27░ Festival
di Varano

2001

logo del festival

Nel volume di
quest'anno trovate
la ristampa del volume
"Tra zappe e vanghe
nella campagna
marchegiana
" di Vico
D'Arisbo (Lodovico
Bosdari) edito nel 1890
cop2001_s.jpg (8700 byte)

I premiati del 15░ Premio Varano di poesia e prosa in vernacolo anconetano sono:
Primo premio assoluto di poesia


Poesie - Sezione A1 (vincitori nelle precedenti edizioni)

  1. Un lampo ... e 'n ricordo ('Na balarineta) - Cesarina Castignani Piazza

  2. Te, c'eri - Leda Marazzotti Marini

  3. A la fine de tuto - Anna Maria Castignani


Poesie - Sezione A2 (nuovi poeti e non premiati delle precedenti edizioni)

  1. (non assegnato)

  2. Camillo el gelataru - Maria Pia Marchetti

  3. Nun cÚ scurdamu ... la saraghina come la cuceva nona - Franco Bordini


Poesie - Sezione A3 (ragazzi)

  1. Primavera - Francesco Colonnelli jr.


Prose - Sezione B (narrativa)

  1. Risate ... da fioli - La maniglia rota  - Sauro Marini

  2. es aequo:
    El tempo de 'n zuspiro -
    Luca Talevi
    La bussarola del purtˇ - Sergio Baldini


Premio speciale "Simpatia"


Premio speciale "AttualitÓ"


Testi teatrali

  1. El compiutere e l'ereditÓ de nono - Mirko Giacomucci

  2. Per chi s˛na el campanŔlo - Cesarina Castignani Piazza

  3. Ciak - Sergio Giacconi


Voje - di Maria Camangi Ancarani
Primo premio assoluto di poesia

Me vojo imbriagÓ
De aria pura,
vojo fa 'n tufo
intun ragio de sole
e po' cantÓ, zompÓ
fa le capriole
intun prato verde
in mezo ala natura.

Vojo achiapÓ
'na stela pe la coda
e fa 'n zucheto lagiu
'ndo bate l'onde
e po' ruzÓ, balÓ,
giogÓ come 'na fiola
che marameo te fa
po' se nasconde.

Vojo sentý a score
El zangue 'nte le vene,
vojo andÓ 'n giro
a rigalÓ 'n suriso
e po' sugnÓ, sperÓ
de sparge 'nte la via
'n po' de cose bŔle
e d'alegria.

Forze so mata,
ci˛ toco anch'el cervelo
ma ci˛ 'na voja
de vede atomo a me
stu mondo bigio
un bucuncý pi¨ bŔlo.

torna inizio pagina


Un lampo... e 'n ricordo ('Na balarineta) - di Cesarina Castignani Piazza
Prima Classificata - Sezione A1

Cul vento de sbiego
De 'n giornu d'aprile
Sfumato de bl¨,
'na neve
dal melo fiorito
a v˛liga casca.

Un lampo... e 'n ricordo!

Dal velo del tempu,
(passando da un sbrego)
ritorna de f˛ri
'na balerineta
c'un bianco tut¨
che fa i ghirigori.
'Na balerineta
dal sguardo inocente
che danza gentile
uguale a sti fiori
che cascane gi¨.

Imagine 'ntiga
sortita dal gnente,
cumparza d'incanto
e d'incanto sparita
che giÓ nud c'Ŕ pi¨
rubata dal ventu
che passa de sbiego
'nt'un giornu d'aprile
sfumato de bl¨.

torna inizio pagina


Te, c'eri - di Leda Marazzotti Marini
Seconda Classificata - Sezione A1

E' da pogu passatu qul tempu
Che Te c'eri.
Me bastava rispirÓ el rispiro tuo
vicinu a me
quandu che durmivi.
Me bastava pudÚ dý:
"bongiornu Amore"
ancora che qul giornu n'era bonu,
e me bastava quandu me suridevi
cnn qua boca dolcissima da omu.
E quandu me cercavi cu' la mÓ
E me slregnevi ancora, forte forte.
E me bastava sentý la voce tua
Che me chiamava
Pr'una piculeza,
e 'gni volta vulevi 'na careza
cume 'n fiolu quandu vole a ... mama
... AdŔ sei lý 'ntela fotugrafia
ind˛ me guardi cun tanta tenereza,
te parlo e te la f˛ qula careza
per˛, me pare che me se storce 'l c˛re.
E solu questu me deve da bastÓ!
Dice che unu s'ha da 'bituÓ,
ma nun Ŕ facile, pr'adessu nun se p˛le
pare passatu un zeculo o Ŕ solu ieri.
Pure se sentu la presenza tua
Ogni roba diventa un bel ricordo
De qui tempu, de quandu
Che Te c'eri!

torna inizio pagina


A la fine de tuto - di Anna Maria Castignani
Terza classificata - Sezione A1

Camina 'n vechieto
Vecino a la riva
Lascia l'impronte
Che pare do striscie
Da longo se sperde
Co' l'acqua sparisce.
Se ferma 'n tantý
El fiato j manca,
da j ochi 'panati
guasi 'n po' a stento
'na lagrima rotula
'n tra le grice del naso.
El mare senz'onde
Fa da spechio infinito
A la fine de tuto.

torna inizio pagina


Primo premio non assegnato


Camillo el gelataru - di Maria Pia Marchetti
Seconda classificata - Sezione A2

Anche s'Ŕ pasatu
pi¨ de cinquant'Óni
stu ricordu me rimastu
stampatu be' int'la mente.
Ogni Ónu cun l'arivu dell'estate
arturnava puntualmente
Camillu el gelataru.
Con qul treciculo
faceva el giru de tuta la citÓ.
In ogni angulo de strada
c'era sempre un bel grupetu
de fj˛li che l'aspetava,
cume el vedevene arivÓ
jÚ curevane incontru
e gridavane festosi:
Vulemu el gelatu! Vulemu el gelatu!
Chi el vuleva ala crema,
chi al limone o chi al ciuculatu.
Lu facendu fenta
d'ese severu diceva:
Calmi e boni fj˛li
meteve tuti in fila
ch'adesu piÚ el gelatu.
Ma cume poi fa' a fali sta boni
un grupo de fj˛li gulosi.
In tanti avemi capitu
che chi stava bonu e aspetava
pe' premio el gelatu pi¨ grosu jÚ dava.
Io ch'eru tantý gulosa
cercavu de meteme in fila pe' ultima
ma c'era sempre da fa' cagnara.
A chi tempi, magnÓ el gelatu
era 'na gran festa, nun sempre
le madri ciavevane da date i soldi.
M'arcordu che se qualche fjolo
nun ciaveva qule dieci lire
de nascostu guardava
e se slanguiva a vedÚ
chi el gelatu ciuciava.
Ma a Camillo
che nun jÚ sfugiva gnente
cume armandeva solu el chiamava:
Cum'Ŕ niný che ogi
nun vieni a piÓ el gelatu?
El picený mogio je rispundeva:
No ogi nun lu posu cumprÓ
mama i soldi nun ce l'ha.
Alora lu' je diceva:
Dai viene quÓ nun cel zai
che ai fj˛ii el geiatu
nun se pole mai negÓ.
Lu' era fatu cuscý pe' questu nialtri
jÚ vulemi tuti be'.
Ogi el gelatu se trova sempre
de tuti i gusti e de tuti i culori,
ma nun ciÓ pi¨ el sapore
de cume el faceva
Camillo el gelataru.
Forse perchÚ pe' me Ŕ
un dolce ricordu del pasatu.

torna inizio pagina


Nun cÚ scurdamu ... la saraghina come la cuceva nona - di Franco Bordini
Terza classificata - Sezione A2

N'd¨ si n'data a fený!
Na volta te magnami, eri na buntÓ, sfamavi le famije intere,
andavi "fora" la l'Mandrachio ne piavi na cartata,
adesu el consumismu t'ha mandatu in tra i mangimi.
E me ricordu... nona racuntava: "chi nun la sa coce nu la sa mancu
MagnÓ".
Ne mancu i cochi dai furneli fini c'hane messu mai tant'arte
e a penzÓ che cÚ vole tantu pogu a cucinala:
basta pijala cun delicateza, j opri bŔ la panza pÚ toje el budelý,
jÚ dai na sciacquatina apena soto la canela dela rola de cucina,
senza toie l'udore de marina:
po' na mischiata cul cundimento ch'hai preparatu prima,
oiu, sale, pepe e n'tritu finu finu guasý macinatu d'aiu, erbete e usmarý.
La pogi sopru a la gratigula a testa e coda
e cui fogu basu dela furnacela la meli a cucinÓ.
La giri e la rigiri, ai da stÓ 'tenti al fogu ch'Ŕ traditore
e cu na pena de galuzu onta d'oiu ogni tantu la carezi,
finu che nun vedi pi¨ l'argentu e la pele iÚ s'Ŕ griciata tuta
adesu pia culore, quelu de l'arostu.
Le goce d'oiu cascane gi¨ n'tela brage
e ritornene su ch'Ŕ fumu pe sprufumÓla.
Dai na sgardizata el fogu pe daje na sfiaratina
e pe sapÚ ch'Ŕ cota, ai da piÓ de fumu e udurÓ d'arostu.
La saraghina Ŕ cota, pronta da magnÓ, calda che scota,
la meti sopru al tavolý che sbuienta i deti
Ŕ cun fil˛ de pÓ de Serafý, n'fiascu de "Roscio" nostru
te meti a magnÓ stÓ saraghina a scotadetu.

torna inizio pagina


Primavera - di Francesco Colonnelli jr.
Prima classificata - Sezione A3

Ho vistu la primavera:
Ŕ verde come el dentru d'un Kiwi
Ŕ alegra come j uceli 'namurati
parla coi frusciu del'ali de farfale
Ŕ limpida come l'acqua d'un ruscelu.
Ride col rosciu dele cerase.
Quandu credi che more,
sta solu pr'arivÓ l'estate.

torna inizio pagina


Risate ... da fioli - La maniglia rota - di Sauro Marini
Prima classificata - Sezione B Prose

CiÓi presente quanto, ntÚi mumenti che meno te l'aspeti, te pýa el cunvulzo de risarela per i mutivi pi¨ scemi che ce pole esse, e che nun riesci a tratenete le risate manco se te tapi la boca cun tre ciroti Salvel˛cs?
MbŔ, 'ncora se urmai me sucede sempre pi¨ de rado, ogni volta che me capita un mumento de questi, el cervelo me fa na corza indietro de quarant'ani, e me rivedo 'vanti ai ochi na scena che me sa che nun riuscir˛ a scurdÓ mancu fra n'antri quaranta de ani (a meno che nun me pia 'na bota d'alterosclerosi de quele che te se scancŔla el cervŔlo come la memoria d'un cumpiuter quanto te se brugia el discu fisso).
Ero ragazeto, ciÓvevo sei set'ani, e mi fratelo qualcuno de pi¨ (che po', st˛ a penzÓ adesso, sarýa i stessi ani che ciÓ de pi¨ ancora adŔ, guarda 'n po' che robe curiose te capita ntÚla vita!); mbŔ dicevo che ciavÚvo sei set'ani e de solito dopo pranzo io e mi fratelo cercÓmi de sbrigace a fÓ subito i compiti, in modo da pudÚce mÚte presto a giugÓ.
Babo lavurava fori e turnava a casa la sera tardi, e a nialtri ce duveva tenÚ a bada mameta nostra, mentre che duveva penzÓ 'ncora ale facende de casa; lýa per˛ era tropo bona e alora capitava che nialtri ce facÚmi piÓ la mÓ dai gioghi e qualche volta ce scapava de cumbinÓ qualche guaio; miga roba seria, sÓ? robÚte da gnente, ma che bastava per fÓ perde la pazienza a mama e face dÓ na spulverata ntÚ le chiape de dietro ('nzoma sculaciate).
Devo ancora dý che io, ch'ero el picolo dei dˇ frateli, ero quelo 'n po' pi¨ dispetoso, e mi fratelo spessu duveva usÓ tuta la pazienza che ciavÚva per nun dame dˇ cazoti ntÚl naso (e se vede che sta pazienza l'ha usata visto che el naso ancora ce l'ho tuto intero).
Un giorno j avevo fato un dispetucio, nun me ricordo quale, ma qualcosa j avevo fato de sciguro, visto che ero fugito e m'ero chiuso dentro la sala da pranzo; sicome ntÚ la sala da pranzo de solito nun ce se chiudeva drento nisciuno, ntÚla seratura nun c'era la chiave, e alora io, per nun fa entrÓ mi fratelo, m'ero messo dietro la porta e cercavo, cun tute dˇ le mÓ, de tenÚ blucata la maniglia (che era de utˇ) in modo che mi fratelo nun la pudesse aprý.
Sta storia Ŕ durata 'n tantinelo, cun mi fratelo che dala parte del curidoio se sfurzava de bassÓ la maniglia e aprý la porta, mentre che io, dala parte dela sala, me sfurzavu a spigne la maniglia per l'inz¨ e nun fala aprý; mi fratelo strilava de falo entrÓ, io iÚ strilavo che intanto nun ce riusciva, e mi madre, dala cucina, strilava a tuti dˇ che se non la smetÚmi subito ce veniva a menÓ cul batipani.
A 'n certo punto, mentre che strilami tuti tre, mi fratelo s'Ŕ zitito de b˛to, e io nun ho sentito pi¨ nisciun sforzo ntÚla maniglia, ma sicome nun me fidavo, seguitavo a tenÚ duro, penzando che fosse un trabucheto, sci, inzoma, na finta per fregÓme e piÓme in castagna.
Ma subito dopo mi fratelo ha incuminciato a ride, prima cu' na risatela legera, po' 'n po' pi¨ forte, po' sempre pi¨ forte, fino a diventÓ 'na specie de cunvulzo, de queli che nun riesci a frenÓte fino a che nun hai fenito tuto el fiato e nun hai cunzumato le lagrime dei ochi.
Io nun capivo cusa pudeva esse sucesso, ma ancora nun me fidavo de uprý la porta, sempre penzando (malfidato cum'ero) che pudeva esse na fregatura. Ma sicome sentivo che mi fratelo se stava a rutulÓ per tera dale risate, me so fato curagio e, pianý pianý, ho uperto un tantý de porta per dÓ n'uchiata dal'altra parte.
PudÚ imaginÓ cusa me s'Ŕ parato davanti ai ochi: mi fratelo se stava a rutulÓ per terÓ e teneva streto 'ntÚle mÓ un pezo de maniglia, che s'era schiantato de b˛to 'ndˇ la maniglia fa l'angolo; io ci˛ avuto 'n atimo de indecisiˇ, penzando, da na parte, ale sculaciate che stava pe' 'rivÓce sule chiape, ma dal'altra sentivu che me cuminciava a piÓ la risarela pure a me.
╚ inutile che ve diga che ha 'vuto la meio la risarela, e dopo qualche segondo io e mi fratelo ce stami a rutulÓ tuti dˇ per tera, guardando fisso el stuzigˇ de maniglia, ma con la coda del'ochio girata verzo la porta da 'ndˇ stava pe' scapÓ fori mama cul batipani; invece quanto mama s'Ŕ 'faciata dal curidoio, prima ha sgranato i ochi vedendo el dano che avÚmi cumbinato, ma po' s'Ŕ fata cuntagiÓ dala risarela ancora lia, la rabiatura iÚ s'Ŕ passata e cuscý ce semo salvati dale sculaciate.
La sera, quanto babo Ŕ turnato da lavorÓ, ce semo presentati tuti e dˇ mogi mogi davanti a lu', per racuntaie el fatacio e cula speranza de face perdunÓ; Ŕrimi pronti per piacce un liscebusso de queli cui fiochi, ma mentre che iÚ racuntami el fato, ripenzÓ a quelo ch'era sucesso ciÓ fato incuminciÓ 'n'antra volta a ride e visto che in fondo el dano nun era cuscý grosso, babo ciÓ perdunato subito e tuta la storia Ŕ fenita in alegria, senza manco na sculaciata.
Qualche giorno dopo na bela maniglia nova e lucida faceva bela figura ntÚla porta dela sala.

torna inizio pagina


El tempo de 'n zuspiro - di Luca Talevi
Seconda classificata (ex aequo) - Sezione B Prose

E miga Ŕ cume ogi, che i fioli stane sempre davanti a la televisi˛, se smatisce cui gioghi eletronici al punto che s'alzene su e urlene che te fa piÓ 'n accidenti, e te che te preocupi e je dighi:
"Cus'Ŕ suceso?"
"Gnente babo, semo cuntenti, Ŕ che giugamo a fa i cumbatimenti!"
E intanto urlene pegio de 'na furia.
Ma i suldatini nostri, i tapi, le figurine pe' giugÓ a spechiolo, apena 'n po' pi¨ grandi a cure cul cariolo...
Quela scý ch'era 'na guduria!
E adŔ t'acorgi quant'Ŕ fadiga racuntÓ la beleza, Ŕ fadiga spiegÓ quelo ch'Ŕ stato, i fioli proprio nun capisce.
Te guardene straniti e 'n po' meravijati, sembrane dumandasse cus'Ŕ che ce trovavi, se a vive de qul pogo, davero te t'acuntentavi.
AdŔ capisci quant'Ŕ dificile pudesse spiegÓ, perchÚ quant'Ŕ longo 'n zogno, o quant'Ŕ grande l'amore, nun se po' misurÓ.
Alora 'braci i fioli, li fai turnÓ a giugÓ, je dai 'n bufeto e 'n bagio, e mentre te rilasi zito e guasi a giagio, arpenzi a cui mumenti, a quel c'hai fato e deto, e dopo 'n gran suriso, li chiudi drento al core, segreti nte 'n caseto.
PerchÚ Ŕ vero, ene pasati 'n po' de anni, ma nun me stanco mai de ripenzÓ a quelo ch'Ŕ stato.
Arpenzo a quando tuti 'nzieme pasami le sere a guardÓ Caruselo: quanto el spetami! Vulemi che nun fenise mai, e babo che ce diceva che duvemi 'ndÓ a durmý, proprio sul pi¨ belo.
Me ricordo de qula stanza 'ndo ce dormimi in d˛, penzÓ che ogi nun ce boca gniente da quant'Ŕ piena de ciafi, de libri e mile d'altre robe, epure me sembrava grosa, ma grosa 'ngran bel po'.
Quanti ricordi che la rende viva, me pare de vedelo, babo, che ce salutava... 'n zofio, e 'n bagio t'arivava co' la mano.
Me ricordo de le parole, de quele dete piano, apena sotovoce, da chi penzava che durmivi, che finalmente 'evi truvato pace.
E invece piano piano, nialtri se fantastigava, e i desideri vulati 'ntel celo sparpajati, erene stele, arcubaleni culurati, fino a che e1 zono ce rubava j ochi. E adŔ che ce l'ho io i fjoli 'nte j genochi, penzo a cuj anni pasati senza paure.
Ricordo che la dumenica matina, babo ce portava a Piaza Caure, indove che adŔ c'Ŕ tute le panchine e i pulma' che te 'mpesta.
C'era 'n ometo che pe' campÓ fitava le bigiglete, e quela, per nialtri, davero era 'na festa.
I pantaloni corti, i calzetoni bianchi, curemi cume mati e mai, mai ch'erimi stanchi, gnente ce spaventava, manco quando cascami gi˛ longhi a sdramigioni e ce riempimi de sfrigi i genochi. Ce rialzami come se gnente fose, e 'rmanemi lý, fino a quando durava chi d˛ bochi.
Babo ce diceva: "O pupo! Pedala e guarda avanti!"
Me pare de sentilo 'ncora adeso, cuscý cume vuria nun fose mai fenita la beleza de quj istanti.
"Ancora babo, ancora 'nantro giro!"
E adŔ 'rpenzo a qui anni, vulati via 'ntei tempo de 'n zuspiro.

torna inizio pagina


La bussarola del purt˛ - di Sergio Baldini
Seconda classificata (ex aequo) - Sezione B Prose

'L muratore cuminci˛ a sbatte sul muro 'ntorno ai cardini e qualche schegia de 'ntonaco te culpý.
La facia tua de bronzo osservava la scena e te cul penziero 'ndavi a 'na setimana prima, quanto 'l proprietario del palazo era venuto cul fabro.
Cost¨ aveva preso le misure del purt˛ e datu conziji de cume se pudeva fa 'l lavoro, p˛ erane andati via tut'e d˛.
Per te era l'ultimo giorno che stavi faciata 'ntÚla via.
Era 'n palazo che se truvava 'nte 'na curva, a metÓ de 'na strada 'n salita e te, in quela pusizi˛ che te truvavi, pudevi osservÓ tuto quelo che sucedeva sia a destra, 'nd˛ c'era la salita, ch'a sinistra 'nd˛ c'era la discesa.
Erane passati tant'ani da quanto, tuta lucida de bronzo durato, t'avevane messa per la prima volta 'ntÚl purt˛ novo de zeca, lucido de cupale!
Tantu tempo era trascorzo!
Piogia e sole t'avevane bagnata e scaldata.
Era belo crugiulasse 'nti giorni de 'state fin guasi a scotÓ o a sentý la piogia che te bagnava la facia, cume frede lagrime che rendevane de gelu 'l metalo de cui eri fata.
Ma nun erane solo queste le zenzazi˛ che te venivane 'ntŔla mente.
Te ricurdavi la gente che 'gni giorno te passava davanti, a passu lesto in discesa, calmo e a volte straco 'n salita.
E lý davanti, guasi a metÓ alteza lungo la via, le perzone pi¨ 'nziane se fermavane a ripiÓ fiatu o, si 'ncontravane uno che se cunusceva, se metevane a fÓ quatro chiachiere 'nzieme.
Te ricurdavi ancora tuti j 'nquilini del palazo, ch'era de d˛ piani cun quatro 'partamenti, e ciÓvevane tuti 'na fenestra che se faciava sul lato del purt˛.

'Gni tanto 'na mÓ te piÓva e te alora facevi sentý la voce tua prufonda.
TOC! TOC! "Chi Ŕ?", dumandavane j 'nquilini se faciavane da la fenestra.
TOC! TOC! "So 'l pustý! Me opri?"
TOC! TOC! "Gasse!"
TOC! TOC! "Aqua!"
TOC! TOC! "Luce!", erane queli che ciÓvevane da pjÓ 'l numero del cuntatore!
TOC! TOC! "Prupaganda!", era quanto c'erane l'elezzi˛.
TOC! TOC! "PublicitÓ!", e t'infilavane i foj de traverzo 'ntÚl batoco.
TOC! TOC! "So' 'l paroco!", e veniva a benedý le case a Pasqua.
Opuramente:
TOC! TOC! "C'Ŕ Mariu?"
TOC! TOC! "C'Ŕ Lucia?"
TOC! TOC! "So' iu!", erane amichi, parenti o cunuscenti.
TOC! TOC! "Me so' scurdato le chiavi!", era uno de casa che ciÓveva la testa pr'impicio.
Quante face t'erane passate davanti.., e quante mÓ t'avevane tucata, a volte carezata o solo sfiurata.

Te ricurdavi ancora de quela sera quanto Pepe s'era dichiaratu a Maria: lia guasi per disimpegnu, 'muzionata cum'era, stava cula mÓ sopro la facia tua de bronzo, stava a sentý le parole che sortivane da la boca e dal core de Pepe, e te tucava nervosa.
"Nun zo! Nun zo cusa t'ho da dý, Pe'! No, no, me piaci ma... ce cunuscemo cuscý pogo e p˛... a casa, te c'el zai cum'Ŕ... ancora nun fadighi. C'Ŕne prublemi... bisogna penzÓ a tante robe..."
E te, che 'scultavi, te sarýa piaciuto a pudÚ 'ntervený:
"Ma dai che 'l cunoscio da quant'era fi˛lu. L'ho visto passÓ 'gni giornu, lu, 'ntÚ 'sta testa de bronzo, ho capitu ch'Ŕ 'n bravo fj˛lu e te, cun tuto qul cervelo che ciÓi, nun riesci a cunvincete?! Dai, dije de scý, falo cuntento e vedrai che nun te penti, se je voi bŔ davero!"
Ma i labri de la boca tua nun se pudevane oprý e cuscý fra i d˛ tuto finý prim'ancora de cuminciÓ.
Chi cel zÓ adŔ 'nd˛ starÓne?
La vita gambia tante robe!
Sei stata, pr˛, testimone ancora de noze.
Fra j antri te ricordi de quanto Carlo e Lina ene calati giŔ da la machina tuta 'nfiorata. Lu l'ha pres'in bracio pe' faje varcÓ la porta e ridendo, prima d'entrÓ j ha dito:
'Dai, Lina, bussa 'ntÚl purt˛, che ce viŔ a oprý la felicitÓ!"
E lia, ridendo de core, jÓ dato 'n bagio e ha cuminciato a bussÓ forte forte TOC! TOC! TOC!... e j 'nquilini che stavane faciati a le fenestre, ej 'nvitati ch'erane rivati gridavane "Viva j sposi!"

'Nantro p˛ de tempo era passato, tantu, e quela facia lucida pianý pianý s'era fata scura, cuscý cum'el legno del purt˛ s'era cuminciato a screpulÓ.
I fj˛li, ch'erane sempre de pi¨ 'ntel palazo (erane rivate nantro p˛ de copie), se metevan'a giugÓ propio lý davanti.
E alora c'erane figurine tacate 'ntÚl purt˛ o 'ntela facia tua, ch'ogni tantu t'impedivane de vedÚ.
E quanto te sentivi 'mpugnÓ e 'l sono tuo saliva alto, te dumandavi "Chi p˛le esse?", p˛ a volte ie ricunuscevi la voce.
De chi te sbateva guasi 'gni giorno, 'nvece, pudevi cunosce la mÓ al primu colpu: "╚ Carlo; Ŕ VincŔ; Ŕ Lina; Ŕ Giulia...", e cuscý via.
'Gni tanto uno s'arcurdava de te e cula peza morbida zupa de SIDOL pruvava a ridatte un p˛ de l'antigu splendore.
E alora, cume rinata, te metevi guasi 'n bela mostra a guardÓ chi passava.
Gente ch'andava gente che veniva...
P˛ erane rivate le autumobili.
S'andava de meno a piedi.
'L trafigu era cresciutu e le machine celeravane dando gasse pe' fÓ la salita senza gambiÓ marcia; se sentiva 'nvece a stride i freni si prendevane la discesa tropo de fuga e soto curva la machina ce pruvava a sbandÓ.
Te ricurdavi ancora l'incidente de quela matina!
Era caduta qualche gocia de piova e la polvere aveva fatu la pachiarela pertera. 'Na machina ch'andava gi¨ aveva perzo 'l cuntrolo propio mentre 'nantra veniva su e s'erane scontrate: Ŕ na Madona che chiopo! 'N gran boto e p˛ uno dei d˛ guidatori era rimastu ferito e perdeva zangue.
L'altro, calato gi¨ da la vetura, s'era tacato a te e cula forza de la disperazzi˛ aveva cuminciato a sbate 'l batoco.
"Aiuto! Aiuto! ChiamÚ 'l prontu socorzo! La Croce Giala! FŔ presto, deve na smossa, vený a dame 'na mÓ... fÚ qualcosa pe' tamponÓ 'l zangue.
Curete!"
E j 'nquilini erane tuti fora de casa pe' dÓ 'na mÓ, avevane chiamatu l'ambulanza, j avevane dato da beve 'n bichierý de brandy pe' tiralo su de murale e 'ntanto cercavane de tampunÓ la ferita che s'era fato sopro 'l sopracijio, mentre i fj˛li stavane a guardÓ ficanasi e cercavane d'infilasse 'nframezu i grandi pe' vede mejo:
"E va 'npo via de qua che 'mpici! Va a casa... camina!"
La fortuna ha vuluto che nun era gnente de grave e tuto s'era risolto cu'n par de punti de sutura e 'n bel p˛ de spaurachio.

'N altro p˛ de tempo...
Face, mani, parole, emuzzioni, fati stavane scurendo davanti j ochi tui in tuto quel ricurdÓ.

'L muratore avea finitu de scardinÓ el purt˛ vechio de legno e l'aveva pogiato sopro 'ntÚn furgoncý ch'era rivato 'ntÚl fratempo e da d˛ avevane scarigato 'n portoncý de metalo anodizato vetrato.
Da sopro 'l furg˛ finalmente pudevi vedÚ la faciata del palazo.
Erane sessantani che stavi lý ma pr˛, tacata cum'eri 'ntÚl purt˛, per forza de cose nun pudevi avela mai vista de sciguro.
Era 'na bela palazina, l'avevane rimudernata da pogo cui lavori de ristrutturazzi˛ a l'interno e pe' l'ocasi˛ l'avevane fata riverniciÓ tuta quanta.
C'era rimasto solo 'l vano del purt˛ da sistemÓ.
E 'ntantu che'l furguncý s'aviava pe' purtala 'ntÚl scarigo de la mundeza, la bussarola pudÚ vede de fianco al purt˛ novo, quelo cun cui l'avevane sgambiata: un citofono.

torna inizio pagina