Erziglia  (1953)


 

Al Vigolo Regina (1), in tun cant,
cera na casa storta e picenina
cu i muri scurtigati, ma per
imbiancati cul gesso e la calcina,

 

un bugto (2) in tel mzo per purt
e, sopro, un buconc de logetina (3)
din do (4) cascava lgri a spingol (5)
do (6) o tre girani rosci (7) e la mentina;

 

de fianco, na finestra verde-chiaro
e un fro de cavlo stortign, (8)
prsse priciso (9), un fro de sumaro:

 

el resto ruginito de Raspi,
el zumaro de Ristide el Straciaro, (10)
morto de fame e morto de morb. (11)

 

(1) bello e caratteristico vicolo di Capodimonte, distrutto dalla guerra 1940/45

(2) buchetto

(3) loggetta piccolissima

(4) da dove

(5) penzoloni

(6) due

(7) gerani rossi

(8) distorto

(9) per essere preciso

(10) Aristide il Rigattiere

(11) smania amorosa


Ristide invece (varda (12) te che scrno!)
morto per av magnato tropo:
per Via Pudesti (13) j ha pjto n capistorno (14)
e c'e arimso seco com un schipo. (15)

 

A casa laspetava de ritorno,
felice, arzla (16), moje senza el chipo, (17)
Erziglia. (18) De sciguro in te qul giorno
ha strunato la testa sto gran copo. (19)

 

Ha pianto tanto, pra vechietina, (20)
ancra se l marito era un puz, (21)
sje le dava de nte e de matina,

 

sje magnava e beveva la penzi'
sje tirava el bichiere in te la schina. (22)
Quantj vuleva b, a qul birbaci! (23)

 


(12) guarda

(13) una delle tre arterie del Rione Capodimonte

(14) paralisi cerebrale

(15) scoppio

(16) vispa, malgrado let

(17) nervosismo

(18) Ersilia

(19) una grossa tegola le ha rintronato la testa

(20) povera

(21) poco di buono

(22) schiena

(23) furfante


Ciavva quarant ni, guasi, Erziglia,
quando lha cunosciuto e lha spusato,
prav un zustegno, avce na famiglia
e praiut a qu l pro disgraziato.

 

La guera gi puzava de vegiglia, (24)

gi se magnava ljo e l p impepato, (25)

gi cera lochio longo che cunziglia
darcje (26) quatro straci e and sfulato.

 

E Rstide de gi ciavva un fjlo, (27)
Marilo, che faceva el pescatore;
e la (28) sera smatita (29) per Mariolo

 

e ladurava de n materno amore,
e andava sempre a cre (30) in cimal mlo
e a l spetava, (31) sola cul Zignore.

 


(24) vi era sentore di vigilia

(25) olio, pane, pepe, aceto, erano spesso la cena dei poveri; era allora anche il cibo dei detenuti

(26) raccogliere

(27) figliolo, figlio

(28) lei

(29) ammattita, impazzita damore

(30) correre

(31) aspettava


Ad chera armasi tuti do, (32)
el fjlo e la para na roba sola.
Quando pjva (33) a le Poste la penzi,
Erziglia j cucinava la bragila, (34)

 

sferuzava (35) i guanti o n bel maj, (36)
cumprava i scarponi cu la sla,
le sigarete Giuba-Espurtazi,
qualche calzeto e qualca camigila.

 

Lu la piava e lalzava da per tra,
po la bagiava, je dava scigureza;
e l giorno de riposo, verzo sera,

 

la purtava a spassegio a la Forteza, (37)
coma la madre sua, a na madre vera,
la forza de la vita, la careza.

 


(32) restati solo loro due

(33) prendeva

(34) bistecca di maiale, braciuola

(35) fabbricava con i ferri

(36) maglione

(37) cosi gli Anconitani designano tutto il complesso fortificato che va da Capodimonte a Borgo Rodi (e che una volta racchiudeva la citt spingendosi fino al Cardeto) - La Fortezza vera e propria era la Rocca o Cittadella, che ancor oggi svetta sullAstagno - Bella ed imponente opera commissionata da Clemente VII nel 1530 ca. ad Antonio da Sangallo, venne iniziata da questi e quindi proseguita dal fratello Michele, da Francesco Paciotto, da Pellegrino Tibaldi e dallancohitano Iacopo Fontana.  Successivamente, tali fortificazioni si amalgamarono con altre fino a recingere quasi totalmente la citt (notevoli i baluardi di 5. Pietro e Paolo, le Cavorchie), Da lamentare, al solito, lo squallore in cui sono state abbandonate.


La nte del quatrdice febraro
el mare s'e svejto, s sfuriato (38)
e s meso a cumbte, paro a paro,
cu n vento maledeto e smateriato. (39)

 

Tuto era nero. Smrcio (40) ancra el Faro (41).
Marilo stava a bordo. E tuta n trato
londa vigliaca de n destino amaro
a la madre e a la vita lha fregato.

 

Drento a la casa, al Vigolo Regina,
un cre va in tel mare, in mez a londe,
un cre in te le m a la Madonina, (42)

 

un cre chiama... e laltro nun risponde.
El fro de sumaro nun tintna,
come faceva sempre, in te le gronde. (43)

 


(38) svegliato, infuriato

(39) impazzito

(40) spento

(41) la Linterna di Monte Capuccini

(42) limmagine della Madonna del Duomo, protettrice di Ancona, ritenuta miracolosa e si trova nel braccio sinistro della Cattedrale.  Ma non visibile, come numerose altre bellezze, poich, dopo i terribili terremoti del 1972, stato riparato ben poco.

(43) grondaie (perch il vento lha portato via)


A la Linterna Roscia (44), in cimal mlo,
na dna picenina, incanutita,
varda qul mare chj ha mazato el fjlo, (45)
cu i chi fissi, svti (46), sbrigiolita; (47)

 

spta che londe j prtene a Marilo,
qul fiore sprofumato, senza vita...
Madna mia del Dmo! Fme solo (48)
la grazia darvedlo (49)... 0 Benedta,

 

ridme (50) d minuti la dulceza,
el zole che ciavvo drent al cre,
labrcio che te d la giuvineza...

 

ho dito tuto... jteme, Signore... (51)
fme sent n tel pto la certeza
che lu me spta in do che nun se mre.


(44) la lanterna rossa, sulla punta nord del Porto

(45) ammazzato

(46) vuoti, inespressivi

(47) infreddolita

(48) fatemi

(49) di rivederlo

(50) ridatemi

(51) aiutami


Mario Panzini - da "Chi nun sa piagne, nun sa manco ride"