El sintimento


- Me fai certe dumande a brugiapelo!...
Che 'l sintimento c', in te l'omo, c',
ma nun se trata miga d'un bigelo!
Eh! Come posso fa a spieg cus'?!
... un coso... no, cio... 'mb, famo conto
che semo a la Linterna: ... un bel tramonto.

El celo s' vestito a pogo a pogo
de veli rosa-palido, turchini,
culore de le rance, roscio-fogo...
che pare da ved tanti giardini
unu de fila al'altro, gi, gi, gi...
fino che l'ochio nun p vede pi.

'Nte l'aria c' qualcosa che te piace,
qualcosa ch'assomiglia a gnente e a tutu...
Un non so che de tremolo e de pace
che pare 'na careza cul velutu...
Mentre che l' mondo intiero, adagio adagio,
sembra che se distenda, straco, a giagio.

... Se avanti a 'stu spetaculu divinu
te senti i graciuleti in te la pla
e un rusighi' 'n tel gozo fino fino
come se te mancasse la favela:
segno che 'n tel sangue, lento lento,
te sbiglia quel che 'i dice Sintimento .

Se, al'incuntrario, gi pel gargalozo
senti un'arsura... 'na spece de lagna
che d'impruviso diventa la smagna
d'una purzi de tripa e un bel litrozo...
Alora... Alora, fiolo, dme mente:
beato te che nun capisci gnente...


Turno Schiavoni - da "Poesie in vernacolo anconitano"