l'angulo del nuvizio

 

Al monumento scomparso


 

Un giorno gironzolavo 'ntei loghi intighi e da fjolo visuti
e me so acorto che i posti curiosi per noialtri ora Ŕ spariti.
Cuscý de Ancona vechia Ŕ scumparso un certo monumento
che 'ntel vigolo de la Serpe sfidava la piogia e il gran vento.
L'Óne distruto quando ero un giovine sbarbatelo bravo ragazo
perchÚ dicevane che nun era pi¨ de moda quel tale palazo.
Vero, nun era qualcosa de 'n'arte fina e particolare
ma era cercato sopratuto da la dura gente del mare.
Infati l'andavene a visitÓ omini, marinai e tanti suldati
dopo esere pasati da la casiera a pagÓ i modesti bijeti.
Lý amiravi de tuto: dai drapi rosci a tante beche e leti intighi,
da le montagne a le foreste, da le cighe a le scorze de fighi.
Po' Ŕ intervenuta la lege a risanÓ quel tal monumento
ma in giro se sente dý che il popolo ancora Ŕ scuntento.
Vuriane che tra tante bele ricostruzi˛ dopo i tristi bombardamenti
se riaprise al publico queli che per qualcuno ene utili monumenti.

 


"Bedo" Pezzati - Inedita