Torna al'indice de Petegule e cumari

Oh gente... arturnato a gala el ponte sul'adriatigo! E' propio vero che la madre dei imbecili sempre incinta

 

   - El ponte sul'Adriatigo -   

 

L'avevu preso guasi com'un scherzo.

L'amicu Ppe Marc, a setembre del'anu scorzo, aveva scrito na meil e ciaveva picigato tre 'tacmentsz (sci, sara tre alegati) nd se capiva che el 23 setembre al'Univerzit "La Sapienza" de Roma se upriva na mostra urganizata da 'n certo architeto Giorgio De Rumanise nd se pudeva amir el prugeto del Ponte sul'Adriatigo, per culeg Ancona cun Zara.

Io ciavevo fato na risata, penzando che se tratava de 'n scherzu, de 'n fotomuntagio, ma la meil l'avevo tenuta da na parte, nun ze sa mai de sti tempi. Po' de sta roba m'ero scurdato e nun ciavevo penzato pi.

Induvin cume sta la facenda! Ve vul f d risate? Pruv a lgeve stu articolo ch' cumparzo sul Curiere Adriatigu del 26 de febraro de st'ano:

 

"Il progetto titanico di un collegamento per auto, Tir e treni con la Croazia  - Il grande sogno del ponte per Zara"

dal Curiere Adriatigu del 26 febraro 2004

Un sogno ad altissima tecnologia gettato sull'altra sponda dell'Adriatico. Un'opera colossale. Il ponte Ancona-Zara per ora esiste solo sul progetto firmato dall'architetto Giorgio De Romanis e nei desideri di chi ama le sfide titaniche. Ma si pu fare. Ci crede chi lo ha disegnato sulla carta, e previsto modi di costruzione, tempi, costi. E ha provato ad apprezzare i vantaggi di un continuum di traffici dalla direttrice Bologna-Ancona verso i Balcani. In particolare Grecia e Turchia a sud, Romania e Ungheria a est, Polonia e Russia a nord. Un serpente che si snoda per 120 chilometri a 40 metri sul pelo dell'acqua, con un'autostrada e una ferrovia che corrono nel suo ventre. Auto e tir sopra, i treni sotto. Qualche cifra tanto per quantificare il ritorno economico: il traffico commerciale e quello privato risparmierebbero un bel po' di miliardi di euro - circa 55 - per quattro ore di viaggio in meno. Il pool di professionisti pronto a scommettere su una sfida davvero affascinante. Tempi - si parla di pi di cento anni - e costi previsti (20 miliardi di euro, mica bruscolini) farebbero scorgere all'orizzonte dell'Adriatico i contorni di un'utopia. Ma anche la battaglia economica potrebbe non essere persa in partenza. Il pedaggio potrebbe permettere di ammortizzare lo sforzo finanziario. Il resto potrebbe arrivare da un project financing e da operazioni ad hoc. C' chi ipotizza l'emissione di un'obbligazione della Banca europea per gli investimenti. Il porto di Ancona la porta aperta verso l'oriente, e verso il futuro. L'ennesima dimostrazione della centralit e del prestigio di una posizione strategica che il capoluogo dorico pu trasformare in occasione di ricchezza e di sviluppo. Perch davvero l'Adriatico possa essere un mare non solo di pace, ma anche di dialogo, di scambi e di benessere tra le genti.
"

 

Av capito??? Nun era miga na presa pe'l culu? C'era davero 'n genio che ha penzato da f 'n ponte longo qualche centinaro de chilometri in mezo al mare, alto na setantina de metri dal'aqua per nun f 'riv i sghizi dele londe nti vetri dele machine, pugiato nun ze s ind, nun ze capisce se galegiante o cui piloni infilzati in fondo al mare.

Ero io tropo scetigo, perch iu se vede che nun ci fiducia nti prudigi dela techenulugia muderna,'nzzoma s antigo!!!

Ma perch nun te vai a fate d .....'n tragheto?

(se sta nutizia la lge "el cavagliere" d subito l'incarigo per f al prugeto!)

 

Ve saluto a tuti, gente

el Zumaro che raja 

9 marzu 2004 

torna al'indice