Zuchero e fiele


GiÓ da un pezo le sciabole del Faro
taja la note a fete;
e mentre te t'indormi, loca loca,
sota un bers˛ de stele,
iu te salutu ...
Sapessi, stu salutu, quant'Ŕ amaro!...
Ogni volta un magˇ:
arivo col zuchero in boca,
riparto col fiele
mischiato cu' sputu!
Forse sarÓ perchÚ fra nialtri do'
Ŕ come se ce fosse in mezo un astigo:
un capo imbuletato a Porta Pia,
qul'altro inveruchiato intorno al core;
io m'alontano e l'astigo se stende,
se stende sempre pi¨,
ma el core, ch'Ŕ de cicia, se difende,
resiste un po' ... ma po'
viene scarpito via
e torna de rimbalzo a Porta Pia.
... Eca perchÚ
ogni ano me rivedi, Ancona mia:
ritorno a piÓme el core
restato a qui cun te.


Turno Schiavoni - da "Ancona: la sua poesia, la sua prosa"