Le MuseClica per turnÓ al'indice del Riguleto

di Bruno Frati

 

Ogni volta che passo per via Bonda, o per Via dela Logia, me trovo davanti a 'na staciunata, ce meto la testa de traverzo, ce guardo drento, e cusa te vedo?
Do cul˛ne de cemento armato, 'na cari˛la e 'n uperaio ... se c'Ŕ ...
Nun Ŕ da un giorno, ma dal quarantatrÚ, da quando ho meso mile lire pe' 'n matˇ, e tuto pieno de speranza, de rispeto, ho salvato in tel armadio el vestito scuro, el capoto nero, piegati ben bŔ, la bianca scialpetina, e meso tuto soto naftalina. Trentacinque ani Ŕne passati! dˇ generaziˇ, e me sa tanto che famo prima a andÓ drento ala tera cunsacrata del Pin˛chio, Tavernele o Pusatora, che a vede finito e sistemato stu TEATRO ...
S¨, autoritÓ! un po' d'amore pe' 'stu TEATRO che ce sta in tel c˛re!
Se no, ricurdeve, che scaparemo fora da qula buga, suneremo le trombe del giudizio, pÚ stapÓ le rechie ancora a chi nun ce sente.

 


clica per turnÓ al'indice