Andrea Panzini Emersberger

i pueti de AnconaNostra


punto elenco

Passtu naif  (Passetto naif)

Questa poesia ha conseguito il 1 Premio Poesia

Concorso nazionale Passetto 2008

 


 

A destra: la premiazione di Andrea Panzini

 


 

 

Era 'na mnsula cga sul mre

e tuta Ancona era colca sui lschi

cme cherpsculi gonfi de fire

 

cme 'na msega de sbzzi moschi.

C'ra 'na mmula Cna sul cle

a sdingulndu su nguli brschi

 

cme se nnula sbinche paple

de su 'na spsa de fiori de rpa.

C'ra 'na mchia de grce bable

 

'nanz' a le Grte pi bie de grpa

e le fadghe de do barcarli

su le batne 'tacte a 'na bta.

 

Pure 'na mchia de lleri fjli

a zzuchetndu framz' a le gge,

a f' le scrzze de sopr' a q'i mli,

 

cme le ntule, flighe sbge.

Erane moli 'sti fiori a sgagindu,

rane gonfi i genchi de sfrgi,

 

a chiam' 'l nome del prpiu cumpgnu

drent' a q'i gighi de mosche rivlte

drent' a q'l mre de lju stiggnu.

 

T'ho 'traverzztu 'na mchia de vlte

cru Passtu de moschi sgradli,

zzpa scrzza de rcia 'ntra le ponte.

 

E ru segrtu de strini asli...

...lica de gnghe e contrabndi e intrghi

de su i mantli de cghe d'aprli.

 

E su le drme de ndi garbni

strfa batne su rfuli bsgi,

drent' a le Grte tuti a fug'...

 

T'ho 'traverzztu 'ntra mchie de ssi,

j sclzzi pidi 'ntra ghe, 'ntra j sclmi

de lnce 'zzre su i paccasssi.

 

Le togne cu' j mi d'i fjli clmi

e i giugarli a pescndu le bbe.

Gonfie le rte de tanti gmberi.

 

Mnsuli a sra su i longhi lastroni

el Zzole a molu a sfrednduse i cli

'spetava lleru 'na Lna arancio'...

 

...e su le ponte 'sta cga lunre,

tute le stle d'agostu a spiumbndu

de su la Sgiula, nde le lle.

 

'Ntra j slmpi flighi de le lampre

ra le gge e i zzuchti 'ntra i tordi

('ntra i sssi mstighi d'j stighi in mre).

 

Lna, t'arcrdi?

Eri un roscilu, 'na 'rncia culona.

Iu t'ho spremtu le poce, t'arcrdi?

 

Eri 'na lciga strscia de gighi

d' cque smerldi...verdstre de blu.

Eri 'na bva, ri 'n blzzimu a j chi.

 

Un tatugiu...'na scrta...Ancona...

ri 'n pium' b' stamptu su 'l cle.

L'inzzognu vru e irele d'Ancona.

 

T'ho 'traverzztu a ciucindume el mle.

Sc, cme 'n fjlu, che pocia dal Zzole,

pectu cnditu... mocigamle.

 

T'ho 'traverzztu 'na mchia de vlte,

cru Passtu de moschi sgradli,

zzpa scrzza de rcia 'ntra le ponte.

 

T'ho 'traverzztu 'na mchia, Buesa

................

cntu fantstigu de nustalga.

Era una notte mansueta sul mare

e tutta Ancona distesa ai tramonti

come crepuscoli densi di fiamme

 

come un motivo di note silenti.

C'era una piccola Luna sul cielo

a dondolarsi su nuvole cotte

 

come si ninnano bianche farfalle

su una distesa di fiori di rupe.

E c'era un mucchio di barche ricurve

 

dianz' alle Grotte di buia paura

e le fatiche di due barcaioli

sulle barcacce legate a una bitta.

 

Ed anche un gruppo di ilari bimbi

in quel tuffarsi frammezz' a quei tuffi,

a far' le corse di sopra a quei moli,

 

son' pipistrelli, le svelte cadute.

Erano zuppi quei bimbi negli urli,

ed i ginocchi eran' pieni di graffi,

 

chiamando il nome del proprio compagno

dentro quei giochi di mute rivolte

dentro quel mare risacca di luglio.

 

T'ho attraversato un sacco di volte

caro Passetto di muti gradini,

piena corazza di roccia fra le punte.

 

Luogo segreto di strani asili...

...tana di bande e contrabbandi e intrighi

sopra i mantelli di notti d'aprili.

 

E sulle pelli di nudi garbini

barche che sfiorano i gorghi di baci,

dentro le Grotte tutti a fuggire...

 

T'ho attraversato fra mucchi di assi,

i piedi scalzi fra corde, fra scalmi

di azzurre barche sopra i bacicci.

 

Con gli ami i sugheri dei bimbi calmi

ed i trastulli pescando le boghe.

Gonfie le reti di tanti gamberi.

 

Mansueti a sera sui lunghi lastroni

il Sole a mollo a freddarsi i calli

gaio aspettava una Luna arancione...

 

...e sulle punte la notte lunare,

tutte le stelle d'agosto a piombare

sopra la Seggiola, nude le ali.

 

Fra i lampi svelti delle lampare

erano i salti ed i tuffi fra i tordi

(fra i sessi mistici d'astici in mare).

 

Luna, ricordi?

Eri una triglia, un'arancia culona.

Io t'ho spremuto le zinne, ricordi?

 

Eri una lucida striscia di giochi

d'acque smeraldo...di verdi e di blu.

Una bevanda ed un balsamo agli occhi.

 

Un tatuaggio...una scritta...Ancona...

eri un piumino stampato sul cielo.

Il sogno vero e irreale d'Ancona.

 

T'ho attraversato succhiandomi il miele.

Si, come un bimbo, che succhia dal Sole,

peccato candido...che morde mele.

 

T'ho attraversato un sacco di volte,

caro Passetto di muti gradini,

piena corazza di roccia fra le punte.

 

T'ho attraversato assai spesso, Poesia

................

canto fantastico di nostalgia.


INDICE POETA    -    INDICE GENERALE POETI