26 Festival
di Varano

2000

logo del festival

Nel volume di quest'anno trovate
la ristampa della versione integrale de
"L'imbriago" di Palermo Giangiacomi

I premiati del 14 Premio Varano sono:
Poesie - Sezione A1 (vincitori nelle precedenti edizioni)

  1. Atesa (Marzo che mategia) - Cesarina Castignani Piazza
  2. Scirocu - Giorgio Paci
  3. Strano, ma vero - Silvano Talevi
    varano_cop2000_ss.jpg (9402 byte)

Poesie - Sezione A2 (nuovi poeti e non premiati delle precedenti edizioni)

  1. 'Na porta chiusa - Alessandro Mordini
  2. Un brcio al posto del cervlo! - Mirko Giacomucci
  3. El ricordo - Luca Talevi

Poesie - Sezione A3 (ragazzi)

  1. *** - Francesco jr. Colonnelli

Premio speciale "Simpatia"


Prose - Sezione B (narrativa)

  1. 'Na pagina impurtante de storia ancunetana - Giorgio Marinelli
  2. A casa mia 'nt ani cinquanta. La pastasciuca cui moscioli, da capo a fine - Sergio Giacconi
  3. Frammenti di vita - Rosanna Candelaresi Zamporlini

Testi teatrali

  1. Natale coi tuoi - Cesarina Castignani Piazza
  2. La madunina giusta! - Mirko Giacomucci
  3. In zufita - Sergio Giacconi

Atesa (marzo che mategia) - Cesarina Castignani Piazza
Prima classificata - Sezione A1

'Na capa de piombo
nasconde l'azuro.
Un brontolo cupo
de 'n trono
da longo
rimbalza sonoro
sul mare pi scuro.
I nuvuli cre
sfrenati al galopo
uguali ai cavali
che va in libert.

Epure, a ponente,
'na fieca de chiaro
rimane inzistente,
un ragio de sole
de sbiego,
gi in fondo
s'intigna a st 'ceso
e nun vle sfum.

Marzo mategia, nun v ragiun,
minacia de pive, ma pro nun se sa.

... intanto, su in alto,
suspesi,
i cucali indecisi
girane in tondo
come in atesa
de quel che sar ...

torna inizio pagina


Scirocu - Giorgio Paci
Seconda classificata - Sezione A1

'N'litu cldo snto 'nte la schina,
del vntu de scircu che rifita,
ingrespa l'onda gi per la marina,
scavlca la scujera rusigta.

Sentu 'l zlmastru 'nte qul'ria smssa,
me fscia 'l crpu, gusi che me 'brcia,
'nte la ple me d cuma 'na scssa:
'Na ma' che me careza 'nte la fcia.

'Sta sensazio', me cje d'impruvisu,
la pssu rispira' cume 'n'udore,
sar cusc ch' ftu 'l Paradisu?
Agru 'nt'i lbri, sntu qul zapore.

Sofia pigru, divnta 'n po' 'ndulnte
d'ltre tre prta cun ze qualcsa,
mistu d'umori strni del'urinte:
'Na fulta legera, s de rsa.

S d'Africa 'sta breza, s de sole,
s d'liga brugita dal calore,
svapora 'l zle drentu le pescole,
s d'cqua de mre ch' in ardore.

S de tela bagnta, s de pece,
de marinri che mina le vele,
s de rete, de curdme a trece,
s de nte che 'cndene le stele.

S de crne, s de passio' bruginte,
sngue cldu, s de giuvineza,
de bgi 'passiunti del'amnte,
de parle che cnta la beleza.

S de sgurdi sgambiti de niscstu,
s de parle mute, de segreti,
d'incontri furtivi al stessu pstu:
Dele prumesse fte da fjuleti.

'Nt'un timu m' nti 'sti penzieri,
ide che forze nun valeva un bcu,
in t'un mumntu, diventtu ieri:
'Na passta, de vntu, de scircu.

torna inizio pagina


Strano, ma vero - Silvano Talevi
Terza classificata - Sezione A1

C'era in Ancona diverzi tempo fa
perzone che ciavvane 'l cugnome
in cuntrasto cun la propia ativit;
era successo nun sapra di' come.

E nun miga 'na truvta mia,
quelo che digo la pura verit.
C'era p'r esempio 'na nota sartoria
che stava in pieno centro l in cit,

tra 'l corzo Garibaldi e 'l corzo vechio,
in uno de qi vguli 'n po' stretti;
forze ve parer strano parechio,
ma 'l nome del padr era CENCETTI.

Dale parti del Pi c'era 'na dita
(ma forze nun nova la nutizia)
che da 'n certo CASACCIA era gestita;
materiali venda per l'edilizia.

Vicino a Ancona qui ciava la sede
uno che trasporti celeri faceva:
'na roba veramente da nun crede,
LUMACHINI era 'l nome che ciavva.

E c'era po' quel tale che faceva
per il riscaldamento 'n po' de tuto,
el prublema del fredo risulveva,
ma se chiamava SPEGNE, quelo 'l bruto!

C'era quelo che subito arivava
se ocorva l'intervento del stagn;
anche se PASSALACQUA se chiamava,
lu' el dano riparava l per l.

Infine in Piaza Roma, l de dietro,
c'era 'na tratora piutosto nota,
ma 'l nome dei padroni era 'n po' tetro:
la gestiva i frateli PANZAVOTA.

Cumunque me ricordo che 'sta gente
svulgea 'n lavoro serio e de cuscienza,
el cugnome nun vuleva di' gnente,
era solo 'na strana cuincidenza!

torna inizio pagina


'Na porta chiusa - Alessandro Mordini
Prima classificata - Sezione A2

I calcani de fro
ruginiti
E scureto
rimaso un po' pe' storto
El vetro, drento,
e stuco s'ha magnato
'Na porta chiusa
'nt'un vigulo del Porto.

'Na porta chiusa
de 'na casa vechia
in d remachiava la rete
un pescatore
e, in d ce magnmi
e cece e la cicerchia,
nona ce racuntava
tante fle ...

'Na porta chiusa
uramai da tanto

in d ci'avemo riso
e ancora pianto.

torna inizio pagina


Un brcio al posto del cervelo - Mirko Giacomucci
Seconda classificata - Sezione A2

Pe' camp be' uno ce duvria av
la memoria corta corta
        senza esse mezo scemo
        solo un pugheto scurdercio.
Inzoma
d'avece al posto de cervlo un bel brcio!
Solo alra t'acurgeristi
        che nun esisteria pi el tempo
Saristi un giuvinto o vechio
segondo come te sentiresti drento!
Quanto sara blo esse
        senza i bruti ricordi
senza imbroj, senza dumani
senza bufi e senza gambiali!
Penza!
Ogni mumento sara sempre qulo pi blo!
Eco truvato el vantagio d'avce
        un brcio al posto del cervlo!
El bagio belo solo quant' dato
El calore del corpo amato el zenti
        solo quanto l'hai braciato
E se hai dato 'na careza
solo se cii drento tanta tenerza!
Ma sopratuto quantu dirai Amore!
perch nun l'hai dito cul cervlo
che nun cii
        ma cul cre!

torna inizio pagina


El ricordo - Luca Talevi
Terza classificata - Sezione A2

Me ricordo
la prima volta che t'ho vista,
se solo j ochi mia t'avesse deto
che tempesta ciavevo in fondo al core,
che me sbateva forte drento al peto
facendume cap cus' l'amore.
Avesse sbatutu 'n antro tantinelo
te saresti acorta de tutu qul rumore,
io me dicevo: "C' niente de pi belo?"
e sara 'rmasto l, pe' dele ore.
Era scuro, cun tanto vento intorno,
'ntel celo sembrava che le nuvole fugiva,
e invece a te, ch'ai fato el buio a giorno,
pareva che sci e no te carezava.
Dal celo piutosto che 'na gocia,
speravo che cadesse gi 'na stela,
te l'avria argalata,
perch credevo d'esse duro, rocia,
e invece, drento, el core me martela.
Ancora oggi,
c tuti 'sti pensieri,
me torna sempre in mente j ochi tui, neri,
e me 'ntristiscio, perch nun ce sei pi;
j amichi mia me dice:
"Sta' tranquilo, nun pensieri veri,
solo giuvent."
Sar,
me digo io fingendume contento,
ma penzo sempre a te
quand' che sofia el vento.

torna inizio pagina


'Na dumenica a Portunovo - Sauro Marini
Premio speciale "Simpatia"

Dumenica matina, m'alzo presto,
voio riv per primo a Portunovo,
la spiagia dela Tore guasi vta;
st drento ala natura fino al colo,
me godo 'n po' de st'aria sprufumata
e f l'abrunzatura nt la ple.
Me sdraio longo sopra el sciucam,
guanto el giurnale e po' cumincio a lge
mentre che penzo: - Ogi so' in Paradiso! -

Ma dura tropo pogo sta gran pace
perch sento vicino una che sgagia:
- Luigi cre dai, porta le sdraie,
dame qul'umbrel, pianta el picheto! -
Po' sento i zocoli sbate sopra i sassi,
un nuvolo de polvere 'nt i ochi
e un spigulo de borza me se infilza
- Uh, che dulore - propio nt la milza!

Ma el branco de barbari se calma,
me rimeto a lege qul giurnale,
el titulo me dice "Si prevede
tutto esaurito quest'oggi sulle spiagge".
- E m coioni - penzo tra de me
- me sar 'corto cun tuto 'stu gastigo ? -
Ma nun fo in tempo a lege tuto el resto
perch me sento a d co' na vuciacia:
- Se stregne un tantin che semo in tanti !?!
Cusa se crede, aqui, d'esse el padr?
Ci un sciucam che pare Piazadarmi,
ce d 'n bucunc de posto pure a n ? -

Cerco de rest calmo e me ritiro,
'rcoio la borza, sposto el sciucam,
guanto le scarpe, le tiro 'n po' pi in qua,
po' cerco de ripi el cuncentramento
per lge qualche riga del giurnale.
Ma miga ce riescio, sa, perch
me sento da gi 'l mare un strilo acuto:
- Babooo, dame la maschera e 'l bucajo! -
qul'anima 'durata de mi fiola
che fa el bagno co' l'amichete sue;
me alzo e cerco intorno le ciavate
ma nun le trovo e quela chiama: - Babooo... -
e vago scalzo fino gi la riva
cui breci che s'infilza soto i piedi,
i slongo maschera e bucaglio,
i d bracioli cul materaz
e po' i digo calmo: - Sai, pap
sta cercando di leggere il giornale,
vorrebbe stare un po' in tranquillit -.

Po' sempre scalzo torno al posto mio,
sempre pi streto in mezo al pipinaro,
cerco de risdraiame come posso,
apro ala pagina 'nd parla de D'Alema
e legio "Grido d'alarme del Guverno"
mentre che sento un strilo nt le rechie:
- Aiuto, fug tuti, ariva l'ondaaa! -
Tiro su la testa e guardo el mare,
gi nt la riva tuto un guazabuglio,
el mare, ch'era calmo, sotosopra,
le onde alte guasi 'n par de metri,
vedo materazini che svulaza,
le madri strila, i fioli chiama aiuto,
ma per furtuna tuto dura pogo
e prima che i' la fo a tirame su
el mare n'antra volta calmo e liscio.
Sento uno che dice: - Era la nave,
la Superfste, qui morimazati,
ce vole fa mur tuti 'fugati! -

Vago a ripi el posto, quato quato,
e sfoio el giurnale 'n antro tantinelo
fino ala pagina dela cronica nera
nd parla del gialo del mumento;
mentre che legio tuto emuziunato
na storia che me 'passiona e me rapisce
un strilo me trapassa el cerveleto:
- Coco fresco, coco, coco belooo! -
Che te pia 'n colpo, bruto sciagurato,
per pogo el core, el zai, nun m' schiupato.

Cerco de ripi 'n po' de cuntrolo,
giro la pagina, dago na smiciata,
guardo d tituli, nun s cuncentrato,
me viene in mente de guard che or':
- Gi mezugiorno e mezo, nun pol'esse,
me pare ch' mez'ora che s qui. -
Ma tardi, ora che turnamo a casa,
muchio le robe, vesto qula fiola,
rimpo le borze, infilo le ciavate
e pio el stradlo per turn al parchegio,
ma dopo dieci metri me rigiro,
guardo la spiagia gonfia de crestiani,
el zole che li coce tuti arosto,
i sassi che i brugia soto i piedi,
la puza dele creme autoabrunzanti,
le chiachiere dei branchi de cumari,
e i urli dei fiulaci indemuniati;
raccoio el fiato, fago un bel zuspiro,
pogio la borza 'n atimo per tera
e fago: - T, spiagia dela Tore,
me sa che de dumenica quagi
cul cachio che me ce rivedi pi! -

torna inizio pagina