Un quadro de MurtatŔla


Un muru nero, zzozo, scalcinato.
De pŔto 'n altro uguale. 'Na gran pace.
Un purtˇ' scunuchiato e sganganato.
CurdŔle a spingulˇ'. Ciufi d'erbace.
'Na scalinata streta. In tel zelciato
'na rete inveruchiata. D˘ sediÓce.
L'ochio incumincia a c¨re com'un mato
sopro 'sti muri, e nun ze fa capace:
dal scuru al bigio chiaro, s¨, s¨, in fondo,
in do' la luce bianca, ch'Ŕ 'na f˘la,
rinvivisce a la vita el pi¨ bel mondo;
drent'a 'sta luce c'Ŕ un rund˛' che svola.
El c˛re j zompa dietro, in girutondo.
A tuto quanto j manca la parola.

Mario Panzini - da "Il Vernacolo Anconitano - Compendio storico-antologico"