese mio,

ogni ano cusc: me pare un ritorno ale origini,

nun me so spieg,

come se mama mia me facesse nasce 'naltra volta,

che bela l'estate...

Ma ad la vuria d tuta:

che bela la vita!

piena de futografie, ce nenne qualcheduna in bianco e nero,

parechie n' venute sbiadite e in controluce e ancora

nun se capisce perch l'ho scatate,

ma ce nenne tante a culori...

....................................

baste sapele tir su dala scatola.

 


 

Sti verzi Paola l'ha dedicati a nono Odo e nona Lisa che stavane de casa in via Jesi, ntla zona del Pi

 

Camino p sta strada da pi de n'ora ormai,
il verde de le coline e il zole e il vento me metene adoso un quarcosa che
me sa de triste e de alegro..
ogni tanto spuntane qua e l case de contad,
coi paiari e i cani che corene per d metri de catena e abaiane apena sentene
un rumore...
il caldo me brugia la pele e le guance me se infogane da camin spedito,

e p
al'improviso me pia un qualc nela gola,
un gropo che non riesco a mand gi,
a quando un giorno col core che me scopiava
so salita su pe le scale e l'ho visti l...
erane soli, in mezo a tanti vechi, non parlava nisciuno,
parevane che s'erane persi e non riuscivane pi a trov la strada
de casa.
In quei ochi non legevo pi gnente,
solo tristeza e voja de chiudeli per sempre.
Alora, alora stato l,
che avrei voluto d:
"Nono...
 nona...
fugimo!..
ve vojo purt via,
int'una caseta 'ntele campagne de Aguj,
con'na veranda de fiori e foie,
'na canela d'aqua e 'ntavol p giog a carte
e beve un bichiere de v..
fugimo!...
el dov sent quel'udore d'erba taiata e quei tramonti cusc rosci
che p te viene el fiat,
el dov sent quel vento che smove le foie..
fugimo!...
ve voio tropo b per vedeve fin cusc: FUGIMO!..."
...ma non ho deto gnente:
...m s trovata in mezo a la strada
come 'na ciambota. E non ho deto gnente.

                       ..............

... me dolene le gambe dal tropo camin,
me fermo n'atimo per ripi fiato
alzo i ochi al cielo e vedo 'na manciata de nuvole
che se rincorene tra de loro
e penzo:
come saria belo vive sopro 'na nuvola!..
P me giro e
ripijo la strada d casa.