Festival
di Varano
1996

logo del festival


Poesie - Categoria A1 (vincitori nelle precedenti edizioni)

  1. El Teatro dele Muse - Gualtiero Ansevini
  2. La Bianca Madre - Leda Marazzotti Marini
  3. Umberto Ceccar - Lanfranco Santini

Poesie - Categoria A2 (nuovi poeti e non premiati delle precedenti edizioni)

  1. Ancora sul drama de la valutazi - Massimo Marconi
  2. El cre - Andrea Panzini Emersberger
  3. Spighete de lavanda - Anna Marazzotti Nisi

Premi speciali


Prose - Categoria B1 (narrativa in vernacolo a tema libero)

  1. Voce e sni per Capedemonte - Fiorella Capitani
  2. Racontu puvetico del Teatro dele Muse - Carlo Marinelli

Testi teatrali

  1. io, petroio e ... qualche imbrjo - Cesarina Castignani Piazza
  2. I dispeti - Elsa Sanguinetti
  3. Ceriago e la socera 'namurata - Enzo Bertini

El Teatro dele Muse (Boni Ordinari del Tesoro e Boni Ordinari Cumunali) - Gualtiero Ansevini
Prima classificata - Categoria A1
 pi de cinquant'ani ch' sbregato,
ma pr de riparalo nun c' verzo.
Pi d'un prugeto  stato presentato
ma  stato propio tutu tempo perzo.
Ci meso sempre tuti ala berlina!
Se so de chi  la colpa de stu schifo
je trovo io 'na bela medicina:
ch'j piasse 'n colpo a seco, no unu a sbifo!
Ha fatu 'na penzata el "Bugiardo''
cun tanti fj de carta da firm
de modo de form 'na petizio'.
 pogo, ma qualcosa smover.
 'na sfilza de nomi tuti in fila
che ale Muse nun ci rinunciato
e spera che almeno pel domila
se possa rivedelo arcapezzato.
In venticinquemila emo firmato.
i pesciaroli, i calzulari, j anziani,
la dona, el giuvinotto, el penziunato.
Famo 'n elogio a tuti j anconitani!
Ancora el sor Ministro Pauluci,
che ce credeva gente guasi in coma,
che ce credeva mezi tonti e gruci,
dice: - Ste firme me le porto a Roma!
Queste me spegne a dave tre migliardi,
pi cinque che li sgancia la Regio'.
Ma tir via, se no ve se fa tardi!-
E j altri chi li paga, Pantalo'?
Hane inventatu i Boni del Tesoro
per chi va sul sciguru senza impici,
per nun cumprce solu argentu e oro,
per chi nun vole avece i bochi spici.
Li dava fori l' Stato da principio,
perche truvava sempre bone scuse.
Adessu j tocca a fali al Municipio
per cumid el Teatro dele Muse.
0gi cun qualche BOC cumunale
se spera de truv j altri migliardi
che ce purtasse a vede la finale.
Ma bastar? O sar tropu tardi?
El Zindicu ha rigatu sempre drito,
ma se a qualcunu je saltasse el tichio
de face 'n bel ceno' cul pesce frito
daquato a Roscio Conero e Verdichio?
A dila para ci 'n po' de paura:
e se ce fa pass da magnagnochi
che ce manda a durm a casa scura.
Se ce d i BOC e loro tiene i BOCHI?
Ma nooo. A qu la gente  tuta brava
(queli dele tangente ene in buiosa),
se pertant' hai ditu gnente,  bava!
... Io spero invece d'inzugn 'na cosa...
Guzzu le rechie... Mama! cusa sento...
Eca, cumincia. Zziti che c' pogo!
"La dona  mobile qual piuma al vento
"De quela pira l'orendo fogo..."

Inzogno qu'i tenori sempre in forma.
Risento "La calunia  un venticelo"
e Pavaroti 'taca el "Nisciun dorma"...
E 'l coro del "Nabucu"? Quant' belo.
Sento a cant "Che gelida manina"...
viene da longo l'aria del torero
ma che pian pian me s'avicina.
Chi 'l za? Hai vistu mai 'n inzogno vero?
Dopo tutu stu tempo ch' passatu
la "prima" sar un'opera imortale
per paregi cun quel che s' spetatu:
l'Aida cu la "Marcia trionfale"!
Ce vole che chi po' se spachi in quatro
per da' 'na spenta a tuta 'sta lenteza.
E quantu sar operto stu Teatro
Ancona piagner de contenteza.

Torna inizio pagina


La "bianca" madre - Leda Marazzotti Marini
Seconda classificata - Categoria A1
El giorno  urmai fenito
'ntel celo nero se cndene le stele.
La casa s' 'ndurmta.
Cu' la testa chinata su 'na spala
la "bianca" madre
adessu se riposa.
El viso chiaro pare trasparente
al lume fiocu dela lampedina
pure le grice se vedene de pi,
st a sede 'nt'una vechia pultroncina
tropu vicina a la televisi
che tiene bassa,
guasi nun se sente:
je serve solu a faje cumpagnia.
Suchiude j ochi, fa qualche palucheto
ma a leto ancora nun ce vle and,
perch de note quandu perde 'l zono
cuntinuamente cumincia a ripenz
a qula casa adessu meza svta.
Al tempu belo dela giuvent
ai compiti dei fjoli un p zuconi
la sporta dela spesa sempre piena
ai pagni spasi in tute le finestre
ai canti, ai pianti, ai bagi,
ai conti sempre duri a f quadr
a la sudisfazi de fadig.
-  ora de ven a durm 'ntel leto?! -
Fa un balzo la madre
a qul richiamo.
Le gambe pare piombu a f d passi...
ma c' 'l Vechieto che la st a spet!
Pian pian vicino je se stende,
tuta la note el tiene per la m.

Torna inizio pagina


Umberto Cecar - Lanfranco Santini
Terza classificata - Categoria A1
A Parigi el chiamene "closhardese",
invece a Londra dicene "trampese",
"barb" 'n Itaglia, ma Umberto Cecar...
j' ancunitani el chiamene "Mbert"!!!
D laure, 'n sacu de quadrini,
'n'omo che nun ha mai fadigato!!!
Nun porta 'nte le rechie j urechini,
del mondo l se n' sempre fregato.
Quante fregnace s' dete s 'Mbert,
 ora ad de d la verita:
Scole elementari, nun ci 'n quadr
e da ragazo  'ndato a fadig.
D'inverno l se vede in giro pogo,
rimane a casa e st vicino al fogo...
Bichier de v panini e merendine,
e fuma a cimignera senza fine.
Ancona pr  tuta sua d'estate...
Se nun ce l'ha "me dai 'na scigareta?"
Gn tanto dopo trope caminate,
s'indorme spesso sotu 'na lugeta.
Ce l'ha sghimbescio l la caminata,
stile rococ sempre  vestito,
le scarpe sempre senza risulata,
ma pr j'ancunitani l'ha capito.
Del zindaco  guasi pi famoso.
Pr'Ancona 'n persunagio  diventato,
se sa difende cun chi  spiritoso
e mai nun conta el tempo ch  pasato.
Sara sciguro meno pituresca
Ancona senza l cusa saria,
longo davanti a 'na saracinesca
padr de tuto, guardi de Ancona mia.

Torna inizio pagina


Ancora sul drama de la valutazi (overu: Che cavulu ce metemu 'nte la scheda?) - Massimo Marconi 
Prima classificata - Categoria A2
 un luguriu cuntinuo, un gran mago'
che te 'maregia l'animu, la vita;
te fa penza' daveru a anda' in penzio',
so' stufu de 'sta storia infinita.
Prima el giudizio el dami cun i voti,
ma pare sia un sistema superatu:
se un fjlu ci o nun ci le doti
esprimelu cui numeri  sbajatu.
Le letere, invece, che invenzio'!
Le poi usa' da la A finu a la E,
e drentu 'st'arcu de valutazio'
el prufitu ce sguaza propiu be'.
Ma a l'iniziu de l'anu echene n'altra:
el giudiziu va espresu cui liveli.
Questa  daveru 'na truvata scaltra
che fa capi' de pi chi  bruti e beli!
Po' de novo s' gambiatu idea.
La letera maiuscula  sfaciata,
te pare piena de prusupupea,
bisogna daje 'na ridimenziunata.
E alora eculu, l'ultimu prudotu
de le pedagugie pi serie e fine.
l'insieme del vulume va ridotu,
le letere va scrite piculine.
L'autore de quest'altru cambiamentu
deve ese propiu un grande penzatore;
ma sfidu chi ce l'ha el discernimentu
de lege 'nte la mente del fatore!
Per me per el sistema va gambiatu:
bisogna ricore a la simbulugia,
indove el segno ci 'n significatu
e lascia spaziu a la fantasia.
Cusc se un fjlo  bravu e 'ducatu
disegni 'ntel scachetu 'n fiureli'
che pare fa l'uchietu in mezu al pratu
e un'ape intornu je fa griciul.
(opure du' quadreti culurati
per intende che lu' ce l'ha quadrati).
Se invece nun  tantu inteligente,
'na via de mezu ma vulenterosu,
te fai un salmo' che va contru curente
nota cun tigna per n'anda' a ritrosu.
Se  propiu lentu e un po' tuntarelu,
poi fa' 'na tartaruga quata quata,
o una lumaghina int 'un cestelu
che sta a magna' tranquila l'inzalata.
Ma se  tantu sumaru e fastidiosu
nun c' che l'imbarazu de la scelta:
se unu  creativu e fantasiosu
el disegno t'el sa truv a la svelta.
'Stu sistema pudr ese cuntestatu:
nun ci ubietivit, nun  legale...
Ma 'n'obietivu almenu l'ha centratu:
de sciguru  precisu e uriginale.
Se un genitore vede 'nte la scheda,
cume se fose 'na bela migniatura,
un fungu velenosu int'un buschetu
o 'na vipara in mezu a 'na radura
che sta l l per date un mucigotu,
'na piatula, magari 'na zanzara,
un sumarelu bigiu chiotu chiotu,
opure el primu pianu d'un buiolu...
po' ave' pi dubi su com'  'ndatu el fjlu?

Torna inizio pagina


El cre - Andrea Panzini Emersberger
Seconda classificata - Categoria A2
El cre,
Bazzju (1) rsciu de strfe,
Sbunazztu mare
che discre,
Burdetu, zzpu de lfie (2).
El mare,
Rumigja (3) de rbe rare,
Chipa (4) de rfuli (5)
e culore,
Spsa de parole, come lale.
El cre,
Sprupsitu de vje,
Buganlu zzpu de sbzi (6)
e d'amore,
Sfraglu de fufa (7), tzu de stje (8).
'N'amore,
Quaranttu snzza sgaru (9),
Ghtu de dulore, ggiu (10)
de bagi,
Dulcza a mlu, mai a gigiu.
(1)    caos, confusione (gerg.)
(2)    voci, parole indiscrete (gerg.)
(3)    miscuglio
(4)    nodo, intreccio
(5)    vortici
(6)    note, accenni vocali
(7)    felice sorte, fortuna
(8)    miseria, povert (gerg.)
(9)    strappo, ferita
(10)  pezza, toppa
Torna inizio pagina

Spighete de lavanda - Anna Marazzotti Nisi
Terza classificata - Categoria A2
Cercavu in t'un casseto
'na maja de mi' fjlo,
vi' fra do' spighete
che stava 'ntra 'u nenzlo;
che udore che mandava,
'n udore de lavanda,
pure ch'erane seche
ancra sprufumava!
Alora cu'l penziero,
so' ariturnata 'ndietru
de quantu le fregavu
drento a 'n bel giardineto,
ce 'ndavo scalza pe' nun fa' rumore,
era pi forte i sbatiti del cre.
Stringevu le spighete
e curivo verzu casa,
drentu de me dicevu:
"Carina sei 'na ladra."
Ma pr, io le fregavu
e le purtavu a nona,
lia me stringeva forte,
po' me dicea: "Che fjla!"
Ma j ani cure via
volane pi del vento,
me so' truvata sposa
e madre in t'un mumentu.
Intantu le spighete
'nu me mancava mai,
'ncora 'nte i curedini
iu le metevu urmai.
A vede 'ste spighete, l secate
'tra mzo a u' nenzlo 'n po' ciacato
m'ha fatu risent' 'nte qul mumento
l'udore de lavanda del passato.

Torna inizio pagina


Ancona - Elsa Sanguinetti
Premio speciale "Giovani scrittori emergenti"
E' come 'na fjulina
che c'un pied st a bagno
e la manina
se slonga piano piano
per fa d graciuleti
a la culina

Torna inizio pagina