dala pena de Pieru Rumagnoli   

 

11.  Ariva Napuliˇ

 


Questa Ŕ la storia d'uno d'i periudi pi¨ muvimentati dela citÓ nostra. C'era stati ntÚl passato episodi gluriosi, cume la resistenza a Barabroscia o la distruziˇ dela Roca de San Cataldo, ma questo nun Ŕ 'n periudo de gloria, Ŕ 'n periudo de prugresso! De periudi muvimentati dopu de questo ne capiterÓ ancora, ma questo Ŕ 'l primo, el pi¨ impurtante de tuti, perchÚ Ŕ 'l mumento che la mudernitÓ bussa ntÚla porta d'Ancona... e la CittÓ le porte jÚ le spalanca!

Emo chiuso el Zzetecento 'n po' in zzurdina, cula pruvincia ndˇ nun sucede mai gnente, giusto 'n pugheto de rinuvamento edilizio e qualche vantagio 'cunomigo purtato dal porto franco. La presa dela Bastija Ŕ del 1789: nialtri a qul'epuga stÓmi a custruý Porta Pia, intanto che i nobili se divertiva fra na festa e 'n'antra, i pureti faceva fadiga a mÚte inzieme el pranzo cula cena, e ntÚle campagne andava in giro i briganti.. E' Stato Puntificio, rispeto a' sfragelo che sta a sucŔde in Francia, pare 'n antro pianeta. In Alta Itaglia era diverzzo, e le idee nove purtate daj Iluministi se faceva strada fra i circoli d'j inteletuali milanesi. Da nialtri, no. El massimo dela cuntestaziˇ che ce pudeva Ŕsse in Ancona era le logge massoniche, che giÓ quele el Papa le vedeva com'el fumu ntÚi ochi. C'era ancora qualche eclesiastigo iluminato - na minuranza da fÓ rýde i poli! - che in nome de qula curente de penziero che pijava el nome de giansenismo, meteva in discussiˇ l'uturitÓ e l'aretrateza del guverno papalino.

E po' c'era j Abrei. Sta grande minuranza ancunetana, sempre custreta ntÚl gheto dala pulitiga miupe e bachetona del clero, ciaveva na forza d'idee e de ribeliˇ che la farÓne esse al centro del'atenziˇ intÚ qul breve periudo ndˇ Ancona pijerÓ fogo cume la paja, al vento dela libertÓ.

Nun era na situaziˇ da stÓ alegri: el populo nun ciaveva nÚ la forza nÚ la vuluntÓ de ribelasse; la nubiltÓ era tuta dala parte d'i preti; i burghesi penzzava solo a fÓ i quadrini. Solo 'n grupeto d'inteletuali e d'Abrei era pronti a 'coje a bracia aperte le idee nove. Ma era la prima volta. Nun ce saria stato el Risurgimento si prima nun veniva Napuliˇ, nun ze saria mai puduta fÓ l'Itaglia senza la Rivuluziˇ Francese. E ancora tante idee nove che ariverane ntÚla segonda parte de qul zzeculo fantastigo che Ŕ stato l'Utucento, tante parole bele che darÓne ale masse la speranza: libertÓ, ripublica, sucialismo, anarchia... tute ste parole nun ze sariane mai intese a dý senza 'l zzeme dela Rivuluziˇ e i suldati de Napuliˇ che l'ha sparzzo in giro.

Napuliˇ cala giˇ pe' la prima volta in Itaglia ntÚla primavera del 1796. Pe' le armate francesi Ŕ pogo pi¨ de na passegiata: guasi senza sparÓ, al 15 magio entra a Milano, po' punta sul'Emiglia ndˇ i vari granduchi f¨gene via terurizati. AdŔ toca al Papa, che se trova custreto a firmÓ in freta e furia 'n armistizio a Bulogna, che prevedeva che Napuliˇ pudesse entrÓ in Ancona e ucupÓ la Citadela cun tute le armi che c'era drento.

Ve lascio imaginÓ, sta nutizia che efeto ce pˇle avÚ avuto sule uturitÓ citadine e sui nobili. Pe' na nuvitÓ cuscý grossa, valeva la pena da scumudÓ ancora la Madunina del Domo! E aquý uprimo na parentesi, una dele tante predighe anticlericali che ve duvÚ supurtÓ si ciavÚ voja da lŔge la storia cume la raconto io (e si nun ciavÚ voja, andÚve a lŔge qualcus'altro!). La Madona del Domo de San Ceriago Ŕ na Madona seria: Lia nun ze presta tanto facile a fÓ i miraculi. Tant'Ŕ vero che al tempo del "periculo roscio" dele elezioni del dopuguera, quantu i preti erene scesi in campo in pompa magna e nun c'era galina che nun faceva j ovi cul'ostia disegnata sopro o Madunina che piagneva o sanguinava, la Nostra Ŕ rimasta bona e zzita. C'Ŕ stata na volta sola che la Madona del Domo ha inteso el bisogno da scŔnde in campo ancora Lia, e qula volta Ŕ stato quantu arivava Napuliˇ. El che la dice longa su che sfragŔlo pol'esse stato pr'Ancona qul periudo! Nobili, preti e populo pegurˇ erene tuti radunati al Domo a pregÓ, che Lia cumincia a smˇve j ochi: miraculo! miraculo! Era el 25 giugno 1796.

Ma ai Francesi de ste robe jÚ ne fregava pogo, e 3 giorni dopu ariva in Ancona dˇ cumissari de Napuliˇ che vÓne a visitÓ la Citadela, discˇre 'n atimý cul Guvernatore Monzignor Campanari, e pijane e ripÓrtene via el giornu stesso: nun era gente che ciaveva voja da pŔrde tempo.

PrÚ qualche mese, nun sucŔde pi¨ gnente. Napuliˇ mandava messagi de pace al Papa dicendo che l¨ nun ciaveva gnente contro ala religiˇ, ma el Papa nun ze fidava, e sopratuto sperava che j Ustriaghi el venisse a difŔnde, cosa che invece qula volta nun Ŕ sucessa. Piano piano le relaziˇ diplumatighe tra la Santa Sede e la Francia se ruvina e ognuno acusa qul'altro da nun rispetÓ i pati del'armistizio de Bulogna.

A genaro del 1797 la situaziˇ precipita. El Papa ce prova a urganizÓ na specie de resistenza armata, ma l'esercito suu faceva rýde i poli e Napuliˇ in quatro e quatr'oto viŔ giˇ da Bulogna e una dietro l'altra, cume i birili, pija Faenza, Furlý, Cesena e Rimini. L'ubietivo finale Ŕ Ancona: i Francesi senza fadiga ariva a Pesaro, Fano e Senigaja. El 7 febraro, Napuliˇ, che ciaveva el quartier generale a Pesaro, ordina al'esercito suu de pijÓ Ancona.

In citÓ nun trovane mejo da fÓ che pijÓssela cuj Abrei, acusati (l'unica volta che l'acusa ciaveva senzo) da stÓ dala parte d'i Francesi. El giorno dopu, i Francesi arivane ala Montagnola e j uficiali puntifici s'arende subito. Le uturitÓ eclesiastighe dÓne u' spetaculo vergugnoso, fugendo tute a Lureto, e cuscý i Francesi se mÚtene comudi drento ala Citadela pratigamente senza avÚ sparato 'n colpu. I preti mÓndane na cumissiˇ a invucÓ clemenza ai Francesi, che molto inteligentemente dÓne l'ordine ala trupa d'evitÓ el zzachegio d'Ancona.

La prima roba che fÓne i Francesi na volta drento ala Citadela, Ŕ arestÓ i suldati puntifici che c'erene prima. Po' vÓne ala ricerca dele armi, e scˇprene che c'era d'i cassoni de fucili novi novi mandati giˇ daj Ustriaghi: uviamente li pijane loro. GiÓ che c'erene, fregane ancora i quadrini che c'era al Monte de PietÓ e ala Dugana.

Napuliˇ sona le trombe e presenta la cunquista d'Ancona in pompa magna, cume se fusse stata chissÓ quale impresa militare, e invece era stata na passegiata. Ancona era impurtante per l¨, perchÚ era l'unico porto serio del'Adriatigo, oltro a Venezia, che proprio intÚ qul periudo ce stava a mÚte sopro le zzampe, metendo fine ala gluriosa ripublica de San Marco.

╚ divertente, a distanza de dˇ seculi, a rilŔge le dichiaraziˇ d'i Francesi da na parte e d'i papalini da qul'altra, riguardo al cumpurtamento dela pupulaziˇ d'Ancona al'arivo dei Francesi. StÚ a sentý:

Francesi: "Al primo sentimento di freddezza, che causˇ l'entrata di un'armata nemica, Ŕ succeduta la gioia di essere liberati dal pi¨ ridicolo dei governi"

Papalini: "Nemmeno uno vi fu, che facesse evviva ai Francesi; poichÚ tutti erano, a costo della vita, fedeli al Papa!"

FÚ andÓ el cervŔlo, gente mia, quantu ve lŔgene ala televisiˇ i pruclami de qui dˇ mati scatenati de Bushe e de Sadame Usein, e penzzÚ che ste robe Ŕ sucesse, pare pare, ancora ntÚla citÓ nostra, e cuntinuane a sucŔde da che mondo e mondo!

Al dieci de febraro, Napuliˇ in perzzona ariva in Ancona. Aveva urganizato le robe cun discreziˇ, perchÚ ciaveva solo na trentina de perzzone al zzeguito. Per primo, convuca el Vicario e jÚ dice che l¨ nun vuleva dÓ fastidio a nisciuno e che rispetava ala religiˇ catolica. JÚ dispiaceva che el vescuvo era fugito e nun era manco tanto cuntento del fato che i preti aveva pruvato a inganÓ la gente cula fandonia dela Madunina del Domo che smoveva j ochi. A ogni bon conto, sel fa purtÓ, stu quadro dela Madona, dopudechÚ cumanda da armÚtelo al posto suu senza fÓ pi¨ l'espusiziˇ al populo. Pareva parole ispirate al bonzenzzo.

La segonda roba che fa Napuliˇ, Ŕ de ricreÓ echese-novo l'uturitÓ citadina, metendoce perzzone de pruvata fede rivuluzionaria. Nasce alora el Cunzijo dela MunicipalitÓ, e a capo ce viŔ messo el nobile (d'idee rivuluzionarie ma pr˛) Muzio Toriglioni. Po' afida el cumando dela Citadela al generale La Salcette, e suprime el Tribunale del Sant'Uffizio. E ala fine, per guadambiÓ el favore del populo, dÓ ordine da distribuý a gratise i pegni del Monte de PietÓ (... bel gesto davero, dopu che i Francesi s'erene fregati i quadrini!).

El passo seguente dela strategia de Napuliˇ era de fÓ 'n antro armistizio cul Papa, che tenesse conto del fatu cumpiuto. St'acordo se firma a Tulentý, e diceva che 'l Papa cedeva ala Francia Avignˇ (che era sempre armasta sotu al Papa e mai sotu ala Francia fin dal Trecento), Bulogna e Ferara. E Ancona? Ancona restava na citÓ ucupata finchÚ nun ze fosse ragiunto 'n armistizio a livelo urupeo. In pratiga, vuleva dý che Napuliˇ ciaveva bisogno de guadambiÓ tempo. L¨ penzzava ala Grecia e pe' stu disegno Ancona jÚ pudeva fÓ comodo 'n bel po'. Ala fine, Napuliˇ manco ce va, a Roma, e torna indietro passando 'n'antra volta pr'Ancona, ndˇ fa sapÚ a tuti i risultati dej acordi che aveva pijato cul Papa.

Via Napuliˇ, in Ancona ce resta la gionta nova a cercÓ da mandÓ avanti la baraca. Pare - dimo pare perchÚ la ducumentaziˇ che c'Ŕ Ŕ de parte - che nun z'Ŕ cumpurtati male. L'ordine publico Ŕ stato garantito de sciguro, e po' se faceva 'n gran parlÓ, e questo Ŕ ovio, d'i novi principi rivuluzionari e dele idee de LibertÚ, EgalitÚ, FraternitÚ che a forzza da prunucialle rischiava de svutasse del zzignificato reale. Cume se studia a scola, era gambiato 'ncora el galendario e invece de genaro, febraro, ecc... c'erene piuvoso, ventoso e tute st'altre sciapate.

Quel che era preucupante, era che i Francesi da na parte purtavane le idee nove, ma da qul'altra parte se purtavane via i quadrini! ╚ 'n fenomeno questo, che in Itaglia nun ha risparmiato a nisciuno, e tanto meno Ancona che, cuscý de bot'e chiopo, aveva duvuto pagÓ 400.000 lire francesi, e po', quantu Napuliˇ c'era ripassato de ritorno da Tulentý, s'era inventato ancora 'n'antra tassa nova.

Cume ce se pˇle imaginÓ, intÚ qui tempi rivuluzionari, j animi pijava fˇgo facile. In Ancona, al 23 febraro 1707, se tira su l'albero dela libertÓ (scý, propiu quelo che sta ntÚl dedietro dele munete da 1 e da 2 euro francesi!). El zzimbulo dela Rivuluziˇ viŔ piantato davanti al Palazo d'j Anziani. Ene abuliti i tituli nubigliari, e viŔ scalpelati via dai palazi publici e privati i stemmi dele famije patrizie e queli papalini. Ancora la statua de qul pureto de Clemente XII, quela che c'Ŕ adŔ in Piaza del Papa e che si c'era unu che propiu nun c'entrava gnente era l¨, viŔ presa a martelate: pe' furtuna l'avevane fata bela dura e c'Ŕ stato solo qualche dÓno da pogo, che se pˇle vÚde ancora adŔ si ce fÚ caso (la mÓ, pr'esempio... ). E 'ncora in Piaza del Papa, tirane su l'albero dela libertÓ.

Un bel taramoto sucŔde ancora aj enti religiosi: preti e frati viene fati slugiÓ senza tanti cumplimenti dai cunventi vari e al posto de loro ce vÓne a stÓ i suldati francesi.

Intanto, se cuminciava a spÓrge la voce che Austria e Francia stavane pe' firmÓ la pace, e sta nutizia piaceva molto ai preti, che sperava da vÚde presto la fine del'ucupaziˇ francese, e molto meno ala MunicipalitÓ che era fata da tuta gente cumprumessa cui Francesi che, si per tant'Ŕ feniva la ripublica anconitana, avria passato i guai sui. Scrývene na letera a Napuliˇ, ndˇ jÚ chiÚdene da mÚte Ancona inzieme cula Ripublica Cispadana. Se decide, sta lÚtera, da fÓla cunzegnÓ diretamente a Napuliˇ, a Milano, da dˇ citadini, Alessandro Renoli e Luigi Cippitelli.

Napuliˇ jÚ fa fÓ 'n par de giorni d'anticamera, po' ala fine li riceve ma li trata cun fredeza e jÚ chiede: "SÚ liberi? E cus'altro vulÚ, alora?" e po' li manda via. Sti dˇ pureti se vÓne a racumandÓ al Diretorio dela Ripublica Cisalpina. Cumincia un giugheto de scarigabarile, ndˇ el Diretorio dice che la decisiˇ finale speta a Napuliˇ, e invece Napuliˇ risponde che tucava al Diretorio a dý l'ultima parola. La veritÓ era che Napuliˇ giÓ aveva firmato el Tratato de Tulentý cul Papa e nun ciaveva voja de gambiÓ le carte in tavola, e cuscý ai dˇ pori citadini d'Ancona nun ze li cagava nisciuno, e cuntinuavane a ricÚve risposte evasive. La MunicipalitÓ, ma pr˛, vuleva tienÚ duru, e alora a sti dˇ disgraziati jÚ ordina da nun mˇvese da Milano e cuntinuÓ a inzýste pr'utenÚ l'anessiˇ d'Ancona. La facenda se compliga, perchÚ i vari "casteli" d'Ancona: Scirolo, Munzanvito, Chiaravale... erene cuntrari al'anessiˇ. In Ancona se racoje mile firme de citadini che dumandane l'anessiˇ... ma nun era 'n gran che. Ce se mÚte de mezo 'ncora Salvatore Morpurgo, che dal nome ce rendÚmo conto ch'era 'n abreu, che ofre la culaburaziˇ sua ala MunicipalitÓ.

A 'n certo punto scapa fˇri Giambatista Bonarelli, ilustre nobile ancunetÓ de fede ripublicana, che cumincia a parlÓ male d'i dˇ citadini che Ŕ da mesi che stÓne a Milano e nun cumbinane gnente. Tutu sumato ciaveva ancora ragiˇ, perchÚ sti dˇ nun erene boni a cavÓ 'n ragno dal bugo e passavane el tempo in nota spese a magnÓ e a fÓ la bela vita a Milano.

IntÚ qula ruvente estate 1797 la MunicipalitÓ ciaveva da penzzÓ nun zzolo a cercÓ da fÓ uný Ancona ala Ripublica Cispadana pe' pudesse garantý un futuro, ma ancora a tapÓ le fale del bilancio dopu le pesantissime tasse imposte dai Francesi. A stu prublema ce s'Ŕ meso mÓ cule vendite al'asta e j espropri d'i beni eclesiastighi, che duvevane da esse parechi. I preti faceva la resistenza passiva, ma de fronte a tuti i quadrini che serviva e al rischio de scumparý da 'n mumento al'altro, la MunicipalitÓ nun ciandava tanto pe' l zzutile.

Intanto quj altri dˇ sciapigoti a Milano nun cumbinavane gnente de bono: ala fine unu mˇre, mentre qul'altro el richiamane indietro in Ancona e al posto suu ce mandane Angelo Misturi, che cumunque nun Ŕ da dý che riesce a fÓ mejo. Pareva che nun bastasse pi¨ andÓ a Milano, ma che tucava arivÓ a Parigi, e alora ce mandane el citadino Panazzi, che era un dutore de Imula che s'era rivelato 'n capupopulo cui fiochi, unu che cui discorzzi sapeva cŔnde j animi cume i cerini cŔnde el fogo. Ma intanto la situaziˇ era sempre pi¨ ingarbujata: da na parte pareva che duvesse scupiÓ la guera 'n'antra volta fra Napuliˇ e l'Austria, dal'altra c'era chi diceva che Ancona duveva esser restituita al Papa. In tuto stu casý, la MunicipalitÓ prima dice a Panazzi de stÓ bono e d'aspetÓ 'n atimo a Milano, prima d'andÓ a Parigi, e po' invece a Parigi ce manda Misturi. Certo che cun tuta sta gente in balo, nun ce stÓmi a fÓ na bela figura!

Misturi jÚ la fÓ a incuntrÓ a Napuliˇ, e nun deve manco passÓ le Alpi perchÚ Napuliˇ era in Itaglia ntÚ qul mumento. El cuncitadý nostro viŔ ricevuto con curtesia, ma el risultato Ŕ sempre uguale: Ancona duveva da restÓ per conto suu.

El fato Ŕ che Napuliˇ nun ciaveva nisciun interesse a tacÓ inzieme la ripublica Anconitana cula ripublica Cispadana, per dˇ mutivi: primo perchÚ vuleva tenÚsse Ancona tuta per l¨ ntÚl caso che jÚ servisse cume base pr'andÓ in Grecia, e segondo perchÚ jÚ faceva comodo sta ripublica anti-clericale in mezo a' Stato puntificio. Inzzoma, Napuliˇ vuleva Ancona citÓ libera. St'intenziˇ viŔ cumunicata uficialmente la matina del 17 nuvembre al'omo de fiducia de Napuliˇ, el generale Dallemagne che stava in Ancona. Dato che el telefuno ancora nun c'era e la posta nÚmanco, eca che ariva un curiere cul plico ntÚle mÓ: Dallemagne el lŔge e vede che c'Ŕ scrito propiu quel che s'aspetava, ciuŔ che Napuliˇ vuleva che Ancona fosse na ripublica indipendente sotu la pruteziˇ dela Francia, e alora che se cuminciasse a penzzÓ a na bandiera tuta nova cun zu scrito Repubblica Anconitana.

Bulo, eh? Pecato che stu prugeto ciÓ avuto vita breve! A st'ora erimi francesi, e la cosa nun me saria dispiaciuta prÚ gnente! A st'ora, invece de Berluscˇ, ciavÚmi Scirache... e ve pare gnente??? Ma invece d'inzugnÓ, penzzamo ala storia vera e andamo avanti...

A stu punto, quel che s'era dito al Tratato de Tulentý nun cuntava pi¨: i raporti fra Napuliˇ e la Chiesa s'era pegiurati de brutu, sicchÚ Ancona nun era manco pi¨ da cunziderasse na citÓ tempuraneamente ucupata, ma propiu na ripublica indipendente. Sta nutizia, na volta che se spande in CitÓ, viŔ acolta da manifestaziˇ de gioia da parte d'i rivuluzionari... cusa avrÓne penzzato i preti, mbŔ, lasciamo pŔrde!

╚ stato qula volta che a Porta Pia, che era 'n munumento recente al'epuga, j hane butato giˇ i stemi del Papa che ciaveva sul davanti e invece de Porta Pia l'hane rinuminata Porta Francese.

J efeti benefighi dela Ripublica anconitana se vedevane subito, sotu forma de distribuziˇ de viveri de prima necessitÓ ai pureti e supratuto d'opertura de scole nove pr'i fjoli dela gente che nun ciaveva i soldi prÚ mandÓli a studiÓ dai preti. Si vujaltri legÚ stu capitulo ntÚla storia scrita da Babilˇ (Mario Natalucci), che era un prete, ve pare da lŔge j anunci murtuari. Invece era 'n periudo glurioso pr'Ancona nostra. Certo, pr'i preti era tempi duri. La Ripublica jÚ faceva chiude un ordine religioso dietro l'altro, li slugiava dai cunventi, j espropriava i beni. Nun z'andava tanto pe' l zzutile, a qui tempi: a 'n grupo de nobili che ciaveva avuto el curagio da cuntestÓ al generale Dallemagne, che invece era papa e cicia cui rivuluzionari, hane preso e l'hane mandati via da Ancona.

Purtropo l'amigo nostro Dallemagne deve fÓ le valigie perchÚ el richiamane a Milano. Va via cun feste e rigali, na muchia de quadrini, che miga ha fato i cumplimenti l¨: l'ha presi tuti !

La situaziˇ se scalda ancora de pi¨ quantu a Roma int'una sulevaziˇ contru i puntifici, resta mazato el generale francese Duphot, che stava ntÚl'ambasciata francese. Parte le rapresaje: in Ancona se cunfiscane i beni dei rumani residenti, e da Ancona parte verzo Roma el generale Berthier che, partito Napuliˇ, era el francese pi¨ in alto in grado in tut'Itaglia. Stu generale pruclama che l'unico ubietivo suu era quelo de puný j assassini de Duphot, ma invece el prugeto era quelo de dichiarÓ la ripublica ancora a Roma. Stu fato prucupava parechio queli dela MunicipalitÓ d'Ancona che penzzavane - a ragiˇ - che na volta dichiarata la ripublica a Roma era 'n atimo a scancelÓ la Ripublica anconitana e fÓce dipŔnde 'n'antra volta da Roma. Parte 'n'ambasciata che incontra el generale Berthier che pr˛ resta molto sul vago cul rapresentante nostro, che se chiamava Ezechia Morpurgo... che si nun Ŕ abreu unu che se chiama cuscý, dýme vujaltri chi ha da esse abreu...

El 15 febraro del 1798 viŔ dichiarata la prima Ripublica rumana (pe' la segonda, che sarÓ na pagina de gloria, duvremo da aspetÓ a Mazini...). El Papa, cume c'era da spetÓsse, nun la ricunosce e alora viŔ fato slugiÓ dai Francesi. El generale Berthier, che al'inizio aveva tenuto boni j Ancunetani dicendoje che nun gambiava gnente e loro armaneva fˇri da Roma, adŔ invece cumincia a dý che Ancona avria fato parte dela Ripublica Rumana, in barba a tute le richieste che j'era arivate daj Ancunetani.

La Ripublica Anconitana fenisce al 5 marzo 1798: ha durato apena 3 mesi e 16 giorni. ╚ stato e resterÓ un zzogno. Qualcuno ciaveva fato la boca ala rinascita del'antiga ripublica marinara. Ma la ripublica marinara nun c'entrava gnente: era l'amore dela libertÓ e del'indipendenza da Roma... Roma intesa cume el Papa, perchÚ invece, 62 ani pi¨ tardi, quantu Ancona entrerÓ ntÚl Regno d'Itaglia, cula capitale prima a Turino e 10 ani dopu a Roma, nisciuno ciavrÓ gnente da ridý.

AdŔ che Ancona l'arimetÚvane inzzieme a Roma - e quel che faceva pi¨ rabia era che, invece, Pesaro la tacavane cula Ripublica Cispadana! - diverzi aministratori lucali che s'era mesi in luce cule vicende citadine, viŔnene mandati a Roma cu' incarighi pi¨ prestigiosi.

Ma pr˛ 'l vento dela storia urmai stava girando dal'altra parte. La cuntrufenziva d'j Ustriaghi e d'i Russi, cumandati dai generali Froehlich e Suvarov, ntÚ qul'ano tremendo pe' l'Itaglia che Ŕ stato el 1799, a una a una fÓ crulÓ cume castŔli de carte le ripubliche napulionighe. Prima s'arende le citÓ del norde, po' la Tuscana, po' Napuli, e po' la Ripublica Rumana. E quel ch'Ŕ pegio, el pi¨ dele volte ste vitorie austro-russe erene acolte dal populo cume na liberaziˇ, quanto invece vulevane dý el ritorno al vechio regime. Stu fato dimostra che le idee nove ancora era entrate solo ntÚla zzoca de poghi inteletuali: nobili e clericali se fregavane le mÓ. In Itaglia c'era solo dˇ ripubliche che resisteva, le solite, le mejo: Genuva e Ancona! E alora adŔ oprimo el grande, tragico e 'ncora eroico, capitulo del'assedio d'Ancona!

Nun ze pˇle discˇre de st'episodio dela storia d'Ancona senza parlÓ prima de na grande figura de militare: el generale Monnier. Senza de l¨, l'assedio d'Ancona saria stato de sciguro pi¨ corto, perchÚ la CitÓ nostra, urmai isolata, pr'j interessi francesi nun cuntava pi¨. Pi¨ corto, scý, ma de sciguro meno glurioso.

Monnier era uno d'i tanti generali giovanissimi che Napuliˇ mandava in giro a fÓ sfragŔli pe' l'Uropa. Aveva giÓ cumbatuto diverze bataje ntÚla campagna d'Itaglia prima da esse destinato al cumando dele forze del'Adriatigo. Dal'altra parte dela baricata, c'Ŕ 'n generale che qualche storigo bagiapile ha cercato de ricuprý de gloria e de piturÓ cume 'n precurzore del'UnitÓ naziunaleů miga Ŕ vero, era 'n traditore. Era el generale Lahoz, nato in Lumbardia, che aveva fato cariera ntÚl'esercito ustriago e po' era passato dala parte de Napuliˇ... tanto pr'inquadrÓ che tipo de omo pudeva esse. Quantu i Francesi j'afidane el cumando dele forze de stanzza a Rimini, Lahoz, nun ze sa bŔ se per gelusie perzzunali o pr'ideee sue, gambia bandiera 'n'antra volta e se rifugia ntÚle muntagne del pesarese a capo de na banda d'inzorti che se mÚtene inzieme ai vari briganti che c'era ntÚla zona.

L'assedio ancora duveva da cuminciÓ, che al 18 de magio se fÓne vÚde al largo le navi d'i Russi e d'i Turchi (... questo d'i Turchi pare 'n incubo pr'Ancona!) che cumincia a canunegiÓ, ma dopu pogo l'artijeria che era muntata sul Gardeto risponde al fogo, cuscý russi e turchi f¨gene via verzo norde e sbarcane a Fano, ndˇ la pupulaziˇ spaventata se fa oprý dai francesi le porte e fuge in campagna.

C'era casý 'ncora dale parti de Asculi, ndˇ el generale Lahoz e 'n capo brigante famoso de qul'epuga, che se faceva chiamÓ Sciabolone, s'erene mesi inzieme, Monnier jÚ va a dÓ quatro rasagnulate. Ma a Pesaro jÚ va meno bŔ ai Francesi, perchÚ 'rivane tropu tardi, quantu la citÓ giÓ Ŕ ntÚle mÓ d'j inzorti, e la stessa fine capita a Macerata. Cuscý ai Francesi jÚ rimane pogo: da Fano a Osimo. Ma prima pŔrdene Fano e po' Senigaja, ndˇ la gente se sfoga contro aj Abrei e serve a pogo i tentativi del vescuvo de calmÓ j animi e salvÓ 'n po' de vite.

Parentesi: (questa Ŕ na storia che fa el paro cule vicende dela segonda guera mundiale. ╚ vero che la Chiesa s'Ŕ data da fÓ tante volte per zzalvÓ j Abrei dala morte o la depurtaziˇ. Ma si la gente per zzeculi se l'Ŕ pijata cuj Abrei, de chi Ŕ la colpa?) Chiusa parentesi

I Francesi cumbatevane 'ncora contro i briganti che ntÚl'interno dele Marche era tanti e urganizati bŔ. Visto che era gente - i Francesi - che cule armi ce sapeva fÓ, ariŔscene a avece la mejo sui briganti guasi dapertuto, e ancora de stu fatu bisugnaria ringraziali. Cumunque Russi, Turchi e i cuscideti Insorgenti cumandati da Lahoz, avanzava su tuta la linea, e presto Monnier s'aritrova a duvÚ difŔnde solo Ancona.

Nun era semplice a pijÓ Ancona, sia pe' la ragiˇ giugrafiga che in tute le epughe ha reso la citÓ nostra facile da difŔnde, sia perchÚ drento c'era la belezza de 3000 francesi armati fino ai denti, e c'era ancora qualche itagliano che, a diferenza dela pupulaziˇ che nun ne pudeva pi¨, avria venduto cara la pele. I francesi avevane piazato i canoni 'n po' dapertuto: ala Citadela, sul cole de San Cataldo, in cima al Gardeto, al baluardo de Sant'Agustý vicino al Lazaretu, e adiritura su pe' l Domo. Intanto i Russi s'era piazati sula Muntagnola e cuminciava a canunegiÓ. A Pietralacroce era arivato qul traditore del Lahoz che ciaveva al zzervizio suu tuta na serie de farabuti e 'ncora 'n po' de preti e frati che ce la duvevane avÚ cuscý tanto cui francesi da esse disposti perzzino a pijÓ le armi. C'era ancora Sciabolone a capo d'i briganti sui... tuta bela gente davero, si po' ce metÚmo che fra Russi e Turchi c'era diverzi Albanesi, stu bel campiunario umano era propiu cumpleto. A fine setembre, in ritardo, ariva j Ustriaghi... ce mancava 'ncora queli...

Monnier ciaveva bisogno de racimulÓ tuto quel che truvava sia cume roba da magnÓ che cume quadrini. Tasse su tasse, e po' l¨ nun era uno che ce 'ndava cul guanto de veluto: ai nobili che nun vuleva pagÓ, l'ha mesi in prigiˇ e li stava a fÓ murý de fame, finchÚ nun Ŕ 'rivata la cuntessa Ricoti che l'ha fati tirÓ fˇri de galera. Ale chiese j'hane purtato via tuto quel che c'era da purtÓ via... e adiritura el bronzo dele campane de Santa Maria dela Piaza l'hane rifuso pe' pudÚce bÓte muneta. ImaginÚve vujaltri cusa nun Ŕ puduto uscý dala pena de Babilˇ quantu ce raconta de ste robe !!!

Pr'un po' de mesi, le robe nun vÓne nÚ avanti nÚ indietro, ntÚl zzenzo che i Russi nun ciaveva fuga e spetava che aj asediati jÚ fenisse la roba da magnÓ. Tatiga antiga, ma sempre valida. Ma i Francesi era ossi duri, e avevane fato 'n par de surtite ndˇ erene riusciti a mazÓ diverzi assedianti. L'amirajo russo Wojnovic manda 'n ambasciatore a Monnier cu' ntÚle mÓ na copia dela capitulaziˇ de Mantuva prÚ faje vÚde che tanto prima o poi ancora l¨ duveva da fÓ la stessa fine. Al che Monnier s'incachia de brutu e urla al'ambasciatore de levasse in freta dale scatule sinˇ el maza.

Cel zzapÚ cus'era la Cul˛na (no Culˇna eh!) Infernale? Cu' stu nome s'era vuluti chiamÓ un grupeto de suldati francesi, i pi¨ cativi de tuti, che aveva giurato de murý mazati piutosto che arŔndese.

Ariva l'utuno, e crepa qul traditore de Lahoz. Sula morte sua se 'n'Ŕ dite de tut'i culori: chi raconta che Ŕ stato mazato da queli dela Cul˛na Infernale, chi dice che Ŕ stato tradito. Babilˇ el chiama "il prode Lahoz", ugnuno Ŕ libero da penzzÓla cume jÚ pare. Chi nu jÚ dispiaceva che avesse stesu le gambe era j Ustriaghi, che erene tanti - pi¨ de seimila - e adŔ ch'erene arivati vulevane fÓ tuto loro, e cuscý jÚ dava fastidio tuta qula gentaja che Lahoz se purtava dietro.

Al dˇ de nuvembre, cula nebia fita, j Ustriaghi riesce a rampigasse su pe' la mura dela Citadela e quanto i Francesi se nÚcorge, Ŕ tropu tardi pe' pijali a canunate e alora va a fený a fucilate. Pr'un po' de giorni e de noti va avanti la bataja, che lascia stechiti sul campo 400 difenzori e minimo mile ustriaghi. Ma urmai i Francesi nu jÚ la faceva pi¨, e Monnier ancora l¨ aveva capito che tucava arŔndese... e c' Ŕ da dý che aveva giÓ resistito 'n casý de tempo! A mezanote del 10 nuvembre el generale ustriago Skall entra dala Porta Farina, ciuŔ l'Arco de Garola, e cunzegna a Monnier na letera ndˇ jÚ diceva da capitulÓ entro ventiquatr'ore, al che i Francesi jÚ risponde che, vabŔ, s'arendevane scý, ma aj Ustriaghi e no ai Russi e ai Turchi, e dumandavane l'unore dele armi. Risposta ustriaga: vabŔ, ce stamo, adŔ ma pr˛ arendÚve.

Bravo Monnier: eca 'n omo che nun ciaveva paura de nisciuno e che usciva a testa alta. Ancona jÚ duvria dedica na via a stu militare de valore che de fronte ale forze dela reaziˇ superiori de numbero, s'era difeso cume 'n leˇ!

Mentre i Russi e i Turchi stava a sachegiÓ el cuntado, j Ustriaghi invece se cumporta da Signori: entra in CitÓ e vieta a chichessia de fÓ ruberie. Certo che la prima roba a cascÓ giˇ Ŕ stati j alberi dela libertÓ, intanto che quj vijacchi d'i preti cantavane el Te Deum al Domo. De gente curagiosa, in Ancona, ce 'n'era armasta poga: i filo-francesi s'erene niscosti, i nobili ancora nun ciavevane curagio da fÓsse vÚde in giro: l'unigo cuj atributi era el Leoni - che po' ciÓ lasciato ancora scrite le memorie de stu periodo, che 'ncora si era stato 'n rapresentante del'echese guverno demucratigo, aveva tenuto uperto l'uficio e s'era dato da fÓ prÚ sistemÓ ala trupa e aj uficiali ustriaghi.

NtÚi primi giorni dopu la capitulaziˇ, j Ustriaghi prova a rimÚte in piedi l'aministraziˇ citadina, cerca de sprŔme j Abrei cu na tassa speciale, ma de quadrini pi¨ de tanti nun ce riŔsce a tirÓjene fˇri, e cuntinua a tienÚ a bada i Russo-Turchi che invece vulevane entrÓ in citÓ. A 'n certo punto pareva pure che se duvesse arivÓ ai feri corti, perchÚ l'amirajo Woinovic fa sbarcÓ in porto 'n po' de navi carighe de trupa, ma j Ustriaghi nun ze fÓne mÚte soto, e cuscý i Russi se deve cuntentÓ de 'n po' de quadrini e d'andÓ a stÓ de casa a Jesi.

Intanto, dopu 26 ani de Papato, era morto, in Francia, el Papa Pio VI e dopu 'n cunclave belo longo era statu eleto al postu suu Pio VII, che era el vescuvo de Cesena. Stu Papa novo prufita dela capitulaziˇ prÚ fÓ 'n ingresso triunfale in Ancona ndˇ celebra na messa al Domo davanti al'imagine dela Madunina. E defati, in nome del Kaiser Francesco II, veniva ri-dichiarata la suvranitÓ de' Stato puntificio, 'ncora che in Ancona ce rimaneva de stanza i suldati ustriaghi.

Al 17 de lujo, e sÚmo al 1800, ariva in Ancona l'Arciduchessa d'Austria, Maria Carulina, e dˇ giorni dopu la ragiunge 'ncora el famoso amirajo Nelson. Nun c'era gnente da dý: de colpo era cume se 'l tempo fusse turnato indietro.

Ma miga era vero! IntÚ qui splendidi ani de Napuliˇ, el vento dela storia sufiava pi¨ pegio dela bora d'inverno a Portunovo, e la furtuna gambiava da ogi a dumÓ. El 14 giugno 1800 Napuliˇ vinge la famusissima bataja de Marengo. Era turnati i Francesi, veloci cum'era venuti e cum'era andati via: el Piemonte, la Lumbardia e i granducati se risvejane al grido de LibertÚ, EgalitÚ e FraternitÚ - me duvÚ perdunÓ, gente mia: io, fin da fjolo, quantu ste storie me le racuntava mý padre che l'aveva studiate al'Academia Militare e s'era inamurato de Napuliˇ, ciˇ sempre avuto un debule pe' la Rivuluziˇ Francese e pe' l' Empereur che l'ha purtata in giro pe' l mondo!

J Ustriaghi se rŔndene conto che fra 'n po' ciavrÓne da fÓ le valigie. Defati l'armistizio de Treviso prevedeva che Ancona saria arturnata cui Francesi! Dito e fato: al 25 genaro 1801 s'aripresenta in Ancona i soliti cumissari francesi (erene in quatro, stavolta) che viene a pijÓ acordi cuj Ustriaghi pe' la cunzegna dela Citadela. Era girato el vento! E adŔ, cume la metÚmo cu' tuti qui reaziunari che 'n po' tropo de fuga avevane tirato su la gresta?

Ma invece ariva el generale Paullet e queli che s'aspetava da rivÚde le stesse scene de cinque ani prima se sbajane. Stavolta i Francesi ce va molto pi¨ cui piedi de piombo: fÓne sapÚ che Ancona se duveva da cunziderÓ ancora parte de' Stato puntificio, e che loro stavolta nun vulevane dÓ fastidio prÚ gnente ai preti e ala religiˇ. Ma pr˛, quantu se tratava da fregÓ opere d'arte e quadrini, i Francesi nun erene gambiati prÚ gnente: el generale Paullet se fa rigalÓ 'n par de quadri de Rubens che adŔ: ciao! ciao! in Ancona cul cavulo che li rivedemo mai pi¨! E l'aministraziˇ francese aricumincia a sprŔme la citadinanza cume 'n limˇ cule tasse, le cuntribuziˇ, i prestiti furzosi e ogni altra diauleria che jÚ pudeva vený in mente.

A cumandÓ la piaza d' Ancona ce mandane gnentedemeno che Giuachino Murat, el cugnato de Napuliˇ! In efeti, Ancona ai Francesi jÚ faceva comudo pe' la guera contru al Regno de Napuli. Ma a parte st'ubietivo militare, nun c'era altro. Defati, in zzeguito a 'n tratato internaziunale, i Francesi a metÓ 1802 vÓne via da Ancona, e ce lasciane solo i suldati e le navi ntÚl porto.

NtÚl 1804, Napuliˇ se fa pruclamÓ Imperatore, e cuscý la Ripublica Cisalpina se trasforma ntÚl Regno d'Itaglia, cun bona pace d'j ideali ripublicani che ancora duvrÓne da spetÓ diverzzi deceni prima da fasse largo sul zzerio. Ancora la CitÓ nostra ne risente de stu gambiamento, perchÚ i Francesi se rifÓne vivi in forze e el generale Montrichard ocupa la citÓ. L'Empereur penzzava che presto aveva da schiupÓ 'n'antra guera cuj Inghelesi e i Russi, che ntÚl'Adriatigo ciavevane na flota da mÚte paura, e Ancona intÚ sta situaziˇ serviva ai Francesi. El prublema de sta segonda ucupaziˇ francese, era che mantienÚ le trupe custava caro, ma la citÓ, almeno de nome, era sempre sotu al Papa. Quindi era tuto un tira e mola sule tasse e sule cuntribuziˇ da fÓ pagÓ ala gente. Napuliˇ al Papa jel'aveva dito chiaro, che era mejo per l¨ se in Ancona ce stava i Francesi piutosto che j Russi o i Turchi, e de fronte a stu ragiunamento che nun faceva na piega, el Papa aveva fato bon viso a cativo giogo.

St'equilibrio pogo stabile fra Napuliˇ e 'l Papa, precipita ntÚl 1806, quantu la guera cuj Inghelesi se fa sempre pi¨ cativa. Napuliˇ se la pija perchÚ e' Stato puntificio nun ha chiuso tuti i porti sui aj Inghelesi, e se vendica decretando l'annessiˇ d'Urbino, Ancona, Macerata e Camerý al regno d'Itaglia. NtÚla primavera del 1808 sventula in Ancona el triculore francese e 'l guverno ecclesiastigo viŔ fato slugiÓ. Ancona fa parte del Regno d'Itaglia

Eugenio Beauharnais riurganiza le Marche ntÚle tre pruvince del Metauro, del Musone e del Tronto, e Ancona diventa el capuluogo de quela del Metauro. El VicerÚ ariva in pompa magna in Ancona e va a stÓ ntÚl Palazo del'Apanagio, che adŔ saria el palazo dela Banca d'Itaglia. I delegati dele tre pruvince vÓne a Parigi e se fÓne ricÚve da Napuliˇ, che jÚ fa 'n bel discurzzeto che diceva paro paro: "Gli ecclesiastici devono circoscriversi nel governo della robe del cielo. La teologia, che imparano dalla loro infanzia, dÓ loro norme sicure per il loro governo spirituale, ma non ne dÓ loro alcuno per il governo degli eserciti e l'amministrazione." E nun ciaveva ragiˇ?

Napuliˇ pudeva esse 'ncora 'n gran megalomane, ma in fato de strategia nu jÚ stava dietro nisciuno. E po' l¨ ciaveva 'n debule pr'Ancona nostra... nun z'Ŕ risparmiato 'n zzacu de cunzij su come difŔnde Ancona da 'n atacu, pi¨ che prubabile, da parte dela flota inghelese... e i fortini fÓli cuscý, e quanti ˇmini ciÓi da mÚte, e cume difende el porto... inzzoma se vedeva che ce tieneva ala citÓ nostra! Al porto era tuto 'n laurÓ pr'alargÓ le banchine e fÓcce stÓ le navi da guera pi¨ grosse. NtÚl 1810 s'urganiza na prima spediziˇ contro ale navi inghelesi che stavane ancorate a Lissa, ntÚl'altra sponda: la spediziˇ ciÓ sucesso 'ncora che nun riesce a distr¨ge el grosso dela flota. L'anu dopu ne parte 'n'antra, ma stavolta ai Francesi jÚ va a fený male. NtÚl 1812 viŔ abulito el porto franco: aveva durato 80 ani, i primi cu' 'n sucesso strepitoso, dopu, cul passÓ del tempo, sempre de meno.

El primo tracolo de Napuliˇ Ŕ stata la campagna de Russia, e el zegondo Ŕ stato la bataja de Lipsia. SÚmo urmai ntÚl 1813, e Ancona s'aritrova invasa dale trupe del Regno de Napuli. Era Giuachino Murat che le cumandava, cul'intenziˇ, dato che urmai Napuliˇ stava pr'andÓ a fený male, da mÚte le zzampe su' Stato Puntificio. El generale napuletÓ Macdonald, che dal nome napuletÓ propiu nun pare, assedia la citadela ndˇ ancora ce stÓne asserajati i Francesi. Pe' furtuna ala citÓ jÚ viŔ evitato 'n antro assedio, che de tuto c'Úmi bisogno for che de quelo. Odio, qualche canunata c'Ŕ stata, ma ntÚl giro de pogo tempo i Francesi capitula e cuscý Giuachý MurÓ pˇle entrÓ tranquilo in citÓ: Ŕ el febraro 1814.

Ancora el Papa se fa vÚde in Ancona: Pio VII che Napuliˇ aveva fato purtÓ in Francia, viŔ lasciato libero e arturnando a Roma passa pr'Ancona. El cumando ma pr˛ resta ntÚle mÓ d'i napuletani che, come al zzolito, impone 'n zzacu de tasse ala pupulaziˇ prÚ mantienÚ la trupa. De bono, c'Ŕ che arimÚtene in vigore el porto franco.

Cun Giuachý MurÓ, Ancona vive l'ultima palpitaziˇ de libertÓ prima da cŔde el passo ala Ristauraziˇ del Papa e d'j Ustriaghi. St'omo Ŕ passato ala storia come na figura ambigua: c'Ŕ chi l'ha vuluto vÚde cume 'n precurzzore del'indipendenza itagliana. A dý la veritÓ, l'unico risultato ch'era riuscito a utenÚ era quelo da scuntentÓ tuti: Napuliˇ, da l¨ se sentiva tradito, e j averzari storighi de Napuliˇ: Ustriaghi, Inghelesi, Prussiani e Russi, se sentivane ustaculati da l¨ ntÚla vitoria finale. Cume se studia a scola, Napuliˇ prima da chiude del tuto el grande capitulo suu e fený i giorni esigliato a Sant'Eena, ciÓ avuto 'n ultimo mumento de gloria che pareva che la putenza francese se pudesse ringaluzý. Questo sucedeva quantu era scapato dal'Isula d'Elba, e prima che pijasse la batosta definitiva a Waterloo. MurÓ decide de nun stÓ nÚ cun l¨ nÚ cuj averzzari sui, e stu cumpurtamento el farÓ aparý cume 'n campiˇ del'indipendenza d'Itaglia. A dý la veritÓ, ce 'n'era parechia de gente in Itaglia che ce faceva afidamento, el che fa capý che, piano piano, l'idea nova de na naziˇ itagliana cuminciava a piÓ campo ntÚla zzoca d'i pi¨ iluminati. In Ancona Ŕne in tanti a fÓsse pijÓ dal'entusiasmo, alimentato da MurÓ cul pruclama de Rimini. Se sente a dý pe' la prima volta la frase Viva l'Itaglia. Parte propio da Ancona l'arolamento de tanta gente pruvegnente da tuta la regiˇ.

Ma era 'n fogo de paja. MurÓ vÚnce le prime bataje, ma dopo 'n po' de tempo j Ustriaghi passane ala cuntrufenziva e nu' li ferma pi¨ nisciuno. MurÓ, da Ancona se trasferisce a Macerata, intanto che j Ustriaghi arivane fino a Senigaja. La bataja definitiva se cumbate verzo Tulentý, e dura dˇ giorni: el primo pareva che andasse bŔ a MurÓ, che ce partecipa de perzzona, ma ala fine j Ustriaghi s'aprufita de na serie d'erori de strategia napuletani e ciÓne la mejo. Ancona resiste pe' 'n antru po' de giorni, ma Ŕ na resistenza che fa rýde i poli, e cuscý al primo de giugno del 1815 j Ustriaghi entrane in citÓ.

E cume se nun bastasse tuto stu casý, propio ntÚ qui giorni ariva in Ancona na scuribanda de pirati Saraceni - che adŔ se chiamavane Barbareschi, penzzÚ 'n po' vujaltri sÚmo ntÚl'Utucento e ancora c'erene i pirati! Sta gentacia se porta via a 300 perzzone. Intanto j Ustriaghi butane giˇ tute le furtificaziˇ che avevane custruito i Francesi. La citÓ Ŕ a pezi: miseria dapertuto, ritorno de' stato puntificio. ╚ fenita, Ŕ fenita l'aventura rivuluziunaria d'Ancona fra i Te Deum che qui maledeti pretaci intona ntÚle chiese. PrÚ butÓli fˇri a zzampate, ce vurÓ 'n'antri 45 ani, ma el zzeme dela libertÓ Ŕ stato sparzzo, e in Ancona la pianta dela libertÓ nun smeterÓ mai pi¨ de crÚsce.

 


 Se voi scrive a Piero clica sula busta