dala pena de Pieru Rumagnoli   

Intruduziˇ


 

Quant'ero fiolo mý padre me diceva sempre: "Studia la storia! PerchÚ, se te sai cum'Ŕ 'ndate le robe ntÚl passato, ce capisci mejo del perchÚ vÓne cuscý adŔ!"

De tante robe che m'ha dito mý padre, questa Ŕ una dele pi¨ giuste. Io j'ho dato tantu reta che nun zolo la storia la studiavo de gusto a scola, ma ho cuntinuato a studiÓla sempre 'ncora da grande.

Oh... guardÚ che io nun z˛ u' storigo de prufesiˇ... fago l'ingegnere 'letronigo, penzzÚ 'n po' vuialtri, 'n mestiere che cula storia c'entra pogo o gnente! Ma pr˛ ci˛ sempre 'vuto el palý de lŔge i libri e le riviste de storia.

Sicome ci˛ 'ncora el palý dela CitÓ ndˇ el Padreterno m'ha fatu nasce e diventÓ grande, che Ŕ senz'ombra de dubio la CitÓ pi¨ bela del mondo, Ŕ chiaro che la storia d'Ancona m'ha sempre 'nteressato na muchia!

La storia d'Ancona nun Ŕ semplice da studiÓ, ma questa nun Ŕ na bona ragiˇ per nun zapÚ gnente!

Nun Ŕ semplice da studiÓ pe' dˇ mutivi: primo, perchÚ Ŕ na storia molto... cume se p˛le dý?... molto "nascosta", senza colpi grossi, senza che sta CitÓ fosse mai capitale de gnente, a parte la regiˇ dele Marche creata dopo l'UnitÓ d'Itaglia; ma senza manco esse stati mai sotu a nisciuno, se famo 'ceziˇ pe'l periudo de' Stato Puntificio, ancora che c'era diverzi Papi che j ancunetani, che Ŕ sempre stata gente tignosa, se li vuleva tenÚ boni e ce rimpiva de rigali.

El zegondo mutivo perchÚ la storia de sta CitÓ nun Ŕ tanto cunusciuta dala gente, Ŕ che le cusidete "fonti", sopratuto pr'i periudi rumano e medievale, Ŕne poghe 'n bel po', perchÚ sta CitÓ, infrÓ le tante sfighe che ciÓ 'vuto, jŔ capitati ancora diverzi incendi ntÚle bibliuteghe e ntÚi archivi.

Sta facenda dele fonti che mancane ha fato diventÓ pi¨ dificile el compito d'i storighi de prufesiˇ, queli che ciane da studiÓ ste fonti antighe. Defati l'unigo che ce s'Ŕ messo a testa bassa a cercÓ de scrive na Storia Cumpleta d'Ancona Ŕ stato "Babilˇ ", uvero Mario Nataluci, che era un prete e preside de scola. GiÓ ntÚi Ani Cinquanta e Sessanta l¨ scriveva "La vita milenaria d'Ancona" che Ŕ n'opera che Ŕ diventata 'n po' 'ntiga pe' le idee che l¨ ciaveva (o, gente mia... era un prete, e ragiunava da prete!), ma per cum'Ŕ urganizato el libro resta sempre el mejo che c'Ŕ in circulaziˇ a distanza de quarant'ani! Po' c'Ŕne diverzi articuli interessanti che Ŕ stati messi inzieme ntÚi tre bei vulumi de "Ankon", libri che costane n'ochio dela testa ma che Ŕne fati bŔ 'n bel po'... fÚveli rigalÓ pe' st'altru Natale!

Ma el mutivo vero perchÚ la storia d'Ancona drento ala zzoca de tanta gente ancora nun c'Ŕ entrata, dimo la veritÓ, Ŕ che sta CitÓ ciÓ 'vuto sempre na carateristica cumerciale e mercantile.

In poghe parole, j Ancunetani Ŕne stati sempre bravi a fÓ i quadrini, ma je n'Ŕ sempre fregato pogo de studiÓ le urigini sue. Forze sta tendenza ntÚ sti ultimi ani sta gambiando, e Ancona, grazie 'ncora a qualche scelta induvinata dela Gionta Cumunale, sta 'ncuminciando a interessÓ la gente a robe che fino a poghi ani fa era cunziderate argumenti boni solo pr'i studiosi.

Speramo che sta crescita inteletuale cuntinui, e che 'n cuntributo picený a sta crescita arivi ancora da sta fadiga mia... che nun Ŕ na fadiga, ma Ŕ 'n piacere! El vernaculo v˛le dý tradiziˇ; tradiziˇ v˛le dý memoria; memoria v˛le dý storia! RicurdÚve, gente mia, che chi nun ciÓ memoria, nun ciÓ manco futuro. E invece st'AnconaNostra se merita 'n futuro cui fiochi!!!

Pieru Rumagnoli


 Se voi scrive a Piero clica sula busta