Ancona bigenona


Dedicata all'amico Avv. Cav. di Gr. Cr. Cesare D'Angelantonio,
in occasione delle nozze di diamante con la toga
- Omaggio ad Ancona scomparsa -

AdŔ che la cenýgia s'Ŕ pusata
sopra la testa guasi spelachiata,
m'artorna nte la mente
'na muchia de visiˇ arimaste ancora
che me fa gode, perchÚ m'inamora!
C'era un stradelo su per la Cupeta,
ch'era un po' sbruzuloso, picený,
ma pr˛ tanto carý,
perchÚ era streto fato pr'i 'murosi.
E nun mancava mai quela baveta
che carezava el core
coscý tanto infugato da l'amore.
'Ncora le fojuline li smiciava,
e respirava piano, con dulceza,
cuntente che 'l fruscio li bagiava.
Passata la Furteza
se andava a la "Purtacia"
e da lass¨, quand'era la bonacia,
stavi in contemplaziˇ de 'na beleza
che se p˛ vede da Capudemonte
con quei riflessi d'oro a l'orizonte
del sole roscio che te salutava.
E quando drento al mare se fugava
faceva "nano" al Porto
e a Piaza de Panunzio, indove i fioli,
co' l' acqua giacia de la funtanela,
ce se sghizava. E se j facevi el torto
de chiude la canela,
jŔ!... la facevi bela!
dovevi fuge co' le toze e storto.
I pagni spasi nte 'na cordicela
te spisciolava gi¨ sopra la schina.
Quando faceva scuro
la luce smorta de qualche lampiˇ
'tacato lý ntel muro
te dava l'impressiˇ
che stavi pr'inciampÓ.
Da qualche porta streta e mez'operta,
surtiva el fume de la saraghina
mesa a fa a roste su la garbunela.
Co' l naso alora te metevi al'erta;
tiravi su, le sfroge se 'riciava
e te pareva giÓ de mastigÓ.
Qualche sbuzeto drento a 'na cantina,
'na canzuneta che po' era un dispeto
per tante fiole bele e inamurate.
Per˛ dal viguleto
echete la risposta co' un sturnelo.
"Fior de ginestra,
te piaceria? So a qui su la finestra,
vie' su che per bagiÓ so' 'na maestra".
E gi¨, 'na squaquarata
guasi rabita, ma pr˛ sconzulata.
Da le campane de Santa Maria
venývene i tocheti de la sera.
'Ncora el lumý davanti a la Madona
pareva di': Nun dighi 'na preghiera?
Ene ricordi fati de puesia
che te fa i graciuleti
e fane suspirÓ de nustalgia.
O giuvinezza, quanto me sei cara!
Sei 'na visiˇ rimasta cuscý chiara
come la luce che dÓ la lampara.
'Na lagrima me sbigia su la boca,
sento ch'Ŕ come el fiele,... quant'Ŕ amara!
Settembre 1968

Piero Pieroni - da "Se fa sera - Liriche e folklore"