Andrea Panzini Emersberger

i pueti de AnconaNostra


punto elenco

Ballata del Maggio

Questa poesia fa parte della silloge "De su le fizze de lcighe stle"  (Viaggi sentimentali di un felibro anconitano) che ha conseguito il 1Premio al Premio Letterario Biennale "Quinto de Martella", Camerino, 5edizione 2006-2007

 


... ra la cga sdregta del Mgiu

vchiu de vnti sculi aguntni,

imbriga cga de gta gigia

 

cme 'na piva randgia de nni

chchi e de furtori intghi, uzni

che tnfane de nguli e de grni

 

da i campicli armsti ancora bni

sot'a i puntli de le nve cit

cu' i gratacli sfti, cu' j androni

 

de j uspedli casermti...sgagi'

de j amalti svti de la Vita

che, cme tuti, se cra dal camp'.

 

E 'sti furtori che 'nfia i cudrzzi

d'i copi rusciulti, de le gte

cu' le lalsche in boca, de q'i tzzi

 

snzza manchi a fndu strascialte

mosce, intristte surtte lbere

drnt'a 'na Vta bgia che s'infrta

 

('n bu-bu s'infrta framz'a llere

cagnre a sbrga-dnte in te le frte,

framz' a recinzzio', 'ntra le lindire) 

 

...era la notte stregata del Maggio

vecchio di venti secoli agontani,

ubriaca notte di gatta adagiata

 

come una pioggia randagia di nani

chicchi e di fortumi antichi, ozoni

che tanfano di nuvole e di grani

 

dai campetti rimasti ancora buoni

sotto i pontili delle nuove citt

coi grattacieli sfatti, con gli androni

 

degli ospedali accasermati...urlar'

degli ammalati vuoti della Vita

che, come tutti, si curan' dal campar'.

 

E quei fortumi che annaffian' le code

delle tegole rosse, delle gatte

con quelle lische in bocca, di quei tizzi

 

che fan' senza ombrellacci camminate

spente, intristite uscite libere

dentro una Vita bigia che s'infratta

 

(s'infratta un cane frammzz'ad ilari

canizze spaccadenti nelle fratte,

fra quelle recinzioni, e le ringhiere)

 

i furtori che stgia, che me sbte

drnt'a 'stu cre u' sfraglu d'amore,

arzztu amore a 'ste rse de Fte,

 

a 'sti sprufmi urbili de dre

rse spampante sot'a le bombe

de pite goce, chighe de culore

 

su 'ste cit marmte cme tombe

(el glcine va in pla 'nte le gnfe...

...se slrga campanle cme trombe...

 

... i cuncrti del Mgiu. E' le mfie

de le gge. E' le dngule d'i lli...

...lil' de uprti ptali. E' j schifi

 

de gnchere de fje. E ggi trli

de lle de cigle se f adgiu

de magiulni e lciule e de grli).

 

I' 'sta cga la pavna del Mgiu

vchiu de vnti sculi aguntni,

imbriga, 'sta cga de Fta a gigiu

 

su intghe sprnzze dolce de girni,

'ntra i pghi fiori rosci ancora 'rzli

de 'l ppulu passtu...

 

son' quelli che mi batton', che mi gettan'

in questo cuore un disastro d'amore,

riarso amore a queste rose di Fate,

 

a questi odori terrei di dorate

rose spampanate sotto le bombe

di lente gocce, macchie di colore

 

su queste citt ghiacce come tombe

(il glicine va in polvere nei nasi...

...si allargan' campanelle come trombe...

 

...i concerti del Maggio. Sono i lussi

delle acacie. I dondoli dei mughetti...

...lillr' di aperti petali. Gli schiaffi

 

di nacchere di foglie. E fiochi trilli

di ale di cicale si fan' adagi

di maggiolini e lucciole e di grilli).

 

In questa notte il fresco del Maggio

vecchio di venti secoli agontani,

ubriaca, notte di Fata adagiata

 

su antiche spemi dolci di gerani,

tra i pochi fiori rossi ancora arzilli

del popolo appassito...

 

...e j strdi de le gnti? Che fadga

a ruvescisse percsa i Dirti

ne smpre i capti e ci la sfga

 

d'avce drnt'a j chi, cme arzzti

fjli mai nti o, nti, armsti fjli,

un ggliu cilstre in grpi zzti,

 

cme pupla bga, un pontu mlu

p'r indo' che smcia el mondu cm' el smcia

la roscia chiriga del Zzole a molu

 

'nt'j urizonti smpre nvi, che sbgia

drnt'al vasco' de la cga, del mre

a sgranfignndu, colcu, cicatrci

 

de lstri gonfi e strchi de cagnre

framz'a umanit da gi sculpte

cme i marmti mostri su le re

 

de pivi d'alabstru ruginte,

le boche b' slargte a fndu cirme

de pure, de gastghi, de nun Vte?

 

'Sti sggi de 'ste nve gnti rne

de ssi sparniciti a i qutru vnti,

tombe de San Sebastini de l'Urbe...

 

...e i gridi delle genti? Che fatican'

a rovesciarsi visto che il Diritto

sempre il suo rovescio ed han' la sfiga

 

di aver dentro negli occhi, come riarsi

figli mai nati o, nati, ancora figli,

un giglio celestrino in campi zitti,

 

come pupilla cieca, un punto mllo

per dove il mondo scrutan', come lo scruta

la rossa chierica del Sole a mollo

 

nei sempre nuovi limiti, che cadon'

dentro il vascone notturno, nel mare

sgraffignando, steso, cicatrici

 

di lustri gonfi e stanchi di cagnare

frammezz'a umanit di gi scolpite

come i ghiacciati mostri sulle are

 

di pievi d'alabastro arruginite,

le bocche ben' slargate a far' boccacce

di teme, di castighi, di non Vite?

 

Questi urli delle nuove gnti urne

di ossi sparpagliati ai quattro venti,

tombe di San Sebastiani dell'Urbe...

 

...e tute mosche se f q'le gnti

nve drnt'a le fiche cme ggge

de lpi slalte...e smrcia i pnti

 

lmi d'i girasoli e su le lge

longhe filre de bge furmghe

che sbgia (cme sbigiva le Lge

 

setecentsche segrte e intghe)

...el Zzole che frta, gnafo' del cle,

in tanti rgi urocrmi de rghe

 

rosce cm' rosce q'le chle

de i cherpscoli che mociga, ogni

che sfrgia cme lgreme le vne

 

pi cpe, le drme...cme scurpioni

che gonta da q'le lme de 'n mondu

slamtu, caldru de sgruloni...

 

(e le arzzte catstrufi de 'l mondu

se f moscu runz' de ferte

cme se lte fsse i' spzziu fondu)

 

...e 'na furmga arf' i ponti, le drte

rutje de le pi sprzze stazioni

'ntra le tje de cerse infinite.

 

...e tutte mute si fan' quelle genti

nuove dentro i rifugi come arnie

di api senz'ali...e spengon' i pinti

 

lumi dei girasoli e sulle logge

lunghi filari di bigie formiche

che cadon' (come cadevan' le Logge

 

settecentesche segrete e antiche)

...il Sole che goccia, nason' del cielo,

in tanti raggi urocromi di righe

 

rosse come son' rosse quelle chele

dei crepuscoli che mordono, unghie

che graffian' come lacrime le vene

 

profonde, le pelli...come scorpioni

che montan' da quei squarci di un mondo

squarciato, caldaia di sismoni...

 

(e le riarse catastrofi del mondo

si fan' muto ronzar' di ferite

come fossero faville in spazio fondo)

 

... e una formica rif i ponti, le dritte

rotaie delle pi perse stazioni

tra gli alberi di ciliegie infinite.

 

Perch me f pat' q'i papuloni

panti cu' la cra e cu' i pastli

cm'i fjli che le m', sbruduloni,

 

impna de papte, farfarli

gonfi de primavre 'nti calzzti

mosci de le sre gonfie de mli?

 

(Fjli che strgne 'nte le m' b' strte

cne de marzap' ch' cme albni

precipzi, spiumbti drnt'a i lti)

 

Perch me f schiup' dre le nne

nne de capumle sbinche gile

indo' che m'infilzzvu cu' le pne

 

cme s'inflzza in mre cu' le lle

el cucal' che bca e inflzza i guti

cme vntu divnu naturale?

 

Impanigmu i' 'ste parle, guite,

j ndici setmbri talebni,

cme tanti don chisciti infilzzti

 

'nt'i mulni? Cme impeciti in pgna

de vschi? O inveruchite lpi

in picigosi clici de pna?

 

Perch mi fan' soffrir' quei tulipani

impastati con la cera e coi pastelli

come i bimbi che le mani, sbrodoloni,

 

impastan' di pappette, monellacci

d'albe rigonfi in quei loro calzetti

molli delle sere gonfie di mieli?

 

(Bimbi che stringon' in mano ben' strette

culle di marzapane come albini

dolci di miele, caduti nei letti)

 

Perch mi fan' scoppiar' d'oro le ninne

nanne di camomille bianche gialle

per dove mi infilavo con le pinne

 

come s'infila in mare con le ali

il gabbianel' che becca e infila i guatti

come vento divino naturale?

 

Penetriamo in questi verbi, agguati,

undici settembri talebani,

come tanti Don Chisciotte infilzati

 

nei mulini? Come impaniati in pania

di vischi? O avviluppate api

in calici appiccicosi di panna?

 

O forsi ne le fiche indo' se sgpa,

corzze a l'inghitru de j stigi a tne

meridiunli indo' fca la chipa,

 

indo' i raprti ma p'r quli umni

ch i disumni raprti de frzza

e pe' 'sta frzza sfragelti i pini

 

de le rivoluzio', che p'r nu' strzza,

del Zzole, mastla de le fusioni

e, ad', 'na spsa de catrmi, sprzza

 

cme 'na pozza, pescola de ioni...

...se lguida, cme le galavrne

se lguida a le rschie d'i limoni...

 

...se lguida 'l bumblu del' invrnu

da i gici pidi de stagio' pi trste...

...e bci de lbe brgia d'infrnu?

 

E' lbe cilstri che pi nun esste

...................................

e che incriva culore da pste

 

cerse, da scrzze de fghi spsi,

da le ple de le albne strighe

ciucite da Sirne, da le fsi

 

O forse sono i covi ove si scappa,

corse all'indietro degli astici a tane

meridionali ove ficcano il mento,

 

ma dove i rapporti son' quelli umani

'ch i disumani rapporti son' di forza

e per lei si son' sfracellati i piani

 

delle rivoluzioni, che non sterzan',

del Sole, mastella delle fusioni

e, adesso, stesa di catrami, persa

 

come pozza, pozzanghera di ioni...

...si liquano, come i ghiaccioli

si liquano sui rami dei limoni...

 

...si liqua il ghiacciol' dell'inverno

dai ghiacci pi'delle stagion' pi tristi...

...e gemme di albe son' brace d'inferno?

 

Son' albe cilestri che pi non esiston'

.......................................

e che creavan' colore da peste

 

ciliegie, da bucce di fichi sparsi,

dalle polveri di albine ostriche

succhiate da Sirene, dalle fasi  

de le Lne...ra Lne de gghe,

ra le spogne zzpe de curli

e pe' le fizze de j mi distrghe.

 

E i mazzamnti ra snzza pugnli...

...ra le cghe sdregte del Mgiu

e i cri umni ra cme animli

 

e tuti i cici del mondu ra gigi

Soli slongti e j mi e le dne

ra slongti e j lstighi d'i brci

 

longhi a pingndu le stle e le Lne

su la finscia de csa e le londe

de le dne su i cri e le tnighe

 

de j amori loru pnte de sponghe...

...chighe de mgi a le ghinde a le zzne...

...solu la piva ra lgrema tonda...

 

...llera prla del mondu, purme.

E cme i fjli che brgula fiori

e sbre cndite su drme albne

 

q'i mi longhi, le gnfe de fri

lte e slargte al cle del Mgiu,

q'le dlme...brigulva...su i cri.

delle Lune...eran' Lune di gighe,

eran' le spugne zuppe di coralli

e per le ciocche degli uomini pettini.

 

E gli omicidi eran' senza pugnali...

...eran' le notti stregate del Maggio

e i cuori umani eran' come animali

 

e gli orologi del mondo adagiati

Soli allungati ed uomini e donne

lunghi e gli elastici delle braccia

 

lunghi pingendo le stelle e le Lune

sulla finestra di casa e le onde

delle dune sui cuori e le tuniche

 

dei loro amori dipinte di sponde...

...macchie di ginestre sui glandi sui seni...

...solo la pioggia era lacrima tonda...

 

...allegra perla del mondo, Purim.

Come i fanciulli che sbriciolan' fiori

e spermi pallidi su pelli albine

 

quei lunghi uomini, i nasi all'infuori

alti e allargati al cielo del Maggio,

quelle forme...sbriciolavano...sui cuori.


INDICE POETA    -    INDICE GENERALE POETI