Andrea Panzini Emersberger

i pueti de AnconaNostra


punto elenco

Barbˇ' che ciÓchi i chi˛di ...

Questa poesia ha conseguito il Premio Speciale della Giuria al XII Concorso di Poesia in Vernacolo Anconitano, Varano di Ancona, 27 agosto 1998


 

 A "M˛mulu", (*)

      e a tutti i Barboni

      del Mondo

 

Barbˇ' che ciÓchi i chi˛di

'ntra j scatarÓchi 'guzzi, 1)

cu' 'n strigulý', t'imbriÓghi, 2)

de vý', d'inzzogni... E puzzi. 3)

 

Te smýciane a andÓ' a t˛rzzu 4)

p'r i výguli de grÓscia, 5)

a calefÓ', p'r el Cˇrzzu, 6)

sludrÓta la ganÓscia. 7)

 

Farl˛cu pe' la scývula 8)

discˇri cu' 'l Caűre, 9)

j canti bŔ' la fÓfula 10)

de libertÓ pi¨ az¨re.

 

C¨me l'az¨ru de mare

e j inzzogni tui de lÓle,

piciˇ' de piazze, d'Óre

'ndˇ' ciuci e bechi el Male. 11)

 

La barba d'i Sav˛ia,

el nome d'Umbertý'...

'ntra j stramazzi de f˛ja: 12)

sŔi 'n mŔzu Re purý'.

 

SŔi l'¨nigu d'Ancona

che se stramýgia e pocia 13)

el zzole, l'aria b˛na,

agiÓgiu, a fa' bisb˛cia. 14)

 

Le Tredici CanŔle

te smýcia e te j fai "NÓnu!", 15)

e fai le ci¨rme bŔle 16)

a q'ul'incunetanu

 

che nun te v˛le da'

la mŔza "zzigareta",

e tÓchi a smadunÓ', 17)

a dý': "P˛rca ma... reta!".

 

SŔi 'l Re d'j inzzugnatori

de vite smateriate 18)

de fantasie, d'amori...

de fÓfule slalÓte. 19)

 

Inzzˇgni al Mondu bŔlu,

a quelu de j Intýghi 20)

(quant'Ŕri farfarŔlu), 21)

perc˛sa, questu, el cighi. 22)

 

El cýghi?... Nun Ŕ zzˇzza

(c¨m'Ŕne zzˇzzi e zzepi

de carugnate i Grepi) 23)

custýa CitÓ? ... 'Sta st˛zza 24)

 

de bacalÓ cu' 'l frÓche, 25)

la giugrafia pi¨ sv˛ta

de veritÓ... 'stu frÓcu 26)

de gulpÓci ch'arl˛ta? 27)

 

Barbˇ', che ciÓchi e cighi

'sti chi˛di de le Vite,

dý'!?, M˛mulu, chi Ŕ fighi: 28)

'ste golpe ch'Ŕ sgalýte? 29)

 


 

(*)  "M˛mulu Ciacachi˛di" Ŕ il soprannome dato da mio padre a Umberto Signorini per lo sguardo fanciullescamente assorto e il suo caratteristico modo di camminare, come su punte di chiodi. - M˛mulu Ŕ voce onomatopeica fanciullesca, riferita a MÓmmolo che Ŕ riconducibile a "mamma" 

1)   scatarÓchi 'g¨zzi, grossi sputi evidenti

2)   strigulý', pezzettino, piccolissima quantitÓ

3)   inzzogni, sogni

4)   ti guatano andare a zonzo

5)   grÓscia, sporcizia, immondizie

6)   calefÓ', puzzare - deriva da CalŔf, un israelita abitante alla fine dell' '800 a Capodimonte, famosissimo perchÚ non si lavava mai (diceva: "╚ l'aqua che ruvina l'˛mu") e pertanto era sporco e graveolente - il seguente Cˇrzzu Ŕ generico, sta sia per Corso Garibaldi che per Corso Mazzini

7)   lordata la mandibola

8)   inebetito dalla sbronza

9)   con la statua di Camillo Benso conte di Cavour

10) fÓfula, menzogna

11) dove suggi e prendi il Male

12) tra i materassi ripieni di foglie di granturco

13) si stende a terra e succhia

14) agiÓgiu, adagiato

15) smýcia, adocchia - "NÓnu!", ciao! (voce fanciullesca)

16) boccacce belle

17) cominci a bestemmiare

18) vite spirituali

19) menzogne prive di ali

20) degli Antichi

21) farfarŔlu, bambino irrequieto, capriccioso

22) perchÚ, tutto ci˛, lo mastichi male

23) Grepi, ripidi rialzi di terreno agricolo, in particolare quelli che si trovano lungo le strade - qui la voce significa "Mondo" (sporco e pieno di azioni malvage)

24) st˛zza, lett. pezzo di pane duro, qui sta per "ammasso solido"

25) frÓche, frac

26) frÓcu, gran quantitÓ - qui sta per "gruppo"

27) di volponi che ruttano?

28) chi sono gli uomini migliori?

29) queste volpi che sono senza voce? - propriamente sgalýtu qualifica il cappone, ex gallo che, privato dei testicoli, perde anche la voce

 

 

O Tu, Barbone, che calpŔsti i chiodi ... 

Libera traduzione e note di Mario Panzini

 

 

O Tu, Barbone, che calpŔsti i chiodi

quando passeggi tra sputacchi aguzzi,

con un piccolo sorso, ti ubriachi,

e di vino e di sogni ... E maleodori.

 

Ti adocchiano nel tuo girovagare

per vicoli coperti d'immondizie,

nel tuo portare tanfo per il Corso,

bagnata la mandibola dal vino.

 

Inebetito da una dura sbronza,

a lungo parli al conte di Cavour,

gli canticchi assai bene la bugýa

di libertÓ, le libertÓ pi¨ azzurre.

 

Come l' azzurro Ŕ il simbolo del mare

e azzurri sono i sogni tuoi di ali,

sei simile a colombo, in piazze, in aie

dove tu succhi il Male e l' acquisisci.

 

Hai persino la barba dei Savoia,

ed hai persino il nome di Umbertino ...

tra i giacigli di foglie di granturco:

sei una specie di Re senza potere.

 

Sei il solo anconitano cittadino

che a terra si distende e a terra succhia

il calore del sole, l' aria buona,

lungo sdraiato, come a far follie.

 

I Satiri di Tredici Cannelle

ti scrutano passare e gli fai "Ciao!",

e fai boccacce e comici sberleffi

a quel tale signore anconitano

 

che non ti vuole affatto regalare

non una ma una mŔzza "zzigareta",

ed allora cominci a bestemmiare,

a dir tra te e te: "P˛rca ma ů reta!"

 

Sei il singolare Re dei sognatori

d'immateriali vite dedicate

a dolci fantasie, a forti amori ...

a veniali menzogne senza ali.

 

Ed allora ti sogni il pi¨ bel Mondo,

il Mondo favoloso degli Antichi

(il Mondo di quand'eri ragazzaccio),

chÚ, questo mondo, masticar non sai.

 

E lo mastichi? ... Di', ma non Ŕ lŔrcia

(come oramai son luride e son piene

di perfidie le Sponde della Terra)

questa cara CittÓ? ... Un duro pezzo

 

di baccalÓ vestitosi in un frac,

un geografico punto tanto vuoto

di tante veritÓ ... questa squadraccia

di ruttanti volponi mascalzoni ?

 

Barbone, che mal mastichi e calpŔsti

questi chiodi pungenti delle Vite,

di'!, M˛mmolo, chi son gli esseri forti ?

queste volpi restate senza voce?

 

 

Il ritratto di Umbertý Ŕ di Franco Cartechini


INDICE POETA    -    INDICE GENERALE POETI