dala pena de Pieru Rumagnoli   

Bibliugrafia


 

Cume in tute le opere che se rispeta, quantu se riva ala parola "Fine" la prima roba da fÓ Ŕ salutÓ educatamente al publico che ciÓ avuto la pazienza da arivÓ fino in fondo... e po', bisogna 'ncora dý ala gente da ndˇ le avÚmo prese tute le robe che hÓne leto: tante volte jŔ fosse venuta ancora voja da sapÚne de pi¨ e aprufundý....

Io nun ci˛ mai avuto e nun ciavr˛ mai la pretesa da esse cunziderato u' storigo. Dice giustamente el prufessor Jacques le Goff, che Ŕ 'n francese cu' 'n ciarvŔlo grande cume na casa che sa tuto sul Mediuevo, che la diferenza fra j storighi seri e j storighi dela dumeniga Ŕ la ricerca dele fonti: queli seri pija le infurmaziˇ dale fonti dirŔte, mentre queli dela dumeniga le pija daj altri storighi. Sotu st'aspŔto, nun ciˇ paura de dý che io sˇ uno de queli dela dumeniga.

Chi ciavesse voja d'arlŔge le sciapate che v'ho racuntato io, nun zzolo in lengua itagliana, ma int'una magnera molto pi¨ seria e urganizata dela mia, prima de tuto ha da cumprÓ i libri de Mario Natalucci, pi¨ cunusciuto cul zzupranome de "Babilˇ". Ce n'Ŕ tre ediziˇ che sapia io: una in 3 vulumi scrýta ntj Ani Sessanta che s'intitula "Ancona attraverso i secoli";  una in 2 vulumi, e pi¨ agiurnata, scrýta ntj Ani Setanta che ariva fino al Taramoto, che s'intitula "La vita millenaria di Ancona"; e per fený una ristampata che Ŕ pogo dala Libreria Canonici int'un vulume solo. FÚ atenziˇ ma prˇ: Babilˇ ha scrýto tuta la storia d'Ancona, ma l'ha scrýta a modu suu. L¨ era 'n prete, e ragiunava da prete. Sta facenda se capisce bŔ 'n bel po' quantu parla del duminio papale e sopratuto del Risurgimento ancunetÓ. Ma ntÚla libraria de ogni ancunetÓ che se rispŔti, ciÓ da esse i libri sui.

Na panuramiga bula sula storia citadina, che prˇ nun Ŕ cumpleta e ciÓ diverzi bugi, Ŕ ntj 3 splendidi vulumi del Cumune intitulati "Ankon". Ene libri che costa na muchia de quadrini, ciÓne futugrafie favulose e articuli inteligenti. Ene scrýti a pi¨ mÓ sotu forma de articuli, o sÓgi, cume se dice adŔ.

Sempre cula pretesa da fÓ na spasa su tuta la storia citadina, ma prˇ stavolta cul'enfasi pi¨ sul'Ancona muderna che su quela intiga, Ŕ 'l libro dj prufessori Sori e Pavia, dela serie: "Le citÓ ntÚla Storia d'Itaglia". ╚ 'n libro che ala storia jÚ dÓ 'n tajo molto 'cunomigo, e quindi se rivela interessante perchÚ parla molto dela storia del'ecunumia ancunetana.

Po' c'Ŕ in giro diverzi libri specialistighi, che se ocupa de 'n periudo ancunetÓ ben definito. Si vulÚmo cuminciÓ daj antighi Rumani, ve duvÚ cumprÓ 'l catalugo dela grande mostra de TrajÓ che c'Ŕ stata ala Mole de VanvitŔli ("Traiano, ai confini dell'Impero"). El libro Ŕ grosso e ve duvÚ capÓ j articuli giusti che parla d'Ancona infrÓ i tanti che invece discˇre de TrajÓ e dele spediziˇ sue verzzo 'l Danubio.

Picený invece Ŕ 'l vulumÚto sui ritruvamenti che c'Ŕ stati de recenti sotu al portu d'Ancona: nun ze trova facile .

ZzompÓmo al periudo de Bisanzio, e cumprÓmoce, al buchesciop dela Pinacutega, 'n libricý sotile sotile ma prezioso che s'intitula "Ancona e Bisanzio". Sto libro parla pogo ma fÓ vÚde tanto: j articuli nun Ŕ 'n gran che, ma le foto Ŕ bele e impurtanti, pr'un periudo luntano cume quelo.

El prufessor Joachim Leonhardt Ŕ 'n todesco de Germania che ha scrýto 'n zzagio che s'intitula: "Ancona nel basso mediuevo". ╚ ýn libro da studiosi, ducumentato molto bŔ e molto preciso, ma prˇ Ŕ 'n po' paloso da lŔge.

Sul periudo d'oro dela Ripublica Marinara, el Quatrucento, nun ve duvŔ fÓ mancÓ ('ncora perchÚ costa pogo) el recente vulume: "Ciriaco d'Ancona e il suo tempo" che dÓ, supratuto ntÚl zzagio intrudutivo del prufessor Cardini, 'n quadro d'inzieme de qul periudo glurioso.

Sul Cinquecento ancunetÓ c'Ŕ 'n bel catalugo de na mostra che s'Ŕ tenuta ntel'Utantadˇ. Se chiama "Ancona e le Marche nel Cinquecento" e se pˇle truvÓ ancora - forzze - al "buchesciˇp" dela Pinacutega Busdari. C'Ŕ rischio da pŔrdese 'n po' ntj particulari ma c'Ŕ 'ncora pagine molto interessanti come pr'esempio la storia dela munetaziˇ d'Ancona.

Unestamente io ne so poghe sula literatura sul Zzeicento e sul Setecento ancunetÓ. El mejo su sti periudi l'andÚ a truvÓ sui libri "Ankon" che ve dicevo prima.

Ancora sul periudo napuleonigo, che pr'Ancona Ŕ stato na specie de finimondo, nun ze trova tanto da lŔge e va a fený che quelo che ne sa de pi¨ ala fine Ŕ propio qul ciamboto de Babilˇ.

Invece sui muvimenti risurgimetali, ve cunzijo el libro sulla massuneria in Ancona: "L'Oriente d'Ancona" che se ferma molto sule idee che circulava in citÓ a qul'epuga.

Pogo, pratigamente gnente, c'Ŕ in giro sul periudo turmentato dele lote suciali in Ancona. Aquý se sente davero la mancanza de u' studio fato bŔ, visto che Ancona cula Setimana Roscia Ŕ stata propio al centro del'atenziˇ itagliana.

Sula Segonda Guera Mundiale c'Ŕ dˇ libri recentissimi che parla dela Liberaziˇ d'Ancona da parte dj pulachi. Se trova in tute le librerie e s'intitula uno "La Battaglia di Ancona" e n'antro "Ancona 1944, Immagini dei fotografi di guerra inglesi e polacchi".

Nun ce pudÚmo scurdÓ de quj libri che nun pÓrlane de storia ma de munumenti citadini. Sul Dˇmo Ŕ uscito, dopu tanti ani che se ne sentiva la mancanza, un libro spetaculare che s'intitula (cun poga fantasia): "San Ciriaco, la Cattedrale di Ancona". ╚ 'n libro che ciÓ 'n curedo futugrafigo e na ducumentaziˇ architetoniga che mÚte paura. La Logia dj Mercanti Ŕ ducumentata ntÚl'umonimo libro del'architeto Fabio Mariano, n'omo che quanto a storia dela citÓ ne sa pi¨ de tuti niantri mesi inzieme. De Mariano Ŕ ancora el bel vulumÚto "Piazza del Papa in Ancona"  che ve cunzijo de cˇre. Invece sul'Ancona papalina utucentesca c'Ŕ 'l bel libro dela Pinacutega Busdari che s'intitula: "Ancona Pontifica. L'Ottocento, un inventario urbano". Da lŔge ancora i libri: "Via Saffi, dov'era, com'era" del prufessor Pirani e, ancora del prufessor Mariano: "Ancona, la cittÓ e le immagini" che fÓne vÚde tantissime foto dela citÓ nostra prima del macŔlo dela Guera. Sule chiese d'Ancona ve posso cunzijÓ el libro de Pirani: "Le chiese d'Ancona" e quelo dela duturessa Sebastiani su "Santa Maria della Piazza".

Per fený, dˇ libri scriti da storighi lucali, uno de Pierpaoli che s'intitula "Le grandi battaglie delle Marche", publicato prima a dispenze dal Curiere Adriatigo e adŔ ristampato in ediziˇ de lussu a culori (libro 'n po' ingenuo ma pieno de curiositÓ varie), e uno de Sergio Anselmi: "Pirati e Corsari in Adriatico" che trÓta un tema che Ŕ stato impurtantissimo pr'Ancona, a partý dal Cinquecento per fený adiritura ntÚl'Utucento.

Bona letura a tuti !!!          


 Se voi scrive a Piero clica sula busta