dala pena de Pieru Rumagnoli   

 

17.  Ancona ntÚl ventŔnio fascista

 


 

NtÚl capitulo scorzzo avÚmo parlato dela Prima Guera Mundiale, cuj episodi tragighi, queli comighi e queli d'eruismo, e cula vitoria finale.

Ma la Storia vera miga era questa, signori bŔli: sta guera vinta, al'Itaglia j era custata 'n prezo spaventoso, seicentumila morti! PrÚ cosa: per Trento e Trieste? Valeva la pena? El Paese era diviso prima, e sarÓ ancora pi¨ diviso dopu la guera. I cunfliti suciali ricumincia pi¨ pegio de prima e se pripara i tempi cupi che ntÚl giro de apena 4 ani ce purterÓ ntÚl ventŔnio fascista.    

Ma pr˛, prima de disc˛re de stu ventenio, che Ancona l'ha vissuto in zzurdina perchÚ sarÓ una dele citÓ meno fasciste d'Itaglia, ce cunviŔ a fÓ 'n zzumpÚto indietro de qualche ano. Presi cum'Ŕrimi dal raconto dele lote suciali prima, e dela Grande Guera dopu, ce semo guasi scurdati da dý del prugresso che la CitÓ ciaveva avuto ntj primi ani del Nuvecento.

DuvÚ da sapÚ che, da quantu esiste l'Itaglia, 'l cenzimento se fa ogni dieci ani, ntÚj ani che finisce cula cifra numbero 1. Subito dopu l'UnitÓ d'Itaglia, ntÚl 1861, Ancona ciaveva 46mila abitanti. Nun era cresciuti de fuga, tant'Ŕ vero che ntÚl 1881 de gente ce n'era poga de pi¨, 48mila. NtÚl 1891 el cenzimento nu l'avevane fÓto, e invece ntÚl 1901 Ŕrimi arivati a 55mila. NtÚl 1911, po', el conto era arivato a 63 mila. Inzzoma, in trent'ani la CitÓ aveva umentato la pupulaziˇ del trenta per cento. Pi¨ c'era gente e pi¨ c'era bisogno de case, me pare logico, no? Sopratuto, era umentato 'l ceto burghese e se capiva che la CitÓ duveva da crÚsce.  Nasce alora  ntj primi ani del Nuvecento el riˇ Adriatico, el pi¨ elegante d'Ancona, e nun vel digo solo perchÚ ce s˛ cresciuto io.

Defati, prima la CitÓ se fermava a Piaza Caure, ndˇ avÚmo visto che c'era la mura dela cinta daziaria, e f˛ri nun c'era gnente. Sicome na volta tanto le robe intÚ sta CitÓ Ŕ state fate per bŔ, vale la pena da fermÓsse 'n po' sui particulari. NtÚl 1903, l'Aministraziˇ Cumunale elabura 'n Piano d'Espanziˇ, che al'inizio era centrato sul'asse de quele che ogi Ŕ Via Mateoti e Corzzu Amendula. La zona pi¨ in giˇ, ndˇ c'Ŕ 'l Viale, se penzava de fÓce i giardini publici, perchÚ se diceva che era tropu umida prÚ fÓce le case. Dopu ma pr˛, cume spesso sucŔde intÚ sti casi, c'era qualcuno che ciaveva meso le zzampe intÚ sto Piano d'Espanziˇ prima ancora che venisse apruvato, e cuscý era venuto f˛ri ancora 'l Viale. Dýmo alora che i brudÚti fati cume al zzolito da queli che ciaveva le mÓ in pasta e ce vuleva guadambiÓ, na volta tanto s'Ŕ rivelati na scelta giusta.

El prublema grosso era la cinta daziaria: c'era la mura che chiudeva Piaza Caure e se rampigava su pel Gardeto: lý, bisugnava pijÓ na decisiˇ si se vuleva realizÓ 'n quartiere intero che fosse tacato al centro dela CitÓ. El linguagio Ŕ quelo de 'n zzŔculo fa, ma 'l cuncŔto era guzo: el Viale saria stato fato cu' "grossi corpi di fabbrica per abitazioni raggruppate e villini per una o pochissime famiglie". Ala CitÓ jÚ se vuleva fÓ sfrutÓ mejo "le bellezze naturali a larga mano profuse e sin qui poco sfruttate" realizando "un pubblico passeggio ampio ed alberato, fiancheggiato di eleganti costruzioni".

Quantu le robe nasce bŔ, Ŕ facile che ariesce bŔ, e cuscý ntÚl giro de poghi ani viŔ f˛ri la parte  pi¨ elegante d'Ancona: I spazi c'era, la prugramaziˇ nun era mancata, e l'architetura era quela burghese d'inizio seculo che ha fato diventÓ pi¨ bele tante citÓ d'Itaglia che prima era zoze, sdroge e sganganate.

El prugŔto definitivo era pronto ntÚl 1914, ma la guera mundiale aveva ritardato i lavori, cuscý el traciato del Viale viŔ fato ntÚl 1920. Invece le case, qule bele case che ce rende ancora ogi  urgujosi de stu Viale, Ŕ guasi tute del periudo fascista.

Ma pr˛ c'era da capý cume ris˛lve n'antri dˇ prublemi: l'inizio e la fine de stu grande stradˇ novo che dava rispiro ala CitÓ. Da na parte c'era la mura de Piaza Caure, che urmai nun zzerviva pi¨ a gnente e che la butarane giˇ ntÚl 1913. E, dopu la mura, e' slargo de tera ndˇ ancora miga c'era i palazi dele Poste e del Cumune.  Dal'altra parte, invece, stu viale feniva in gnente, cule rupi che dava ntÚl mare. A sti dˇ prublemi el ventenio fascista, che dal punto de vista del'architetura avrÓ da rimpý l'Itaglia de purcherie, farÓ invece ala citÓ nostra tre rigali beli 'n bel po' (questiˇ de gusti, eh?): i dˇ Palazi del novo Municipio e dele Poste, e 'l Munumento ai Caduti. Digo, questiˇ de gusti perchÚ e' stile dj dˇ palazi pudria nun piacÚ a qualchiduno. Ma nun me vený a dý che 'l Munumento nun Ŕ belo perchÚ sinˇ Ŕ mejo che lascio pŔrde... Cuminciato ntÚl 1933 e prugetato dal'architeto Guido Cirili, stessa firma del Palazo dele Poste, rapresentava la giusta cunclusiˇ a mare de na passegiata grande, ariosa e 'ristugratiga cum'era 'l Viale. Pi¨ che 'n munumento ai Caduti, era 'n munumento al mare d'Ancona: bianco, pieno de luce, slanciato. Mý madre l'ha sempre chiamato "el baratulo" perchÚ dice che jÚ ricorda 'n baratulo de pelati; mý moje dice che Ŕ n'antra dele purcherie del'architeura fascista, e invece cel zzapÚ cusa ve digo io? El Munumento ai Caduti, segondo me, Ŕ 'n'opera d'arte!

Intanto che Ancona cresceva e pijava respiro, ma pr˛, nun ze pˇle propio dý che in pulitiga le robe andava avanti tranquile. La guera era fenita, ma la panzza dela gente armaneva sempre vˇta e la questiˇ suciale era arturnata fˇri pi¨ pegio de prima. AdŔ po', de diverzo da prima, c'era stata la Rivuluziˇ bulsceviga a cŔnde 'l fogo dela ribeliˇ. GiÓ ntÚl 1919 c'era stata  na sulevaziˇ contru al caruvita ndˇ c'era stati ruberie e aresti. Po' c'era 'l prublema dj echese-cumbatenti che turnava a casa dala guera e nun truvava lavoro: molti de questi era stati arulati ntÚle Guardie Regie cul'ubietivo da rinfurzÓ l'ordine publico che 'l guverno Nitti vuleva tienÚ sotu cuntrˇlo.Qul pur'omo de Giuliti, l'unigo grande pulitigo che ciavÚmo avuto a cavalo infrÓ i dˇ seculi e che era arturmato a fÓ 'l Primo Ministro, se faceva in quatro pr'armÚte inzieme i cˇci dela pulitiga itagliana, che pareva sempre de pi¨ alo sbando.

Ma ntÚl 1920 sucŔde in Ancona n'antro fatacio, che darÓ definitivamente ala CitÓ nostra, si 'ncora ce n'era bisogno, la fama de suverziva. De sti fati, io ciˇ avuto 'n testimogno d'eceziˇ in casa mia perchÚ mý padre al'epuga era 'n fiolo de tredici ani che veniva a studiÓ in Ancona da Senigaja tute le matine, e s'aricurdava tuto.

Tuto nasce dala Caserma Villarey, ndˇ ce stava i Berzajeri. C'era voci che 'l Corpo saria stato supresso dal Guverno, e c'era mareta perchÚ c'era queli che se vuleva rifiutÓ da partý pel'Albania. De note, al venardý 25 giugno, dopu la tromba del Zzilenzio, 'n misto de Berzajeri ribŔli e de anarchigi, s'era impadruniti dele armi e aveva imubilizato aj uficiali. Ma era apena 12 i Berzajeri amutinati, e 'l giorno dopu, cul'arivo in Ancona de forze dj Garbigneri, ala fine jÚ l'avevane fata a ciacÓ la rivolta. El casý ma pr˛, adŔ era pele strade, ndˇ j anarchigi scurazava armati; e dietro c'era sempre cula testa calda de Malatesta che magari sarÓ 'ncora simpatigo ma che, dýmolo pure, ndˇ c'era casý c'era sempre l¨!

I ribŔli s'era piazati dale parti del LazarÚto, era gente che faceva sul zzerio. Ma intanto veniva fati 'rivÓ in Ancona rinforzi in grande stile: fanti, artijeri e marinai, pruvegnenti da Scirolo, da Pesaro e dal mare. Al 27 de giugno el treno ndˇ c'era le Guardie Regie, infrÓ Falcunara e Ancona veniva preso a fucilate e ce scapava qualche morto: mý padre se ricurdava de st'episodio del treno e me ne parlava cume se fosse l'altro jeri: a me a sentý sti discorzi quant'ero un fjolo me faceva impressiˇ; adŔ che ve ne parlo cume se fosse na storia luntanisima, me viŔ da penzzÓ a quanto Ŕ impurtante la memoria umana quantu se studia la storia.

El casý Ŕ durato 3 giorni: c'era state canunate e mitrajate dale parti de Porta Pia. Nun era stato semplice a vený a capo de sta rivolta, perchÚ i ribÚli se spustava de cuntinuo infrÓ 'l PiÓ San Lazaro, Posatore, el Pedochio e 'l Burgacio. Ala fine s'era cuntati la beleza de 170 aresti, 24 morti e na sessantina de feriti. Nun era stata na roba da pogo! E po', paro paro a cume era successo sei ani prima cula Setimana Roscia, la ribeliˇ s'era prupagata in tuta la Rumagna e l'Umbria.

Mý madre ha sempre dito e penzato che l'unigo mutivo che ha fato nasce e triunfÓ 'l fascio in Itaglia Ŕ state le viulenze che c'era state intÚ sti episodi de ribiliˇ e la grande paura che aveva pijato ai burghesi de casa nostra che ancora da nialtri pudesse schiupÓ da 'n mumento al'altro la rivuluziˇ bulsceviga. Po' esse... io ce credo solo a metÓ a stu discorzo. Fato sta ma pr˛ che propio int'una citÓ "suverziva" cume Ancona c'era 'ncora chi cuminciava a penzzÓ de gambiÓ le cose.

Babilˇ ce parla del'idea de sbarco in Ancona de Gabriele D'Anunzio, da tuti cunziderato cume 'l pi¨ grande precurzore del fascismo.  Ma, dato che Ŕ na roba che nun Ŕ successa, Ŕne discorzi che lascia 'n po' 'l tempo che trova. Pare che al "Vate", che, cume se sa, ciaveva parechio da fÓ cun Fiume, j'era venuto in mente da sbarcÓ cui legiunari sui ntÚle coste nustrane. Forzze pudeva esse 'l punto de partenza pe' na marcia su Roma che invece dˇ ani pi¨ tardi ce penzzerÓ qualchidun'antro a fÓla. Ma nun ze n'era fato gnente. Qualcosa ma pr˛ era sucesso: c'era 'n piroscafo in partenza da Ancona verzo Fiume: de note, in alto mare, i legiunari de D'Anunzio aveva sequestrato 'l piroscafo e aveva pijato i quadrini che era destinati ale trupe "regulari" che circundava a Fiume.

NtÚl 1921 la situaziˇ precipita ancora de pi¨ cula nascita, al famoso cungresso sucialista de Livorno, del Partito Cumunista. La speranza de truvÓ na parte dele forze de sinistra dispunibile ala tratativa, va a fÓsse benedý, e 'l cunflýto suciale se radicaliza. Dal'altra parte, stava a nasce le prime squadrÓce fasciste, cula tacita apruvaziˇ - e cui finanziamenti - de tuta la burghesia. La fritata era fÓta: la quistiˇ suciale andava a fený ntÚl pegiore dj modi, cula radicalizaziˇ dela lota de classe. Na grande ucasiˇ mancata da stu Paese, che ce farÓ pŔrde vent'ani de prugresso.

In Ancona, cume se pˇle capý, la penetraziˇ del fascio nun era stata gran che. El primo tentativo d'urganizaziˇ fascista citadina c'era stato ntÚl marzo 1921, ma nun Ŕ da dý che la gente faceva la coda pr'iscrývese. NtÚl Ventidˇ c'era stata qualche scaramucia in citÓ cu' 'n morto e qualche aresto.

Chi invece faceva sul zzerio era l'unurevole Silvio Gai de Recanati, el padre del fascismo ntÚla Regiˇ nostra (adŔ che ce penzzo... se chiamava Silvio ancora l¨... Madona mia!)

Era l¨ che stava dietro a tuti i dilinquenti che cula scusa dela camigia nera, del muschÚto e dele purghe, andava in giro a spadrunegiÓ pe' tute le Marche. A mÚte sotu a Ancona, sta gentacia ciÓ meso pogo: al 5 agosto del Ventidˇ i fascisti de casa nostra se unisce a Falcunara cun queli che veniva da Rimini e dÓne l'assalto ai Circuli dj Feruvieri e dj Caciatori, ndˇ se sapeva che ce stava i "suverzivi". In quatro e quatr'oto i fascisti diventa padroni dela CitÓ. Ala sera stessa, l'unurevole Gai va a discˇre cul PrefŔto e cul Zzindico. Fenisce i scioperi e senza sapÚ nÚ come e nÚmanco perchÚ, Ancona s'artrova sotu ai fascisti.

Discˇre d'Ancona durante 'l ventŔnio fascista nun Ŕ semplice. Prima de tuto, perchÚ Ancona pr'j trascorzi che ciaveva, Ŕ stata una dele citÓ meno fasciste d'Itaglia; segondo, perchÚ 'l Duce, che ste robe le sapeva per bŔ, in Ancona c'Ŕ venuto na volta sola in forma uficiale, ntÚl 1933 quanto ha inaugurato 'l Munumento ai Caduti; e terzo, perchÚ, nunustante tuto, 'l fascismo ha cuntribuito parechio ala mudernizaziˇ dela CitÓ, rinfurzando l'idea che si nun era pela mancanza de libertÓ pulitiga e pele sciagurate scelte che 'l Duce farÓ in pulitiga estera, 'l fascismo nun Ŕ stato 'l pi¨ pegio infrÓ i regimi.

Dato che Babilˇ nun se vˇle sbilanciÓ e dato che i bei libri publicati dal Cumune d'Ancona per forza de cosa invece Ŕ de parte, e sul periudo fascista nun pˇle esse ubietivi, fˇrzze la mejo roba che pˇle fÓ uno che s'interessa de stu periodo, Ŕ andÓ a pijÓ 'n bel libricý cun tante futugrafie, che Ŕ 'l catalugo de na mostra che se chiamava "Ancona ntÚj Ani Venti e Trenta": lý ce truverÓ na bela spasa d'infurmaziˇ sul ventŔnio fascista ancunetÓ.

Da liberale e ripublicano quale sˇ sempre stato, nun posso de sciguro dý da esse d'acordo cul fascio. Ma pr˛ bisogna avÚce 'l curagio da dý che nun Ŕ stato tuto negativo.

El duce penzava che "la fascistizzazione di Ancona ha del prodigioso" perchÚ nun z'imaginava che na citÓ cula fama de ripublicana e suverziva cume la nostra se saria lasciata mÚte sˇto cuscý facile. Ma la veritÓ era che la burghesia era tuta d'acordo cui fascisti. StÚ a sentý cusa diceva l'aucato Vettori, espunente de na famija che ntÚla citÓ nostra ha sempre cuntato parechio: "L'opera dei fascisti non puˇ essere messa a paragone con l'azione disgregatrice, rivoluzionaria e criminale dei bolscevichi". Chiaro, no? Mejo neri che rosci!      

NtÚle istituziˇ cumunali ariva la nuvitÓ del PudestÓ invece del Zzindico. Era pi¨ semplice a guvernÓ, perchÚ nun c'era pi¨ gnente upusiziˇ e c'era l'apogio del regime. In Ancona, el PudestÓ Ŕ Ricardo Moroder (n'antra famija che cuntava!) che jÚ dicevane che era "L'uomo che tutto vede e che a tutto provvede". Pare de sentý a Emiglio Fede quantu parla de Silvio nostru?

SÚmo ntÚj Ani Venti e Trenta, j ani del cunzenzo, quanto ancora al Duce nu' j'aveva preso 'l murbý d'andÓ dietro al Fuhrer, e tuto 'l ceto alto e quelo medio l'apugiava perchÚ 'l fascismo aveva sbassato le rechie aj uprai e aj "suverzivi" de vario culore. Benito Mussulini rimpiva le piaze d'Itaglia, ma a dý la veritÓ in Ancona ce s'Ŕ fato vÚde solo al 3 nuvembre del 1932. Raconta mý madre, che a qul'epuga era na fjulÚta picenina de tre ani, che mý nˇna, che al Duce nun el pudeva supurtÓ e che aveva capito in anticipo che era 'n buffˇ che avria purtato stu Paese ala ruvina, sicome nun ze riusciva a capacitÓ del perchÚ stu pajacio ciaveva tanto sucesso quantu discureva in publico, s'era vuluta levÓ e' sfizio d'andÓlo a vÚde de perzzona, qul giorno a Piaza del Papa, e era armasta 'mpressiunata na muchia dai discorzi e dal tono de voce de Mussulini. Qul giorno in Piaza del Papa c'era u' sfragŔlo de gente, che mý madre aveva rischiato d'armanÚ ciacata ntÚla calca, e alora 'n zzignore l'aveva pijata sule spÓle pr'evitÓ che pudesse sucŔde. Sto fatarŔlo la dice longa sul cunzenzo che Benito ciaveva cule masse, 'ncora int'una citÓ suverziva e tignosa cume la nostra. Piaza del Papa era solo l'ultima tapa de 'n percorzzu triunfale che era stato urganizato pe'l Duce: prima in Piaza IV Nuvembre a inaugurÓ el Munumento ai Caduti, po' era venuto giˇ pel Viale fino in Piaza XXIV Magio pr'inugurÓ 'l Municipio nˇvo, che alora se chiamava el Palazo del Littorio, e ala fine era arivato in Piaza, ndˇ, dal balcˇ dela Tore del'Urlogio aveva fato 'n bel discurzzÚto  ringraziando aj Ancunetani pel'uperositÓ e ricurdando che Ancona aveva dato i natali a 'n tribuno del'antiga Roma (era na cujoneria bela grossa, ma chi ciaveva el curagio d'andÓjelo a dý?).

De sciguro Ŕ vero che Benito era 'n pajacio, pi¨ sciguro ancora che nun c'era la libertÓ e per chi s'azardava a nun esse d'acordo  c'era 'l bastˇ e l'ojo de rigino, ma 'l fascismo in Ancona qualcˇ de bono ha fato, e questo bisogna dýlo 'ncora si se tratava de 'na ditatura.

Le cundiziˇ de vita del populo, che rimpiva sopratuto i viguli sotu al Dˇmo e la zona de Capedemonte, certo nun era rose e fiori: le cundiziˇ del'igiene era critighe, j afiti esagerati, i stipendi da fame e le famije numberose. Ma pr˛ 'l fascismo aveva cumbinato qualcˇ de pi¨ dele cretinate cume j ovi de Pasqua in beneficenza urganizate dale nobildone ancunetane. Pr'esempio, 'l Cumune aveva fato custruý le case pupulari del Muntirˇzo, aveva meso in piedi 'n calmiere che funziunava bŔ pr'i generi de cunzumo de prima necessitÓ, aveva fato diverzi prugressi in tuti i rami del'assistenza suciale, dal'assistenza sanitaria ala scigureza pr'i lauratori, ale ativitÓ ricreative.

AvÚmo parlato de famije numberose: mbŔ, cume se sa, el Regime ce tieneva 'n bel po' ala prupaganda demugrafiga, e in Ancona aveva cuntato la beleza de 73 famije che ciavevane dieci fjoli o pi¨... "e quando un popolo prolifica come il popolo italiano - diceva la prupaganda lucale - il domani Ŕ suo!" (defati avÚmo visto...)

Raconta mý madre che lia da fjola andava a scˇla dale sˇre de Cole Ameno, e a 'n certo punto la prupaganda fascista aveva lanciato in grande stile e' sporte e la ginastica ntÚle scˇle. Lia, che cureva cume na diaula, aveva prufitato subito in modo da fÓ jalenamenti invece dele leziˇ quantu aveva studiato pogo, e le sˇre era tute cuntente perchÚ pudeva fÓ bela figura cul Regime. Eca i figli della lupa, i balilla, j avanguardisti: "La potenza di un popolo - strideva 'n gerarca d'Ancona - si crea con le generazioni forti e robuste, non con i pavidi e i deboli!". Sotu, c'era solo prupaganda guerafundaja, ma erene in poghi queli che l'aveva capito in anticipo...

NtÚ sporte, ma pr˛, 'l fascismo ala citÓ nostra j'ha fato 'n bel rigalo sotu forma de' Stadio Dorico, inugurato ntÚl 1931 cu' 'n bel 5-0 del'Ancunetana. E' stadio nˇvo sustituiva el piculo e zozo stadio de Piaza d'Armi e dava ancora pi¨ lustro al bel Viale dela Vitoria, che  urmai era fenito.

Ancora cula Chiesa 'l fascismo era riuscito a andÓce d'acordo per bŔ, chiudendo cul Cuncurdato del 1929 e' strapo che s'era aperto dai tempi dela brecia de Porta Pia. De sciguro nun mancava infrÓ i preti  le voci in favore del fascio. StÚ a sentý cusa diceva Munzignor Ragný a pruposito del Duce: "L'angelo di Predappio, l'uomo dalla mente aperta a tutte le veritÓ, dalla coscienza di diamante, dal braccio di acciaio!". Vergogna! 

Ma nun era tuti cuscý. Raconta sempre mý madre che Don Pio Duranti, paruco de San Cosma e eroe dela Resistenza, cui fascisti nu jÚ la guantava pi¨ de tanto, ma sicome era 'n pezo d'omo che nun ciaveva paura de nisciuno e ciaveva el pugno proibito che 'n giorno aveva steso giˇ longo a 'n fascista che j'aveva dato da dý, alora el lasciavane in pace. De sciguro, se tratava de na mosca bianca, perchÚ invece el clero cul fascio era papa e cicia... e figurÓmoce: i fascisti era queli che aveva fato stÓ zziti ai rosci nemighi dela religiˇ!

NtÚl campo dela SanitÓ, el Regime aveva fato parechie robe, la pi¨ mejo de sciguro era stata l'UspedalÚto del Zzalesi, ampliato de brutu. Ma ancora l'Umberto I era stato rinuvato, e dagiÓ da qula volta Ancona ciaveva 'l primato sanitario de tuta la Regiˇ.

E po', pare na sciapata, ma 'l regime aveva rigalato n'antra opera a Ancona: el Cobianchi, ciuŔ l'albergo diurno cui bagni publici in Piaza Roma, che Ŕ armasta n'istituziˇ 'ncora pe' diverzi ani dopu la Guera. Certo, adŔ fÓ 'n po' rýde, ma bisogna penzzÓ che qula volta erene in poghi a avÚce i servizi igienighi drento casa.

NtÚl campo ecunomigo, Ancona dagiÓ da un pezo durmiva e runfava, e nun Ŕ stato el fascismo a svejÓla da stu sˇno pluri-decenale. Ma pr˛ una cosa impurtante Ŕ nata sotu al Regime; la Fiera dela Pesca!

La prima ediziˇ era stata ntÚl 1933. Dopu la famosa "bataja del grÓ" 'l Duce vuleva mÚte in piedi quela "del pesce", e al'inizio pareva che se facesse sul zzerio. C'era infrÓ j espositori, cinque ministeri, tute le federaziˇ naziunali dela pesca, tute le industrie del zzetore itico. La Fiera dela Pesca era na roba in grande: Ŕ durata dal 1933 al 1939; pˇ ha ripijato dopu la guera, ma decisamente sotu tono.

NtÚl campo aministrativo c'Ŕ la nuvitÓ del'assurbimento del cumune de Falcunara.  Falcunara Ŕ armasta pr'un ventŔnio sotu a Ancona, dal 1928 al 1948: era na roba che nun ciaveva molto senzzo, mentre invece ciaveva senzzo in generale la pulitiga d'acurpamento dj cumuni minori mesa in piedi dal Duce. La pupulaziˇ del Cumune, quindi, passa dai 66mila del cenzimento 1921 aj 85mila del cenzimento 1931.

L'architetura d'Ancona ntÚl periudo fascista Ŕ stata 'bastanza graziata dale bruture che ha rimpito tante altre citÓ d'Itaglia, si famo eceziˇ pe' l'echese Cinema Marcheti. NtÚl bilancio glubale Ŕ pi¨ 'l bŔ che 'l male. Del cumpletamento del Viale cule bele palazine in stile "liberty", e del'inuguraziˇ del Munumento, dele Poste e del Cumune, avemo dagiÓ discorzo. RicurdÓmoce 'ncora, ntÚl 1920, dˇ ani prima del'inizio del fascismo, del cavalcavia de Corzzu Carlo Alberto, che rimediava al prublema del passagio a livŔlo cula linea Ancona-Pescara. Ma po' c'Ŕ ancora la cupertura del Mercato dele Erbe, 'n bel'esempio de "architetura del fŔro", magari 'n po' tardi rispeto a quel che sucedeva a Londra e a Parigi, le scˇle De Amicis in Corzzu Tripoli (adŔ Corzzu Amendola), el matatojo a Vale MiÓ. E nun ce scurdÓmo che sotu al duce: acquedotto, fogne, gas e luce eletriga Ŕ stati putenziati. NtÚle opere publiche el fascio era mejo de tanti antri guverni che c'Ŕ stati, sia prima che dopu.

'Ncora 'l portu vede diverzi lavori intÚ stu periodo: la sede dela milizia portuale al molo Norde (distruta ntj bumbardamenti del 1943), e la staziˇ sanitaria maritima.

╚ del periudo fascista la statua de TrajÓ. Nun ze pˇle dý che Ŕ 'n capulavoro, ma nun Ŕ manco bruta, e, tutu sumato, ce sta bŔ lý ndˇ l'hÓne piazata (e pe' mÚtecela hÓne duvuto butÓ giˇ qualche casÚta che c'era prima...), tant'Ŕ vero che lý Ŕ armasta e adŔ fa parte del'aredo urbano d'Ancona cun dignitÓ.

Cus'altro se pˇle dý de 'n periudo, quelo che va dala presa de putere del fascio al'inizio dela guera, che ha visto Ancona pŔrde scý la libertÓ ma guadambiÓ tante opere publiche? Gnent'altro che Ŕ stato 'n periudo tranquilo, trÓne che, e nun cel pudÚmo scurdÓ, quel che Ŕ successo ntÚl 1930. ParlÓmo del taramoto, che al 30 de utobre ha scosso la citÓ: pegio de tuti Ŕ andata a Senigaja. In Ancona nun Ŕ morto nisciuno, ma c'Ŕ stati diverzi dÓni, sia ale case private che ale chiese antighe: Ŕ stato danegiato 'l campanile del Zzacramento, scý, quelo incunfundibile a forma de lumÓga. Sta chiesa jÚ l'aveva fata a salvÓsse dai prugŔti de ristruturaziˇ sabauda, e jÚ l'ha fata ancora a salvasse dal taramoto del '30. Era destý che me ce duvessi spusÓ io, nun ve pare?

 


 Se voi scrive a Piero clica sula busta