El giogo del'oca
(Dedicata all'Assessore al traffico)


Me pare, a gira' in machina p'r Ancona,
d'Ŕse tornato ancora piceni'
quanto in famiglia, lý, intorno el cami'
inzieme co' i frateli, mama e nona

che diceva, infratanto (1), la curona,
giogÓmi a l'oca. "Toca a te, cari'!"
Butavo i dadi e sopro el tavuli'
sul tabelo', contÓmi, un po' a la bona.

Al tale numbro: "fermo per un giro"
(Ŕ el semaforo roscio) e quanto, po'
ritoca a gioga' a me, de novo, tiro:

vago avanti ma p'r˛ 'rivo in t'un zito
che c'Ŕ un segno d'aresto (Ŕ el pizardo'
che me spalanca i braci, a lý, impÚtýto).

---

Riparto in quarta; ade' la strada Ŕ mia,
sorpaso i altri, credo d'ave' vinto
ma me ritrovo in mez'al "laberinto"
(sarýa in piaza RosŔli). N'Ŕ bugia:

da qui nu' sgapi manco si vie' zia!
Te trovi come drento a un gran recinto
co' strisce, frece, zebre; sai cunvinto
d'ave' cuntato be' ma Ŕ sempre lia,

la strada, che t'ingÓna co' i segnali
(che t'imbriÓga da quanti ce n'Ŕ
sia in tera che 'tacati in cim'a i pali).

C'Ŕ, in t'el giogo de l'oca, 'n'antro tiro:
te p˛le capita' (poreto te!)
che torni indietro e hai da ripete el giro

---

come sucede a chi dal Monumento
viene gio' pe'l Viale e in via GianŔli
nun po' gira' (gira pero'... i corbŔli!)
p'r anda' a la Galeria Risorgimento

(quela che el giorno Ŕ scura): Ŕ un gran turmento
girÓ dop'el Cumune e beli beli
spetÓ che pasa prima tuti queli
ch'Ŕne giÓ entrati in orbita; un mumento

e ancora fermo al "stop"; ma, digo, Ŕ lagni:
se volÚsi fermate un tantinŔlo
(vo', Asesore, metÚve drento i pagni

d'uno che ci-ha da fa' 'na cosa urgente,
'mposta' 'na letra - serve ancora quelo -):
o deve da' l'incarico a un parente

---

o mez'Ancona deve da girÓ
cunzumando benzina e gome e ojo
per pode' sgapa' fora da l'imbrojo
de rnachine e la sua ha da parchegia',

perchÚ benanche (2) gio' pe 'Corzo, va
in su e a l'ingio' qu'l vigile p''e sbrojo
del postegio (e rifila sempre el fojo
sot'el tergigrestÓlo) p˛si fa'

centinara de giri da per tuto
per trova' un buganŔlo
(3) acosto a un muro
o pel Corzo o nel vigolo pi¨ bruto

ma nun trovi un centimetro quadrato
indo' fermÓte un tantiný al sciguro
qualche mumento, fin'a quant'hai fato!

---

Epure de cartŔli a disco blÚ
che dice che divieto, c'Ŕ, de sosta,
ce n'Ŕ tanti, ma manco a fÓlo aposta
ferme, docento, machine, ce n'Ŕ

ma si per caso te ce fermi te
Ŕco che suridendo te s'acosta
el vigile: saluta e v˛, in risposta,
el nome e la patente. Ma perchÚ

ci-ha piantato un segnale per canto'
e retangoli giali da per tuto
"senzi vietati" ... solo pe'l minchio'...?

Questo Ŕ el giogo de l'oca, a qui in Ancona.
Sor Asesore, digo, reste' muto?
Ce v˛ 'na soluzio', digo, ma bona!

--------------

(1) Nel frattempo
(2) BenchÚ.
(3) Qui sta per piccolo spazio.


Mario Tomassi - da "Aria de mare"