dala pena de Pieru Rumagnoli   

 

15.  Ancona e i "Suverzivi".

I moti suciali a cavÓlo infrÓ dˇ seculi


 

Cul'arivo de Venezia ntÚl Regno d'Itaglia, Ancona de boto ha perzo impurtanza e quadrini. El porto e l'Arzenale vÓne in crisi, perchÚ nun c'era pi¨ la flota da guera. E la prima cunzeguenza dela perdita d'impurtanza de sta CitÓ, Ŕ stato n'umento feroce dela disucupaziˇ.

Prima de cuminciÓ a discˇre del prublema centrale dej ultimi ani del'Otucento e dei primi del Nuvecento, ciuŔ dela "questione sociale", sarÓ mejo oprý na parentesi. Me scusarÚ si tiro f˛ri 'n po' de paruloni che se usa ntÚla lengua itagliana, ma Ŕ ragiunamenti a largo ragio. FÓmo, cuscý de bˇto, 'n zzompo de na sessantina d'ani e penzzÓmo d'esse arivati, invece che aj Ani Sessanta del'Otucento, aj Ani Venti del zzeculo scorzo. Vujaltri avÚ visto mai i telegiurmali d'epuga che de tanto in tanto fÓne vÚde ala televisiˇ, ndˇ c'Ŕ el Duce che parla in piaza e la fˇla uceaniga che aplaude? Fa rýde el Duce, a vÚdelo adesso, vero? Dice, ma cume sarÓ stato mai pussibile che tuta sta gente j'ha dato ragiˇ e l'ha lasciato fÓ? E invece Ŕ sucesso! Ma dˇ naziˇ civili cum'era l'Itaglia e la Germania, p˛ stÓ che hÓne pijato la strada del nazifascismo e s'Ŕ butate da per loro verzo e' sfacelo? E nun Ŕ manco da dý che l'Itaglia era nata cula ditatura, perchÚ invece era nata liberale e l'unitÓ de stu Paese s'era fata contro al "Ancien Regime" dj nobili e contro ai preti. E alora ???

De perchÚ ce n'Ŕ parechi. Na spiegaziˇ impurtante pudria esse che fascismo e nazismo Ŕ stati la reaziˇ viulenta dela classe burghese al cumunismo. In Uropa s'era apena fati i Stati naziunali, la Rivuluziˇ russa aveva ancora da schiupÓ, ma pr˛ giÓ se stava a creÓ tute le cundiziˇ pe' fÓla schiupÓ: industrializaziˇ pesante, abandono dele campagne, puvertÓ e voja de riscato dele masse.

St'idea del fascismo cume reaziˇ al cumunismo, idea cara ala sinistra, da sola pr˛ miga basta. DuvÚmo da ricunosce che da diverzi deceni i guverni de guasi tuta Uropa aveva pijato na piega sempre pi¨ uturitaria. Le naziˇ se arma, el militarismo cresce de ano in ano fino a purtÓ l'Uropa ntÚl baratro dela Grande Guera Mundiale. El militarismo, sci, e 'l culugnalismo, che farÓ scý che 'l capitalismo aggressivo de qul'epuga vaga a invade mezo mondo pr'andÓsse a pijÓ le materie prime che jÚ serviva al'industria urupea: questi purtropo Ŕ tuti i fjoli bastardi dela grande risalita dela burghesia che aveva butato giˇ cula Rivuluziˇ Francese ai nobili e ai preti, e adŔ duminava 'l mondo. Quanto studiamo el Risurgimento, studiamo scý 'n periudo bulo dela storia nostra, ce gusta l'idea del zzeme dela libertÓ piantato dai suldati de Napuliˇ, ma tante volte ce scurdÓmo de penzzÓ ala direziˇ che ha pijato l'Uropa dopo che ste idee aveva triunfato.

J ultimi trent'ani del'Otucento e i primi venti del Nuvecento porta ntÚl cuntinente nostro i semi de' sfacelo. E alora la cunclusiˇ de tuta sta papardŔla che v'ho fato Ŕ che 'l fascismo nun Ŕ stato solo na reaziˇ ai bulscevighi, ma Ŕ stato 'ncora la cunzeguenza de mezo seculo de militarismo, che l¨ invece era na cunzeguenza direta dj muvimenti naziunali cume quelo che aveva meso inzieme l'Itaglia. Dýmole fino in fondo, le robe!

Anti-capitalisti, anti-risurgimentali, i catolici sti spunti li capisce al volo, e defati Babilˇ, che ntÚl libro suu era stato sempre dala parte dela reaziˇ clericale, adŔ quantu cumincia a discˇre del'Ancona de fine Otucento, ragiona supergi¨ cume ragiono io. Se lŔge molto mejo adŔ la storia sua d'Ancona, perchÚ 'l bon Babilˇ ha capito che c'Ŕ 'n prublema grosso cume na casa, el prublema suciale, che la burghesia che ha apena fato l'Itaglia nun Ŕ b˛na a risolvelo.

Stu prublema c'era in tuta Itaglia, ma in Ancona era pi¨ pegio, perchÚ de quadrini intÚ sta CitÓ ce n'era arivati tanti e po' tuto int'un b˛to, cul'arivo de Venezia era feniti.

Ancona pijerÓ na strada simile a quela che pijerÓ tuta la Rumagna, na strada fata de ripublicani, de sucialisti e d'anarchici. Tuta gente che jÚ vale, ala CitÓ nostra, la fama de citÓ suverziva: na fama meritata perchÚ le robe da nialtri nun Ŕ state tranquile mai dal 1870 al'arivo del fascio. C'Ŕ da dumandasse che fine fa 'l liberalismo ancunetÓ, che aveva truvato tanta bela gente in prima fila a cumbÓte pe' la libertÓ. Fa na bruta fine, gente mia, cume spiega bŔ 'l libro recente sula Massuneria ancunetana (fra qualche giorno 'riva la recenziˇ), perchÚ i liberali era stati contro al'assulutismo, ma al prublema suciale nun ciavevane penzato mai. Questa Ŕ na malediziˇ che capiterÓ a tuta l'Itaglia ma int'un modo speciale in Ancona, ndˇ le idee prugressiste piano piano pija n'andazu sempre pi¨ estremistigo e invece 'l ceto burghese, che era quelo che mandava avanti la CitÓ, se chiude sempre de pi¨ ntÚl cunzervaturismo e, quanto riva i fascisti, nun fa gnente pe' fermÓli, anzi jÚ spalanca le porte.

Parentesi chiusa... ripijamo 'l filo del discorzo cul'abandono dela flota militare e i portul˛ti disucupati. El populo nun ciaveva da magnÓ e giÓ ntÚl 1869 la gente esasperata cumincia a fÓ casý. El Cumune avea 'umentato 'l dazio sui generi de cunzumo, e sta roba era na batosta pe' le sac˛ce giÓ v˛te dj purÚti. U' sfragŔlo de gente se raduna sotu ale finestre del Municipio e urlando: "Morte al zzindico!" invade el piano tŔra. Po' 'n grupo de scalmanati ariesce adiritura a entrÓ ntÚl'uficio del zzindico Mateuci e 'l vuleva butÓ giˇ de soto dala finestra. PrutŔto daj assessori, el zzindico se salva, ma s'ha da dimÚte cun tuta la gionta. El populo se dÓ na calmata solo quantu jÚ viŔ prumesso che 'l dazio saria stato abulito. Intanto ma pr˛ ce s'era mesi de mŔzo dˇ regimenti, uno de Berzzajeri e n'antro d'Artijeria... si c'era na roba che nun mancava a qui tempi in Ancona, era i militari! E po', fenito 'l casý, cumincia a fiucÓ i primi aresti.

NtÚl fratempo, dopu 'n po' de tentativi andati a v˛to - ce ricurdÓmo tuti, no? (noooo? AndÚ a studiÓ, o sumari!) dele bataje de Monterotondo e Mentana ndˇ 'l nostro Elia, che era papa e cicia cu' Garibaldi, s'aricopre de gloria - finalmente ariva la famosa brecia de Porta Pia e Roma diventa capitale d'Itaglia. Cume ha da sapÚ tuti, sŔmo ntÚl zzetembre del 1870. In Ancona l'avenimento Ŕ salutato cu' na gran manifestaziˇ patriotiga a teatro.

IntÚ stu periudo pija gambˇ in Ancona 'l Partito Ripublicano, cume del resto stava a sucede in tuta la Rumagna. I ripublicani nun era cume i liberali e partiva dal penziero de Mazzý, scumparzo ntÚl 1872: in cumune cui liberali ciavevane l'anticlericalismo, ma pr˛ de diverzo c'era la critiga ai Savoja, acusati de fÓ na pulitiga tropu militarista e de nun fÓ gnente pe' risˇlve la quistiˇ suciale. In Ancona nasce ntÚl 1870 il Lucifero, giurnale ripublicano in cuntrasto, spesso e vulentieri, cul giurnale L'Ordine - Corriere delle Marche che era de idee molto pi¨ muderate e in favore dela munarchia, e che racujeva i liberali e 'ncora qualche catolico. I catolici, se sa, pr'un po' d'ani el Papa j'aveva dito col famoso "non expedit" da stÓ luntani dale facende pulitighe, ma intanto se cuminciava a urganizÓ lo stesso.

NtÚj ultimi vent'ani del'Otucento, se cumincia a vÚde 'ncora in Ancona 'n fenomeno che era la cunzeguenza direta dela puvertÓ del populo, ciuŔ l'emigraziˇ oltre uceano. In Ancona Ŕ stato 'bastanza limitato, e purtropo mai studiato 'bastanza: Ŕ sopratuto in Argentina che Ŕ emigrati diverzi cuncitadini nostri.

Va 'n pughÚto mejo le robe, ntÚj Ani Utanta. ╚ proprio intÚ qul'epuga che ntÚl nord'Itaglia cumincia le prime grandi industrie. In Ancona no, l'industrializaziˇ nun c'Ŕ stata mai, e c'era solo 'l Cantiere e 'l porto che dava da fadigÓ aj uprai. NtÚl 1882 sucede na roba imprtante, che saria 'l dirito de voto a tuti queli che sapeva lŔge e scrýve. ╚ na roba che nun ce se crede, adŔ, ma pr'alora era 'n bel prugresso ancora se, senza le done e j analfabeti, era sempre na minuranza quela che andava a vutÓ. Ma Ŕ impurtante, perchÚ vuleva dý che pe' la prima volta le masse cuminciava a fÓ sentý la voce de loro.

Po', ntÚl 1892, nasce el Partito Sucialista, n'antro capusaldo dela lota pe' la giustizia suciale. NtÚle Marche el primo sucialista de peso Ŕ stato l'aucato Bocconi, che sapeva discˇre bŔ 'n bel po' e che se faceva dÓ rŔta da uprai e cuntadini.

Ripublicani... sucialisti... e pudeva mancÓ j anarchici? De sciguro in Ancona no. Ancona Ŕ 'n nome che ntŔla storia a luci e ombre del'anarchia, se sentirÓ a dý 'n zzacu de volte. E al'anarchia d'Ancona c'Ŕ legato 'n grande nome: Errico Malatesta, che ne parleremo per bŔ fra 'n po'.

Ma nun Ŕ fenita. C'era ancora i radicali! I radicali nun era tanto diverzzi alora da cum'Ŕ adŔ: era 'n partito che faceva presa sula burghesia, era ajutato e alimentato dai massoni che in Ancona era tanti e urganizati bŔ, e era gente che - paro paro a cume sucŔde adŔ - nu' jÚ gustava l'andazo che la pulitiga itagliana cuminciava a pijÓ giÓ da qula volta, ciuŔ i brudÚti infrÓ la destra e la sinistra, quelo che se chiamava el trasformismo e che putropo avrÓ da cundizunÓ tuta la pulitiga nustrana mezo seculo prima del fascismo e mezo seculo dopu.

Inzzoma, fra liberali, ripublicani, sucialisti, anarchici e radicali, pr'i catolici in Ancona era tempi duri! Epure 'ncora loro se dava da fÓ, 'ncora se 'l Papa j aveva dito da stÓ per conto loro e nun mischiasse ntÚla pulitiga.

J ultimi ani del zzeculo Ŕ tremendi. C'Ŕ la guera d'Africa e ntÚl 1896 ariva la scunfita de Adua ndˇ more Leopoldo Elia, 'n altro membro de sta famija gluriosa. NtÚl 1897 el prezo del pÓ va ale stÚle; e c'Ŕ l'atentato al re Umberto I; l'ano dopu a Milano sucede el finimondo e 'l generale Bava Beccaris opre 'l fogo sui dimustranti.

In Ancona la gente cula panzza vˇta nun ze riusciva pi¨ a tienÚla a freno. Ancora da nialtri, 'ncora se no cula viulenza de MilÓ, c'Ŕ stato un 1898 caldo: al 16 genaro la gente s'era radunata sota al Cumune chiedendo el ribasso del prezo del pÓ.

╚ passato pogo pi¨ de 'n zzeculo, epure pare mile ani fa. Si ai tempi nostri ste robe pare guasi che nun Ŕ vere, el merito Ŕ de qui muvimenti populari che propiu intÚ qui ani ruventi faceva de giorno in giorno sempre pi¨ presa ntÚle masse. Si ogi l'Itaglia Ŕ na naziˇ muderna e la gente nun s'aritrova ala fame cume sucŔde ntÚl' Ameriga Latina, el duvÚmo a sta gente che fˇrzze s'esaltava 'n po' tropu facile, ma che metÚva a rischio posto de lavoro, tranquilitÓ e spesso ancora l'inculumitÓ perzunale pr'amore d'un bucuncý de giustizia in pi¨.

El zzeculo n˛vo cumincia male, cul'assassinio del Re a Monza da parte del'anarchigo Bresci. J anarchici de tuta Uropa fa tremÓ teste curunate e burghesi. Tira na gran bruta aria, se capisce che la situaziˇ p˛le scapÓ de mÓ da 'n mumento al'altro.

IntÚ tuti sti ani che vÓne dal 1867 ala fine del zzeculo, intanto, Ancona aveva cuntinuato, ma molto pi¨ a rilento dj primi ani, l'opera de rinuvamento che era cuminciata cul' anessiˇ al Regno d'Itaglia. ╚ dj Ani Setanta e Utanta del'Otucento el riˇ dj Archi e 'l primo Gazometro. Le ripe de Capedemonte, che franavane de cuntinuo, viŔ sistemate na volta prÚ tute e i quadrini pr'i lavori ce li mÚte 'n Cunzorzio infrÓ le famije interessate. Se vede che a qul'epuga el Cumune ciaveva i quadrini cuntati...

NtÚl 1883 cumincia el zzervizio de tranvia, prima a cavÓli, e solo parechio pi¨ tardi, a partý dal 1909, cula traziˇ eletriga.

L'opera pi¨ grande e impurtante infrÓ le poghe che Ŕ state fate intÚ sti ultimi tre decŔni del'Otucento, Ŕ stato de sciguro l'acquedoto, che ce ne parla cu 'n zzacu de particulari l'indimenticato Giorgio Ochiudoro ntÚl bel libro suu. VardÓmo inzieme la foto storiga del'inuguraziˇ, cul'aqua che zzampila in Piaza Roma. Era el 17 de giugno del 1882 ! PenzzÓmo che ntÚla citÓ nostra, d'acqua da bÚve ce n'Ŕ sempre stata poga e che st'acquedotto che la purtava da Fiumesý era la suluziˇ de 'n prublema seculare.

Ma chiudÚmo sta breve parentesi pr'arturnÓ al clima pulitigo cupo che se rispira in Itaglia al'inizio del Nuvecento, subito dopu che era stato mazato Re Umberto I a Monza. Guardando a stu periodo cul cuscideto "senno di poi" c'Ŕ na perzona che l'Itaglia avria da ringraziÓ pr'esse riuscito a mantienÚ in piedi el giovane regno: el primo ministro Giovanni Giolitti, n'omo che s'Ŕ saputo barcamenÓ ala perfeziˇ infrÓ Destra e Sinistra e che Ŕ riuscito a dÓ al Paese qula spinta verzo l'industrializaziˇ che j'ha fato rimpý diverzi deceni de distaco che c'Úmi dal'Inghiltera e dala Francia. Certo ma pr˛, che nun c'era prÚ gnente la pace suciale, e in Ancona meno che meno. NtÚl 1909, ripublicani, sucialisti e anarchigi aveva fato na specie de federaziˇ, che se chiamava l'Associazione Giordano Bruno. El nascente partito catoligo invece sempre de pi¨ stava dala parte del guverno.

NtÚl 1910 se celebra el cinquantenario del Regno d'Itaglia, e dˇ ani dopo s'inaugura el bel munumento de Castelfidardo in ricordo dela famosa bataja che aveva vuluto dý la liberaziˇ dele Marche. El Re in perzzona ariva pele cerimogne.

Stu Re giÓ ntÚl 1906 s'era fato vÚde in Ancona, 'ncora se solo de sfugita, pel'inuguraziˇ de n'antro pilastro dela citÓ nostra, ciuŔ el novo Uspedale Umberto I.

Era j ani dela Guera de Libia, la prima guera ndˇ s'era usati i ruplani. Sta guera (vinta) contro al'Impero Utumano che era in sfacelo, Ŕ chiaro che nu jÚ pudeva andÓ giˇ al populo che nun ciaveva da magnÓ. I Ripublicani e i Sucialisti erene cuntrari, mentre invece i catolici susteneva sta guera. C'Ŕ da dý che al'inizio i Ripublicani era stati incerti na muchia su che pusiziˇ pijÓ, e solo ala fine s'era dichiarati contro al'anessiˇ dela Libia.

Ce stÓmo a avicinÓ a grandi passi a qul 1914 ndˇ la CitÓ nostra Ŕ stata pr'un mumento al centro del'atenziˇ de tut'Itaglia: stamo a parlÓ dela famosa Setimana Roscia.

Ma prima duvÚmo discˇre d'un certo signore che a qui tempi stava ntÚl Partito Sucialista e che se chiamava Benito Mussolini... ve dice gnente stu nome? MbŔ, Mussolini cumincia a fÓ la voce grossa propio al Cungresso Sucialista in Ancona, ndˇ se parla dj dificili raporti infrÓ sucialisti e massoni. ╚ aquý che l¨ sustiŔ la tesi nefasta del'incumpatibilitÓ e prupone l'espulziˇ dj massoni dal partito. Esce dal panurama prugressista itagliano na cumpunente molto impurtante perchÚ rapresentava el legame cula classe burghese, che invece da stu mumento in poi se rinchiuderÓ sempre de pi¨ ntÚl cunzervaturismo. Ragiunando ancora na volta cul famoso "senno di poi" pareva guasi che 'l futuro Duce l'aveva capito prima dj altri e ciaveva fato aposta a fÓ precipitÓ sta situaziˇ, che de lý a meno de dieci ani, j'avria fato parechio comudo.

El Primo Minsitro adŔ Ŕ Salandra, e in Ancona c'Ŕ na furtissima cumpunente sindacalista dj feruvieri. Fenito 'l periudo dele riforme suciali de Giolitti, j industriali fÓ vÚde al Paese 'l musu duru del capitalismo, e la speranza de 'n futuro rifurmista che pudesse fa crÚsce la classe upraja va a fÓsse benedý.

Quelo che fa precipitÓ la situaziˇ in Ancona, Ŕ j Anarchici, sotu ala guida del famoso Errico Malatesta, che sapeva acŔnde 'l fogo dela rivuluziˇ cume nisciun antro.

La Guera de Libia, cume v'ho dýto, nun aveva incuntrato 'l favore pupulare, e c'era stati dˇ episodi d'inzuburdinaziˇ de militari. El zuldato Ugusto MasÚti aveva sparato al zzuperiore suu, al mumento de partý pe' la guera, e alora era stato chiuso ntÚ 'n manicomio criminale. El zzuldato Moroni era stato afidato ale Cumpagnie militari de Disciplina. Ste facende, aveva fato infogÓ j animi ancora de pi¨, int'una CitÓ che era piena de servit¨ militari e de antimilitaristi de tuti i culori. Al 7 de giugno, in ucasiˇ dela Festa de' Statuto, anarchici e ripublicani, el zzangue rivuluziunario de na citÓ che s'era fata la fama de suverziva, s'era dati cunvegno a Villa Rossa.

Quel giorno piuveva che Dio la mandava, e la scelta de Villa Rossa era stata ubligata propio dala piova perchÚ 'l cumizio se saria duvuto fÓ la matina in Piaza del Papa. Cinquecento perzzone partecipava al cumizio ntÚl pumerigio. DiscurÚva Pietro Nenni (penzzÚ 'n po' vujaltri: n'omo che Ŕ scumparzo solo da poghi ani!) che al'epuga era el giovane diretore del Lucifero, po' Errico Malatesta: erene dˇ omini che ce sapeva fÓ 'n bel po' cui discorzzi. Fenito 'l cumizio, la gente vuleva andÓ in Piaza Roma, ma c'era 'n curdˇ de Garbigneri che nun vuleva che i dimustranti s'incuntrasse cu' na banda militare che duveva da sunÓ in Piaza Roma. Senza capý nÚ come nÚ quanto, se scatena 'l finimondo, cui Garbigneri che opre 'l fˇgo sula fˇla, mazando a tre giuvinˇti: i ripublicani Nello Budini e Antonio Casaccia, e l'anarchigo Attilio Giambrignoni. C'era stati ancora diverzi feriti sia infrÓ i civili che infrÓ le forze del'ordine.

Ma nun era stato tanto 'l fato de sangue a fÓ parlÓ d'Ancona in tut'Itaglia, quanto 'l casý che era sucesso dopu: la sera stessa era stato indeto e' sciopero generale in Ancona, e 'l giorno dopu in tuta Itaglia. A Roma, Firenze, Turino, Milano e Parma i scontri infrÓ i dimustranti e le forze del'ordine era stati tremendi. Ma Ŕ ntÚle Marche e ntÚla Rumagna, su fino al Delta del Po, che s'Ŕ verificate scene de cumpleta ribeliˇ de citÓ intere alo Stato. In diverzi posti s'Ŕ arivati a dichiarÓ la Ripublica.

La Setimana Roscia Ŕ fenita, apunto, int'una setimana. Era stata la prima volta, e 'ncora l'ultima, che 'n populo intero se ribelava al guverno suu. S'era roto definitivamente 'l filo che tieneva unite al'Itaglia le classi pupulari. Era la scunfita dj prugŔti rifurmisti, era la scunfita del capitalismo iluminato, in favore, invece de quelo dala facia dura.

De stu famoso episodio, cuminciato in Ancona e prupagato cume n'incendio ntÚla parte pi¨ prugressista del'Itaglia, nun ze n'Ŕ parlato mai 'bastanza. I studi sul'argumento Ŕ poghi o de parte. Ce vuria, invece, u' storigo de prufessiˇ che facesse capý ala gente cusa s'era roto ntÚ qui dramatighi sedici ani che vÓne dai moti de MilÓ ala Setimana Roscia. Pe' ricuperÓ, stu p˛ru Paese ce duvrÓ da mÚte n'antro mezo seculo, infrÓmezo a dˇ guere mundiali e na ditatura fascista. Ciavessimo avuto n'antro tipo de burghesia, a st'ora saria stata tuta n'antra storia.

Ma ntÚl 1914, cul'Uropa che se stava a butÓ ntÚl pi¨ grande suicidio culetivo dela storia sua, che va sotu al nome de Prima Guera Mundiale, nun c'era nÚ tempo e nemanco voja da fÓ sti discorzi.

 


 Se voi scrive a Piero clica sula busta