Festival
di Varano

1997

logo del festival


Poesie - Categoria A1 (vincitori nelle precedenti edizioni)

  1. Frze - Elsa Sanguinetti
  2. El zzogno de speranza - Carlo Marinelli
  3. El tabagogi - Lanfranco Santini

Poesie - Categoria A2 (nuovi poeti e non premiati delle precedenti edizioni)

  1. El vestitu de Pasqua - Giorgio Paci
  2. Viguli - Carlo Sassi
  3. El successo - Leandro Rosati

Premio speciale della Giuria alla "Poesia pi spiritosa"


Prose - Categoria B1 (narrativa in vernacolo a tema libero)

  1. Ful, el c marinaro - Mirella Di Pietro Sturba
  2. La fla vera - Leda Marazzotti Marini
  3. Ancona de bianco  - Maria Camangi Ancarani

Frze - Elsa Sanguinetti
Prima classificata . Categoria A1

El tempo inghioma scrze
frze
per ripar la neve
da un bel fogo
frze
per d a la morte
un p de spago
per rinaci
'na smorfia de dolore
per fate crede
quelo che te pare.

El tempo inghioma scrze
farze
che tiene imbambolate
le platee
che vernigia de nvo
le ringhiere
senza scartavetrale
da le ore.

El tempo inghioma scrze
filze
de perle azzure
de verghe nere e dure
per traten qualcosa
drento a un pozzo
rimaso quasi sciucco
e senza sechio.

Elmeto e busto
e maschera e armatura
per difende coi pugni
la natura
dal morso ghiacio
del'indiferenza.

El tempo inghioma scrze
senza
sara la neve
solo 'na gran gocia
che casca in mare
senza toc la rocia.
Torna inizio pagina

El zzogno de speranza - Carlo Marinelli
Seconda classificata - Categoria A1

 bun'ora,
de sopro al molo dela linterna roscia
l'aria  giacia,
el ventu sofia de burna.
A sede a l, sopro 'ntl murto
ce st Speranza, che smicia e 'spta.
De soto, pogu luntanu,
'na vela gonfia, passa e cure.
Drentu 'ntel barchetu,
un givinoto cui capli d'oro
ride, saluta e stride:
"Oh! Bla signora!
Ciu, vagu a pesc!
'Sptame! 'Sptame l!
Artornu prestu. Te voju bagi!"
Lia purina, s'alza de boto,
zzompa de felicit,
e ride e stride:
"F prestu givinoto.
Cure, f prestu. Nun te scurd!
Ancra iu, te voju bagi!
Artorna! Te 'sptu qua!"
El ventu de burna se rabsce,
el cle se scurisce,
l'onda s'alza, el mare bole,
la vela rula, fa bu-b,
se storce, s'indrza e p sparisce,
nun se vede pi.
Speranza pigne, trema de passi,
'spta, 'spta, 'spta,
ma 'l muroso sua, n'artorna pi.
 statu 'n zzogno,
el zzogno de Speranza.

Torna inizio pagina


El tabagogi (giogo letronigo) - Lanfranco Santini
Terza classificata - Categoria A1

Tasse, manovre, p le manovrine.
Chi va 'ntel campanile d San Marco,
chi ruba 'nt negozi e le vetrine...
chi s d fogo ala Giuvana D'Arco.

Al mondo c n' tanti d penzieri,
le malatie, chi  disucupato,
tangenti ch'ene ancora pi de ieri...
chi f i quadrini s chi ha tribulato!!

Chi maza, f le guere, chi s maza.
Dutori fane ad falze ricete,
gira e rigira  tuti 'n raza
e st facende v a fin a scenate!!!

Chi d preucupazi adesu  'n giogo,
parlava d Custanzo pure ogi,
tanto 'mpurtante ch'el resto conta pogo...
sc propio l s chiama el Tabagogi!!

St Tabagogi  un giogo virtuale,
nun fai altro che spinge un butunc,
ma stace atenti che nun' legale...
perche da un'ovo t nasce un pulc.

Dopo che st pulc l'hai fato nasce,
spingi 'n altro but el fai magn,
l'hai da pul cume fjolo in fasce,
se l s'indorme p l'hai d svej!!

Se n'j dai da magn p nun te dorme,
nun'el pulisci se f la pip...
alora stu pulc vedi che more,
el giogo alora te finisce l.

Pr capiscioni, pisicolughi e scenziati,
st Tabagogi el volene pruib,
dice che i fjoli p rimane sciucati,
apena vedene a mur el pulc!?l

Io digo gente, che s' tucatu el fondo!!!
c le preucupazi che c'ene ogi,
j'urori che vedemo 'nte st mondo...
l'unico cundannato...  el Tabagogi!!!

Torna inizio pagina


El vestitu de Pasqua - Giorgio Paci
Prima classificata - Categoria A2

"Per Pasqua me ce vo' un vestitu nvu"
- me fa mi moje - "Nun te mandu a mcu!
'Nte quelu vchiu, nun me c'iaritrvu,
 pienu de difeti, pre un scu!"

 pi d'un giornu che me mete in croce:
la cinta che j stregne 'nte la pnza,
je buta male el giru dele poce,
de 'na bote j d l'arzumiglinza.

"Pju un scampuletu 'nte 'na bancarla...
la fatura nun ce csta gnnte:
el vestitu m'el cuge m surla,
f cmido 'na sarta ch' parnte..."

'Nte la camigia 'na gran sculatura,
verde brilnte, manica scavta,
el zighe zaghe 'nte la cugitura,
la peturina tuta recamta.

Sopro al genchiu, la sutna roscia,
'ntra me penzvu: riderane tuti!...
El spcu c'ariva a mza coscia,
le chipe, me pareva do' presciuti.

Se presnta cun st'pera fenita:
spila, culna e cui rechini d'ru,
'na fscia bianca, streta 'nte la vita,
ch'j cumpletva el bl capulavoru.

A vlte 'ntel ltu un incubu me sveja,
pi de 'na nte, iu nun ci durmitu,
 cume se fossi fritu 'nte 'na teja,
 stata la visio' de quel vestitu.

Un giornu ch' ra in festa la cit,
e un'acinini qulu grnd'unore,
s' mesta a sede 'ntra le autorit,
pareva la bandiera triculore.

Torna inizio pagina


Viguli - Carlo Sassi
Seconda classificata - Categoria A2

Viguli streti e cupi de 'na volta
cui gradini lisciati da la storia
e le pescle sott'a le grundaie
che bte el tempo, gocia dopo gocia.

Viguli nobili, viguli poreti,
viguli 'ndo j avanzi d'un blasone
te fa cap che tutu quantu passa
ancora 'l sfarzo dei richi e dei signori.

Viguli tra le case abandunate,
'ntel muru bianco c'era 'na poesia
ma 'l vento pogo a pogo l'ha rubata
e c'ha lasciato solo mezo verzo.

Viguli 'ndo 'na pra Madunina
prega da sola, cu 'l lumino spento,
da quando nun c' pi qula vechieta
che costudiva l'anima e i ricordi.

Viguli duri come questa vita,
che te fa crede d'esse su la cima
senza sape' che dopo la piazeta
resta da fa' 'n bel pezo de salita.

Viguli misteriosi e sconosciuti
'ntel silenzio pare de rivive
le voci antighe de chi se n' 'ndato,
l'eco d'un passo stanco nte la nebia.

Torna inizio pagina


El successo - Fantasia (sonata) in doppia esse - Leandro Rosati
Terza classificata - Categoria A2
Me piaceria 'na muchia av successo
ed esse un begnamino dele masse,
invece s purtroppo un poro fesso
un disgraziato a salario fisso.

Da sempre el Guverno me salassa,
fadigo solo per pag le tasse,
magno qualche tozzo e pesce lesso,
per questo s ridotto pelle e ossi.

Ma da domani parto alla riscossa,
diventer un brigante, un satanasso,
me metter a strill come un ossesso
tirando a destra e manca pietre e sassi.

M'accuseranne d'esse matto scosso,
d'ave scocciato tutti bianchi e rossi
e dopo aveme fatto un bel prucesso
me chiuderanne in t'una cella bassa.

Per qualcuno contester la mossa
dir che 'na cundanna troppo grossa,
prutester, cunvincer le masse
che s n'oppresso... e sar el successo!!


Torna inizio pagina