AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 4 - J ani venti

.

AdŔ semo 'rivati ai ani venti,

cu' Rupi, Galamini e Custareli,

un dietro l'altro che fane i Presidenti

e Rechi sempre pronto a cuntrulali.

    C'era Panzoni Urazio, 'n gran campiˇ

    e presidente Veneziani cun Pauloni.

    Ancona e Folgure fane la fusiˇ

    e Zablu Molna alena qui campioni.

El marchiu indelebile, hai da crede,

de Romulo Marinari porta i segni,

che lý ntÚl campiunato Centro-Sude

butava tut'i paloni in mezo ai "legni".

    Bakoni, 'n ungherese, era 'tacante,

    de gole u' scatafascio n'ha segnato,

    e visto ch'el premiavane cul pesce

    Ŕ 'ndato via, sen˛ murýa schiupato.

El Venezia, la Fiumana, el Munfalcˇ,

Triestina, Pro Gurizia, e po' la Spale,

qualche partita vinta, sci, ma pr˛

'n bel po' l'avemo perse, 'ndava male!

    Ancora el matrimoniu s'Ŕ pruvato:

    la maja biancuverde, la Stamura,

    cun quela biancuroscia n'ha legatu

    n'ha propiu funziunato, Ŕ stata dura!

I campiunati Ŕ 'ndati 'n tantý misti,

qualcuno bŔ, qualcuno ha fatu schifo,

ma visto che nun ce mancava el tifo

semo riusciti a n'esse tropo tristi.

sm

 

Passa el tempo e l'Itaglia Ŕ travolta dala tragedia dela Prima Guera Mundiale. Ancora l'Ancunetana paga 'n tributu de sangue ala Patria e perde sul Monte Grapa dˇ giugatori, Giugliani e Giambartulumei.
Tuto ricumincia ntÚl 1919 e pure stavolta 'n bel po' de merito va al zzolito Pietru Rechi, che 'nzieme a 'n po' de dirigenti e de ecse giugatori s'artira su le maniche e riparte cul zzolito entusiasmo. El primo presidente del dopuguera Ŕ statu Rupi, de cui sapemo pogo. Se sa pogo 'ncora sui sucessori e ciuŔ el prufessor Enrico Custareli inzieme cul conte Galamini. Ma chi mandava avanti la baraca sul zerio era sempre l¨, Pietro Recchi.
NtÚ stu periudo l'Ancunetana gioga cun diverze squadre marchigiane, pure se nun c'Ŕ 'ncora 'n campiunato. Se ricordane partite cul Lureto (una Ŕ fenita adiritura 8-0 per niantri), cul Senigaja e cu' la Virtuse Macerata che, dovemo cunfessÓ a unor del vero, pare ch'Ŕ la sucetÓ de palˇ pi¨ 'ntiga dele Marche perchÚ era nata dˇ ani prima de niantri, ntÚl 1903. Ma le partite che pi¨ de tute le altre carigavane el publico d'i 'passiunati erene i derbi cu la Stamura, l'altra sucetÓ citadina che ntÚi primi ani del zzeculo scorzo ha fato 'na cumparza 'ncora ntÚl mondo del palˇ. De stu periodo se ricorda fra i mejo giugatori del'Ancunetana 'n certo NenŔ Saracini, che oltro che per la bravura in ataco se faceva notÓ 'ncora pe'l modo bufo da presentasse in campo: defati giugava con 'n par de calzuncini cu' la piega e cu 'na cinta giala, e po' ciaveva sempre ntÚla testa na retina che jÚ teneva a posto i capeli.
Ma el campiˇ che pi¨ de ogni altro ha lasciato el zzegno ntÚ stu periodo de piugneri Ŕ stato
Urazio Panzˇ (ciuŔ Orazio Panzone).
E arivamo finalmente al 1923, che sarýa un ano molto impurtante pr'i culori del'Ancunetana perchÚ segna l'inizio del'inzerimento de 'sta squadra int'una cumpetiziˇ naziunale. Finalmente la SucetÓ cumincia a penzÓ 'n po' pi¨ in grande e nun ze limita pi¨ ale partite cu'j equipagi d'i piroscafi o cule squadre marchigiane. St'alargamento de vedute Ŕ reso pussibile da 'na strutura sucietaria pi¨ solida, ndˇ truvamo sempre l'imparegiabile Pietro Rechi. NtÚl Cunziglio Diretivo c'Ŕ pure 'n perzunagio che sarÓ impurtante pe' l'Ancunetana, ciuŔ
Duiglio Pauloni , mentre cume Presidente ciavÚmo el ragiunier Benedeto Veneziano .
L'ativissimu Duilio Pauloni ciaveva da fÓ parechio in Tuscana. Ecu che cumincia quela che sarÓ po' una tradiziˇ cuntinua del'Ancunetana, che de squadre tuscane ntÚla storia sua n'ha incontrate 'n bel po'. Le prime partite Ŕne state dˇ amichevuli, arbitrate da' stesso Pauloni (... erene altri tempi...). S'Ŕ giugatu a Firenze contro el Campo de Marte (tre a dˇ per niantri), e a Prato (paregio). Ricordamocelo el Prato, perchÚ sarÓ impurtante quantu parleremo del Stadio Dorico...
E 'riva finalmente la prima iscriziˇ a 'n campiunato. Se chiamava la Lega Sude e nun Ŕ 'ndata tantu bŔ. L'Ancunetana s'Ŕ truvata a giugÓ co' squadre pi¨ forti come la Lazio, e ala fine del breve turneo che s'Ŕ giugato ntÚl mese de giugno, ha purtato a casa solu un punticý. Pogu male... era tuta 'sperienza. E subito dopo 'riva la fusiˇ del'Ancunetana cu n'antra sucetÓ citadina, la Folgore, che ciaveva parechio seguito infrÓ i portuloti, cuscý Ŕ 'umentato de 'n bel po' el publico.
AdŔ parlamo un mumentý d'i alenatori de 'sta squadra. El primo de tuti (uviamente...) era stato Pietro Recchi. Che era un giugatore-alenatore. NtÚi ani dieci c'era stato 'ncora 'n Mister Ceda, un piemuntese, che se ne sa poghe. Invece, el primo mister ch’ha lasciatu el zzegno ntÚla storia del'Ancunetana nostra Ŕ statu l'ungherese
Zablo Molnar , ancora l¨ un giugatore-alenatore.
Ala fine del '23 l'Ancunetana se cunzola dela figuracia rimediata ntÚla Lega Sude, vincendo la Copa Bineti. Certo, nun ze pole dý che era cume la Copa d'i Campioni, visto che j averzari erene la Stamura e la Vigor Senigaja. Cumunque emi vinto 4-0 cu’ la Stamura e 6-2 cu’ la Vigor. Mejo de gnente... e alora gudemoce 'sta bela futugrafia del'
Ancunetana verziˇ 1923 .
E adŔ, gente mia, stÚ bŔ 'tenti, perchÚ semo 'rivati al mumento d’un grande campiˇ, unu de queli che hane lasciato ntÚla storia de sta squadra el cusideto "marchiu indelebile". Parlamo de
Romulo Marinari , uno d'i atleti pi¨ impurtanti dela storia del'Ancunetana.

L'Ancunetana de la metÓ d'i Ani Venti cuminciava a avÚce na strutura pi¨ seria e qualche giugatore brau, e cuscý cumincia a partecipÓ tuti j ani ala Lega del Centro-Sude.
NtÚl 1924 la partecipaziˇ ala Lega del Centro-Sude, c¨ squadre pi¨ afermate cume la Lazio, l'Internaples de Napuli, la Liberty de Bari e el Zzavoja de Tore 'Nunziata, purtava al'Ancunetana apena tre punti in tuto. Ma intanto cuminciavane a vený in Ancona giugatori impurtanti. Era 'rivato pr'esempio n'antro ungherese che se chiamava Bakony e che ha giugato per dˇ stagiˇ al centro del'ataco. Inzieme a Molnar e Marinari era 'n gastigu e i gole se cuntavane a grapuli. De Bakony ene rimaste famose ancora le gran magnate de pesce: pare che el pesce che se magna da niantri je piacesse da murý (... e cume se fÓ a daje torto?). Cuscý el presidente Veneziano j aveva prumesso 'na magnata de pesce pr'ogni gol che segnava! Pecatu che 'stu bel giugatore, dopo avÚ resistito ale lusinghe del Presidente del'Internaples, squadra che j aveva segnato la beleza de sei gole in tre partite, ha deciso d'andÓ a Trieste e dopo 'n ano Ŕ arturnato in Ungheria (forze perchÚ el pesce de Trieste Ŕ meno bono de quelo che se magna in Ancona).
Ma eca che ariva el 1925, e finalmente l'Ancunetana cumincia a fÓ la figura sua a livelo naziunale. Qula volta i Nostri hane vinto ala grande el girˇ eliminatorio, po' ancora la semifinale cu’ l'Internaples e s’Ŕne duvuti arende solo 'ntÚ la finalissima contro l'Alba de Roma, partita perza pr'uno a zero cu'n casý de discussiˇ pr'un rigore negato a Panzˇ. S'era messu in evidenza el purtiere Romulo Bugari, che giugava senza le ginuchiere e feniva le partite cui genochi tuti rosci, e ancora un par de difenzori buli: stamo a parlÓ de Mundaini e Mantini. E nun ce duvemo scurdÓ de Chiati, altro atacante che inzieme a Panzˇ, a Marinari e a Bakony faceva tremÓ le difese averzarie.
Semo 'rivati al 1926 e
l'Ancunetana partecipa ala Lega Sude, che per˛ Ŕ stata un mezo disastro, sia come risultati, sia cume urganizaziˇ generale del turneo, ch'Ŕ stato un vero casý. E alora l'Ancunetana ha fato el grande passo e pe' la prima volta ntÚla storia sua ha deciso d'iscrivese al campiunato cusideto de Prima Divisiˇ (che saria grossu modo l'equivalente dela serie C d'adŔ), ma ntÚl girˇ nurdista.

╚ stata inaugurata qula volta 'na carateristiga tipiga de l'Ancunetana, ciuŔ el fato che, visto che el Padreterno ha piazato Ancona in mez’al’Itaglia, niantri pudemi giugÓ sia cui sudisti che cui nordisti... e questo Ŕ propiu el motivo per cui in Itaglia nun c'ene tante squadre che polene dý d'avÚ giugato con tanti averzari diverzi come avemo giugato niantri.

El campiunato s'Ŕ giugato da utobre '26 ala primavera del '27. C'erene 'n zacu de squadre nove: la Spal de Ferara, el Modena, el Cesena, el Ravena, e po' tute le tuscane: la Fiurentina, el Pisa, la Pistuiese, la Luchese... tuto questo ha fato salý ale stele l'interesse d'i tifosi che afulavane in massa el campo de Piaza d'Armi che cuminciava a stÓ stretto. L'Ancunetana nun ha fato 'na gran bela figura, ma pr˛ c'Ŕ da dý che nisciuno s'era fato ilusiˇ, e cuscý el terzultimo posto (senza retrucessiˇ), ala fine nun ze pudeva manco dý che fosse 'n falimento. Tra i giugatori, c'Ŕ da nutÓ l'arivo de 'n purtiere novo, ungherese ancora l¨, che se chiamava Hamsel. L'aveva fatu vený Molnar da l'Ujpest, datu che Romulo Bugari pe' mutivi de lavoro s'era dovuto trasferý. Pecatu che 'stu purtierˇ, ch'era 'rivato in Ancona giovane na muchia ma che era talmente brau da diventÓ in futuro el purtiere dela Naziunale ungherese, Ŕ rimaso ntÚla Dorica n'anu solo. Era brau 'n bel po’ ntÚle uscite alte, pareva 'n gatu. L'unico difeto che ciaveva, Ŕ ch'era 'bituato a 'grapasse ala traverza quanto seguiva n'aziˇ che feniva cu'n tiro alto. Erene altri tempi, e facendo cuscý Hamsel Ŕ riuscito a spacÓ dˇ traverze int'un ano solo!
Cresceva l'impurtanza del'Ancunetana, che era diventata la prima SucetÓ dele Marche, ma la partecipaziˇ a 'n campiunato prestigiosu cume la Prima Divisiˇ aveva evidenziato tuta 'na serie de prublemi che nun erimi 'bituati a 'fruntÓ. In zzustanza, servivane pi¨ quadrini. ╚ cuscý ch’Ŕ maturata l'idea dela fusiˇ cu la Stamura, che era l'altra sucetÓ citadina. De tante idee che s'ene viste in guasi un zzeculo, questa Ŕ stata una dele pegiori: la fusiˇ Ŕ nata cume un prugeto vuluto dal'alto ma mai 'pugiato sul'apruvaziˇ d'i tifosi. C'Ŕ da dý che la rivalitÓ fra l'Ancunetana (biancoroscia) e la Stamura (biancoverde) era sempre stata acesa na muchia, pure se la Stamura nun giugava ntÚla stessa divisiˇ. Ma tute le partite amichevuli che s'urganizavane, de amichevole ciavevane pogo o gnente. E cuscý la neunata SucetÓ, che j hane dato el nome de S.S. Ancona, Ŕ durata solo e’ spazio de 'na stagiˇ. Ripenzandoce dopu tre quarti de seculo, nun zapemo dý s'Ŕ stato un bŔ o un male. AdŔ, ala Stamura je vulemo bŔ pe'l basket e pe' la vela: el palˇ lasciamolo al'Ancuetana...
Ce preparamo cuscý ala stagiˇ 1927-28, cu 'na grossa nuvitÓ: in panchina nun c'Ŕ pi¨ Molnar, ma ariva n'antro ungherese, Zablo Balacic, ch'Ŕ rimaso per dˇ stagiˇ sula panchina dorica e ch'ha lasciato 'n gran bel ricordo, nun zzolo dal punto de vista tenigo ma pure umano, perchÚ sia in campo che fori era n'autentigo gŔntleme. ╚ stata na stagiˇ molto turmentata quela del '27-28, ndˇ l'Ancunetana ha duvuto afruntÓ 'n zacu de squadre nove: el Munfalcˇ, la Punziana de Trieste, la neunata Triestina (che salutamo cun affeto adŔ che Ŕ artornata in zzerie B dopu tanti ani...), l'Udinese, el Venezia, el Trevisu e la Pro Gurizia. Po' c'erene el Trento, el Mantuva e la Fiumana, oltro ala temutissima Spale. Trasferte longhe, cume se pole vÚde, e duvemo penzÓ ch'a qui tempi le trasferte se facevane cul treno... ore e ore...
L'Ancunetana ha fenito el campiunato cu' 7 vitorie, 8 paregi e 9 scunfite, e questo j'Ŕ bastato ampiamente pe' salvasse. Era sul fronte sucietario che nun c'era pace, e se capiva che sta fusiˇ ciaveva i giorni cuntati. Sotu el prufilo tecnigo, c'Ŕ da registrÓ in 'sta stagiˇ l'arivo del purtiere Bertazo, che laurava al'UNESE (che sarýa l'Enele de qula volta) e che per lavoru s'era fatu trasferý in Ancona.
La stagiˇ seguente ha visto la separaziˇ, cunzenzuale e definitiva, fra l'Ancunetana e la Stamura. Chi c’Ŕ rimaso male 'n bel po' Ŕ el presidente Benedetu Veneziano che nun se l’Ŕ sentýta d'andÓ avanti e ha lasciatu el posto al'acupiata Murodere-Asculi. Altro campiunato de Prima Divisiˇ, n'antro po' de squadre nove (Thiene, Bassanu, Codegoru, Faenza) e altra salveza, pi¨ suferta ma pr˛.
Ancora la stagiˇ 1929-30 nun ze pole dý che sia stata 'na gran cosa. Salveza 'bastanza tranquila e altalena de risultati. De 'sta stagiˇ c'Ŕ da ricurdasse supratuto de dˇ partite ruventi cul Furlý ('na tradiziˇ che se ripeterÓ mezo seculo dopo... le partite cu' 'sta squadra, tranquile nun ene state mai...) e de Evandro Massacesi, ancunetÓ purosangue come del resto guasi tuto el resto de la squadra a qui tempi guasi diletantistici, che ha segnato propiu al Furlý un gole... dimo cuscý... ala Maradona, ciuŔ cule mÓ. A utant'ani sunati, el bon Evandro Ŕ riuscito a cunfessÓ che qul gol nun era bono, e cuscý s'Ŕ messo a posto ancora la cuscienza.


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini