'Na gocia d'inchiostro

 


 

Brila e riluce 'na gocia d'inchiostro
sopro un fojeto bianco come el late.
Forse Ŕ sgociata adesso dal canŔlo
a qualchiduno che non s˛ chi sia
e nun m'intressa manco de sapÚlo.
A ochio e croce fÓgo a mente el conto
de tute le parole
che c'Ŕ rimase drento;
de tute le parole
che nun Ŕ state scrite
con quela gocia nera che riluce;
de tute le parole, brute e bele,
costrete dal destino,
che el za perchÚ, a secasse piano piano...
Quanto me piacerýa,
se se pudesse, oprýla col curtelo
e smuginÓ un mumento
in quela gocia nera che riluce
per vede quel che c'Ŕ rimaso drento!
Un penziero inucente?
Una sciapata che nun dice gnente?
'Na cativeria? Un voto?
Una quaterna per giugÓla al loto?
'Na prumessa sincera? 'Na bugia?
Una parola che se scrita, avrýa
ridato la speranza e l'alegria
a un'anima che sofre e se dispera?
Ce srÓ drento el falzo?
Ce sarÓ drento el vero?
Ce sarÓ drento el gelo?
Ce sarÓ forse el fogo,
in quela gocia nera
che ormai se sta sciucando a pogo a pogo?
Nisciunu saprÓ mai la veritÓ.
Cascando dal canelo,
quela gocia d'inchiostro che riluce,
Ŕ diventata un scarabochio nero:
'na gocia de mistero.


Turno Schiavoni - da "Teatro - Raccolta di commedie e poesie in dialetto anconitano"