25 Festival
di Varano

1999

logo del festival

Nel volume trovate: "Dedicato a Varano" (un po' di ricordi)  25 anni di poesia - I vincitori delle passate edizioni - Immagini del 24 Festival del Dialetto '98   Le poesie e le prose premiate e segnalate al Festival di quest'anno    "Falascheto e' scup filosifo" e le poesie inedite di Ernesto Marini (Nazar)


Poesie - Categoria A1 (vincitori nelle precedenti edizioni)

  1. El noce (chiama a tu' madre) - Sauro Marini
  2. 'N imagine rubata - Giorgio Paci
  3. Pra ilusa! - Anna Marazzotti Nisi

Poesie - Categoria A2 (nuovi poeti e non premiati delle precedenti edizioni)

  1. Scuprise noni - Caterina Fibbi Ulisse
  2. Le plule per la memoria - Silvano Talevi
  3. Ancona da fjolu - Giorgio Giacchetti

Premi speciali


Prose - Categoria B1 (narrativa in vernacolo a tema libero)

  1. Pesc 'ntel porto 'nti ani cinquanta - Sergio Giacconi
  2. Benturnato Gastrigoto - Giorgio Occhiodoro
  3. El telefun - Roberto Antonelli

Testi teatrali

  1. La fame 'guzza l'ingegno - Cesarina Castignani Piazza
  2. Le fadighe pe' marita' 'na fiola - Renzo Franzoni
  3. Gnao - Sergio Giacconi

El noce (chiama a tu' madre) - Sauro Marini
Prima classificata - Categoria A1

 - Oh Teresina, andamo gi in campagna,
c' da piant qul'albero de noce
ch 'nt qul vaso nun ce campa pi,
bisogna strapiantalo se no more,
dai famo presto, forza, andamo gi.

- Ma Gino, chi ch'el pianta st'alberelo ?
Ha deto zio Marcelo de sta 'tenti,
che a piant i noci po' purtate sfiga,
che pi mur prima de fate vechio,
nun voio che me mori, sa io, miga!

- Nun me dirai che sai supstiziosa,
penza, st'altr'ano semo 'ntl domila
e te ancora credi a st sturiele.
Cu' st robe nun ci mai perzo tempo,
io credo a quel che tco e a quel che vedo
e nun te voio manco sta a sent ...
Per ... io ci n'idea ... chiama tu madre,
diie se viene in campagna cu' nialtri
che 'ndamo a rispir 'n po' d'aria bona,
e 'ndamo a rinfrescace 'n po' i pulmoni;
diie de preparasse e tir via,
che m' venuta n'idea drent'al cervelo:
l'albero de noce ... el pianta lia !

Torna inizio pagina


'N imagine rubata - Giorgio Paci
Seconda classificata - Categoria A2

Ogi, che me so' alzatu de bunora,
'faciatu dle ripe del passetu,
l'alba quntu el giornu se culora.
'Ntel silnzu, 'l mutore d'un barchetu.

Gonfiu el ptu d'ria frizantina,
frte, l'udore gru del salmstru.
J scj, 'nte la bruma matutina
pre figure fte d'alabstru.

'N 'mu, da solu, sopru 'na batna,
la prva punta 'l zole, lntu vga.
Lscia 'na scia legera, s'aluntna
'ntra mzu 'n rgiu, pre che ce giga.

'Na strda de luce, seta e argntu.
Dal'cqua s'lza 'n velu de caldura.
'Na visio' che toca el zentimntu:
'Ntra mzu, c' 'sta machiulina scura.

Chienevu j chi streti per guardlu
come 'nt' 'un vetru che te f la vchia.
El mre brila, pre de cristlu:
E' 'l zole che 'ntra l'acqua ce se spchia.

Penzu, nun po' dura', trpu blu.
La natura cun tuti qui udori,
nuvuli binchi che disegna 'l clu,
'nte la stagio' che f sbocia' j amori.

Che spetculu, 'ntra de me dicevu.
Nun z spiega' perch, ma so' cuntntu.
Ochi pieni de quelu che vedevu.
Cume vive la vita 'nt'un mumntu.

L'timu fuge, nun ze po' ferma'.
Un pectu che nun c' la dna mia ...
cume 'na vlta, chienela per la ma'.
Un incntu da sparti' solu cun lia.

D'impruvisu, arivene i rumori,
la Cit che adessu s' svejta.
Chiusi 'ntel cre prtu qui culori,
cume un qudru, 'n'imgine rubta.

Torna inizio pagina


Pra ilusa! - Anna Marazzotti Nisi

- Toh, chi se vede! Nu' me pare vero!
Ma va' che 'ncontro, o Madunina mia!
E dime 'n po', 'ndo' che vai Alfiero? -
- Pjo l'atubuse, ho da tir via! -
- Qui passa el quatro, che porta al Campusanto! -
- E' li che vagu, li che ci mi' moje!
Ho da purt 'sti fiori ch'ho cumprato,
sin me se passisce cu' 'stu sole! -
- Ecu perch nun t'ho pi 'ncuntratu!
'Sta vita bruta, 'ndo' che cje cje,
vieno cun te, j vieno a da' 'n zaluto!
Certu per te statu 'n gran dulore,
compro do' fiori, ce bader u' minuto! -
- Sc, ma fa prestu, sin, lia, discore!
Dopu a fermala, ce vle 'n paro d'ore! -
- Ma cusa d? Te va via el cervelo?
Sar pe' la mancanza de tu' moie,
sar pe'l dispiacere de 'stu luto! -
- Ma qualu dispiacere, so' felice! -
- Se sa, cu' lia hai vistu i corsi verdi!
La cunuscemi tuti a Berenice!
Ma dime, quant' statu el funerale?
Me sa, che nun ce'l za mancu Biatrice!
Nun c'ra scritu 'nte nesciu' giurnale?
Jsu, quantu fa male 'ste nutizie! -
- Se po' sape' te cus'hai capito?
Ma ogi qui, chi te ci purtato?!
E' tantu che me porti el malugurio! -
- M'hai ditu te, che tu' moje al Campusanto! -
- Ma te sai mata, te, te sai sbajata!
E' 'ndata su a da' 'na pulitina,
po' gambia l'aqua, leva i fiori sechi
in te la tomba l, dela cugina. -
- Oh, cridevo che per sempre era partita!
Per me sai statu sempre el veru amore,
gi me vedeo cun te tuta la vita!
'Nvece c' sempre lia, 'sta rimbambita!! -

Torna inizio pagina


Scuprise noni - Caterina Fibbi Ulisse
Prima classificata - Categoria A2

Quand'erimi pi fjoli a d el vero,
nun ce agrediva forte 'sto penziero.

Nun ce pareva che 'sta roba strana
pudesse riguardace ... ala lontana.

Penzami al'ogi ch'era belo e corto,
pure se c'era andato tuto storto.

'Na cariga ciavemi drento al peto
che tutu ai ochi tui era perfeto.

Che i zompi te faceva forte el core
quando pe' strada vedevi tuo l'amore.

Po' lentu lentu, tutu s' smusciato.
Drento ... un penziero novo, forte nato.

"Me sto a invechi? D su Maria!
St proprio male o 'na cujoneria?!"

Maria me guarda cun quel che je rimaso
d'un sguardo, che ... brugiava ... ese persuaso.

Me dice: "Ma te voi capacita'?"
"Che tutu cresce, e cusc pure l'et?"

"Ma ragiona un pogheto fjolo mio!
Cusa avrai perzo!? A cus'hai dito adio?"

"Nun ciavrai pi vent'ani o trenta ...
la caminata tua s' fata lenta ...

Ciai qualche ruga e 'n po' pi de panzeta ...
ma dime 'n po', pure 'st'et nun perfeta?"

"Basta guardarla cun po' d'intiligenza
e avece molta pi, tanta pazienza."

"Ma nun me ven a d che 'sta criatura
sol che te chiama "NONO" 'na stortura!"

"Ese sincero, dila tuta quanta ...
nun certo l'afto che te manca.

come quando incontri el primo amore
che tuto brila e zompa forte el core.

"NONO" te chiama adeso 'sto fjolino
'na musiga celeste d'un violino.

'Na linfa nova score 'n te le vene
perch nato chi te vole ancora bene!"

Torna inizio pagina


Le pilule per la memoria - Silvano Talevi
Seconda classificata - Categoria A2

Ade' che semo 'n po' avanti cun l'et,
ale solite s'agiunge 'n'altra storia:
oltre ai malni che ce vinene qua e l,
ce fa difto ancra la memoria.

Quante cose nun ce ricurdamo pi!
Certe volte ne famo 'na tragedia.
Ma ogi nun 'l caso de buttse gi,
cu' 'na pilula al disturbo se rimedia.

Come avemo saputo dela cura,
subito semo corzi in farmacia;
mi' moje, non cuntenta, adiritura
andata ancra in erboristeria.

Le pilule ade' l ntel casseto,
ma nun sapmo se ce cura 'l male,
perch (cusa sucde!?) presto deto:
'l pi dele volte ce scurdmo a pile.

Torna inizio pagina


Ancona da fjolu - Giorgio Giacchetti
Terza classificata - Categoria A2

Ogni tantu ce penzu e nun ce l'zz
manco el perch, sti pensieri me viene
spuntanei.
Sar perch pasatu tantu tenpu da qla
volta sar perch ad urmai sei grande, e
qi tempi cusc luntani de quant'ero fjolu,
urmai diventati sbiaditi cume le pagine
ingialite dei libri vechi.
M'aricordo cme se fosse ad, de quanto mma
m'ha purtato in culegiu al "Bon Pastore" d'Ancona.
Ql giorno cusc luntanu m' armasto cusc
stampato 'nte la mente che fadigo a scurdmelo.
E miga el zapevu cusa vuleva di and in culegiu!
Sapevu solu che ce duvevu and perch babu
nun ce l'avevu pi, era mortu.
M'aricordo che quanto semo entrati drento, mma
pureta me teneva streta la m,
e io nun je lasciavo mai.
Dopo un po, lia m'ha ditu che duveva and via
e m'ha bagiatu.
Ma cme?! Me sar ditu.
Bbu nun ce l'ho pi e ad mma me
lascia daperm!
Ma iu nun so cme tuti j altri fjoli?!
Perch vicinu a me nun ci d'av i genitori mia!
E cs'ho fato iu per riman solu cme un c?!
Ma nun fa gniente, se vede che duveva and cusc.
Per se devu esse sinceru, devu riconosce che s
statu b in culegiu.
Ogni giornu che passava m'acurgevo che
diventavu un piculu umeto, e incuminciavu
a rangiame da solu.
Nialtri fjoli, stami b tuti n'sieme, giugami,
studiami, ridemi e ... piagnemi.
Ancona, l'avemi scuperta propriu qla volta
quandu ce purtava a f le pasegiate per la cit.
Il Domo era 'na tapa fundamentale.
Tuti in fila e s per la salita e ... quandu
vedemi i leoni dela catedrale ... remi arivati.
Quante partite a pal che facemi s al Domo!
Quante sudate!
E la maja de sota, nisciun ce la cambiava,
perch mma nun ce l'avemi.
Al porto po', nun te digo quante volte ciandami,
urmai remi de casa.
Scialami a ved tute quele nave.
Po', c'era un pescatore ch'ciaveva 'na grosa barca
che quandu ce vedeva, ce faceva munt s a f
un giro in te l'aqua.
E no', tuti con la m de fora a tuc
l'aqua ... quant'era giacia?!
Nun vedemi l'ora dand a piazza Cavure
d'estate, perch qula volta, a l c'era un
buratinaiu che ce faceva vede le scenete con
il suo teatro dei pupi.
Quant'remi cuntenti nialtri del culegiu, ce se
vedeva int la facia, ce rideva j ochi,
quant'remi l davanti pronti per cominci.
P, quant'remi al campu dei Abrei, c'era da ride.
Nun facemi in tempo a'riv, che tutu intun
mumentu remi spariti, c'remi tuti salvati.
Qualche dumenica, induvin un po' in dove ce purtava?
E nun remi al Doricu, in curva con le
bandiere del'Ancona a f il tifo?!
Qla volta, ciavemi sei, sete ani, e quandu le
squadre entrava in campu, nialtri a d la
verit, nun sapemi manco qual'era l'Ancona.
El dumandami a qualcun che se ne intendeva
e dopu ... cme sventulava qle bandiere!
Certu che nun se finira pi de scrive se
se duvese ricurd tute quele rbe che avemi
fato e visto qla volta.
A me pr, basta cusc, 'ncora perch
urmai ce l'ho stampate in tel cervelu, nun se po'
scurd pi.
Cme nun posso scurd pi, qla volta,
d'estate, de sera, quandu le finestre dela
camerata del colegiu era aperte, e iu, da
drentu el letu, sentivu che fori, i fjoli che
stava de casa l de oltre, giugava, schiasava,
era cuntenti, e sentivu chiam ...
... bbo ... mma!
Me ricordu che iu, quandu sentivu cusc,
me gruciavu soto i nenzli.
Pensavu ... e me veniva da piagne ... qla volta.
Penzu ... e me viene da piagne ... ad!

Torna inizio pagina