dala pena de Pieru Rumagnoli   

 

12.  La partecipaziˇ d'Ancona ai moti pe' la LibertÓ

 


 

Dopu la caduta de Napuliˇ, cume se studia a sc˛la, Ŕ la volta del Cungresso de Viena e dela Ristauraziˇ. In pratiga, artorna tuto cum'era prima: nobili e preti se fregane le mÓ penzzando che, fenito tuto stu casý, nun Ŕ gambiato gnente.

E invece, cume al zzolito se sbajavane, perchÚ i quindici ani de tempesta seguiti ala Rivuluziˇ Francese era serviti per spÓndee in Uropa el zzeme dele idee nove. Un zzeme che int'un zzeculo farÓ nasce tanti alberi ntÚl giardý dela libertÓ.

In Ancona, molto de pi¨ de quanto ce se pudria imaginÓ, s'erene sparze le idee dela Rivuluziˇ Francese. Dal 1816 in poi, capita in Ancona na felice cumbinaziˇ de situaziˇ che favurisce la difusiˇ dela Garbuneria. Tantu pe' cuminciÓ, el ritorno del guverno puntificio nun ciaveva avuto la mÓ pesante cun queli cumprumessi cui Francesi, e c'era state diverze amenistýe. Segondo, de gente che ciaveva avuto da fÓ cul'aministraziˇ francese ce n'era tanta: uficiali, impiegati, ecc... e tuta sta gente aveva magnato pÓ e rivuluziˇ francese. Terzo, propio ntÚle Marche erene stati assegnati beni a diverzzi membri dela grande famija de Napuliˇ, e el Papa nun aveva fato storie. Quarto mutivo, era che ai tempi de Giuachý MurÓ ntÚl Regno de Napuli s'era urganizate tante sucetÓ tipo Garboneria, e 'l Regno de Napuli nun era tanto luntano da nialtri, bastava passÓ el fiume Tronto.

Verzzo la fine del 1816 in Ancona nasce l'Alta Vendita della Carboneria, e viŔ eleto capo - el capo se usava dý Gran Luce - Luciano Bonaparte, parente de Napuliˇ. Dipendevane da l¨ le altre sucetÓ segrete dele Marche e i cuntati cun quele sparze in giro pe' stato puntificio. Chi era i garbunari? De sciguro no i pureti, che ciaveva da penzzÓ solo a cume fÓ prÚ mÚte inzieme el pranzo cula cena; poghi nobili e poghi preti; e tanti burghesi: echese militari, impiegati, prufessiunisti. Ste sucetÓ segrete nun ce l'aveva cula religiˇ, ma solo cul'assulutismo.

In Ancona, ntÚi primi ani dela ristauraziˇ, c'era tanta miseria, dopu tute le ruberie e le tasse che s'era duvute pagÓ prÚ mantienÚ militari de ogni tipo. El populo cuminciava a agitasse, c'era stati diverzi piculi episodi de ribeliˇ, e la repressiˇ dela pulizia s'era fata sentý. Era capitata 'ncora 'n'epidemia de tifo perchÚ le cundiziˇ del'igiene era critighe 'n bel po'. In giro, se cuminciava a discˇre de sulevaziˇ pupulare: n'argumento che in tut'Itaglia de qui tempi Ŕ sempre armasto solo 'n inzzogno, 'n'ilusiˇ de chi penzava che i tempi era maturi pe' la rivuluziˇ, e invece se sbajava de brutu.

Arivamo al 1817, quantu Giacomo Papis, che era 'n cumerciante uriginario de Roma e che era Gran Maestro d'i garbunari d'Ancona, scrive na letera al conte Gallo che cumandava i garbunari de Macerata, e jÚ dice da stÓ pronti che a mumenti duveva schiupÓ l'inzureziˇ. Pareva che ce se duvesse mˇve perchÚ el Papa Pio VII stava male e se penzava che ciavesse l'ore cuntate, e invece el Padreterno l'ha fato guarý. Ma i Maceratesi, dimustrando fin da qul'epuga pogo cervelo, avevane deciso da mˇvese uguale. Na sera de fine giugno quatro gati se presentane armati davanti al cunvento d'i Barnabiti. Loro se spetavane che j'arivasse in ajuto u' sfragelu de gente dal cuntado, invece nun z'Ŕ visto nisciuno, c'Ŕ state dˇ fucilate in tuto, nun s'Ŕ fato male nisciuno, e quantu Ŕ 'rivati i gendarmi giÓ era fugiti tuti: na roba da fÓ rýde i poli. Scý, ma prˇ dopu hÓne fatu el prucesso, e la giustizia c'era andata cula mÓ pesante: cinque cundane a morte, cumpreso Papis, e tre ergastuli a gente d'Ancona. Po' tute ste pene de morte era state ridote a ergastuli e j ergastuli a dieci ani. E cumunque tuti hÓne puduto rivÚde el zzole senza strisce cul'amenistia del 1831.

Ancora che era stata na meza bagianata, sta facenda de Macerata era in anticipo sui tempi, perchŔ si ce penzzamo 'n atimo ntÚi libri de storia c'Ŕ scrito che i primi moti garbunari in Itaglia c'Ŕ stati ntÚl 1820-21. Ma prˇ sta storia de Macerata aveva fato inzuspetý aj Ustriaghi, che aveva fato na serie de perquisiziˇ in Alt'Itaglia: ntÚla rete dela pulizia c'era cascati 'ncora 'n par de citadini d'Ancona.

I moti del 20-21, quantu meza Itaglia pija fogo, nun vede le Marche int'una pusiziˇ impurtante. Nun Ŕ sucesso guasi gnente ntÚla regiˇ nostra: quatro gati ntÚl'AsculÓ, e 'n tentativo de ribeliˇ ntÚla guarnigiˇ militare d'Ancona, scuperto e ciacato ancora prima da cuminciÓ.

NtÚl 1823 crepa Pio VII - stavolta el Padreterno l'ha chiamato su per davero! - e 'l Papa novo pija el nome de Leˇ XII, n'omo al'antiga, che defati fa presto a turnÓ ai vechi sistemi e al'antisemitismo.

Quel che nun ce se crede Ŕ che parlamo de meno de dˇ seculi fa, e ancora c'erene i pirati! La navigaziˇ in Adriatigo intÚ qul periodo era periculosa 'n bel po'. Ma prˇ era l'ultima volta che sta gentacia spadrunegiava per mare, perchÚ ala fine la flota messa inzieme da Francesi, Inghelesi e Russi jÚ dÓ na sturculata grossa ale navi turche e egiziane ntÚla la famosa bataja de Navarino, seguita da lý a pogo tempo dala presa d'Algeri: erimi ntÚl 1830, e da qul'ano i pirati Ŕ stati solo un brutu ricordo..

El 1830 Ŕ n'ano turbulento in tut'Uropa: i Greghi s'ariesce a liberÓ dal'Impero Utumano; in Francia fÓne na meza rivuluziˇ e butane giˇ el re Carlo X, sustituito da Luigi Filipo d'Orleans - che se faceva chiamÓ Philippe EgalitÚ, tanto per fÓ capý cume la penzzava. J efeti de tuto stu casý se facevane sentý ancora da nialtri, perchÚ i Francesi dichiarava el principio de non intervento ntÚle facende estere e alora i patrioti nustrani ripijava gambˇ. C'era tanta gente che penzzava da pudÚ unificÓ l'Itaglia sota a uno d'i discendenti de Napuliˇ, magari ancora el fjolo suu che j Ustriaghi el tenevane sotu vigilanza a Viena. In Ancona de filo-bonapartisti ce n'era na muchia. Pr'esempio, ale Turete ciaveva na villa principesca el conte Filipo Camerata Passionei, che s¨ moje, la cuntessa Elisa Napoleona Baciochi, ciaveva pruvato diverze volte a fÓ fugý el fjolo de Napuliˇ da Viena. Po' c'era un echese culunelo napuleonigo, Pier Damiano Armandi - na perzzona che diventerÓ impurtante pr'Ancona - che adŔ faceva l'aministratore dele tenute che certi parenti de Napuliˇ ciaveva a Munzanvito.

Inzzoma, la regiˇ nostra, che era stata bona e tranquila dieci ani prima, pija fogo ntÚl 1831, la segonda grande stagiˇ itagliana de moti rivuluziunari. Ancona vivrÓ ntÚl 1831 'n periudo molto intenzo, che la meterÓ al centro del'atenziˇ itagliana. La burghesia era in fermento e faceva al guverno papale na serie de richieste sia 'cunomighe che aministrative, ntÚl zenzo che le carighe publiche nun duveva esse distribuite solo infrÓ i nobili e i preti. E cuscý, de liberali in giro ce n'era sempre de pi¨, e urmai cuminciavane a vený fˇri ala luce del zzole. MbŔ... pi¨ che del zzole dýmo dela luna, perchÚ al'una de note del' 8 febrajo 1831, in Piaza del Papa s'urganiza na manifestaziˇ de prutesta che ce vÓne diverze centinara de perzzone, cul tricolore ntÚle mÓ. Purtropo, ce scapa el morto, perchÚ parte qualche fucilata e la gente se sperde pe' le vie, cui garbigneri che jÚ cureva dietro (anzi... i gendarmi, perchÚ i garbigneri ancora nun c'erane...). Ovia cunzeguenza, la dichiaraziˇ de' statu d'assedio.

Tuta st'agitaziˇ nasceva dal fato che giÓ dai primi de febrajo s'era ribelata l'Emiglia: aveva incuminciato Modena - v'aricurdÚ d'avÚ studiato a scˇla la storia de Ciro Menotti? Nooo?!? E na mastela, che sumari! - po' s'era sulevata Bulogna, po' una a una cume i birili: Imula, Cesena e Rimini. Subito dopo aveva pijato fogo el norde dele Marche e a Pesaro era stato meso in piedi un Cumitato pruvisorio. AdŔ tucava a nialtri, ma el primu tentativo, quelu de Piaza del Papa, nun era andato bŔ. Alora l'Armandi aveva pijato e era partito subito verzzo Pesaro, ndˇ s'era incuntrato cul culunelo Sercognani che era de Faenza. Era un echese ufficiale del'esercito de Napuliˇ, l'omo giusto pe' mÚte le mÓ su Ancona e ruvesciÓ la guarnigiˇ puntificia. Al 12 de febrajo se fÓne vÚde dale parti del Montirozo, diverzze diecine de rivuluziunari dala Rumagna, tuti vestiti cul cappelo a cilindro e la cucarda triculore (... v'imaginÚ la scena?).

SercugnÓ, che faceva sul zzerio e ciaveva cun l¨ ancora dˇ discendenti direti de Napuliˇ, nun ciaveva voja da pŔrde tempo: pija e manda na stafeta al cumandante dela guarnigiˇ papalina pr'intimÓ la resa. Solo che un conto Ŕ quel che se dumanda, e un conto quel che se riceve: la risposta d'i papalini, ve la lasciamo imaginÓ a vujaltri...

J animi se scalda, perchÚ tuta la giuvent¨ d'Ancona stava cuj assedianti: se cumincia daj Archi, ndˇ n'eroe nustrano, che se chiamva Marteli, ariesce a piantÓ el triculore a Porta Pia sfidando ala mitraja d'i papalini. Su pe' le ripe, a Capudemonte, la gente stava a guardÓ e s'entusiasmava a sti gesti patriotighi, e cuscý qui vijachi d'i papalini s'Ŕ girati de lÓ e ha cuminciato a sparÓ sula fola. Inzzoma, la facenda se stava a incativý na muchia. Pe' furtuna, ala fine el cumandante dela guarnigiˇ papalina, el culunelo Suthermann, trata la capitulaziˇ, la firma e subito dopu, al 18 de febrajo, esce fˇri dala Citadela e scapa via verzo Roma.

Pi¨ che n'assedio, era stata na pajaciata: le trupe papaline s'era dimustrate quel che era, ciuŔ na manica de ciamboti, e era scapati via dopo poghi giorni: era bastate poghe centinara de patrioti male armati pe' pijÓ Ancona senza manco sparÓ tanti colpi.

Se cumincia cul Guverno Pruvisorio: el presidente era el conte Malacari, mentre Armandi pijava el cumando dela Citadela. NtÚi palazi apustolighi adŔ sventula el triculore, e j abrei viŔ fati uscý finalmente dal gheto. El vento dela libertÓ ha ricuminciato a sufiÓ ntÚla gluriosa citÓ nostra. Cul guverno pruvisorio, ariva 'ncora qualche pruvedimento pr'ajutÓ el populo, cume la diminuziˇ del prezo del zzale e l'aboliziˇ del'udiatissima tassa sul macinato. E ariva ancora n'antro bel rigalo: la libertÓ de stampa!

El SercugnÓ intanto nun ze fermava e cuminciava a mÚte sota el resto dele Marche e l'Umbria: ndˇ arivava l¨, scapava via i papalini e se furmava i guverni pruvisori.

I preti ma prˇ nun ze rassegnava, e cume sempre hÓne fato, tramava de niscosto. El Zzegretario de Stato, gardinal Berneti, dava na missiˇ segreta al gardinal Benvenuti, vescuvo de Osimo cul compito de tratÓ la ristituziˇ d'Ancona ala Santa Sede. Cume s'Ŕ nŔcorti che sto gardinale tramava ntÚl'ombra, i liberali l'hÓne arestato e l'hÓne fatu purtÓ in Ancona prima, e po' a Bulogna. E propio a Bulogna se custituisce le Pruvince Itagliane Unite e se tiŔ el cungresso dele CitÓ Libere d'Itaglia echese puntuificie, ndˇ, penzzŔ 'n po', Recanati era rapresentata dal conte Giacomo Leopardi - scý, propio l¨, el pueta! - solo che nun z'Ŕ presentato... se vÚde che ciaveva tropu da fÓ a scrýve "El zzabito del vilagio...!"

El SercugnÓ pareva che j'avesse pijato el murbý, perchÚ s'era meso ntÚla zzoca de liberÓ adiritura Roma, miga se rendeva conto che al zzervizio suu ciaveva quatro gati spelachiati, e supratuto che stava cuminciando a fÓ girÓ le scatule a na putenza del'epuga, l'Austria!

C'Ŕ pogo da fÓ: ntÚ qula prima metÓ del zzeculo decimunono, i patrioti nostri s'agitava e se dava da fÓ, ma miga cumbinava gnente de bono. Si nun se riusciva a mÚte contro a l'Austria n'antra grande putenza, che altri nun pudeva esse se no la Francia, nun ce pudeva esse speranza.. El conte Caure sarÓ el primo a capý bŔ sto fato...ma a qul'epuga, ancora Caure nun era arivato, el Piemonte nun aveva cuminciato a dÓsse da fÓ pe' la causa del Risurgimento. Solo la Francia ce pudeva da na mÓ contro a l'Austria, ma purtropo la Francia nun z'Ŕ mossa, perchÚ se tratava de dÓ adosso al Papa. E cuscý j Ustriaghi hÓne puduto fÓ la voce grossa: el generale Frimont faceva sapÚ a tuti che in nome del'Imperatore l¨ stava pr'intervený pr'arimÚte le cose a posto ntÚ Stato puntificio.

I liberali se mÚtene ntÚle mÓ del generale Zucchi che, pureto, ciaveva scý e no 3mila omini armati male... fÚ conto che j Ustriaghi ce n'aveva 23 mila! Era na bataja perzza in partenza: j Ustriaghi entrava a Bulogna e arimeteva in piedi i puntifici, ma Ancona prˇ se preparava a resiste, perchÚ, nialtri cel zzapemu bŔ, quantu se trata da difŔndese, nun c'Ŕ nisciuno mejo d'j Ancunetani! Ma stavolta la difesa nun Ŕ manco cuminciata, purtropo! J Ustriaghi stavane a arivÓ, e alora, infrÓ i "falchi" cume el SercugnÓ e Zuchi che erane del'idea da resýste a tuti i costi, e le "culombe" cume l'Armandi che invece penzzava che era mejo a tratÓ la resa, prevale le culombe, e se mÚte in piedi na cumissiˇ che se presenta davanti al gardinal Benvenuti e inzieme a l¨ mÚte giˇ j articuli dela capitulaziˇ. In gambio, el Benvenuti faceva rilasciÓ el passaporto a queli pi¨ cumprumessi, dandoje in zzustanza el permesso da tajÓ la corda.

J Ustriaghi ariva in Ancona al 29 marzo... pe' furtuna che era gente civile e nun z'Ŕ lasciati andÓ al zzachegio! Intanto, i patrioti s'erene imbarcati ala volta de Corf¨, solo che sti ciamboti s'Ŕ fati chiapÓ quantu ancora nun erene arivati manco al'alteza de Fermo, e cuscý dˇ navi ustriaghe, cumandate da Francesco Bandiera (el padre d'i dˇ famosi frateli Bandiera... piculo el mondo, eh?) li cariga su e li ariporta in Ancona. Interugatorio, prucesso, e po' l'hÓne mesi in galera, a Venezia. Pegio de tuti, j'Ŕ andata a Zuchi, che l'hÓne purtato in Austria e l'hÓne cundanato a morte. Dopu ma prˇ, la pena de morte j'Ŕ stata gambiata ntÚl'ergastulo.

Inzzoma, 'ncora stavolta era fenita male. Ma prˇ el zzeme dela libertÓ stava a cresce, e de bono c'era che urmai l'idea dela ribeliˇ a' Stato Puntificio e del'UnitÓ d'Itaglia se stava a fÓ strada miga solo ntÚla burghesia, ma 'ncora infrÓ qualche nobile pi¨ iluminato dej altri e adiritura infrÓ la gente del populo.

J Ustriaghi aveva penzzato che in dˇ citÓ impurtanti cume Bulogna e Ancona, era mejo a tienÚ na guarnigiˇ armata. Sta facenda dela sulevaziˇ ntÚ Statu dela Chiesa aveva fatu capý a mez'Uropa l'aretrateza del guverno puntificio, e tutti inzieme: Francesi, Ustriaghi, Russi e Inghelesi avevane dito al Papa che era mejo si se metÚva na mÓ ntÚla cuscenza e se dava na regulata: eca perchÚ c'era stata na certa clemenza da parte del guverno cui rivultosi. Ala fine, 'ncora j Ustriaghi aveva deciso da andÓ via, e al posto de loro avevane fatu vený trupe puntificie nove. Oltro a sti suldati c'era ancora 'n corpo speciale de usigliari devoti al Papa, che el populo nostro ha fatu subito a supranuminÓli burlandoti.

Ce pruvava, el Papa, a cuncŔde qualche picula riforma, ma pi¨ che riforme erene dele prese pr'i fundŔli. E po', ce'l zzapÚ che decisiˇ aveva preso el Papa? Quela de chiude l'UniverzitÓ de Stato. PerchÚ, se sa, da che mondo Ŕ mondo, la gente che studia vˇle la libertÓ, e aj ignuranti invece jÚ pˇi fÓ mandÓ giˇ de tuto: eca perchÚ la religiˇ e la cultura nun Ŕ andate mai tanto d'acordo!

El fogo dela ribeliˇ nun z'era spento del tuto e, cume capitava spesso a qui tempi, era ntÚle Rumagne che covava sota la cenere. C'era stati ntÚl 1832 fati de sangue a Cesena e a Forlý, e al zzolito i puntifici aveva chiesto na mÓ aj Ustriaghi, che nun z'era fati pregÓ, cuscý el famoso generale Radetzki era entrato a Bulogna. Sta facenda piaceva pogo ai Francesi: c'era state diverze schermaje diplumatighe, e i Francesi aveva fato capý che presto o tardi avriane ucupato Ancona. E defati, a 'n certo punto parte dal porto de Tolone na flota: c'erane 1500 omini, che ala fine de febrajo 1832 sbarcane in Ancona guasi de niscosto. Era de note, i Francesi sbarca sula banchina del porto, pija na scala pe' dÓ na smiciatina a cusa c'era dal'altra parte dela mura - ve duvÚ da ricurdÓ che a qul'epuga cureva tuta la mura che circundava al porto - vÚde che nun c'era nisciuno e alora se decide a sbarcÓ. I Francesi fa na bela surpresa al cumandante dela Citadela, che runfava tranquilo in casa sua (ve l'imaginŔ, cul pigiama, quantu se corge che c'Ŕ i Francesi dapertuto?), el fane prigiugnero e j'ordina da cŔde la Citadela. A dý la veritÓ, la Citadela era difesa da n'antro tenente culunelo, ma ala fine l¨ e i Francesi hÓne fato subito a mÚtese d'acordo e cuscý nun c'Ŕ stato bisogno da sparÓ manco na fucilata.

AlÚ!!! Sventula n'antra volta el triculore, e i liberali fÓne festa! El populo cumincia a pijÓ fogo, e alora el generale Cubieres che era quelo dei Francesi che cumandava pi¨ de tuti, fa 'n bel discurzeto cul'intenziˇ de dÓ na calmata generale. Ma c'Ŕ riuscito solo a metÓ, perchÚ ntÚl periudo che va da marzo a agosto del 1832 in Ancona de mareta ce n'era tanta: s'era furmata la seziˇ nostra dela Giovine Italia - eca che pe' la prima volta se cumincia a sentý discˇre de Mazini - e po' circulava gente armata pruvegnente da tuta la regiˇ. I preti veniva salutati da pernachie e arloti che faceva tremÓ i muri dele chiese, e al paruco dele Grazie j Ŕne adiritura zzumpati adosso. "Qui l'anarchia Ŕ trionfante" - diceva na relaziˇ clericale... n'acusa che ala CitÓ nostra j'Ŕ stata rivolta spesso!

Cumunque, el cumandante d'i Francesi aveva capito che si nun stava atenti, la situaziˇ rischiava da scapÓje de mÓ... e alora cus'ha fato? Ha pijato queli cula testa pi¨ calda, l'ha mesi int'una nave e l'ha fati partý pr'Algeri a arolasse per forza ntÚla Legiˇ Stragnera. Cuscý andava le facende in Ancona a qui tempi...

Certo che tuto qul casý nun pudeva gustÓ tanto al Papa, che defati tuti i giorni stava a prutestÓ cui Francesi pe' sgarbo che j'aveva fato in Ancona. Ala fine, se mÚtene d'acordo, i Francesi e 'l Papa, e al giorno de Pasqua del 1832 torna a sventulÓ in Ancona la bandiera puntificia. Ma in zzustanza gambiava pogo, perchÚ i Francesi restava in Ancona e nisciuno riusciva a vený a capo del gran casý che c'era. ╚ stato a qui tempi che la bela CitÓ nostra s'Ŕ cuminciata a guadambiÓ la fama de na citÓ de suverzivi, na fama che nialtri 'n'andamo fieri, ma che a qui tempi nun era na cosa da mÚte come 'n fiore ntÚl'uchielo perchÚ la repressiˇ pudeva scatÓ a ogni mumento. De sciguro, de anticlericali ce n'era parechi e infrÓ i tanti ce n'era ancora qualcunu viulento, tant'Ŕ vero che infrÓ lume e scuro, in Ancona qul'ano c'Ŕ state diverze curtelate e qualcuno che ciÓ lasciato le pene, cume el Gunfaluniere Girolamo Busdari, noto pr'esse 'n bagiapile al zzervizio d'i preti.

Al Papa jÚ cuminciava a girÓ le scatule ben bŔ: dai che te dai, aveva fenito la pazienza, e cuscý al 21 de giugno partiva na scumuniga pr'i ribeli d'Ancona. Nialtri, a dý la veritÓ, ce pudÚmi fÓ la culeziˇ de tute le scumunighe che Úmi rimediato ntÚi seculi, ma 'l guaio grosso, invece, era che stava a fený 'ncora la pazienza d'i Francesi! Cumincia j aresti, le perquisiziˇ, e' stato de Pulizia. Inzzoma, el Papa e i Francesi stavolta s'erene mesi d'acordo, ala facia d'i liberali e de tuti queli che se spetava la libertÓ che pudesse vený dala Francia.

Solo che adŔ i preti era turnati cul dente invelenito e nun faceva sconti pi¨ a nisciuno: pe' cuntrastÓ le SucetÓ segrete d'i liberali, avevane urganizato na specie de sucetÓ segreta de loro, ndˇ ce stava gente roza de campagna che penzzava solo a menÓ le mÓ: se chiamavane i Sanfedisti. Po' cuminciavane - i preti - a scrýve ntÚi giurnali cunzervatori... inzzoma, nun ze respirava 'n'aria bona in Ancona! E po', era 'rivata la repressiˇ, quela vera: avevane chiapato j assassini del gunfaluniere Bosdari e l'avevane cundanati a morte. Cuscý, 'ncora la citÓ nostra avrÓ da vÚde i primi fucilati: erene l'ancunetÓ Mariano Bevilacqua, che 'l chiamavene Papˇ, e 'l fanese Lorenzo Toneli: j hane sparato fˇri Porta Calamo, bela giustizia de sti pretaci, ma tempo poghi ani sta CitÓ l'avria butati fˇri a zzampate ntÚl c...!

╚ arivato el mumento da discˇre n'atimý de na forza nova che se facia ntÚl panurama patriotigo itagliano, e de cunzeguenza 'ncora in Ancona: i ripublicani! Da fioli avÚ studiato Mazini e la Giovane Itaglia? In Ancona e ntÚle Rumagne, ndˇ c'era tanta gente cul zzangue caldo, el verbo ripublicÓ tacava ch'Ŕ na beleza: l'eroe se chiama Nicola Ricciotti, che duveva murý martire inzieme ai famosi frateli Bandiera: Ŕ l¨ che al primo marzo del 1832 mÚte in piedi in Ancona la prima Cungrega dela Giovane Itaglia. Tempo poghi mesi e c'Ŕ giÓ diverze diecine d'associ. Gente che se chiamava: Farineli, Bunareli, Candelari... dai nomi se capisce che era tuta gente nustrana...

Mazini sapeva da pudÚce cuntÓ sula seziˇ d'Ancona. L'idea era quela da fÓ partý na sulevaziˇ de tute le Marche al mumento che avria pijato fˇgo 'ncora el Regno de Napuli.

Purtropo, ma prˇ, i moti ripublicani fa cume queli liberali, ciuŔ nun cumincia nemeno. In Abruzo e ntÚl'AsculÓ le forze del'ordine se cˇrgene prima e c'Ŕ i primi aresti... e penzzÓ che in Ancona avevane fatu le robe per bŔ e c'erene riusciti a mantienÚ el zzegreto. Ma ala fine casca gi¨ tutu cume 'n castelo de carte, e 'ncora in Ancona fioca j aresti: el patriota Galeti, che in casa sua jÚ trovane le letere de Mazini e na lista de perzzone, se beca el carcere a vita; el patriota Schelini che era quelo che a casa sua se faceva le riugnˇ dela seziˇ d'Ancona dela Giovane Itaglia, se la cava cun tre ani, scuntati guasi tuti a pijÓ l'aria bona al'Eremo de Monte Conero. N'antri po' se salva: el patriota Lesti fuge da na casa a n'antra e ala fine ariesce a 'mbarcasse int'un bastimento inghelese che 'l porta a Marziglia; n'antro bel grupeto, se 'mbarca pe' l Brasile. Era andata male 'ncora stavolta!

NtÚ quj ani dificili, in tute le Marche imperverza el culera. Era l'igiene che mancava, e bastava gnente prÚ fÓ schiupÓ n'epidemia dietro l'altra. La pˇra gente crepava cume le mosche: venti, trenta al giorno ntÚl periudo pi¨ pegio, che Ŕ stato ntÚl 1835. De note se muchiava i cadaveri al campo dela Luneta e j se dava fogo, po' ce se sparninciava sopro la calce viva. Visto che ai preti sti argumenti jŔ sempre piaciuti, c'era chi dava la colpa al populo ch'aveva fato rabý al Padreterno, e chi per cercÓ da fÓlo calmÓ (el Padreterno) urganizava na bela prucessiˇ. Menu male che quanto Ŕ fenita l'istate, in utobre, ariva 'n po' de pioge e de burasche che se porta via le caldane e 'l culera. Fati tuti i conti, in Ancona era morta la beleza de 716 perzzone. L'unico lato pusitivo del'epidemia de culera... el truvamo a Senigaja, sotu forma dela splendida piaza del mercato che se chiama Foro Anunario. El guverno puntificio aveva capito che prŔ fÓ sta bona la gente che stava a murý de fame e de culera, jÚ duveva dÓ da laurÓ, e alora s'era inventate 'n po' d'opere publiche: una de queste Ŕ propio qula bela piaza circulare cule cul˛ne.

Al nuvembre del 1837, vane via i Francesi. La situaziˇ generale pareva tranquila: in efeti, a parte qualche fato de nisciuna impurtanza, nun stava a sucŔde pi¨ gnente, e 'ncora i patrioti pareva che s'eri mesi bˇni.

NtÚl 1841 se registra na visita del Papa in Ancona, ndˇ ha inugurato la Bariera, chiamata apunto greguriana perchÚ el Papa se chiamava Gregorio XVI, che stava davanti ala chiesa de San PremiÓ, giˇ al porto, 'n bel munumento che purtropo le bombe dela segonda guera mundiale hÓne scancelato.

Stu Papa Gregorio XVI, nun ze pˇle propio dý che fosse 'n omo iluminato: era quanto de pi¨ 'retrato ce pudesse esse ntÚl clero. L¨ era cuntrario a ogni inuvaziˇ teniga, e cuscý ciÓ fato pŔrde n'apuntamento impurtante cul prugresso, 'ntanto che le naziˇ pi¨ civili d'Uropa, cume la Francia e l'Inghiltera, facevane passi da gigante. PenzzÚ che 'l Papa era 'dirittura cuntrario ale feruvie, che cuminciavane propio a qui tempi... se sa, cui treni viagiava 'ncora le idee, e i preti Ŕ sempre stati cuntrari ala circulaziˇ dele idee e al prugresso!

Se pˇ capý come, int'un clima cunzervatore e 'ntigo cume quelo che se rispirava da nialtri, el malcuntento se cuminciava a spÓnde infrÓ tuti i ceti suciali, miga solo i soliti burghesi. NtÚl 1843 c'Ŕ n'antro piculo tentativo de sulevaziˇ che avria duvuto partý dal meridiˇ, ma purtropo va a fený tuto ntŔla solita bola de sapˇ, e cuscý viŔnene 'restati i dˇ patrioti Achile Pagi d'Ancona e Nicola Marcheti de Senigaja.

L'anu dopu, 1844, c'Ŕ la sfurtunata spediziˇ d'i frateli Bandiera in Calabria ndˇ el capo dela Giovine Itaglia era d'Ancona e se chiamava Saveriano Fogaci. Inzieme ai valurosi frateli, c'era l'uprajo ancunetÓ Carlo Osmani, che dopo ha ricevuto la grazia, e 'l famoso Nicola Ricioti, che invece, pureto, qula volta l'hÓne fucilato. Tempi d'eroi, ma i tempi grami Ŕ sempre pieni d'eroi...

Ancora l'anu dopu, ntÚl 1845, c'Ŕ 'n tentativo de sulevaziˇ, urganizato da 'n grupeto de patrioti marchigiani e rumagnoli che stavane in Tuscana: l'idea era quela de pijÓ Ancona durante el periudo dela fiera de Senigaja. InfrÓ i patrioti c'era j ancunetani Anibale Ninchi e Carlo Faiani (cuscý adŔ cel zzapÚ da chi pija el nome le scole Faiani!) Solo che i patrioti hÓne fato a cagnara infrÓ de loro perchÚ nun z'Ŕ saputi mÚte d'acordo su quantu era el mumento bono prÚ fÓ la sulevaziˇ: va a fený male 'ncora stavolta!

Fra l'altro, duvÚ sapÚ che stu Faiani, oltro che 'n eroe del Risurgimento, era 'n benefatore del populo perchÚ aveva urganizato scole serali e aijuti pe' l'infanzia e pe' la giuvent¨ 'bandunata. Inzieme a l¨ c'era 'n grupeto de giovani liberali che adŔ i nomi loro sta sule strade d'Ancona, ma che oltro al nome bisognaria ricurdÓ 'ncora 'l bŔ che hÓne fato: Filipo Baratani e Antonio Gianeli.

Unu dietro l'altro faliva tuti i moti rivuluziunari ntÚla regiˇ nostra: la stagiˇ del '21 ciaveva tucato solo de striscio; dieci ani dopu le Marche aveva pijato fogo, ma j Ustriaghi aveva ciacato l'insureziˇ; e adŔ i muvimenti maziniani nun erene riusciti a cavÓ 'n ragno dal bugio. Pr'i liberali e i ripublicani de casa nostra, c'era pogo da stÓ alegri, e 'l murale stava sota i tachi.

Ma a ridÓ speranza e 'spetative de libertÓ Ŕ 'n fatu novo che sucŔde drento ala Chiesa: l'eleziˇ de Papa Pio IX, al 16 de giugno del 1846. La figura de stu Papa ha sempre 'passiunato j storighi, sia perchÚ Ŕ l'ultimo Papa-re, sia perchÚ ntÚla longa cariera sua ciÓ avuto tante cuntradiziˇ: dal Papa prugressista che era al'inizio, s'Ŕ trasfurnato ntÚl Papa repressivo dela segonda parte del Risurgimento. ╚ stato 'n ustaculo al'UnitÓ d'Itaglia, ma Ŕ vero 'ncora che nun era fato dela stessa pasta del predecessore suu che invece era 'n maledeto cunzervatore. Lasciando pŔrde quel che dice Babilˇ de stu Papa marchigiÓ - che se chiamava Mastai Fereti, e la casa sua se pˇle vÚde ancora a Senigaja - forzze Ŕ mejo a lŔge qul vechio vulpˇ de Indro Muntaneli, che ce 'l descrive cume 'n nobile che nun duveva fÓ la cariera 'clesiastiga, ma militare. N'omo purtato ale feste e ala vita brilante piutosto che ala Curia, e che propio pe' stu caratere, quant'era giovine s'Ŕ fato 'n po' trascinÓ dal vento del prugresso, ma invece po' Ŕ invechiato male. De sciguro, e ce dispiace pe' papa Wojtila che intÚ stu caso propiu nun ciÓ chiapato, nun era 'n Zzanto!

La prima roba che ha fato stu Papa novo apena ha pijato el cumando ntÚle mÓ, Ŕ stata na bela amnistia prÚ tuti i detenuti pulitighi: se tratava de 'n mijaro de perzzone, miga scherzi! In Ancona, sta nutizia Ŕ stata acolta ala grande e nun ha fato altro che fÓ schizÓ al celo le 'spetative d'i liberali, che giÓ erene enormi da prima. Na sutuscriziˇ pupulare in favore d'i echese-prigiugneri ha meso inzieme la cifra de... 15mila lire... per qui tempi era na furtuna!

NtÚl 1847 ariva na parvenza de libertÓ de stampa, e in Ancona cumincia a uscý el giurnale "Il Piceno", che se prupuneva da esse na specie de gazeta pulitiga. Sempre ntÚl '47, in Ancona diverze carighe publiche e 'ministrative viŔ date a omini de idee prugressiste.

Ce stamo a avicinÓ a qul'ano magico prÚ tuta l'Uropa che Ŕ rimasto talmente famoso che 'ncora adŔ se dice "sucŔde 'n Quarantoto!" Aj Ustriaghi nu j'andava gi¨ stu Papa novo che ciaveva 'n po' tropa disinvultura pr'i gusti de loro. Al'impruviso, ocupane Ferara: sta facenda pare che pole degenerÓ da 'n mumento al'altro, e se cumincia a parlÓ de guera. Ma invece, la grana de Ferara ala fine se sistema per via diplumatiga. A Roma ma prˇ c'era 'n gran casý - Ŕrene i tempi de Ciceruachio - e pr'ogni cuncessiˇ che dava Pio IX, subito c'era pronta n'antra serie de richieste nove. Capita spesso cuscý, che quanto la situaziˇ Ŕ incancrenita, el primo che se dÓ da fÓ pe' gambiÓ le cose, dopu rischia che jÚ pijane la mÓ....

Ariva el mumento de' Statuto, ciuŔ in pratiga la Custituziˇ. Stu ducumento, che ai tempi nostri Ŕ cunziderato nurmale, anzi 'n dirito, a qui tempi era na nuvitÓ grossa 'n bel po'. El fato che 'ncora 'l Papa l'avesse cuncesso, cuscý cume aveva fato el Re piemuntese, pareva 'l zzegno che finalmente e' Stato Puntificio aveva cuminciato a caminÓ al passo cul prugresso. A dýla tuta, stu Statuto nun era 'n gran che. De bono ciaveva che finalmente ricunusceva pari diriti aj Abrei e se meteva fine a qula vergogna che era el Gheto. Pe' l resto, era pi¨ 'l fume che l'arosto. In Ancona hÓne fato diverze feste prÚ celebrÓ la cuncessiˇ de' Statuto: curtei, parate, e 'n bel "Te Deum" cantato in Domo, che nun fa mai male.

El Quarantoto pe' l'Itaglia Ŕ l'ano dela Prima Guera d'Indipendenza. Tuta l'Uropa sta a pijÓ fogo: in Francia, in Austria e in Prussia i semi dela Rivuluziˇ Francese Ŕ germujati e la pianta dela libertÓ sta a crÚsce che Ŕ na beleza. In Russia, invece, gnente, mentre in Inghiltera el percorzo verzo la libertÓ era giÓ andato pi¨ avanti per contu suu.

NtÚl lumbardo-veneto e ntÚi ducati emigliani, j Ustriaghi viŔ butati fˇri. E da nialtri? MbŔ, ntÚ Stato dela Chiesa la situaziˇ era pi¨ incerta, perchÚ 'l Papa nun vuleva la guera contro l'Austria. C'era, ma prˇ, diverzi vuluntari che s'urganizava in batajoni e 'l Papa li lasciava fÓ. C'era perzzino qualche prete che s'era fato pijÓ la mÓ e parlava apertamente d'Itaglia e de guera. StÚ a sentý cusa diceva el delegato apustoligo Monzignor Rici: "L'Italia e il Papato, l'indipendenza e Roma sono in piena concordia tra di loro. Viva la religione, viva Pio IX, viva la nazionalitÓ italiana! O valorosi, tenetevi pronti, marciate a compiere i destini della patria comune. Io, dalla vetta di San Ciriaco, innalzerˇ una prece, perchÚ su di voi scenda la benedizione del cielo!". Dete da 'n prete, ste frasi faceva na certa impressiˇ.

In Ancona, a qui tempi se faceva vÚde spesso el famoso Massimo d'Azeglio (quelo che pi¨ tardi, int'un mumento de bona, avria prununciato la famosa frase: "L'Italia Ŕ fata, adŔ famo j Itagliani" che, sentendo le sciapate che dice qul ciamboto de Bossi ai tempi nostri, ce fa capý che stu d'Azeglio era unu che ciaveva la vista longa...). Parte da Ancona 'n batajˇ de 400 omini, e po' ne parte 'ncora n'antro cun pi¨ de 200: andavane in Veneto a cumbÓte contro aj Ustriaghi. A cŔnde el fogo del'amor de patria ce penzzava n'uratore cui fiochi, Padre Ugu Bassi - cuscý adŔ cel zzapÚ da chi ha pijato el nome la Piaza giˇ al PiÓ! - che a 'n certo punto s'era talmente infogato dale parole che l¨ stesso diceva, che ha smesso da discˇre e Ŕ partito vuluntario 'ncora l¨!

Purtropo el Papa, che fino a qul mumento aveva lasciato fÓ, a 'n certo punto Ŕ stato custreto a fÓ marcia indietro e a dý che l¨ era cuntrario a fÓ la guera a 'n Paese catoligo cume l'Austria. ╚ da sto punto in poi che le gente s'Ŕ cuminciata a scantÓ de stu Papa, che pareva tanto aperto e prugressista, ma quantu se rivava al donca, se tirava indietro. Ma intanto i vuluntari nostri era partiti e vulevane andÓ fino in fondo. Se studia a scola che la prima guera d'Indipendenza nun Ŕ andata tantu bŔ, ma prˇ j Ancunetani ciÓ avuto n'ucasiˇ da fÓ vÚde de che pasta era fati e nun se l'Ŕ lasciata scapÓ: in Veneto cumbÓte cume leoni j ancunetani Alessandro Orsi (e cuscý avÚ imparato da chi pija el nome na traverza del Viale...) e Carlo Rinaldini (che ha dato el nome al Liceo Classigo ndˇ mudestamente ho studiato io). Senza che ve raconto tuti i campi de bataja ndˇ i Nostri s'Ŕ fati unore, ve digo solo che ala fine dela guera un grupeto Ŕ arturnato in Ancona ndˇ Ŕ stati acolti cume eroi, n'antro grupo Ŕ andati ntÚl'AsculÓ a cumbÓte el brigantagio, che a dÓje quatro randelate a sti ciamboti, male nun faceva de sciguro; 'n antri po', i pi¨ valurosi de tuti, Ŕ andati a Roma a pugiÓ Mazini e la Ripublica Rumana. Era tempi d'eroi... cume sucŔde spesso quantu le robe vÓne male...

E defati la prima guera d'Indipendenza va a fený ala babalana: i Piemuntesi vienene travolti, ma de bono c'Ŕ che qul geniacio de Caure se rende conto che da soli nun pudÚmi tacÓ 'n chiodo contro ai Ustriaghi e che l'uniga roba seria da fÓ era mÚtese sula strada dele aleanze internaziunali. I fati jÚ darÓne ragiˇ, ma ce vurÓ 'ncora 'n po' de tempo.

J Ustriaghi adŔ s'era fati cativi: avevane ucupato Bulogna e minaciavane d'ucupÓ Ancona. J Itagliani ma prˇ, urmai vedeva j Ustriaghi cume el fume ntÚj ochi, e i Bulugnesi li caciava via a furor de populo. 'Ncora a Roma c'era 'n gran casý, perchÚ urmai al Papa el cuntestavane apertamente, e Pio IX dimustrava da nun esse al'alteza dela situaziˇ, tant'Ŕ che a 'n certo punto ha pijato e Ŕ fugito a Gaeta.

In Ancona ntÚl'autuno del '48 se faceva vÚde la flota piemuntese e al dˇ de utobre, giorno che sˇ nato io ('ncora si pi¨ de 'n zzeculo dopu...), sul penˇ se tira su el triculore. Al 9 de dicembre el Libro d'j Ospiti ancunetÓ, quelo che la prima firma era stata de Giuglio Cesare e l'ultima de Napuliˇ, s'arichisce cun quela de Giusepe Garibaldi. L'Eroe d'i dˇ Mondi sbarca ala sera, dorme al "Roma e Pace" e la matina dopu se mÚte in viagio pe' Macerata ndˇ stava a arulÓ vuluntari pe' la Ripublica Rumana. Era j ani d'oro del Risurgimento.

El Quarantanove Ŕ l'ano dela Ripublica Rumana, altro grande episodio dela storia d'Itaglia. Dopu el falimento dele prumesse de Pio IX, i ripublicani de Mazini avevane ripijato gambˇ, e 'l fato che 'l Papa era fugito via da Roma jÚ dava l'ucasiˇ bona prÚ dichiarÓ la Ripublica. Se furmava el triumvirato cun Mazini, Safi e Armelý. 'Ncora el re piemuntese Carlo Alberto rialzava la gresta, ma j Ustriaghi jÚ dava n'antra rasagnulata a Nuvara. Nasceva male la Ripublica Rumana, perchÚ da Gaeta Pio IX dumandava ale putenze urupee de ristabilý el guverno papale, e d'altro canto j Ustriaghi senza manco spetÓ da sentý i starnazi del Papa, s'era purtati avanti e aveva ucupato Ferara.

IntÚ qul'ano in Ancona pareva da rivýve el periudo del Trentuno e l'agitaziˇ era a mile. Cume sucede sempre intÚ sti casi quantu l'uturitÓ viŔ a mancÓ, c'era chi se ne prufitava... senza dÓ reta a quel che dice Babilˇ che li vede solo cume dilinquenti, v'ho da parlÓ dela cuscideta "Lega infernale" che era na specie de sucetÓ filo-ripublicana ndˇ ce se metÚva gente d'ogni risma. D'altronde ntÚl zzude dele Marche sucedeva l'esato cuntrario, ciuŔ i dilinquenti stavane dala parte del Papa e ntÚl'AsculÓ c'erane i cuscideti Ammazzarelli, che era gentacia e briganti che nun ze riusciva mai a dÓje la mazata finale. Inzzoma, giÓ da qula volta, quantu c'era da fÓ a bˇte, j Ancunetani se dimustrava de ultra-sinistra e j Asculani de ultra-destra... sucede cuscý 'ncora ntÚl mondo pi¨ inucente d'i ultrase del palˇ...

Scherzi a parte, la situaziˇ in Ancona nun era tanto alegra. Mazini l'aveva capito e ciaveva mandato 'n cumissario prÚ cercÓ da tienÚ a freno i pi¨ agitati, ma nun ze ne veniva a capo. La situaziˇ rischia da precipitÓ quantu sta Lega Infernale maza a un carmelitano irlandese che nun c'entrava gnente: aj Inghelesi jÚ cumincia a girÓ le scatule e ce mandane in Ancona na nave da guera. Mazini capisce che aquý bisugnava fÓ sul zzerio e manda in Ancona Felice Orsini, che se dimostra n'omo de polzzo e de furbizia: fa circundÓ le case de sti dilinquenti e li aresta. Po', quantu queli che era armasti liberi minacia da mÚte in piedi un casý, de note pija e trasporta j arestati a Spuleto.

N'antra pagina gluriosa ma sfurtunata del Risorgimento Ŕ la difesa de Roma. Ancora si dal punto di vista pulitigo j Ancunetani era stati piutosto tiepidi ntÚi cunfronti de Mazini e dela ripublica, sul campo de bataja, invece, i Nostri s'Ŕ fati unore. Pi¨ de docento ancunetani ha cumbatuto a Roma. C'era 'n univerzitario, che se chiamava Nicola Farineli, che Ŕ morto da eroe cula bandiera ntÚle mÓ urlando: "Questa bandiera, che si Ŕ fatta onore nei campi del Veneto, non vorrete disonorarla!" C'era i fratŔli Archibugi (eca n'antra via d'Ancona che scuprýmo da chi ha pijato el nome...) che 'ncora loro ciÓ lasciato le penne, ma da eroi. Era i tempi de Gufredo Mameli, morto 'ncora l¨ a Roma dopu avÚce lasciato qul'Ino Naziunale che adŔ saria propio ora da gambiÓlo e da mÚtece al posto suu na canzˇ 'n po' meno guerafundaja... tanti eroi, c'Ŕ sempre tanti eroi quantu se perde! Quantu se vinge, invece, j eroi nun zzerve!

Oprimo adŔ n'antro capitulo glurioso dela CitÓ nostra: l'assedio dej Ustriaghi. Cume urmai duvreste avÚ capito, Ancona Ŕ fata int'una magnera tale, che pare fata aposta pr'esse assediata o prÚ fasse assediÓ (a segonda d'i ponti de vista...) Qula volta, a diferenza d'i tempi de Federigo Barbaroscia, la difesa Ŕ fenita male 'ncora pe' qualche erore strategigo de tropu, ma cumunque aj Ustriaghi j'avÚmo dato tantu de qul filo da tˇrce che se pˇle dý che Ancona ha scrito una dele pi¨ bele pagine ntÚl librˇ del Risurgimento... che po' Ŕ l'unico libro che vale la pena da lŔge ntÚa libreria dela storia d'Itaglia!

El marescialo Wimpffen, che dagiÓ metÚva paura solo 'l nome suu, a fine magio 1849, marciava verzzo Ancona, e una a una metÚva sota tute le citÓ che, in fila cume i birili, ce stÓne de mezo infrÓ Bulogna e nialtri. Mazini aveva capito che l'unica difesa che valeva la pena de mÚte in piedi era quela d'Ancona, e aveva mandato el culunŔlo Zambecari a urganizÓ la difesa. In tuto c'erene circa 5000 omini, mentre j Ustriaghi erene el dopio. El generale Wimpffen, la prima roba che fÓ Ŕ piazÓ j omini sui a Turete e ala Muntagnola, 'ntanto che ancora dala parte del mare diverze navi da guera ustriaghe chiudeva la morza. Zambecari era unu che de sciguro in mezo ale gambe qualcˇ ciaveva, perchÚ quanto i Francesi j'hÓne pruposto da vený loro a difŔnde Ancona, j'ha fato sapÚ che per l¨, Ustriaghi o Francesi era la stessa minestra.

In CitÓ, duvunque c'era la tera muchiata, c'era 'ncora i canoni: ce se preparava a vŔnde cara la pelacia. La pupulaziˇ s'Ŕ schierata tuta dala parte d'i difenzzori, segno che 'l zzenzo d'itaglianitÓ urmai aveva tacato dapertuto. Se cumbate sia a canunate che a colpi de bajuneta perchÚ j Ustriaghi de tanto in tanto ariesce a sfundÓ dale parti del Gardeto ma tute le volte viŔ ricaciati indietro. C'Ŕ el tenente cremunese Gervasoni (n'antra via d'Ancona...) che cumbate cume 'n leˇ, c'Ŕ j Elia, padre e fjolo, giÓ cunusciutissimi in Ancona e amighi pe' la pŔla de Garibaldi, che da 'n batŔlo in mare va a dÓ fastidio ale navi ustriaghe. A 'n certo punto na canunata chiapa a na pulveriera al baluardo de Sant'Agustý: un macŔlo! Ma j Ancunetani nun z'arende, e anzi el tenente Gervasoni fÓ na surtita dale parti de Monte Marino ndˇ j omini sui ariesce a mazÓ docento ustriaghi, solo che la ritirata Ŕ dificile e Gervasˇ, ferito, ala fine ce lascia le pŔne.

Michele Fazioli ('n'antra via d'Anconaů), antenato de na grande famija ancunetana e storiga figura dela segonda parte del Risurgimento, inzieme cul Vicario del Vescuvo va a dumandÓ aj Ustriaghi dˇ giorni de tregua: gnente da fÓ! Sti maledeti da qula rechia nun ce sente.

Dal 16 de giugnu in poi el bumbardamento diventa na bolgia, e urmai le difese dela citÓ nu jÚ la fÓ pi¨. C'Ŕ chi penzza che Ŕ mejo arŔndese, chi invece vˇle resýste fino al'ultima gocia de sangue cume el culunŔlo Zambecari. Ala fine, quanto j Ustriaghi minacia de rade al zzˇlo la CitÓ, ce se decide a dumandÓ la capitulaziˇ: al 19 de giugno j Ustriaghi entra in citÓ, ma cume dagiÓ era capitato in passato, nun tˇca gnente e cuncede j unori militari ai difenzori. Se pˇle dý che fˇrzze era stato fato qualche erore al'inizio a lasciÓ tropu campo aj Ustriaghi, ma cumunque era na bataja perzza in partenza e la CitÓ s'era difesa cuj ogni e cui denti. Pe' sta ragiˇ s'Ŕ strameritata la medaja d'oro al valore che 'l Re d'Itaglia jÚ darÓ a fine seculo.

Venezia, Roma e Ancona: era tre sole le citÓ che aveva resistito aj Ustriaghi ntÚ qul zzanguinoso 1849. Tuta Ancona, nobili, burghesi e pupulani aveva partecipato al'eroica difesa. Urmai tuti ciaveva ntÚla testa n'idea nova, ntÚla boca na parola nova: Itaglia.

 


 Se voi scrive a Piero clica sula busta