A Simuneta


A la Sedia del Papa 'na lanceta
sta da 'na parte, sola, 'bandunata,
cu' la panza per aria, streta streta
da 'na grta, da 'n scojo e la scarpata.
El nome  'n po' sbiavito: Simuneta.
Piena de bughi, ghiglia sbrindelata,
senza la stopa, o senza 'na stageta,
la vernige sparita, o scalcinata...
Si le robe ciavesse le parole!...
El mare quante volte t'ha 'braciata?
quante volte l'h amato soto el zole?
e quante volte 'n mo t'ha remata
cu' 'n cre triste, o a cacia de le fle?
Ciao, Simuneta, Bla Indurmentata.

Mario Panzini - da "Il Vernacolo Anconitano - Compendio storico-antologico"