AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 10 - I ani dela Quarta Serie e de Carletu Parola

 

Quantu mancane i quadrini
nun ze pole fa i Signori.
Niantri poveri tapini
Úmi speso tuti j ori!
    C'Úmi i bufi a destra e a manca
    cula serie B, o ciamboti!
    C'Ŕmi i bufi che ce sbanca
    ... se nun c'era el Dutor Ghioti!
L'unurevole Tambrˇ
che ai fascisti j fa l'uchieto
n'el zzapeva, o giugiulˇ!
che la B costa un pugheto?
    Va a fený che int'un mumento
    Ŕ fugiti tuti quanti,
    el destino Ŕ el falimento
    si de bufi ce n'hai tanti!
L'omo dela Pruvidenza
qui duvemo ringraziÓ.
Dutor Ghioti, ciÓi pazienza,
pia la squadra ntÚle mÓ!
    Del bilancio chiude el bugo
    ma l'Ancona va gi¨ gi¨...
    qui la pasta fata al sciugo
    nun ze pole magnÓ pi¨!
Se fenisce in quarta serie
a giugÓ cul Pertigara,
c'Ŕ chi fuge, chi va in ferie,
chi se stufa e chi se spara!
    Passa n'ano, passa dˇ,
    ma aquý i bufi chi li paga?
    Quel che alora era u' squadr˛
    pi¨ nisciuno se lo caga!
In Ancona c'Ŕ la scola
pe' j alenatori novi.
Guarda 'n po' chi c'Ŕ? Parola!
Si n'el cerchi, miga el trovi!
    Vede 'n po' ciavesse voja
    d'alenace, zito e mosco!
    Se cumincia da 'na foja
    si v˛i mÚte in piedi un bosco!
Piano piano 'sto Carleto
daje ogi, daje jeri
mete in piedi un bel grupeto
... scý ma pr˛ el Chinoto Neri
    n'antru po' ce fa spetÓ
    prima de pudÚ fa festa.
    Nun sarÓ la serie A,
    Ŕ la C... ma ce se resta!

pr

 

J ani Cinquanta Ŕne stati i pi¨ turmentati dela storia del'Ancunetana. Erane cuminciati cula bela prumuziˇ in zerie B, ma da qula volta in poi Ŕ stato tut'un precipiziu, soto tuti i punti de vista: ecunomigo, tenigo, sucetario. Pe' la prima volta ntÚla storia sua - e purtropo manco l'ultima - l'Ancunetana ha cunusciuto l' umigliaziˇ dela Quarta Serie. L'Ancunetana ha rischiato adiritura de sparý travolta infrÓ i debiti! Ma 'sta SucetÓ gluriosa ala fine saprÓ ripiÓ ntÚle mÓ la situaziˇ e in fondo a 'sti acidenti de Ani Cinquanta riuscirÓ a risalý grazie a un omo che ha lasciatu 'n gran bel ricordo, Carletu Parola.
Avemu lasciatu la squadra che fa festa al Dorigo infrÓ i bei discorzi del zzindico e j aplausi dela gente. Ma l'impresa del campiunato 1949-50 era custata 'n bel po' e la situaziˇ finanziaria dela SucetÓ nun era bela. GiÓ ntÚla primavera prima dela prumuziˇ c'erene state diverze discussiˇ cui giugatori pe'l pagamento d'i stipendi 'retrati, e c'era stato ancora un rischio de sciopero, solo che al'ultimo mumento el presidente Batistˇ era riuscito a truvÓ i quadrini che servivane: come, nun z'Ŕ saputo mai... ha venduto roba sua? Ha fatu na gambiale? Boh!
La serie B a girˇ unico se presentava cui costi che sariane lievitati cume ciambele, e invece ntÚle casse sucetarie nun c'era 'n bocu. I giugatori ciavevane ancora 'n zzacu de pendenze ecunomighe pr'i stipendi e pÚ i premi, e alora la mutivaziˇ nun era tanta. El presidente Batistˇ nun pudeva tirÓ avanti cuscý, che vendeva un pezetý del patrimogno suo tute le volte che serviva i quadrini. Ce vuleva l'intervento de qualcunu "de peso" e pareva ancora che l'Úmi truvato ntÚl' Unurevole Tambroni, che era diventato ministro. Ma el guajo era che l'Unurevole stava a Roma e vuleva fÓ de testa sua, mentre Batistˇ stava in Ancona e vuleva fÓ de testa sua ancora l¨... inzzoma, sti dˇ facevane a cagnara su tuto, e qul pureto che stava in mezo, el Dutor Ghioti - che po' se rivelerÓ impurtantissimo pe' salvÓ la baraca quantu pareva che tuto andava a carte quarantoto - nun ce pudeva fÓ gnente. Tambrˇ e Batistˇ nun erene d'acordo manco sul'alenatore, perchÚ l'unurevole vuleva cunfermÓ a Degni, che cunusceva tanta gente impurtante a Roma, mentre Batistˇ preferiva gambiÓ tuto e fa vený na facia nova.
Ala fine ciÓ avuto ragiˇ l'unurevole e cuscý a Degni j'ane dato l'incarigo de rinuvÓ tuto l'urganico. L¨ alora cus'ha fato? Ha fato 'na roba che sapeva fa bŔ, almeno fino a qul mumento: era andato a bussÓ in casa dela Roma e dela Lazio e s'era purtato via 'na cariulata de giugatori novi, sete in tutale e tuti in prestito gratuito. Del campiunato precedente, restavane diverzi giugatori, e era ancora turnato a casa Roldo Culesi. Ma purtropo nun c'era pi¨ el campiˇ ZenghŔlere, che era avanti ''n bel po' cuj ani e aveva deciso da emigrÓ a Cipro. I tifosi nun erene cuntenti de 'sta campagna acquisti a' sparagno e se facevane sentý. E alora l'Ancunetana aveva fatu u' sfurzetu in pi¨ e aveva aripurtato a casa 'na vechia cunuscenza: Gustavo Fiurý, che ntÚl'Intere, pureto, aveva fato cume Romolo Marinari, ciuŔ ciaveva avuto 'n bel po' de sfiga e diverzi infurtuni. E cumunque, dopu oto ani, era cuntento ancora l¨ d'arturnÓ in Ancona.
El campiunato 1950-51 cuminciava in casa, cui lila del Legnano ('sta majeta lila, bisogna dý che ce l'ane solo loro; ma cume jÚ sarÓ venuto in mente?). I Nostri erene riusciti a purtÓ a casa un paregio senza reti davanti aj spalti gremiti de diecimila spetatori. Ancora la segonda giurnata era in casa (se vede che qula volta i calendari nu' li facevane cul cumpiuter!)
Ariva e' Spezia, e ce dÓ 'na legnata de gnente! Terza giurnata e giˇ n'antra legnata, a Catania. Tre partite e un punto, un po' pogu...
Cul Messina Úmu vinto, ma dopu c'erene dˇ trasferte cunzecutive, la prima dificile 'n bel po' a Livorno e la segonda meno dura a Seregno, ma semo riusciti a pŔrdele tute dˇ. Andava sempre pegio. E cui quadrini era un macelo, la situaziˇ finanziaria se scapiculava giorno dopu giorno. N'antre dˇ batoste, in casa cula Regiana e fori cul Vicenza, e erimi ultimi, 'na pusiziˇ che purtropo Úmo tenuto fino ala fine. E' inutile che ve st˛ a racuntÓ tute le scunfite che 'sta pora squadra ha duvuto patý ntÚ 'sta stagiˇ disgraziata, Ŕ mejo lasciÓ perde. Piutosto, parlamo del fato che a primavera nun ze sapeva manco pi¨ si 'sta benedeta squadra pudeva andÓ avanti. E qui entra in scena el vero salvatore dela Patria, qul Dutor Ghioti che ci˛ avuto el privilegio de cunosce perzonalmente e che se deve dý grazie solo a l¨ se semo qui a racuntÓ de 'na SucetÓ che esiste ancora.
Quantu tuti scapavane via, tra i giugatori che de fronte ale pendenze finanziarie se rifiutavane de giugÓ e se cercavane n'antra squadra, tra Degni che s'era dimesso, Batistˇ che aveva lasciato perde i crediti che ciaveva l¨ perzunalmente ma che s'era fatu da parte, e tra j unurevoli che, cel zzapemo tuti, quantu c'Ŕ da pjÓ voti Ŕne sempre in prima fila ma quantu le robe vane male Ŕne sempre i primi a fuge via, c'era armasto solo l¨, el dutor Ghioti, e 'na manciata de giugatori fedelissimi: Culesi, Fiurý e Serafý Conti, che facevane da chiocia a 'n zzacu de fjoli dela squadra Juniorese. Cumuvente l'ultima partita del campiunato, quantu sul treno per Brescia s'ene ritruvati che nun erene manco in undici... e alora ane deciso de fÓ giugÓ Roldo Culesi in atacu e el massagiatore a centrucampo. Pr'unore dela statistiga, bisogneria cunfessÓ che st'ultima partita de Brescia Ŕ stato el risultato pi¨ rutondo dela storia dela serie B perchÚ Ŕ fenita dodici a zero pel Brescia... ma vujaltri cume ve la pudÚ pjÓ cu' na squadra che pur da nu' ritirasse mete in campo el massagiatore ?!?
El dutor Ghioti
, scumparzo poghi ani fa, se merita 'na bela futugrafia.

Ma se ne merita una ancora l'aucato Asculi , che pe' 'n par d'ani de seguito ciÓ avuto da mÚte le mÓ ntÚl macelo dela cuntabilitÓ del'Ancunetana e 'n pezetý per volta Ŕ riuscito a mÚte a posto tuto. L'Ancunetana ciaveva i bufi cu' mezo mondo: cu la Federaziˇ, che c'erimi mesi d'acordo pe' ripagali... a rate, un pezetý per volta, ma guai a zzumpÓ 'na rata...; cui giugatori, che l'aucato a uno a uno li pjava e jÚ faceva el discurzeto che era mejo se se cuntentavane de meno quadrini, altrimenti l'alternativa era d'arturnÓ a casa cu le mÓ vote; cula Roma e cula Lazio che vulevane i quadrini de tuti qui sumaroni che ciavevane dato, e invece l'aucato Asculi Ŕ riuscito a nun sganciÓ 'n bocu; e adiritura cuj alenatori pi¨ o meno vechi... a penzÓ che ancora Corbions vuleva i quadrini de quatro ani prima!
Se pole capý bŔ che int'una situaziˇ de 'stu genere, giÓ era un miraculo si l'Ancunetana riusciva a iscrivese ala serie C. L'impresa jŔ riuscita grazie supratuto a 'na roba che s'incontra sempre pi¨ de rado, ciuŔ l'atacamento ai culori suciali de poghi giugatori dela vechia guardia, e sopratuto de 'n utentigo munumento come Romulo Marinari, che era stato chiamatu pr'alenÓ, guasi a gratise, 'sta pora squadra. E c'Ŕ ancora da dý che nun saria statu 'n campiunato de serie C come tuti j altri, perchŔ ntÚla stagiˇ 1951-52 era prevista n'antra ristruturaziˇ e sariane retrucesse ntÚla nova Quarta Serie la beleza de otu squadre pr'ogni girˇ. L'Ancunetana qul'ano pi¨ che al giogo ciaveva da penzÓ ai quadrini e, nunustante che Marinari se faceva in quatro pr'utenÚ la salveza, nu' jÚ l'Úmo fata e semo retrucessi, dopu 'na stagiˇ sempre ntÚla parte bassa dela classifiga e ancora si Úmo fatu n'incredibile risultato de 6 a 3 cul Rosignano, che cumunque Ŕ armasto un fogo de paja.
Se spalancava el baratro dela Quarta Serie, ma forze pi¨ che 'na disgrazia, pe' l'Ancunetana de qul'epoga pudeva vulÚ dý la salveza. Era l'ucasiˇ giusta per lanciÓ tanti giuvinoti e pe' ripartý dopu che erene stati sistemati tuti i bughi ntÚl bilancio. Certo che a guardÓ l'elenco dele squadre iscrite ala Quarta Serie ntel girˇ del'Ancunetana, c'era da metese a piagne. Tante marchigiane: Maceratese, Jesi, Asculi, Vigor Senigaja, Castelfidardo, e Pertigara (!!!); 'n po' de rumagnole, e ancora 'n nome famoso cume el Perugia. E tanti fjoli ntÚl'urganico del'Ancunetana, sempre cu' Rumuleto Marinari a sÚde in panchina e Gustavo Fiurý portabandiera. Presidente, l'aucato Adolfo Bruneti. Tiramo via a racuntÓ, perchÚ nun ze pole propiu dý che 'sta stagiˇ Ŕ stata un gran che: salveza scý, ma salveza ntÚla quarta serie!
MbŔ... cunzulamoce dicendo ch'Úmo apena superato uno dei dˇ punti pi¨ bassi de tuta la storia del'Ancunetana. De situaziˇ cume questa, ciuŔ de salveza in quarta serie, ne capiterÓ solo n'antra ntj Ani Utanta. AdŔ se pole solo mijurÓ.
El dutor Ghioti s'era reso indispenzabile de novo, pr'aganciÓ ala presidenza la nova acupiata Buratini - Pauloni (che nun c'entra gnente cul grande Paulˇ d'i Ani Venti...). Purtropo Romulo Marinari aveva lasciato perde, per mutivi perzonali, ma in panchina era artornata 'na vechia cunuscenza, qul Picini che aveva dagiÓ guidato l'Ancunetana subito dopu la guera. Fiducia incundizionata ai giovani, e diverzi arivi dal Castelfidardo che aveva apena fenito un campiunato strepitoso mancando pr'un pelo la prumuziˇ in zerie C.
E adŔ oprimo 'na picula e simpatiga parentesi. Vujaltri cel zzapÚ, no? che l'Ancona ntÚl mondo dela televisiˇ ciÓ 'n zzacu d'amighi per merito de Raimondo Vianelo, che la madre sua era d'Ancona e che ciÓ avuto sempre simpatia per niantri e l¨ nun ze vergugnava de dilo a tuti? MbŔ, de 'sti amighi famosi l'Ancona ce n'ha ancora n'antro, che se chiama Sandro Cioti! El pupularissimo cumentatore de palˇ, che cula voce galita sua fa divertý meza Itaglia tute le dumenighe da mezu seculo, Ŕ statu un giugatore del'Ancunetana! E no ?!?! Propiu l¨! E propiu ntÚla stagiˇ 1952-53.
Era 'n mediano grintoso che veniva dal Furlý e che mentre che giugava, studiava ancora. Defati ha lasciato 'ndÓ de fuga el palˇ e s'Ŕ dedicato al giurnalismo... facendo un favore, forze no al'Ancunetana, ma al'Itaglia de sciguro!
Quarta Serie 1953-54, girˇ E, cun tante squadre nove dal Lazio, ma pure aqui i nomi fane piagne. C'Ŕne le squadre minori de Roma: el Chinoto Neri (e cus'Ŕ? semo al bare?), la Romulea e la San Lurenzo, po' el Colefero... Ancora cu' le marchigiane nun c'era da stÓ alegri: Sangiurgese, FabriÓ... Madona mia che squadre! Cun tuto el rispeto, eh! MbŔ, Ŕ stata 'na stagiˇ 'n po' mejo de quela prima, alta clasifiga invece de bassa, e ancora 'n risultato da foghi d'artifcio cume el 7-3 ntÚl derby cula Vigor Senigaja... ma 'nzzoma, nun c'era da esse fieri!
NtÚl campiunato dopu, ciuŔ el 1954-55 finalmente 'sta pora Ancunetana pudeva dý da avÚ risolto tute le grane finanziarie che ciaveva 'vuto, e i bufi erene tuti pagati. El mister Picini aveva deciso d'ariturnÓ in Tuscana e cuscý Úmu chiamato 'n alenatore friulÓ che se chiamava Zanola. Pure st'ano, ma pr˛, i risultati nun ze pole dý che Ŕne stati un gran che perchÚ semo 'rivati setimi. De bono c'era 'n par de giuvinoti che, man mano che passava el tempo, crescevane bŔ ''n bel po'... e po' erene tuti dˇ d'Ancona! Se chiamavane Belardineli e Sentineli
.

Ma intanto era arivato ancora n'antro giugatore che sarÓ impurtante 'na muchia pe' 'sta squadra quando la r˛ta dela furtuna cumincerÓ a girÓ pel verzo giusto: parlamo de Natalý Miserochi .

L'esperto mister Zanola vuleva ariturnÓ dale parti sue in Friuli, ma la dirigenza del'Ancunetana era riuscita a cunvingelo a rimanÚ ancora n'antra stagiˇ. Senza Natalý Miserochi, tempuraneamente ariturnato ala Vigor, senza Sentineli che era andato ala Fermana, el mister aveva duvuto chiamÓ 'n bel po' de giugatori novi e, sicome l¨ era de lass¨, aveva fato vený in Ancona 'n zacu de veneti. I pi¨ bravi se chiamavane Graton e Moschion (che erane veneti nun c'era bisogno da divelo, perchÚ bastava lŔge el nome...). El campiunato Ŕ stato n'altalena de risultati e Ŕ fenito cul setimo posto. Ma giÓ ntÚla primavera del 1956 tuta Ancona stava a discore de 'na nuvitÓ grossa cume 'na casa.
Famo 'na pausa e dimo subito che el 1956 Ŕ n'ano impurtante per dˇ mutivi: el primo Ŕ che l'ano che s˛ nato io, el zegondo Ŕ che intÚ qul'ano Ŕ 'rivato in Ancona l'omo dela Pruvidenza: Carletu Parola
.

Parola l'emi giÓ ingagiato in primavera, ma nun se pudeva dý in giro. Scý, ma pr˛ in Ancona dopu 'n par de giorni ce'l zzapevane tuti, e l'entusiasmo era ale stele. A Carletu j'avevane fatu vÚde ancora le ultime tre partite de campiunato del'Ancunetana, tute vitorie pure se la clasifiga finale era da setimo posto, e l¨ faceva finta de gnente ma intanto la gente el vedeva in giro e in tuta Ancona nun ze parlava altro che de l¨.
La prima roba che ha fatu Parola apena ciÓ avuto la pussibilitÓ de mÚte le mÓ su 'sta squadra, Ŕ stata quela de purtÓ a casa dala Juve un par de giugatori che se sariane rivelati impurtantissimi:
Berteto e Barengo
.

Parola ciaveva le idee chiare, ma era ancora un gran zignore (tropu, forze...) e cuscý aveva vuluto fÓ vÚde ala dirigenza chi erene i dˇ piemuntesi che vuleva purtÓ in Ancona. Alora a fine giugno l'Ancunetana aveva urganizato 'na partitela speciale fra titulari e riserve, che duvevane essece ancora 'sti ragazi novi, solo che ala fine c'era solu Berteto perchÚ Barengo nun stava bŔ. NtÚla ripresa al postu de Bertetu era sceso in campo Parola, aclamato a gran voce dal publico, e ala fine aveva fato ancora vÚde cume se facevane le ruvesciate... altri tempi, inzzoma, ma rende l'idea de quanta pudeva esse la fame de risultati de 'n publico che la quarta serie j'andava streta 'n bel po'!
El zegondo acquisto impurtante Ŕ stato un ritorno, ciuŔ quelo de Natalý Miserochi. Nun era semplice metese d'acordo cula Vigor perchÚ oltretuto erene spuntate fori diverze altre SucetÓ interessate a fÓ l'afare. Ma l'acupiata Buratý-Paulˇ ciaveva la pele dura e qula sera nun Ŕne scapati fori dala sede dela Vigor finchŔ nun ciavevane ntÚle mÓ el cuntrato firmato de Miserochi.
L'ultimo acquisto bulo era stato Ercole Rabiti, un nome de fama scigura ancora se era un po' verzo la fine dela cariera. Sto centrucampista ciaveva 32 ani e aveva giugato tante stagiˇ ntÚla Juve.
Inzzoma, se partiva pe' la stagiˇ 1956-57 cul'entusiasmo ale stele: alenatore novo, e colpi grossi de mercato. L'Ancunetana dopu tanti ani de grigiume. era finalmente pronta a fÓ la figura sua. E la partenza de 'sta squadra, finalmente, era stata cul boto: dopu le prime nove partite, l'Ancunetana era in fuga, co' la beleza de oto vitorie e un paregio. I Nostri segnavane i gole a grapuli, specialmente Graton che era capucanuniere, e la difesa pareva d'aciaro. Al Dorigo la gente arivava a frote. TenÚ uperte qule rechie, gente: in Quarta Serie cinquemila, seimila spetatori! Anzi che Ŕ come adŔ che 'ste cifre famo fadiga a metele inzieme pe' la serie B... A metÓ nuvembre, po', ariva n'antra nutizia bomba: l'Ancunetana stava pr'ingagiÓ el purtierý dela Juve Carlo Matrel
e l'esperto centrucampista Bertuceli, ancora l¨ cu 'n passato biancunero ale spale, e ancora qualche partita ntÚla Naziunale. Dietro al'Ancunetana nun c'era pi¨ nisciuno: la Luchese e la Cararese ciavevane sempre pi¨ distaco.
A l'Ancunetana, ma pr˛ ,le robe facili nu jŔ piaciute mai. Pareva che navigami cul vento in popa, e invece cusa te va a sucŔde? Trasferta a Carara, e qul poro Matrel int'una uscita a valanga, arimedia 'na zzampata terificante ntÚlo sterno che el lascia longo per tera senza fiato: 'na roba da fÓ impressiˇ, el portane al'uspedale! La squadra armane in dieci (a qui tempi miga se pudeva gambiÓ nisciuno, nÚmanco el purtiere!) e dopu avÚ falito el gole del vantagio, crola cume 'n castelo de carte e perde 5-0!
Per furtuna che le cunseguenze de 'sta batosta nun Óne durate tanto. Matrel dopu avŔ tenuto la gente cul fiato suspeso pe' 'n par de giorni, se rimeteva in zesto. La squadra rischiava de perde in casa la dumeniga dopo cun'antra inzeguitrice ma ala fine riusciva a paregiÓ dˇ a dˇ. La crisi durava pogo e l'Ancunetana feniva el girˇ d'andata in testa. Ancora ntÚl girˇ de ritorno i Nostri riuscivane a armanÚ sempre al cumando, grazie 'ncora ala vendeta cula Cararese al Dorigo davanti - stÚme a sentý bŔ! - a otumila spetatori. El campiunato feniva cu'n punto de vantagio sula Cararese e cu' Giacumý Belardineli e soci che vienene purtati in trionfo, e alore gudemoce la futugrafia de 'sto mumento de gioja
perchÚ purtropo durerÓ pogo.
Defati, nunustante che Úmi vinto el campiunato, miga erimi ancora in zerie C! Sucedeva cuscý, che dele oto vincitrici d'i gironi dela Quarta Serie, in C ce ne duveva andÓ solo 3 e quindi bisugnava fÓ 'na seleziˇ. Sta seleziˇ se faceva cuscý: quatro partite a eliminaziˇ direta e le quatro perdenti andavane f˛ri. Le quatro vincenti facevane 'n mini-turneo al'itagliana che passavane le prime tre e l'ultima andava fori. L'Ancunetana e' sparegio el duveva fÓ contro el Chinoto Neri de Roma, partita d'andata e de ritorno. E de Chinoto, gente mia, purtropo ce semo presi n'imbriagatura.
V'avevo avertitu che i sparegi al'Ancunetana jŔ andati sempre bŔ ma cu n'eceziˇ, vero? MbŔ, l'eceziˇ Ŕ el Chinoto Neri. Sta squadra giugava a Roma ntÚl Velodrumo Apio, un cesso de stadio cu' la pista intorno. VedÚmola l'Ancunetana che ntÚla partita d'andata ha giugato a Roma
.
Cu 'na difesa de fero, i Nostri avevane purtato a casa 'n zero a zero che lasciava tante speranze pel ritorno al Dorico. E invece el ritorno duveva esse pr'i tifosi ancunetani una delusiˇ de gnente! Partita "blindata" e squadre che nun riuscivane a fÓ giogo. L'Ancunetana ciaveva pruvato a fÓ gole 'n par de volte ma nun era andata bŔ. E a un quartu d'ora dala fine l'arbitro Luparia de Treviso, n'antro 'nfame che pole fa copia fissa cu' Vanini de Bulogna, cumbina na capela grossa cume 'na casa...
N'atacante del Chinoto Neri va in fuga sulitaria, Matrel jŔ fa n'uscita ala disperata ma st'atacante, prima de esse travolto dal purtiere del'Ancunetana, riesce a passÓ el palˇ a 'n cumpagno che tira, sta per zegnÓ ma Belardineli salva sula linea. L'arbitro fischia. Cusa fischia 'stu sumaro? El rigore pel Chinoto! La gente se agita ma la leziˇ del 21 dicembre 1947 l'ane imparata per bŔ, e non sucede gnente. Parte el rigore, e nun el tirane manco tantu bŔ, Ŕ debole e centrale, solo che Matrel giÓ s'Ŕ butato, prova a fermasse, ciariva cu' 'na mÓ, ma pr˛ nun riesce a fermalo: Ŕ gole

I Nostri se butane in avanti cume se j'avesse mucigato le rechie. Tiro, traverza, el palˇ casca gi¨. Drento? Fori? Boh! A qui tempi la muviola nun l'avevane inventata, e alora nun ze saprÓ mai.
L'Ancunetana usciva da 'stu dopio sparegio a testa bassa. Propio ntÚ na stagiˇ ndˇ pareva che tuti i prublemi s'erene finalmente risolti, al'ultimo mumento svampiva la prumuziˇ in zerie C. Bisognava ripruvace e nun fasse pjÓ dala delusiˇ.
Nun era cumunque tanto dificile turnÓ in zerie C, perchÚ c'era stata n'antra ristruturaziˇ d'i campiunati e pe' 'na serie de mutivi cumpligati 'na muchia, che si ve duvessi spiegÓ famo Pasqua (ma la veritÓ Ŕ che nun me ce racapezo manco io!), bastava arivÓ quinti ntÚla Quarta Serie 1957-58 pr' esse in zerie C. L'Ancunetana stavolta nun pudeva falý. Qualche gambiamento impurtante c'era stato, perchÚ dopu avÚ segnato u' sfragelo de gole andava via Graton, che se merita 'na futugrafia ancora l¨.
Pr˛ era stato sustituito da Buglioni, n'antro atacante dal grileto facile, e p˛ erene 'rivati dˇ giugatori novi buli, ciuŔ el centrumediÓ Orlando dala Juve e un centrucampista che se chiamava Noli. E po' in atacu c'era un fjolo che era stato cumprato l'ano prima dala Vis Pesaro: se chiamava La Volpicela e prumeteva bŔ 'n bel po'. El girˇ era tutu novo perchÚ c'erene 'n zacu de squadre mai sentite: la Falck Vobarno (questa ve la perdono si nun ce'l zzapÚ 'ndˇ sta: Ŕ in pruvincia de Brescia, vicino al Lago de Garda...), el Beluno, el Moglia (vicino a Mantova), l'Ozo Mantova... inzzoma tuta gente de l'Alta Itaglia.
BŔ o male, l'Ancunetana jÚ l'ha fata, perchÚ Ŕ arivata quarta a pari merito cul Verona. Buglioni capucanuniere del girˇ, e finalmente se pudeva dý d'esse arturnati int'una categuria pi¨ adata ale aspiraziˇ de 'sta CitÓ.
Tantu adata, che adŔ cumincerÓ el periudo pi¨ nujoso dela storia nostra... ma... semo dagiÓ ntÚ st'altru capitulo!


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini