Andrea Panzini Emersberger

i pueti de AnconaNostra


punto elenco

Ballata della Vela


 

E' 'na spiagta niscsta e luntna

dpu la chisa de Santa Maria

gio' a Portunvu in rivira aguntna.

.

E c' u' stradlu cu' l'ombra e va via

framz'ai brci, a q'i copi pi spsi,

cme si fusse 'na cndita sca.

.

'Nnz'a le rce te chini e te sbassi

a rampignandu cu'j ogni de fri,

te pja el fiato' che te ferma q'i pssi.

.

El capistornu che pare che mri

te fa penzz' de ripj' 'n p de fitu

ghietr'a q'l scju che ci q'i udori

.

d'lighe mrce sul mre ch' pitu.

(E i paccasssi che gonta da i brci

smiarina 'dor' de limo' sbrindeltu.

.

Smici lacrte che fuge e j abrci

d'u' straciabrghe cu'j spni d'argntu

sot'a do ngule, nguli strci)

.

E alora 'rivi gi strcu e gi lntu

a 'na parte a strapiombu sul mre

sul verde Cneru, Cneru pntu.

.

Q'la parte ch' senza le scle

l'hai da scal' tuta quanta de btu

cme si ai pidi ciavessi do lle.

.

C' 'na catna inchiudta cu'n chidu,

'n'aiut' pe' q'l' rte scalte,

hai da sta' atntu si no, pgu pgu,

.

sbigi b' spciu a fandu sbigite

e te sbragili la drma e i genchi

a scutulandu a le rce pigte

.

su q'le rpe gonfie de cchi.

J ssi te cruchia, ciai le caldce,

p'r' cu'l fiato' in q'la spigia ce bochi.

.

E tut'intornu che s'ode a 'na pce.

Da q'la cma pi alta e pi bla

smici 'na spigia che inzzogna, che tace.

.

Sgola un cucle, 'na roscia papla.

Ghietr'a le sple ciai Portunvu,

'nanz' ai buioni 'na magiga Vla. (1)

.

'Dssu ciai solu da scnde, de nvu,

q'i do scalni sculpti de rcia,

cme si fussi lacrta de rovu.

.

'Sta spigia mmula, spiagta grcia,

'sta bia mnsula tuta cuchime

me pare 'n' sula p'r'indo' se cucia

.

le cghe, l'lbe, tute le schime

de l'antimme gonfie de londe,

tute le flcie de Lne ch' pime...

.

...e smici fiori 'ntel bgnu a le sponghe,

e' i fjli ndi... se basgia le gngne...

ghietr'a cucli de lle longhe...

 


 

(1) La spiaggia della "Vela" una delle rare spiagge naturiste e nudiste della Riviera del Conero; meta balneare anche del popolo glbtq.

 

E' una spiaggetta nascosta e lontana

dopo la chiesa di Santa Maria

gi a Portonovo in riviera d'Ancona.

.

C' uno stradello con l'ombra e va via

frammezz'ai sassi, a quei coppi pi sparsi,

come se fosse una candida scia.

.

In quelle rocce ti chini e ti abbassi

arrampicandoti, l'unghie di fuori,

ti manca il fiato e ti ferma quei passi.

.

Ed il malore che sembra che muori

ti fa pansar' di riprendere fiato

dietro a quel scoglio pieno di odori

.

di alghe marce sul mare ch' piatto.

(Ed i bacicci che montan' dai sassi

spargon' odore di sfranto limone.

.

edi lucertole in fuga e gli abbracci

d'un stracciabrache coi spini d'argento

sotto a due nuvole, nuvole stracci)

.

E allora arrivi gi stanco e gi lento

a una parete a strapiombo sul mare

sul verde Conero, monte dipinto.

.

Quella parete ch' senza le scale

devi scalarla ben tutta di un botto

come se ai piedi tu avessi due ali.

.

C' una catena inchiodata ad un chiodo,

un aiutino per l'erte scalate,

ma stai attento se no, poco poco,

.

cadi pi svelto facendo cadute

e ti ferisci la pelle e i ginocchi

ben rotolando alle rocce piegate

.

su quelle rupi gonfie di sassi.

L'ossa ti scricchiano, hai dei calori,

ma col fiatone tu entri alla spiaggia.

.

E tutt'attorno si sente una pace.

Da quella cima pi alta e pi bella

vedi una spiaggia che sogna, che tace.

.

Vola un gabbiano, una rossa farfalla.

Dietro alle spalle hai Portonovo,

dinanzi agli occhi una magica Vela.

.

Ora hai solo da scender', di nuovo,

quei due scalini scolpiti di roccia,

come se fossi lucertola al rovo.

.

Piccola spiaggia, spiaggia ricurva,

baia mansueta piena di donne

mi sembri un'isola dove si accucciano

.

le notti, le albe, tutte le schiume

delle risacche gonfie di onde,

tutte le falci di Lune son' piume...

.

...scruti ragazzi nel bagno alle sponde,

nudi i ragazzi... si baciano i membri...

dietro ai gabbiani, le ali son' lunghe...


INDICE POETA    -    INDICE GENERALE POETI