AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 9 - ZenghŔlere (Szengeller), un campiˇ cu' la majeta roscia

 

C'Ŕ 'na tera, su al nord-este
che la chiamane Ungheria,
ndˇ la maja roscia veste
guasi tuti, mama mia!

    Prima Molnar, po' Bakony,
    Hamsel, Hirzer e Kossegi,
    tuti quanti era campioni.
    Nun ce'l zzai? E alora legi!

Loro dice che Ŕ magiari
niantri j dimo ch'Ŕ ungheresi,
Ma cus'Ŕ? Gioga 'ntel Bari?
Ma va! Questi Ŕ j "Ancunesi"!

    E va bŔ: "Ancunetani"!
    L'impurtante Ŕ che sta gente
    sa usÓ i piedi e no le mani,
    tuto el resto 'n conta gnente!

StÚ a sentý cusa cumbina
Mister Degni, tipo tosto:
scarpe grosse e testa fina,
l¨ va a Roma de niscosto.

    FÓ dˇ chiachiere cu'n tale
    che al palˇ ce sa giugÓ
    e un ingagio gnente male
    j ofre pe' vený de qua.

Dice: "Ciai trentaquatr'ani,
al palˇ jÚ dai del tu,
lascia perde a 'sti bagiani,
viŔ in Ancona, viŔ quass¨!

    Quantu el zane su al Passeto
    dala gioja tuti zzompa
    c'Ŕ ZenghŔlere, o Gigeto!
    pja la bici, pja la pompa!

'Namo tuti quanti a' stadio
questo Ŕ uno che Ŕ ecelente!
Questo Ŕ uno che ala radio
la dumeniga se sente!

    Quantu el vedene calÓ
    giˇ dal taxi cul padrˇ
    la panzeta che l¨ ciÓ
    lascia tuti a spingulˇ!

Scý, ma pr˛ quantu ZenghŔle
ce fa vÚde cume gioga
ne cumbina dele bele
e la fola ce s'infoga!

    Ventiquatro n'ha segnati
    st'ungherese gran campiˇ
    che giugava bŔ da mati:
    eca n'antra prumuziˇ!

pr

 

L'Ancunetana aveva fenito el campiunato 1947-48 al'utavo posto, che vuleva dý retrucessiˇ in zerie C pe' la ristruturaziˇ d'i gironi dela B. Na salveza sfugita ntÚl girˇ de ritorno, e per colpa dela squalifiga del Dorigo dopu i spaventosi fati del 21 dicembre del '47.
El campiunato de serie C se presentava cu' l'obligo d'andÓ in giro pe' l'Itaglia fino a Natale. Menumale che la situaziˇ ecunomiga era tranquila. El presidente Batistˇ ce s'era meso de buzo bono, inzieme ad Armando Fereti, quelo che aveva ricuminciato dopu la guera, cul'idea da disputÓ 'na stagiˇ tranquila, e se pole propiu dý che c'Ŕ riuscito. Era 'ndati via 'Roldo Culesi, a giugÓ ntÚl Pescara, e i dˇ "guleadore" de' sparegio cula Bielese, ciuŔ Mimý Conti e Redaeli, che era arturnato in Lumbardia. In porta Úmu dato fiducia a Longhin, che nun era male, e p˛ c'Ŕ stata ancora 'na nuvitÓ stragnera... n'antro ungherese che era statu segnalatu dal vechiu mister Kossegi, e che se chiamava Kiss. St'omo, quantu Ŕ arivato in Ancona, Úmu visto che jÚ mancavane dˇ deti int'un piede! Ma l¨ diceva da nun prucupasse perchÚ ciaveva 'na scarpa urtupedica che anzi jÚ faceva calciÓ el palˇ mejo pure. E defati Ŕ stato n' acquisto bono e che custava pogo, e ha fatu propiu un bel campiunato. Ma la nuvitÓ pi¨ grossa era rivata in panchina, cul ritorno de mister Degni, cunusciuto e stimato parechio in Ancona. A fine stagiˇ, squalifiga scuntata e metÓ clasifiga finale, cun 16 vitorie, 8 paregi e 16 scunfite.
Ce se preparava a 'na stagiˇ de rilancio, e defatti quela 1949-50 Ŕ stata l'ultima stagiˇ gluriosa del'Ancunetana prima da sprufundÓ int'un periodo de magra che duveva da durÓ guasi quarant'ani. E alora gudemocelo, perchÚ dopu c'Ŕ da sufrý....
Sta stagiˇ se purterÓ dietro per zempre el ricordo d'uno d'i pi¨ grandi e amati campioni che ciÓ avuto l'Ancunetana. Scý, Ŕ l¨, el "prufessore", l'ungherese ZenghŔlere (che sarýa Szengeller), che de fato ha firmato cu' 'na gran quantitÓ de gole, qualcunu 'diritura strepitosu, l'ultima prumuziˇ del'Ancunetana in zerie B prima de quela, legendaria, del 1988.
Oltro al'ungherese, l'Ancunetana aveva purtato a casa dal Pisa el difenzore Civolani, che era lý ancora l¨ al 21 dicembre 1947 quantu erene sucessi i teribili fati del Dorigo. Defati, el primo cumento che ha fatu dopu ch'era arivato Ŕ stato: "MbŔ, adŔ pudr˛ stÓ pi¨ tranquilo quantu giugher˛ su 'sto campo!"
Mister Degni, visto ch'era rumano, s'era purtato a casa dala Roma n'atacante brau che se chiamava Di Piazza, e 'n purtiere novo dala Lazio che se chiamava Giubilo. E po' era arturnato ancora Serafý Conti. Cu 'sta squadra l'Ancunetana ha giugato el campiunato in testa dal'inizio ala fine. E vedemolo alora un po' pi¨ da vicino, 'stu campiunato strepitoso d'i biancurosci, cul diretore d'urchestra ungherese che bate el tempo a son de gole!
Dopu 9 partite, l'Ancunetana ciaveva 12 punti in classifiga (a qui tempi la vitoria valeva dˇ punti). Se cuminciava a capý che pr'andÓ in zerie B ce saria stato da cumbate cul Ziena e cul Piumbý (no quelo del fucile, o sumari! Piumbý in Tuscana. Ma che votu ve dava la maestra in giugrafia: dˇ?!?).
Quantu giugava al Dorigo, l'Ancunetana mazava a tuti: quatru gole ala Pistuiese (dˇ de ZenghŔlere), n'antri quatru ala Ternana e al Signa (Ŕ in Tuscana, o sumaroni!), tre al'Arezo e dˇ ala Sambenedetese. Fori casa: cinque gnochi a Pescara e tre a Macerata. Fenisce el girˇ d'andata e niantri semo in testa cu' 3 ponti de vantagio sule dˇ tuscane. Se ricumincia, e i Nostri vane a venge 4-1 a Terni cu' n'antri dˇ gole del'ungherese. 'Umenta el vantagio e pare che semo giÓ in zerie B.
Invece, no: l'Ancunetana (cume j'Ŕ capitato tante volte ntÚla storia sua) se va a cumpligÓ la vita. Emu perzo el derby cula Sambendetese e paregiato in casa cul Latina, nunustante el zolito gole de ZenghŔlere. Po', a Lastra a Signa, n'antra batosta, e 'ntanto el Piumbý se faceva sempre pi¨ sotu. El scontru diretu s'avicinava, e nunustante dˇ vitorie in casa cu'n zacu de gole, ancora qui tuscanaci vingevane de cuntinuo. IntÚ 'stu Piumbý giugava Baldinoti iuniore, ciuŔ el fratelý piculo de qul'altro Baldinoti che cu' Curbeli e Tacý aveva fatu el trio dele meravije ntÚl'Ancunetana de prima dela guera. E cuscý 'rivamo al 28 magio 1950, quanto c'Ŕ stata da Ancona a Piumbý 'na specie de migraziˇ culetiva d'i tifosi: chi cul camio, chi cui treni, chi 'diritura cula Lambreta, nun ce n'era uno che se vuleva pŔrde 'sta partita. E invece miga Ŕ andata a fený bŔ, perchÚ el Piumbý ciÓ segnato tre gnochi: imaginÚve vujaltri cusa dev'esse statu arturnÓ in Ancona cula Lambreta dopu 'stu risultato in zacocia (ma Ŕ da 'ste robe che se vedene j tifosi veri!).
L'Ancunetana s'artruvava cul Piumbý tacato dietro a un punto solo de distanza, ma Ŕ aquý che i Nostri hane fatu vÚde che raza d'omini erene. Quatru gole ala Pistujese, sempre cu' l'ungherese che segnava, e eca ch'ala penultima giurnata se deve andÓ a Perugia. Domila ancunetani ntÚi spalti del Santa Giugliana! Sta partita Ŕ stata el trionfo de ZenghŔlere che cun tre reti spetaculose ha messo a sÚde j umbri. Intantu i tifosi cu la radiulina ntÚle rechie 'spetavane da sapÚ el risultato de San Benedetu ndˇ giugava el Piumbý. E quantu Ŕ 'rivata la nutizia che i cuginastri 'na volta tanto ciavevane fatu un favore e avevane vinto, Ŕ stato cume oprý el tapo de 'na butija de sciampagne.
Chiudemo 'stu capitulo cu' le imagini del Zzindico Angelini
che davanti a un Dorigo furmigulante de gente festegia la prumuziˇ in zerie B. P'arivÚde 'na scena cuscý, gente mia, se duvrÓ da spetÓ guasi mezu seculo....


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini