dala pena de Pieru Rumagnoli   

4.   L'eroica resistenza a Federigo Barbaroscia


 

El Libero Cumune d'Ancona nasce supergi nt stessu periudo de furmazi d'i pi famosi Liberi Cumuni del Nord Itaglia, ciu tra fine seculo XI e inizio seculo XII. Nun c' uviamente na data de nascita precisa, ma i primi ducumenti che ne parla rislene al 1128: c' na carta del Munastero de Santa Maria dele Isule Tremiti nd c' scrito che i monaci e i marinai al zervizio d'i monaci, tute le volte che vurne sbarc ntl porto d'Ancona, duvrne pag aj esatori un pranzo e d peze de furmagio (!!!). Stu ducumento, che a d la verit fa 'n po' ride - penzz ale straneze dela Storia: na carta de nisciun valore cun su scrite d sciapate se mantiene pr guasi mile ani, e grazie a sta carta che j storighi scrivene la storia! - firmato dai Cnzuli d'Ancona, che parene che duvevane esse oto. Eca, el cnzule na cariga nova, tipiga d'i Cumuni. I cnzuli erene i rapresentanti dele varie categurie suciali: era n'esperimento d'auto-guverno straurdinario che int tuta l'Itaglia del Norde ha vuluto d na fase de prugresso enorme. Vuleva d che in Ancona s'erene liberati de signori e signuroti vari (che a d la verit, da niantri nun avevane mai 'tacato tanto...) e che i rapresentanti d'i cumercianti e d'i lavuratori s'erene mesi inzieme pe' mand avanti la Cit. A capo d'i oto cnzuli c'era el Vescuvo, che faceva da tramite cul'Imperatore.

Pe'l Libero Cumune d'Ancona el zzeculo XII un zzeculo de gloria. Int stu seculo, Ancona duvr da sub tre assedi da parte del'Imperatore todesco, e da tuti e tre ne uscir fri ala grande, senza mai fasse mte soto e dimustrando de che pasta rimi fati.

El primo de sti assedi stato ntl 1137 e ce l'ha fato l'Imperatore Lotario III. De st'assedio se sa molto de meno rispeto aj altri d (si vul sap qualcosina de pi, ve cunzijo el libro de' studioso todesco, Joachim Felix Leonhardt: Ancona ntl Basso Mediuevo: st atenti, ma pr, che nun un libro facile da lge...). L'Imperatore stava andando in bass'Itaglia pr'una dele solite grane cui Nurmani, e Ancona j deve av chiuso le porte ntla facia - cosa che capitava 'bastanza spesso cui vari Cumuni. L se l'era presa a male e aveva cuminciato l'assedio. St'assedio fenito da solo senza che nisciuna dele d parti duvesse rinunci a qualcosa - ancora questa era na roba che capitava 'bastanza spesso, nun penzz che andava sempre a fen cu' 'n macelo! - perch ala fine l'Imperatore e j Ancunetani s' mesi d'acordo. Se vede che l nun ciaveva tanto tempo da prde, e a niantri nun c' parzo vero da pud salv la facia e cavcela senza dni. J Ancunetani ha dato qualche nave al'Imperatore in apogio ala guera sua cui Nurmani... Inzzoma, sta pace ce la semo cumprata, ma cumunque sia nun ce semo fati mte soto!

Ancona d el cuntributo suo ancora ala Segonda Cruciata, sempre sotu forma de navi. Cumandati da Rudolfo Tumasi, discendente de quj altri Tumasi che erene andati ala Prima Cruciata, j Ancunetani ntl 1147 scortane cule navi de loro j eserciti del'Imperatore Curado III e del re de Francia Luigi VII.

Sta Cit sta a cresce d'impurtanza e de prestigio. St a sent cusa dice de niantri el geografo arabo Endrisi (j Arabi ntla giugrafia a qui tempi ce dava diverzi punti!). Dice: Ancona una delle metropoli del mondo cristiano. Forzze stava a esager...

Cume sempre, quelo che dava impurtanza ala Cit era el cumercio via mare. El Padreterno ci fato el favore da piazce int'una bela pusizi a met del mare Adriatigo, ma ci dato ancora la disgrazia da duv divde stu mare cun'inquilino scomodo 'n bel po': Venezia! In tute le epughe, le furtune d'Ancona sar limitate da quele de Venezia, in tuti i tempi i Nostri s' duvuti cuntent e lasci ai veneziani la parte del le. Si ve duvesse capit da guard na carta giugrafiga del Cinquecento o del Seicento, vedar che el mare Adriatigo el chiamane Golfo de Venezia, e questo la dice longa su chi cumandava da un punto de vista cumerciale. Verzo la met del zzeculo XII le d cit se fne tuta na serie de dispeti, alternati a tratati nd se prumete amicizia e fratelanza.

Ma pr, si da na parte ciavmi da cumbte cui Veneziani, dal'altra c'mi ancora qualche amigo impurtante! Parlamo del'Imperatore d'Uriente: l'mo lasciato che era stato sbatuto fri dal'Itaglia. Pr'un bel pezo ciaveva avuto da cumbte cul'Islame - che purtropo, ala fine de tuto, sar propio la forza che li schianter in modo definitivo, ma questo suceder molto pi tardi -  ma ad c' la dinastia dei Comneni, che ne Imperatori tosti na muchia, che soto de loro Bisanzio ha ritruvato 'n periudo de grande putenza e splendore. Facendose d na bela m ancora dai Cruciati, sti Comneni mena ai Turchi e se ple ricuncentr sul'Itaglia. Solu che era n'afare 'n po' pi cumplicato de cume se presentava ai tempi de Giustini, sei seculi prima: alora c'era da cumbte solo cui Goti, ad c'era l'Impero d'Ucidente che s'era putenziato na muchia; c'era Venezia che era venuta su da gnente ma era diventata el padr del'Adriatigo. E per fen c'era ancora i Nurmani, al sud, che sempre stati n'osso duro per tuti. N'impresa de gnente! E pr'avce na bona base in Itaglia, chi c'era mejo d'Ancona? Nisciuno! Tant' vero che c' stato u' storigo bizantino de qul'epuga che ha definito Ancona Il porto d'Italia (dichiarazi che fa el paro cun quela de qul giografo arabo ch'mo dito prima).

Quantu te cii pi de un nemigo da cumbte, la Storia inzegna che la mejo strategia quela da cumbtene uno per volta. Prima te devi da mte d'acordo cun'antro nemigo pe' f fri el pi debule. L'Imperatore de Bisanzio ciaveva ancora l sta strategia ntla zzoca, e Ancona int sta strategia ce cascava propiu b. Quantu l'Imperatore d'Ucidente - el famosissimo Federigo Barbaroscia - cumincia a penzz de cal in Itaglia (sto penziero 'n chiodo fisso d'i Imperatori todeschi!) pe' d quatru bastunate ai Nurmani, l'altro Imperatore se f pi dal murb perch nun vle esse lasciato fri dai gioghi, e cure in Ancona pe' cerc da mtese d'acordo cul Barbaroscia.  Federigo intanto, in Itaglia ciaveva da f 'n bel po' perch nun c'era solo i Nurmani che j dava fastidio. Cume se studia da fjoli, c'era i Cumuni del Nord Itaglia che s'erene mesi inzieme (la Lega Lumbarda, gente mia: quela sc che era na roba seria, miga le pajaciate de Bossi!) e nu' j vulevane d pi rta. Propiu per d adosso ai Cumuni, Federigo era venuto in Itaglia int'uno d'i tanti viagi sui, ntl 1154, e nun ze riusciva a decde si era el caso o no de cal gi, gi che c'era,  fino in Meridi pr'afrunt i Nurmani. Manuele Comneno, Imperatore d'Uriente, vle prufit pe' mtese d'acordo cun l, tramite d ambasciatori de peso, Giovanni Dukas e Michele Paleologo. Inzieme a sti d greghi c'era ancora un Itagliano, Alessandro Gravina: sti tre arivane in Ancona e l ricevene in pompa magna a Federigo. Vulevane urganiz tuti inzieme na spedizi in Puglia, nd certi baroni s'erene ribelati al re nurmano Guglielmo: questa pudeva esse l'ucasi bona pe' d na bela rasagnulata ai Nurmani! Duv sap che una dele forze d'i Bizantini era la diplumazia: ciavevane tuta n'urganizazi d'ambasciatori dapertuto, che nun badavane a spese. Cume ariva Federigo, questi j se f avanti cu' regali da favola, e j vulevane ancora f spus na principessa grega! El Barbaroscia a mumenti ce stava, solo ma pr che i baroni sui da qula rechia nun ce sentiva. Era 'n bel pezo che stavane in Itaglia e ciavevane voja d'arturn su in Germania a bve la bira. Aqu l'Imperatore d'Uriente fa l'erore da prusegu da solo visto che Federigo era andato via:  se prepara na flota, la manda gi in Puglia, pareva ancora che le robe al'inizio andava b, e invece ala fine qui diauli de Nurmani vncene loro.

Era testardo, ma pr,  sto Manuele Comneno, e nun se vuleva mteva el cre in pace. Solo che stavolta aveva fato a cagnara cul Barbaroscia e nun pudeva cunt pi su st'aleato. Comneno manda in Ancona n'antro ambasciatore, Alessio Axuch, cul'incarigo da vde si ce se pudeva mte d'acordo cui Nurmani, e stavolta contro a Barbaroscia. Si nun altro avevane capito, i Bizantini, che cui Nurmani c'era pogo da f, e alora tanto valeva gambi tatiga e cerc de strap via al'Imperatore d'Ucidente le tere de Ravena e d'Ancona che na volta erene bizantine. Aj Ancunetani sto prugeto da na parte j piaceva, perch vuleva d na bela batosta pe' Venezia, ma l'idea da mtese contro a Barbaroscia nu j sfagiolava pi de tanto, e cusc ai Greghi j'hne fato cap che erene sempre amighi, ma che si loro se spetavane che Ancona se metesse contro ai todeschi se sbajavane de grosso. Solo che Barbaroscia era gi talmente incachiato - l cel'aveva soprotuto cui Cumuni del norde! -  che era calato gi in Itaglia n'antra volta ntl 1158. Pe' f cap che faceva sul zzerio, Barbaroscia se fa precde da d cagnaci che erene aj ordini sui, el Canceliere Rainaldo Dassel e el conte Ut de Wittelsbach, che ciavevane l'incarigo da f sbass le rechie sia ai Cumuni del Norde che ai Bizantini che s'erene infiltrati da Ravena fino in Ancona.

A Ravena, i Bizantini fne na roba che j capitava spesso de f, ciu quantu se 'corgevane che erene pi debuli, loro metva le m ntla sacocia e tirava fri l'oro. I Todeschi guantane su i quadrini e vne verzo Ancona. J Ancunetani, che nun erene d'i cagasoto, cunfermane la fedelt a Bisanzio e se rifiutane da ricve sti d mazacristi, ma pr intanto cumincia a chide aiuto al'Imperatore perch capiscene che nun plene tir tropu la corda. L' imperatore risponde, e manda na delegazi ntl'acampamento d'i todeschi, che duveva esse dale parti de Palumbina, cule solite uferte d'oro. I todeschi ancora stavolta arcoje su i quadrini, ma pr j stapane le rechie ai greghi e j dicene chiaro da nun pruvace pi a fa i spiritosi, e aj Ancunetani j fa f 'n bel giuramento de fedelt pe' faje cap per b chi cumanda. Cusc, ancora stavolta, Ancona se la cava.  

St a sent sta sturiela che ce raconta u' storigo bizantino: l'Imperatore richiama a Bisanzio l'ambasciatore Alessio, ma j Ancunetani nun vle, perch se sntene lasciati soli. Alora l'ambasciatore cunzegna aj Ancunetani na cassa e j dice che piena d'argento, po' va via. Quantu j Ancunetani f pr'oprila, nun scoprene che invece del'argento drento c'era i brecci? Cume se ple vde, prima o poi, qualcuno pi furbo de te, l'incontri sempre!

A Barbaroscia, i Cumuni lumbardi stavolta j'avevane fatu propiu gir le scatule per b, e alora s'era incativito: distruge Milano de bruto e artorna su in Germania che, pureto, ancora l miga stavane boni, e cume l girava la facia dal'altra parte j se ribelavane tuti contro. In Itaglia ad in tanti che cel'hne cun l: primo fra tuti el Papa Alessandro III (cul che d el nome ala cit de Alessandria in Piemonte, fundata propiu a qul'epuga), po' i Cumuni, Venezia e ancora i Nurmani. Sempre pi incachiato, Barbaroscia ntl 1167 aricala gi in Itaglia cul'idea da gambi el Papa cu' n'Antipapa de scelta sua. Al fianco suo c' sempre el fedelissimo Rainaldo Dassel, e po' c' n'antro gastigo de Dio, n'omo che j Ancunetani pi tardi duvrane cumbtece fino in fondo: l'Arcivescuvo Cristi de Magonza. Stavolta i todeschi fne propiu sul zzerio: mentre Rainaldo e Cristiano vne verzo Roma, Barbaroscia in perzzona decide da d na bela lezi aj  Ancunetani e, 'cumpagnato dal'Imperatrice Beatrice de Burgogna, pija e pianta le tende davanti a Ancona: el zegondo assedio.

E' andata b ancora stavolta: dopu apena tre setimane, Cristiano e Rainaldo dumandane a Barbaroscia da lasci prde Ancona e sbrigasse a ven a Roma pe' dje na m. L'Imperatore capisce, chiede aj Ancunetani sia quadrini che ustagi, li pija e va via.

Intanto, Venezia e Ancona nun perdvane ucasi pr fasse dispeti. C' stata na volta che i Veneziani hne chiapato a cinque galee d'Ancona tute int'una volta, l'hne purtate a Venezia e ai d cumandanti l'hne mazati davanti a tuti cula scusa che erene pirati. Bisanzio ma pr stava dala parte nostra e ai veneziani propiu nu li pudeva sufr.

Ce stamo a prepar, gente mia, a quelo che el mumento pi eroico de tuta la storia nostra, n'episodio che pudemo and fieri davanti a tut'Itaglia: el terzo assedio, quelo pi tremendo de tuti, ntl 1173. Na volta tanto, j storighi stati furtunati perch c' Boncumpagno da Signa che na trentina d'ani dopu l'assedio ci avuto l'incarigo dal Pudest d'Ancona de scrive na storia de sti fati gluriosi. Certo, nun na storia, cume se ple d? rigurosa, perch el libro nasceva cul'intenzi de celebr la gloria d'Ancona, ma el Liber de Obsidione Anconae (che in latino vle d Libro sull'assedio d'Ancona) se ple lge b ancora ai tempi nostri: andlo a cumpr in libreria, che ce n' in giro na verzi rimudernata in itagliano.     

Alora... dmo inanzituto che era morto el Canceliere Rainaldo Dassel, e che al posto suo ce s'era meso un Canceliere pi cativo ancora, Cristiano di Buch. St'omo ce l'aveva 'n bel po' cun Ancona e nu j perdunava l'amicizia cui bizantini. Cala gi in Itaglia inzieme a Cristiano de Magonza e se mte d'acordo cui Veneziani che nun da d che era papa e cicia cul'Imperatore, perch ancora loro s'era mesi ntla Lega Lumbarda. Ma tanta era la rabia che ciavevane cuj Ancunetani e cui Bizantini, che stavolta avevane deciso da mtese cui Todeschi. Oltro ai Todeschi e ai Veneziani ce s'era mesi ancora qui culiroti d'i Usimani che, dice b Boncumpagno, stavano sempre ai calcagni degli Anconitani. Stavolta butava male 'n bel po'. L'idea de Cristiano de Magonza era che de fronte a tuto sto sfragelo de gente, j Ancunetani se sariane aresi senza manco pruvace a resiste: cume se sbajava! Gi qul'ano c'era pogo da magn perch i racolti nun era andati tantu b, metce ancora che i Veneziani aveva fato un blocu cule navi, e capir che nun c'era da st alegri. La prima mossa dej Ancunetani stata da mand n'imbasciata a Cristiano a sent si j stava b a pij 'n po' de quadrini e and via: Cristiano j s' meso a rde davanti a tuti dicendo che stavolta aveva deciso da fla fenita.

Quantu ve capita d'and pela sala del Cunzijo Cumunale, nun pudar nun vde un quadro enorme, dipinto dal pitore nostro  Francesco Pudesti, e che se chiama El Giuramento d'i Ancunetani" (qui a sinistra).

Mb, int qul quadro i prutagunisti de sta storia c' tuti: pr'esempio c' un vechieto mezo cgo che parla ala gente: j sta a d che l j assedi l'aveva visti tuti fino dai tempi de Lutario III, anzi era stato ancora Cnzule.  Dice: O ancunetani, mejo a mur piutosto che avece el disunore da vde la Cit nostra distruta!  Certo che a discre cusc, quantu cii guasi cent'ani e nun c' rimasto tanto da camp, n' fadiga...

J Ancunetani capisce che da soli nu j la farne mai a sfang st'assedio e alora decidene da mand tre nobili  a chiede ajuto a Guglielmo Marchesela, Signore de Ferara, che j d rta e anzi j cunzija de chiede ajuto ancora ala Cuntessa Aldruda Frangipani de Bertinoro, che el cielo li possa bened a tuti d. Ma a mte in piedi n'esercito nun era na roba che se ple f da ogi a dum, e quindi tucava aspet. Solo che in Cit nun c'era pi gnente da magn. I muli, i cavali, i sumari gi l'avevane magnati da 'n pezo, dopu cuminciane a magnasse i cani e i gati, ala fine toca magnasse ancora le pentegane, po' c'armane le urtighe de mare che te faceva ven i brugiori de panzza. Boncumpagno da Siena aqu se sbizarisce, e raconta che le dne d'Ancona nun ciavevane pi manco na gocia de late pr'i fjoli piculi, e erene arivate a ufr el zzangue de loro da magn aj fjoli. Drento la Cit c'era ancora l'ambasciatore bizantino che prumeteva aj Ancunetani che si tenevane duru ala fine l'Imperatore j avria ripagato tute le spese, ma la verit che ciaveva na fifa boja da fen l ntle m d'i Todeschi.

I Todeschi, quantu vdene che j Ancunetani nun s'arendene, prova ancora a atac, ma i Nostri, 'ncora che nun ce vedevane dala fame, esce fri dale mura e cumbatene cume leoni. Ce se mte ancora i Veneziani, che riscene a entr in Citt, ma i Nostri se 'corgene, e un po' ne chiapa e n'antro po' ne buta in mare.

nt stu mumento che sucede el famusissimo episodio de Stamira: st'eruina legendaria, a dimustrazi che le dne d'Ancona le mejo de tute, era in mezo a na mischia che s'era acesa: c'era n'Ancunet che aveva preparato na specie de bomba cu' na bote piena de pece da dje fgo, ma nun ciaveva curagio de 'cende el cer perch sta bote era fenita propiu nd se cumbateva. Ariva Stamira che cul curagio da le che ciaveva, chiapa n'aceta, spaca in d la bote e j d fgo. Sucede el finimondo e pijane fgo ancora le machine da guera d'i nemighi.

E cusa duvemo d, alora, de qul prete che pija e se buta in mare in mezo ale londe int'un giorno de burasca e va a taj cul'aceta le gumene de na nave veneziana che se va a schiant suj scoj?

Certo che el dvene av pagatu b Boncumpagno da Signa pe' faje scrve de tuti sti episodi da eroi. L ce sapeva f, e cusc venuto fri un bel libro che trasforma un nurmale episodio de resistenza int'una legenda meravijosa! Ma niantri, che storighi nun semo, ma semo solo ancunetani e fieri da sselo, ce piace a turn su ste bele storie ancora si nun se sa si vere.

N'antro episodio sugestivo quelo del'arivo d'i suldati de Aldruda Frangipani e del Zzignore de Ferara in ajuto aj Ancunetani. Duvevane esse quatro gati in croce, ma pr era gente sveja, e cine avuto n'idea brilante: quela da ariv de note e da mte in cima a ogni lancia, invece de na linterna, d linterne! Cusc parevane el dopio! Qul sciapigoto del Canceliere todesco c' cascato in pieno, ha pijato striza e fugito via. Nun ve digo cusa ple esse sucesso quanto i liberatori entrati in Ancona! L'Imperatore de Bisanzio, ad che le cose andate a fen b, fa el grosso ancora l (....ma nd stava durante l'assedio ?): elogia j Ancunetani pel curagio che hne dimustrato e j prumete na muchia de quadrini.

Ad famo basta cui triunfalismi e cercamo d'inquadr st'assedio d'Ancona ntla questi generale dela lota d'i Cumuni itagliani contro a Barbaroscia. Ten presente che la famosa bataja de Legnano, quela che se studia da fjoli cul Carocio e cul curagio de Alberto da Giussano, del'anu dopu, ciu el 1174. Pel Papa Alessandro che stava dala parte d'i Cumuni, 'n trionfo, pe' Cristiano de Magonza e pel'Imperatore n'umigliazi. Tre ani dopu, Federigo Barbaroscia decide da lasci prde e firma cul Papa la famosa Pace de Venezia.

J Ancunetani usciti b da sta storia, ma presto se 'corgene che rimasti soli, perch l'Imperatore d'Uriente gambia strategia e lascia prde  l'ambizi che ciaveva da cumand in Itaglia centrale. E cusc niantri ce ritruvamo a cumbte cume sempre contro Venezia. Erene guere cumerciali, no militari, ma nun c' gnente da f: Venezia urmai sul'Adriatigo cumanda lia.


 Se voi scrive a Piero clica sula busta